Ecco la "tabella" dei tagli. ​Sforbiciate sulle pensioni

Il taglio sulle pensioni è ormai imminente. La maggioranza avrebbe trovato l'intesa per mettere le mani dentro il portafoglio dei pensionati più ricchi

Il taglio sulle pensioni è ormai imminente. La maggioranza avrebbe trovato l'intesa per mettere le mani dentro il portafoglio dei pensionati più ricchi. Si partirà con una decurtazione dell'assegno per chi percepisce più di 90mila euro annui lordi. Il taglio durerà per 5 anni e non sarà affatto indolore. Secondo quanto riporta Repubblica sarebbe già pronto lo schema (fortemente voluto dai grillini) per dare un taglio agli assegni. Ecco duqneu le cifre fascia per fascia di quanto si peerde. Per chi ha un reddito annuale che oscilla tra i 90mila e i 130mila euro lordi arriva una sforbiciata del 10 per cento sulla parte eccedente la quota di 90mila euro. Ad esempio per chi percepisce 91mila euro l'anno al mese perderà circa 8 euro per un totale di circa 100 euro all'anno. Proseguendo su questo fronte si va a registrare un taglio di 42 euro al mese per chi incassa almeno 95mila euro all'anno. Il taglio all'assegno si fa sempre più pesante man mano che si sale sul valore del lordo complessivo. Il taglio è di 83 euro per chi percepisce un reddito totale di 100mila euro all'anno.

Si arriva a 250 euro invece per chi ha un reddito da pensione complessivo di 120mila euro lordi totali. Stangata vera e prorpia per chi incassa 140mila euro all'anno. Qui il taglio su base mensile dell'assegno è di 500 euro. Se si guarda invece alla soglia dei 160mila euro, allora il taglio è di 833 euro. A questo punto si inizia a parlare di salasso. Per chi ha un reddito di pensione superiore ai 200mila euro lordi, arriva una penalizzazione di 1500 euro al mese. Circa 2500 euro in meno al mese per chi invece ha un reddito complessivo da 250mila euro. Occhio anche alla fascia dei 270mila euro: il taglio sarà di 2958 euro al mese. Più di 10mila euro invece verranno tagliati a chi invece ha un reddito complessivo di 550mila euro.

Commenti

morello

Mer, 12/12/2018 - 11:49

Salvini tu pensa pure a tuoi migranti che a salassare gli italiani ci pensano i grillini

cir

Mer, 12/12/2018 - 11:49

il taglio e' troppo basso . deve essere triplicato . nessuno ha diritto di ricevere stipendi e simili pensioni . A meno che non dimostri di aver lavorato una vita per 160 ore al giorno .

morello

Mer, 12/12/2018 - 11:52

Salvini lei continui a pensare solo ai suoi migranti che a salassare i soliti pensionati italiani ci pensano i grillini

Ritratto di abutere

abutere

Mer, 12/12/2018 - 12:23

La Lega è connivente e complice dei 5stalle

ellerio

Mer, 12/12/2018 - 12:59

Il commento di cir è assurdo "nessuno ha diritto di ricevere stipendi e simili pensioni". Nel settore privato una persona viene retribuita per quello che vale e, se versa contributi elevati, è giusto che abbia una pensione elevata (lo ha detto perfino Di Maio). La meritocrazia è alla base del progresso, altrimenti i migliori vanno all'estero.

Ritratto di wilegio

wilegio

Mer, 12/12/2018 - 13:03

Direi che non mi sembrano grandi salassi! Togliere 500 euro a uno che ne prende oltre 21.000 pensate proprio che sia così drammatico? io credo che sarebbe molto peggio togliere anche un solo euro a chi ne prende meno di mille, cioè oltre il 90% dei pensionati.

Ritratto di abutere

abutere

Mer, 12/12/2018 - 13:16

La Lega è connivente e complice dei 5stalle

ellerio

Mer, 12/12/2018 - 13:22

Il commento di cir è assurdo "il taglio e' troppo basso, deve essere triplicato, nessuno ha diritto di ricevere stipendi e simili pensioni". Si ricorda che le retribuzioni, soprattutto nel settore privato, vengono stabilite dal mercato: se uno vale e crea ricchezza è giusto che venga pagato molto e, se ha versato contributi elevati, è giusto che abbia una pensione alta (lo ha detto perfino Di Maio). Altrimenti le persone migliori vanno all'estero con grave danno per il nostro paese.

