Ecco tutti i trucchi della Merkel per nascondere i buchi di Berlino

Germania più virtuosa? No, i tedeschi sono soltanto più bravi a celare le proprie magagne. Ecco i trucchi usati per spadroneggiare in Europa

A Bruxelles spadroneggia la Germania. Angela Merkel fa il bello e il cattivo tempo. Quello che decide la cancelliera, è legge per tutti i Paesi dell'Eurozona. Eppure i tedeschi non sono migliori di noi italiani che passiamo per spendaccioni, disorganizzati e inaffidabili. In realtà i tedeschi sono soltanto molto più bravi a nascondere le proprie magagne economiche per truccare il debito pubblico e avere voce in capitolo su tutte le decisioni che vengono prese dall'Unione europea. Che non fosse otto tutto quello che luccica a Berlino era un sentore piuttosto comune. Adesso, però, un attento studio compilato da una équipe della università di Linz, riportato oggi da ItaliaOggi, mette a nudo tutti i trucchi legali per nascondere lo sporco sotto il tappeto.

Andiamo con ordine. E partiamo dalla Cassa depositi e presiti, mare magnum dei buchi e degli sprechi della politica italiana. L'istituto, presieduto da Franco Bassanini e controllato per l'80% dal Tesoro, emette ogni anni 320 milioni di obbligazioni che il ministero dell'Economia è tenuto a contabilizzare nel debito pubblico. In Germania c'è un carrozzone analogo: Kreditanstalt für Wiederaufbau (la Banca della Ricostruzione). Peccato che la Kfw, sebbene per l'80% in mano al governo federale, non sia tenuta ad attenersi alle regole della Cdp. Nell'ultimo anno, per esempio, ha emesso obbligazioni per 500 miliardi di euro. Cifra monstre che è servito a finanziare una caterva di interventi pubblici ma di cui non c'è alcuna traccia nel debito pubblico della Germania. Un trucco di magia messo a segno dal governo nazionale che, grazie a una leggina ad hoc, ha escluso dal conteggio del deficit "le società pubbliche che coprono la metà dei propri costi con ricavi di mercato".

Nel deficit non v'è nemmeno traccia di tutti i debiti degli enti locali. Qui la magia è fatta dal federalismo. Mentre in Italia i deficit di Regioni, Comuni e Province finiscono nel grande calderone del debito pubblico, i 600 miliardi di buco dei länder tedeschi restano rintanati nei bilanci locali. Il trucchetto ha una dobbia utilità: da una parte facilita la Germania a rimanere sotto il tetto del 3%, dall'altra la Merkel può permettersi di pareggiare i bilancia entro il 2020 anziché, come invece è stato imposto a noi, entro il 2015. Cinque anni di agio in più che evitano alla cancelliera di fare quella carneficina sociale a cui, dall'ex premier Mario Monti in poi, ci hanno abituato i nostri governi. 

La Germania bara anche sui tassi che calcolano l'occupazione. Il dato sbandierato dall'Eurostat, che fissa la disoccupazione tedesca al 5%, è infatti truccato. La gabola è semplice: tra gli occupati rientra anche chi ha un "mini job", ovvero un contratto trimestrale da 400 euro al mese e senza alcuna prospettiva di assunzione. Secondo lo studio riportato da ItaliaOggi, dunque, lo scarto tra il 12,7% di disoccupazione italiana e il 5% di quella tedesca la forbice è molto più stretta. Tanto che in molti ricorrono al lavoro nero. Secondo gli economisti tedeschi, 350 miliardi di euro vengono sottratti ogni anno dalle casse dello Stato (circa il 13% della produzione totale). 

La Merkel può contare anche sul sistema bancario tedesco che, a differenza di quello italiano, è ancora pubblico. Anche in questo caso il vantaggio è doppio. Dal momento che anche le banche regionali sono pubbliche, anche i crediti inesigibili (circa 637 miliardi, euro più euro meno) vanno a finire sul conto del depito pubblico. Eppure non figurano. Come non figurano i debiti delle banche nazionali. Controllandone circa il 45%, la Merkel può usare il sistema bancario tedesco a suo uso e consumo. Come? Per esempio svendendo i titoli di Stato italiani e ritoccando all'insù lo spread coi Bund. Un giochetto che è servito, guarda un po', a far leva perché Silvio Berlusconi lasciasse Palazzo Chigi. Un uso politico del sistema bancario e della finanza che Bruxelles avrebbe dovuto sanzionare. Come non sanziona mai la Bundesbank ogni qual volta che interviene in prima persona alle aste dei titoli di Stato tedeschi. Non appena i titoli rischiano di finire sul mercato secondario, ecco che la Buba ci mette lo zampino contravvenendo apertamente al trattato di Maastricht.

