Fatturazione elettronica, lo stop del Garante: "Non rispetta la privacy"

Il Garante della privacy ha chiesto all'Agenzia delle entrate di modificare il sistema di fatturazione elettronica

Il Garante della privacy ha chiesto all'Agenzia delle entrate di modificare il meccanismo della fatturazione elettronica, perché presenterebbe "rilevanti criticità in ordine alla compatibilità con la normativa in materia di protezione dei dati personali".

È la prima volta che il Garante esercita il nuovo potere correttivo di avvertimento, attribuitogli dal Regolamento europeo, come riporta il Corriere della Sera. Il sistema di fatturazione elettronica, a partire dal 1 gennaio del 2019, verrà applicato anche nei rapporti tra fornitori e tra loro e i consumatori. Il meccanismo, però, presenterebbe rischi "per i diritti e le libertà degli interessati, comportando un trattamento sistematico, generalizzato e di dettaglio di dati personali su larga scala, potenzialmente relativo ad ogni aspetto della vita quotidiana dell’intera popolazione, sproporzionato rispetto all'obiettivo di interesse pubblico, pur legittimo, perseguito". Infatti, il sistema archivierebbe, oltre i dati obbligatori a fini fiscali, anche la fattura vera e propria, sulla quale sono scritte informazioni più dettagliate, dalle tipologie di consumi, alla regolarità dei pagamenti, passando per le categorie cui ogni utente appartiene.

Non solo: l'Agenzia delle entrate caricherebbe in formato digitale tutte le fatture cartacee, senza il consenso dei consumatori. In più, le persone delegate per la trasmissione, la ricezione e la conservazione della fattura, avrebbero accesso a tutti i dati personali. Il sistema di fatturazione elettronica, quindi, metterebbe a rischio la privacy degli utenti e, per questo, il Garante chiede all'Agenzia delle entrate di modificare il sistema, che non si accorda con la normativa europea in materia di protezione dei dati personali.

Commenti
Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 17/11/2018 - 17:15

AGENZIA delle ENTRATE, una spia su tutti noi altro che il grande fratello, questi ruffiani e mafiosi le studiano tutte per renderci la vita impossibile, se io non ho il computer che faccio ?? a parte la mia vita privata...razza di veri delinquenti

Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 17/11/2018 - 17:16

emeriti teste di cxxxo..... toccare i vostri complici vi da fastidio ??regards

Ritratto di navigatore

navigatore

Sab, 17/11/2018 - 17:17

siete pure cxxxxxxi visto che riportate su COMMENTI zero, cazzoni

Ritratto di pinox

pinox

Sab, 17/11/2018 - 18:00

allora per proteggere i dati personali diamo ancora la possibilità ai furbi di stracciare le fatture sulle vendite o di fare quelle false sugli acquisti....per risolvere il problema non bastava archiviare i dati del solo imponibile, aliquota e codice fiscale o partita iva....ma siamo comandati da una manica di falliti e dovevano ribadirlo.

Ritratto di ilmax

ilmax

Sab, 17/11/2018 - 18:33

privacy per colpire gli evasori?

Ritratto di Sergio Sanguineti

Sergio Sanguineti

Sab, 17/11/2018 - 19:03

La manovra è perfettamente in linea con l'avanzata del sinistrismo europeo ben intriso di sovietismo che, naturalmente in Italia, raggiunge le vette più elevate, conformemente con l'andazzo della produzione legislativa, nei testi della quale, i "tecnici" scaricano le proprie frustrazioni da mezze maniche, fallite, tese a voler rendere ogni norma "più realista del re", tale da essere poi interpretata ed usata come un chewing gum, buona per ogni cavillo, espressione più genuina del marasma normativo nazionale.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Sab, 17/11/2018 - 19:33

Di rompicollioni l'Italia è piena.

g.mascioli

Sab, 17/11/2018 - 20:17

sono d'accordo. parlo del campo medico. in campo medico nella fattura ci sono dati sensibili come il tipo di intervento chirurgico eseguito o altri riferimenti alla malattia del paziente. tali dati non di competenza dalla agenzia delle entrate alla quale possono essere forniti solo i dati fiscali, compreso l'importo della fatturazione ed eventualmente le modalità di pagamento. per gli altri dati serve il consenso del paziente. come è attualmente strutturata la fattura elettronica non rispetta queste problematiche e in campo sanitario deve essere modificata.

Tranvato

Dom, 18/11/2018 - 21:40

La fatturazione elettronica contrasta la piaga delle false fatturazioni, non l'evasione fiscale conseguente alla mancata fatturazione. Dunque, la privacy verrebbe inutilmente violata ed è giusto porre rimedio a questa inopportuna quanto inutile invasione della vita privata. Una vera guerra va però combattuta anche contro il lavoro nero, con la ferrea volontà di estirpare questo male che distrugge l'economia nazionale e foraggia il crimine organizzato.