cir

Mer, 12/12/2018 - 16:37

ellerio : qualsiasi impresa privata o ente che paga o strapaga un dirigente o un funzionario deve aumentare il costo del prodotto venduto per sopperire alla spesa che hai indicato . Quindi viene pagata dai consumatori del prodotto . Cosi come lo stipendio di RONALDO 30 milioni annui vengono pagati dal popolo attraverso il costo notevolmente aumentato dei prodotti pubblicitari che riempiono gli stadi e le televisioni .solo una parte decisamente ridicola viene pagata dai tifosi che vanno allo stadio .E' sempre il popolo che paga per tutti . Il popolo avra' anche lui il diritto di vivere decentemente ???

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 12/12/2018 - 17:06

Caro ellerio 13e22 io invece condivido quanto scrive cir, perche spesso chi ha certe pensioni, non le ha per contributi realmente versati, ma per contributi FIGURATIVI!!!Saludos.

batpas

Mer, 12/12/2018 - 18:26

CIR, OK per la Sua valutazione se anche i contributi sono limitati ad un imponibile massimo di 100 mila euro l'anno.

batpas

Mer, 12/12/2018 - 18:27

Gli stipendi d'oro dei parlamentari, tra l'altro in buona parte esentasse ? Dimaio qui stai zitto ?

cir

Mer, 12/12/2018 - 18:50

ellerio; ma pensa un po'. Un qualsiasi giornalista televisivo , prendiamone uno a caso , di quelli sempre presenti da decenni , guadagnava 300.000 euro all anno , pagava le tasse e versava i contributi inps. Si e' lamentato perche' gli rimavano pochi soldi in tasca , erano aumentate le spese nell' appartamento di DUBAY , dove passa i fine settimana, e la tassa sulla barca di 22 mt la ormeggiata, era aumentata.La Rai visto il caso particolare aumento' lo stipendio a 1.300.000 euro annui , fino a pochi mesi fa',e aumentarono anche i versamenti all' inps. Secondo te , ha pagato lui il contributo per la pensione oppure l' ha pagato il popolo italiano ?

ellerio

Mer, 12/12/2018 - 19:24

Cari cir e hernando45 io ho parlato del settore privato dove la creazione di valore è determinata principalmente dal management e dove non esistono contributi figurativi ma REALI al 33% senza alcun limite. Inoltre prima di sostenere una tesi è bene informarsi: lo squilibrio contributivo nelle pensioni (rif. calcolo quote A e B) diminuisce a partire dai 5.000 euro lordi (poco più di 3.000 netti) e oltre i 10.000 lordi vi è coincidenza contributivo/retributivo (cfr grafico dal sito https://www.lavoce.info/archives/15299/il-contributo-di-solidarieta/ ). Poiché in tutti i paesi civili la previdenza è assimilata al risparmio, tagliare le pensioni significa tagliare i risparmi. I più sfortunati vanno aiutati con la fiscalità generale (compresi gli stipendi d'oro), non certo umiliando chi ha pagato contributi d'oro. (P.S. come presidente di un fondo di risparmio integrativo ho trovato conferma su casi concreti della convergenza contributivo/retributivo come indicato sopra)

Terpander

Mer, 12/12/2018 - 19:42

Caro Direttore, "Il taglio delle pensioni ha valore solo simbolico!" Così hanno detto esponenti di Governo. Gesto inutile per due motivi: perché se ne ricavano solo pochi spiccioli e perché tanto simbolico accanimento è rivolto agli obiettivi sbagliati, a persone perbene che hanno comunque lavorato per una vita e che già versano al fisco oltre il 50% del loro reddito! Spero che Salvini, con il pragmatismo che lo contraddistingue, si renda conto in tempo di questo inutile errore.

mbrambilla

Mer, 12/12/2018 - 21:00

Che tagli ridicoli per gente che ha avuto la pensione basata sull'ultimo stipendio preso spesso gonfiato ad arte.