I ricercatori dell'università di Linz hanno, infine, messo in luce come la Germania se ne infischi del six pack, ovvero il pacchetto di direttive concordate nel 2011 per contenere il rapporto deficit-pil sotto il tetto del 3% il surplus sotto il 6%. Ebbene, di queste direttive Berlino se ne infischia alla grandissima. Tanto che nell'ultimo quinquennio ha tenuto l'avanzo al 7% senza che a Bruxelles nessuno osasse dire alcunché alla Merkel. Finché tirerà quest'aria, la cancelliera non potrà che dormire sonni tranquilli.

Commenti
Ritratto di kanamara

kanamara

Ven, 18/07/2014 - 11:22

Non ho letto tutto l'articolo, ma sono sicuro che è disinformazione e che la spiegazione di questo articolo è che i Tedeschi hanno un'intelligenza matematica molto sviluppata...

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 18/07/2014 - 11:28

Mi viene il dubbio se noi, da autentici imbroglioni ci siamo fatti sorpassare ?

Mr Blonde

Ven, 18/07/2014 - 11:42

e indini smaschera la merkel!?!?! basta farsi un giretto in una qualunque città tedesca per vedere qual è lo spread reale tra i 2 paesi

Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Ven, 18/07/2014 - 11:45

kanamara Ti basta la fede?, critichi senza leggere? beato te che sia tutto o sei un genio o un presuntuoso.

dare 54

Ven, 18/07/2014 - 11:45

Cosa ne pensa la nostra classe politica? Dovrebbe essere al corrente di questi giochini, di cui si mormora da tempo! Perchè nessuno si muove per omogeneizzare le regole? O per adottare gli stessi criteri germanici all'interno dell'Italia?

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 18/07/2014 - 11:46

Mi permetto ripetere un commento già inviato a fronte di altro articolo di altro giornalista -- Vi racconto io come i signori (si fa per dire) teteschi ddi cermanien sono seri e capaci. Un'industria italiana compra un impianto fatto da una ditta tedesca, garantito per rendere 100. Messo in funzione da maestranze tedesche, utilizzato da tecnici italiani, l'impianto rende appena il 70%. Lunghe ispezioni, prove aggiuntive, disamine varie, il produttore tedesco dice che per rendere il 100% (garantito per contratto alla fornitura) ci vuole una modifica che costa X, naturalmente a carico dell'acquirente. Capitooooo avrebbe urlato la Wanda televisiva ? Per rendere quello che il fabbricante si è contrattualmente impegnato a fornire e non rende, quindi responsabilità del produttore, il cliente - italiano - deve sborsare altri soldi. Sono andati in causa ed il giudice tedesco continua a rimandare la causa con cavilli e pretesti, ivi incluse le sue vacanze. ECCO, QUESTI SONO GLI DEI EUROPEI CHE SI PERMETTONO PONTIFICARE, REDARGUIRE, CORREGGERE GLI IMPERFETTI LATINI. Memento Europa, germania delenda est.

LucaRA

Ven, 18/07/2014 - 11:51

Non so perchè, ma sono più propenso a credere alla Germania che al Giornale. Mi baso su prove empiriche. Ho visitato la Germania e leggo il Giornale, è più che sufficiente per farsi un'idea.

rickard

Ven, 18/07/2014 - 11:58

Mettiamola così: i tedeschi si sono italianizzati e sono diventati imbroglioni almeno quanto noi. C'è però una differenza tra noi e loro: loro imbrogliano per il bene della Germania, noi imbrogliamo per fregarci da soli. Sinceramente, in un mondo di imbroglioni, non me la sento di criticare i tedeschi. Semmai sono molto propenso a criticare gli italiani che non perdono occasione per farsi del male tra loro.

Leonardo Marche

Ven, 18/07/2014 - 12:01

Bene, anche un po risaputo. Delle due l'una: o ci adattiamo anche noi ai cavilli europei (e non vedo perchè non dovremmo),inserendo tra le cose da riformare le trasformazioni varie che ci permettano di fare come la Merkel, oppure denunciamo questo comportamento (legale) nel parlamento europeo (facendoci ridere dietro). Diciamola così, al ministero dell'economia dormono! Dovevamo aspettare che ce lo dicesse l'università di Linz? Ma cosa fanno le nostre università super pagate, dormono? Questi studi su come funziona il sistema di regole europee dovevano essere fatti subito, non 15 anni dopo. Me lo immagino invece al nostro ministero romano, elefantiaco, con una contabilità che ancora non riesce a capire e tenere sotto controllo la spesa pubblica. Qui ci vuole una doppia azione, spending review sul ministero stesso e un ringiovanimento con elevazione della qualità dell'organico!

Ritratto di marforio

marforio

Ven, 18/07/2014 - 12:03

lucaRA- Vivo in questa terra crucconia dal 1971.Ho scritto nei miei vari commenti nel corso degli anni passati ma , piu delle volte censurati,esattamente tutto cio elencato dal signor Indini.Quando io vado in vacanza vedo tutto positivo, in qualsiasi parte del mondo .Anche le favelas o le calles delsudamerica hanno il suo fascino.Mi creda io una idea cé l ho´.Lunica cosa di positivo e ´che qui si fanno interessi tedeschi , eguale chi comanda, non come da noi , che fanno a gare di sfasciare leggi dei governi precedenti .

sdicesare

Ven, 18/07/2014 - 12:11

Sono cose che si sapevano, denunciati dagli economisti non allineati, e mai portati all'attenzione del popolo italiano dai mass media e dai giornali, in primis il sole, per farci sembrare brutti sporchi e cattivi e dare la giustificazione alle stangate. E questo articolo da' la cifra ai politici italiani, ed ai premier succedutisi negli ultimi 15 anni, soprattutto il professore della Bocconi, che conosceva bene questo stato di cose ed ha stangato il paese in accordo con Bce ed i Tedeschi. Tutti gli altri o erano degli inetti o non sapevano, ma il professore sapeva e l'ha fatto apposta per "moralizzarci", distruggendo buona parte del tessuto economico del paese. E l'ultimo in lista, cioe' il Renzi, non puo' non far finta di non sapere delle porcate dei tedeschi, per cui o fa la voce grossa e costringe l'europa a sanzionare pesantemente i tedeschi, o ha ampie giustificazioni per denunciare i trattati per uscire dall'europa e dall'euro e se non lo fa e' connivente di questo schifo.

@ollel63

Ven, 18/07/2014 - 12:14

e che si aspetta a mandare a fare in hulio quetsta europia-teteskia?!

Ritratto di liberopensiero77

liberopensiero77

Ven, 18/07/2014 - 12:16

Certo che anche noi, che non siamo poi così stupidi, potremmo, con qualche artificio contabile (tipo scorporare i debiti degli enti locali, come fanno i tedeschi) ridurre il debito pubblico. Secondo me, invece, lo si fa apposta a tenere alto il debito, per ottenere - almeno nelle intenzioni - un duplice risultato: ridurre la spesa pubblica con la spending review (spesa che già non è alta, è nella media europea) e indurre maggiore lotta all'evasione fiscale (che invece è molto sopra la media europea). Sbaglierò, ma io la penso così ...

@ollel63

Ven, 18/07/2014 - 12:19

ma in Italia ci son i sinistrati ai quali va sempre bene il sistema sfascia-sfascia

cicciosenzaluce

Ven, 18/07/2014 - 12:24

Pennivendoli,servi di un pregiudicato che oggi prenderà altri anni,voi dovete sciacquarvi pa bocca prima di parlare di questa VERA statista! Lei non ha amici come Dell'utri,Cosentino,Scajola,Verdini ecc,Lei quando viaggia per proprio conto prende aerei di linea e non si porta dietro mignotti o spacciatrici di droga come quella arrestata a Fiumicino qualche tempo fa.In Germania funziona TUTTO,sanità,scuola,welfare,trasporti,se uno è appena indagato,viene subito cacciato,non hanno tutti i ladroni in tutte le situazioni politiche ( parlamento,regioni,comuni,asl,ecc)non viene eletta una Minetti,un Fiorito,un Razzi ecc.Potrei elencare altre mille cose,ma dico solo una cosa che invece di ammirarla e prenderla come esempio,voi la denigrate,eppure non è certo comunista,anzi,quindi immondi squallidi personaggi da avanspettacolo fate le persone serie se vi riesce !