cir

Mer, 12/12/2018 - 23:14

ellerio : ti faccio un esempio solo per l'ultima volta : Chiunque sia , privato o pubblico .Vada per il privato . Vado da un dentista mi chiede 6.000 euro . Meta' fatturato , meta' in nero .Mi pratica uno sconto sul nero di 500 euro . Quindi pagherei 5.500 euro. La mia rettitudine morale non accetta questo sotterfugio . Non amo fregare lo stato e voglio essere in pace con il mondo . Cambio dentista , vado da quello integerrimo che mai farebbe una cosa simile. MI dice che lui le tasse le paga fino all' ultimo centesimo , la sua correttezza e' piena di apprezzamento. A conti fatti mi presenta la nota di x+ y+z di 8700 euro , accetto orgogliosamente la sua moralita' che si dilunga a spiegarmi che le tasse , il fisco , l' irap ecc.. Pago e vado via . Ora spiegami chi ha pagato le tasse del dentista .dopo questo se non capisci dedicati ad altri sollazzi mentali..

ellerio

Gio, 13/12/2018 - 14:45

Cir guardati la mia nota del 12/12 ore 19.24 e cerca di informarti su come funziona il calcolo delle pensioni prima di dire che non ho capito. Non conosco la tua preparazione dal punto di vista previdenziale, posso dirti che, da parte mia, ho fatto e continuo a fare verifiche pensionistiche ai fini della previdenza complementare. L’argomento in discussione era quello delle pensioni, pertanto l’esempio del dentista non è attinente. Se vuoi dire che pagando correttamente il dentista vengono pagati anche i contributi dello stesso, non vedo il motivo per cui si dovrebbe tagliare la pensione al dentista se questa è commisurata a quanto versato. Ragionando di questo passo si arriva all’esproprio proletario. I tempi sono cambiati, vedi di aggiornarti

ellerio

Gio, 13/12/2018 - 14:49

Cir guardati la mia nota del 12/12 ore 19.24 e cerca di informarti su come funziona il calcolo delle pensioni prima di dire che non ho capito. Non conosco la tua preparazione dal punto di vista previdenziale, posso dirti che, da parte mia, ho fatto e continuo a fare verifiche pensionistiche ai fini della previdenza complementare. L’argomento in discussione era quello delle pensioni, pertanto l’esempio del dentista non è attinente. Se vuoi dire che pagando correttamente il dentista vengono pagati anche i contributi dello stesso, non vedo il motivo per cui si dovrebbe tagliare la pensione al dentista se questa è commisurata a quanto versato. Ragionando di questo passo si arriva all’esproprio proletario. I tempi sono cambiati, vedi di aggiornarti

ellerio

Gio, 13/12/2018 - 15:26

Cir guardati la mia nota del 12/12 ore 19.24 e cerca di informarti su come funziona il calcolo delle pensioni prima di dire che non ho capito. Non conosco la tua preparazione dal punto di vista previdenziale, posso dirti che, da parte mia, ho fatto e continuo a fare verifiche pensionistiche ai fini della previdenza complementare. L’argomento in discussione era quello delle pensioni, pertanto l’esempio del dentista non è attinente. Se vuoi dire che pagando correttamente il dentista vengono pagati anche i contributi dello stesso, non vedo il motivo per cui si dovrebbe tagliare la pensione al dentista se questa è commisurata a quanto versato. Ragionando di questo passo si arriva all’esproprio proletario. I tempi sono cambiati, vedi di aggiornarti

ellerio

Gio, 13/12/2018 - 15:26

Cir guardati la mia nota del 12/12 ore 19.24 e cerca di informarti su come funziona il calcolo delle pensioni prima di dire che non ho capito. Non conosco la tua preparazione dal punto di vista previdenziale, posso dirti che, da parte mia, ho fatto e continuo a fare verifiche pensionistiche ai fini della previdenza complementare. L’argomento in discussione era quello delle pensioni, pertanto l’esempio del dentista non è attinente. Se vuoi dire che pagando correttamente il dentista vengono pagati anche i contributi dello stesso, non vedo il motivo per cui si dovrebbe tagliare la pensione al dentista se questa è commisurata a quanto versato. Ragionando di questo passo si arriva all’esproprio proletario. I tempi sono cambiati, vedi di aggiornarti

ellerio

Gio, 13/12/2018 - 15:27

Cir guardati la mia nota del 12/12 ore 19.24 e cerca di informarti su come funziona il calcolo delle pensioni prima di dire che non ho capito. Non conosco la tua preparazione dal punto di vista previdenziale, posso dirti che, da parte mia, ho fatto e continuo a fare verifiche pensionistiche ai fini della previdenza complementare. L’argomento in discussione era quello delle pensioni, pertanto l’esempio del dentista non è attinente. Se vuoi dire che pagando correttamente il dentista vengono pagati anche i contributi dello stesso, non vedo il motivo per cui si dovrebbe tagliare la pensione al dentista se questa è commisurata a quanto versato. Ragionando di questo passo si arriva all’esproprio proletario. I tempi sono cambiati, vedi di aggiornarti