Ritratto di Gimand

Gimand

Ven, 18/07/2014 - 12:25

La cosa è da sempre risaputa. Già al momento dell'entrata nell'Euro alcune Cassandre avevano previsto quel che ci sarebbe successo oggi. I tedeschi sanno vendersi bene? Anche questa è politica ed in politica contano i risultati finali: loro oggi passano per persone serie e corrette mentre noi ci facciamo imporre la correttezza e la serietà da Di Pietro e soci (!). La loro è una politica, la nosta è un vivere, anzi, sopravvivere, alla giornata. Un piccolo esempio: la Volkswagen, per trent'anni è riuscita a vendere al mondo intero un autentico scarrafone come il "maggiolino", che era una 1200 con le prestazioni di un'850 ed il consumo di una 1500. Oggi, 40 anni dopo, la Volkswagen vende le sue auto quando ancora sono sulla catena di montaggio, mentre la Fiat rischia di finire a gambe per aria.

Ritratto di no_malagiustizia

no_malagiustizia

Ven, 18/07/2014 - 12:37

e invece un grosso GRAZIE alla Merkel e al popolo tedesco, GRAZIE per aver fatto fuori il vecchio plasticone e aver messo su Letta. Grazie! Avete sbaragliato la contraerea del temibile esercito di Silvio!

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Ven, 18/07/2014 - 12:38

Però al Berlu, la paffuta cancellierina, non riusciva mica a farlo su, anzi era lui che la faceva ballare coi suoi "curucucù". Allora la "paloma" ha dovuto farlo fuori pugnalancolo alle spalle insieme a quell'altro ex comunista del put... putipù.

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Ven, 18/07/2014 - 12:39

E' tutto vero,è a conoscenza di tutti quelli che dovrebbero sapere e controllare.E allora? Mentre in Italia,per distruggere l'immagne di Berlusconi,la sinistra ha usato la clava mediatico-giudiziaria,in Germania (come in Francia ed in Spagna) questo non è accaduto.Le Sparkasse (le casse di risparmio regionali tedesche)hanno sofferenze complessive tali che l'MPS di Siena dovrebbe essere consideratonon solido,solidisssimo.Perchè la ricerca dell'università di Linz esce ora? semplicemente perchè chi verrà dopo culona Merkel non vuole trovarsi con il fiammifero,o meglio, con l'incendio in casa.E allora? Beh,se la smettessimo di spalare merda l'uno contro l'altro e se avessimo un commissario europeo in economia e non all'immigrazione forse,e dico forse,questo aiuterebbe l'Italia e l'UE mediterranea. E LucaRA e kanamarasono due esempi di quello spalare merda che ha reso la Germania grande,almeno così dicono.

cicciosenzaluce

Ven, 18/07/2014 - 12:48

Dal dopoguerra la Germania,uscita completamente rasa al suolo,ha fatto miracoli,e oggi è la terza potenza economica del mondo.Però i suoi premier sono stati Adenauer,Brandt,Schimdt,Koll,Merkel,noi invece a parte De gaspari e Fanfani,abbiamo avuto il gobbo romano,il fuggiasco craxi,de mita,forlani,il pregiudicato e adesso il ducettino fiorentino( portavoce di verdini e Berlusconi . In pratica è come scambiare la cacca con la cioccolata,però sembra che a voi piace più la prima,chissà sarà più aromatica !

Ritratto di adoroilmare

adoroilmare

Ven, 18/07/2014 - 12:48

e' nel loro DNA la falsità. Sembrano quello che non sono. Sono i ns politici dei perfetti incapaci . Io ci lavoro con i crucchi e a quanto mi raccontano non è come dicono. Tecnologia sparita , evasione a gogò , ora si stanno alleando commercialemnte con la cina : saranno i loro distributori ahahah

piero1939

Ven, 18/07/2014 - 12:49

sono sicuro che la germania è nella cacca più nera. non la bevo questa storia della correttezza e della bravura teutonica. sono bidonari peggio della mafia. finirà questa atmosfera di credulità. allora sarà guerra profonda. chi cercherà di salvare la germania sarà perso e distrutto. altroché la fine del 3zo reich. cazzi amari davvero.