cir

Gio, 13/12/2018 - 16:50

Hai capito solo quello che ti fa comodo il versamento dei contributi inps devono essere un tassa sociale sul sul guadagno. E non deve essere patrimonio solo di chi la versa , ma una tassa per permetter anche a quelli di vivere decentemente che non hanno potuto pagare di piu' poiche' gli stipendi erano bassissimi al punto tale di permette a qualcuno di guadagnare molto piu' di loro .Non venirmi a raccontare la favola della legge di mercato . Una azienda ha bisogno di entrambi le figure che hanno gli stessi diritti . Gia' lo stipendio e' diversificato e discutibile ma quando si e' in pensione nessuno dei due produce piu' nulla . Altrimenti per essere coerente con le tue idee baravantane fai una bella battaglia per dare a chi ha pagato piu' irpef la possibilita' di avere strade e sevizi migliori rispetto a chi era solo un operaio . per i resto taglia corto , sei indubbiamente uno di FI .

ellerio

Ven, 14/12/2018 - 07:03

Cir una cosa è la fiscalità generale in cui si paga in base alla capacità contributiva e un'altra cosa è la previdenza, che peraltro sarà sempre più su base integrativa e volontaria. Infatti in molti paesi, tra cui gli Stati Uniti, esiste la previdenza obbligatoria (Social Security) che paga un assegno in base al reddito e i fondi pensione integrativi che hanno un peso notevolmente superiore. Ecco il concetto di risparmio che ho più volte citato e che è continuamente ribadito anche dalla Covip (l’associazione dei fondi integrativi). Con il tuo ragionamento quale sarebbe la destinazione dei fondi integrativi? Le pensioni minime possono essere integrate con la fiscalità generale, non prelevando dai risparmi degli altri. Tu invece vorresti livellare sia i salari sia le pensioni: pura utopia socialista che non esiste in nessun paese. Le c.d. pensioni d’oro esistono anche a Cuba: sono quelle dai 20 dollari al mese in su, auguri

flip

Ven, 14/12/2018 - 10:20

ma tutti questi "ricchi" pensionati sono tutti dell' Inps o di altre forme assistenziali privale? e se sono swll'Inps quanto hanno vertsato di contributi?

rokko

Ven, 14/12/2018 - 15:34

cir, se si vuole che pensioni così alte non esistano, esiste un metodo equo, già adottato dai tedeschi: un tetto massimo alla quota di reddito sulla quale si versano i contributi. In questo modo, limitando i contributi, nessuno potrà avere una pensione più alta di un tot, che in Germania è equivalente a 2800 euro al mese. In questo modo, limiti le pensioni, ma lasci in tasca all'azienda e al contribuente l'eccedenza di contributi, ottenendo il duplice effetto di liberare risorse per sottoscrivere una pensione integrativa privata e di ridurre il cuneo fiscale/contributivo sul lavoro. L'idea dei grillini invece è un furto vero e proprio: si prendono i contributi pieni di chi guadagna milioni di euro, per poi restituirgli 1000 euro di pensione mensili. Anche no, grazie.

cir

Ven, 14/12/2018 - 19:04

rokko : hai detto bene .:L'idea dei grillini invece è un furto vero e proprio: si prendono i contributi pieni di chi guadagna milioni di euro, per poi restituirgli 1000 euro di pensione mensili. Anche no, grazie. invexe e' la cosa piu' saggia che si possa fare. i contributi per la pensione devono restare alti m ma si devono tagliare fortemente le pensioni alte per darle a chi non poteva pagare . gli atri hanno gia' avuto uno stipendio altissimo , e sovente senza meritarlo .Hai idea di quanto prendera' Fazio di pensione ? eppure i contributi li paga tutti , ma sai chi gli da lo stipendio e i soldi per i contributi ?La rai , ma la rai dove li prende ? dalla pubblicita' . Ma chi paga il prodotto pubblicizzato con il prezzo aumentato? indovina...

rokko

Ven, 14/12/2018 - 21:26

cir, quindi secondo il tuo illuminato ragionamento, chi versa una montagna di contributi dovrà prendere una pensione bassa, per poter dare una pensione alta a chi non ha versato nulla. Un ragionamento veramente furbo. Lasciamo indovinare: grillino giusto ?