Ritratto di mauro santinelli

mauro santinelli

Ven, 18/07/2014 - 12:54

Smettiamola di santificare sti krukki, la grande differenza è ke la politica tedesca tarocca per la Germania, mentre in Italia si tarocca per tornaconti personali. Sommaci pure i mafiosi e camorristi ndrangheta ec.. ke hanno costruito delle multinazionali del crimine, senza pagare un penny, il gioco è fatto. Lasciare l'Europa e crearne una mediterranea no? Non abbiamo bisogno dei krukki ora, prima Belgio Germania ecc fornivano materie prime e noi dovevamo stare sotto ..ma adesso..nn c'è motivo. Aumentare l'eolico in adriatico massicciamente. Chiudere, i cerchi per i gasdotti: Algeria Sardegna già progettati, farne altri due verso Sicilia e Ancona, ma soprattutto sradicare distruggere la classe politica /mafiosa di oggi. Ma si sa' noi italiani purtroppo preferiamo il quieto vivere e abbiamo una gran paura dei cambiamenti peggio degli inglesi.

Ritratto di mauro santinelli

mauro santinelli

Ven, 18/07/2014 - 13:00

Continuate a fare il cinema destra sinistra: così va tutto a puttane. Siete come i mariti ke si kastrano x far dispetto alla moglie i vari Robe cicciosenzaluce ecc... VOI SIETE ITALIANI ricordatelo e se nn vi va bene andate in Germania io sono in Holland ma mai e poi mai sputerò sull' Italia, voi lo fate tutti i giorni, nn c'è un commento di destra in questo giornale...porca troi...

Mechwarrior

Ven, 18/07/2014 - 13:08

E che novità. lo sanno tutti che i krukki vogliono sottomettere l'europa (son cento anni che ci provano) mentre la massima soddisfazione dell'italiota è fregare il parcheggio al vicino di casa............

agosvac

Ven, 18/07/2014 - 13:16

Probabilmente è per questo che la signora merkel pensa alle dimissioni, perchè sa che,prima o poi, tutto questo verrà alla luce. Allora il problema non sarà più suo, ma del suo successore! Del resto bastava un minimo di accortezza per capire che krante germania non è proprio così krante! L'economia tedesca non cresce più, non riesce più a vendere i suoi bund tant'è che li deve comprare la bundesbank, gli ordini industriali segnalano un -1,8%, anche il settore automobili segnala, unica in Europa, un -1,9%, l'immobiliare è fermo da anni ormai, insomma non è che siano messi "troppo" bene!!! Per quanto riguarda la disoccupazione, chi sa come vadano le cose in germania sa benissimo che loro considerano "occupati" anche i giovani che hanno un lavoro più che precario!!! Ora l'Università di Linz, guarda caso in Austria, scopre le magagne sui conti pubblici tedeschi!!! Forse la signora merkel se ne andrà, ma dietro di sè lascerà solo macerie!!!

Ritratto di bobirons

bobirons

Ven, 18/07/2014 - 13:23

@ cicciosenzaluce - sinistrato col paraocchi ? ahi, ahi, ahi, e mo' che dici ? Mangia tu questa "cacca". Mai vendere la pelle dell'orso prima di aver acchiappato l'orso.

rickard

Ven, 18/07/2014 - 13:23

"I Germani, che ancorchè selvaggi erano sommamente astuti e nati per la perfidia e la menzogna..." (Velleio Patercolo). Sono passati duemila anni, ma sono sempre gli stessi. Grande popolo, per carità. Hanno dato al mondo una quantità enorme di geni, nella scienza, nella musica, nella storiografia, nella filosofia, ma hanno sempre quel difetto di sentirsi superiori a tutti e questo li porta ad essere spesso arroganti e...imbroglioni.

killkoms

Ven, 18/07/2014 - 13:31

i tedeschi barano con l'europa da oltre 20 anni!solo i sinistroimbecilli non se ne accorgono!

Iacobellig

Ven, 18/07/2014 - 13:36

uscire dall'euro se vogliamo riprenderci la sovranità nazionale!

Ritratto di caribou

caribou

Ven, 18/07/2014 - 13:42

Bello l`articolo, credo possa funzionare con i quattro gatti mai usciti dal bel paese!

Ritratto di caribou

caribou

Ven, 18/07/2014 - 13:57

rickard: Chissà perchè poi il solo sentirsi superiori ti porta ad esserlo, a differenza del furbacchione italico sempre pronto a fregare il prossimo con i risultati che sappiamo! Chissà cosa conviene essere o sentirsi.

zccprb

Ven, 18/07/2014 - 14:09

I primi a commentare sono sempre gli anti italiani. Ma come fanno ? Stanno dalla mattina la sera a leggere il giornale ?

killkoms

Ven, 18/07/2014 - 14:10

@cicciosenzaluce,fai paragoni un pò sbagliati!la germania è anche un paese minerario,(carbome e altri)e questo ha inciso parecchio sulla ripresa post bellica!mettici pure che con l'avvento della "cortina di ferro",e successivamente del "patto di varsavia",gli Usa decisero che c'era bisogno di 8na germania (ovest) forte,per cui convensero gli alleati a rinunciare al "piani morgenthau",il progetto segreto(ma non troppo) per ridurre la germania ad un paese agricolo/pastorale,senza indutrie!mettici pure che in germania (come nel resto d'europa tranne quella dell'est)il comunismo non solo non ha "attecchito",ma fù messo pure "fuorilegge" assieme al nazismo,e che di conseguenza come sindacato dei metalmeccanici la germania ha la IGmetal,e non la fiom!!furono prorpio i com unisti della fiom,fatti entrare in fiat da guariniello,ad affossare fiat,(che era arrivata a produrre 4 milioni di auto l'anno!),che prima primeggiacva (la 128,a trazione anteriore,fù auto dell'anno quando la wv aveva ancora il maggiolino!)!sono tanti i distinguo da fare..!

rickard

Ven, 18/07/2014 - 14:20

@caribou: guardi, io la Germania la conosco molto bene e non appartengo alla categoria di quelli che cita lei, cioè gente che non è mai uscita dal 'Bel Paese', avendo girato il mondo. Sostengo che in una Europa in cui dovremmo essere tutti uguali e lavorare ognuno per il bene comune, non è bene che ci siano Nazioni che ancorchè da ammirare per la loro efficienza, in virtù di una reale o presunta superiorità si prodighino a fare i loro interessi a scapito di quelli altrui. Se poi a questo si aggiunge la furbizia allora non ci siamo proprio.

DeZena

Ven, 18/07/2014 - 14:25

chi e' senza peccato scagli la prima pietra. dopo la riunificazione ai tedeschi paghiamo anche i buchi in bilancio

gamma

Ven, 18/07/2014 - 15:00

Tutto vero ciò che è scritto in questo articolo. Ma c'è ancora una altro trucco frequentemente utilizzato dai tedeschi. Un trucco che se lo facessimo noi... apriti cielo. Lo ha rivelato Il Sole 24ore in un articolo di un paio di mesi fa intitolato "Il vizietto tedesco di accantonare i titoli di stato invenduti" Lo spiego con parole semplici. La banca centrale tedesca come quella italiana spesso mette in vendita un certo quantitativo di buoni del tesoro tedeschi. Quando lo fa ne fissa il prezzo. Ma succede che a volte chi li dovrebbe comprare non li compra perchè quel prezzo è troppo basso e quindi non remunerativo. Cosa fa allora la Banca centrale tedesca? I titoli invenduti li compra lei. Cosa vietatissima in sede europea. L'articolo 101 del Trattato di Maastrich vieta l'acquisto sul mercato primario di titoli di Stato da parte delle banche centrali. Ovviamente questa operazione la fa con un trucco per cui a prima vista la cosa sembra regolare. In realtà non lo è. Con questo trucco però la Germania ci guadagna un bel po' di euro perchè riesce a vendere tutti i suoi buoni al prezzo che vuole. Cioè molto basso. Se siete curiosi di saperne di più leggetevi l'articolo sul solea questo indirizzo: http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-05-29/quel-vizietto-germania-intervenire-aste-coprire-titoli-invenduti-e-ridurre-costo-debito-perche-non-fanno-anche-altri-paesi-europei-092130.shtml?uuid=ABnPC7LB&fromSearch

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Ven, 18/07/2014 - 15:01

Sono sempre più convinto che l'Europa non può andare avanti così. Forse quello che è stato fatto, è stato troppo anticipato, ci volevano ancora minimo un ventennio.

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 18/07/2014 - 15:26

Non mi meraviglierei, se dietro agli affari contro il Cavalire, Berlusconi, ci sia anche lo zampino della Merkel. Mi meraviglia la calma del Cavaliere, perchè già ai tempi dava molto poca importanza a ciò che gli altri facevano, a lui inportavano le sorti del paese natio, l`Italia. NON È COME QUEGLI INCOMPETENTI CHE LO HANNO RIPUGNATO, ( I VERI CAPRONI, GENTE CHE VENDEREBBE ANCHE LA PROPRIA MADRE , PUR DI FAR CARRIERA E DI ARRICCHIRE CON IL DANARO ALTRUI. QUELLO CHE TUTT`ORA STANNO FACENDO, SVENDENDO I GIOIELLI ITALIANI).

Ritratto di caribou

caribou

Ven, 18/07/2014 - 15:33

rickard: Vivo da 30 anni in Germania, stare qui a spiegarle le differenze che ci separano sarebbe scrivere un romanzo, lei pensa che sia furbizia quella di non aspettare gli altri? il mondo andrà avanti con o senza l`Italia, non troverà nessuna nazione disposta a fermarsi aspettando i nostri probabili successi! Nessun paese si lascerà condizionare dalla nostra realtà! Il nostro "discapito" è opera nostra, con o senza Europa il risultato non cambia! Le sembrerà strano, mai io non ho mai creduto in un`Europa con dentro l`Italia, noi stiamo bene solo a casa nostra, a rimescolarci dentro i nostri casini senza uscirne mai fuori!

rickard

Ven, 18/07/2014 - 16:06

@caribou: le ricordo che in termini di risparmi pro capite e di proprietà immobiliari, l'Italia è ancora la Nazione più ricca d'Europa, con o senza la Germania. Non si tratta di aspettare qualcuno, ma di realizzare una Europa unita che non sia unita soltanto dalla moneta. Se poi ognuno deve andare per conto suo, mi sta benissimo, ma allora non parliamo di unità europea.

Ritratto di Armandolara

Armandolara

Ven, 18/07/2014 - 16:29

A questo punto credo che si imponga una decisa riflessione cioè: o la Germania è una nazione di gente virtuosa, corretta, e in ogni caso rispettosa delle regole (che essa stessa ha imposto), oppure la Germania è una nazione di gente così intelligente e furba da costruirsi una struttura burocratica che le consente di apparire comunque corretta e rispettosa delle stesse regole della Europa che essa manovra. Dato che tutti gli altri paesi glielo consentono, ritengo che la maggior parte degli altri paesi abbiano governi affetti da cronica imbecillità cordialità, Armandolara

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 18/07/2014 - 16:34

Scommetto che si stampano euri di nascosto ......

Ritratto di caribou

caribou

Ven, 18/07/2014 - 17:15

rickard: Qui in Germania non sono proprio tutti pro Europa! Anche qui si parla spesso di un`Europa che non soddisfa molto e che non riesce a decollare, e che anche a mio parere non è affatto matura. La ricchezza di cui parla è quella ferma imbalsamata che non produce un bel niente, non esiste mercato ne volontà di mettere in moto qualcosa che ci possa portare ad essere competitivi! Ho corso il rischio di distruggere 20 anni di lavoro in soli due anni in una breve esperienza di "collaborazione" in Italia, cose da "fantascienza"! Vivere certe eperienze ti fanno capire l`enorme distacco dal sogno di unità e del costruire insieme! L`idea Europa a mio avviso era buona, adesso sono anch`io del parere che ognuno scelga la propria strada, non vorrei correre altri rischi! Ma smettiamola almeno di scaricare colpe!

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Ven, 18/07/2014 - 17:17

PROPONGO KE VENGANO IMMEDIATAMENTE APERTE PROCEDURE D'NFRAZIONE CONTRO LA GERMANIA SPRECONA ED INAFFIDABILE. IL FALSO CRUCCO NONCHE' COMPAGNO FRANCO ADESSO TACE EBENE FA A TACERE PER DECENZA !

gpl_srl@yahoo.it

Ven, 18/07/2014 - 17:43

come si fa a concepire una germania che trova inghipèpi matematici per nascondere il proprio debito pubblico che ha superato di molto, oramai, i settemila miliardi di euro: è una vergogna che nessuno lo dica!

Ritratto di pinox

pinox

Ven, 18/07/2014 - 18:38

un unione dove chi puo', o peggio ancora il piu' forte lo mette in quel posto agli altri che unione è???? un paese cresce a scapito di molti altri vanno dritti verso il default, questo significa che la politica di austerità sta funzionando??? l'europa e per la germania e basta, questa non è un unione ma una dittatura peggio di quella nazista, perchè almeno quelli ci mettevano la faccia ed erano chiare le loro responsabilità, questi barano e si nascondono, fanno fallire paesi per salvare le loro banche, distruggono di proposito le economie dei paesi concorrenti e hanno sulle loro spalle migliaia di suicidi ma purtroppo non sulle loro coscienze perchè il collegamento anche se c'è non è così chiaro, MA SONO DEI CRIMINALI PEGGIO DEI NAZISTI.

Luigi Farinelli

Ven, 18/07/2014 - 18:51

Kanamara: h.11.22: Lei è sicuro che l'articolo sia solo "disinformazione". Eppure, queste cose erano già state messe in evidenza già dal 2011, prima che la truffa dello spread cominciasse a spingere l'Italia verso una crisi indotta, voluta dall'Europa dei banchieri massoni e dalla Merkel. Berlusconi aveva parlato chiaro e tondo alle due jene ridens. Ed anche di recente sono stati scritti articoli sulle truffe tedesche (vedere per esempio l'editoriale di A. Sallusti del 27.04.14: "Schiaffo alla Germania", a seguito delle divulgazioni delle prove sul colpe bianco ordito contro il Governo italiano). Riporto il mio commento a quest'ultimo articolo che tratta proprio di queste cose: "La Germania non ha alcun diritto ad ergersi a maestrina, tantomeno in economia dove ha gestito letteralmente i propri esclusivi interessi complice un'Europa che le permette di fare i suoi porci comodi. E' significativo come stiano ora uscendo delle testimonianze provate sulla maniera con la quale la tecnocrazia europea imponga i suoi diktat ed elimini chi le si mette di traverso (vedi Berlusconi). Ma basterebbe tornare all'epoca dell'innesco del secondo colpo di Stato in Italia (compiuto in quel fatale fine 2011) per trovare testimonianze, articoli, scritti, che già allora denunciavano chiaramente il cinico modo di procedere, purtroppo voci diluite nella corsa allo spernacchiamento generale operato dalle sinistre e da altre forze loro alleate che vedevano un solo fine: abbattere Berlusconi:

pipinuzzo

Ven, 18/07/2014 - 22:22

MA NOI NON POTREMMO FARE LO STESSO ?????

filder

Ven, 18/07/2014 - 23:31

I trucchi circa la disoccupazione Tedesca riportati nel vostro articolo sono autentici e voglio dirvi di più, che oltre ai mini jop per non sforare i parametri stabiliti dall UE, i disoccupati, vengono tirati fuori dalle liste ufficiali e conseguendo sempre l indennità di disoccupazione, vengono mandati a fare dei corsi di apprendistato(arbeitmassnahme),che all ultimo non porteranno al nulla senonchè a truccare le percentuali figurative e dimostrare che in Germania la disoccupazione è minima.Avendo vissuto a lungo in Germania, posso assicurare che anche lì tutto il mondo è paese e si lavora in nero come in Italia, con la differenza che i Tedeschi ci hanno sorpassati sulle furbizie e dimostra quello che cita il vostro articolo.

Anita-

Sab, 19/07/2014 - 11:33

Ma ogni anno ci servite lo stesso articolo sugli stessi truchetti della stessa Merkel, Schroeder o Kohl, e via indietro sino a Carlomagno. - non avete niente da raccontare di più importante ? - se funziona per la Germania perché l'Italia non adotta il metodo?

gpl_srl@yahoo.it

Mer, 30/07/2014 - 17:44

non dimentichiate come il debito pubblico tedesco non è quello dichiarato ma supera i settemila miliardi: la signorA MERKEL DUNQUE PUO PERMETTERSI DI IMBRTOGLIARCI TUTTI E DI DETTARE LEGGE: noi tutti come grandi pecoroni dobbiamo restare alle sue spalle gridando di essere felici di questa situazione che ci permette di mangiare fragole importate dal belgio, latte importato con latticini dalla germania , arance dalla spagna, insalata dalla olanda e dalla germania, e cosi via mentre con la gioia del senatore Monti, i nostri politici stanno felicemente a guardare girando per l' italia in automobili fabbricate in germania: si vergognino dunque di poterci convincere del fatto che sia meglio restare in questa europa che rimane di Mer.....: l' unico che in europa non ha mai accettato i dictat della signora Merkel è stato massacrato da noi stessi italiani ed espulso anche dal senato perche la sinistra lo pretendeva colpevole di ogni male: oggi ne possiamo valutare i danni causati all' italia dai suoi immondi avversari