Il governo non taglia gli assegni. E il pensionato d'oro stappa spumante in tv

Pietro Lonardo, ex diplomatico, ha brindato di fronte alle telecamere di Rete4 dopo lo slittamento del taglio delle pensioni d'oro

"Festeggiamo per oggi e pensando a domani". Con queste parole Pietro Lonardo, ex diplomatico, ha brindato di fronte alle telecamere di Rete4 dopo lo slittamento del taglio delle pensioni d'oro. La mannaia voluta dal M5S è stata tolta dalla legge di bilancio e, a detta di Di Maio, dovrebbe arrivare con un decreto a parte. E così chi si è pensionato con un assegno sopra i 4.500 euro può per ora cantare vittoria.

"Festeggiamo pensando che domani non ci sarà nulla di cui dovremo lamentarci. Ovvero che ci riprovino di nuovo - dice Lonardo - Attualmente la mia pensione è di 6mila euro. Parliamo di netto". Il taglio non ci sarà. "È ingiusto: non possiamo continuare a essere sempre con l'ipotesi della pensione che potrebbe cambiare perché qualcuno si ricorda che potrebbero essere toccate", aggiunge l'ex diplomatico.

La vicenda ora è tutta nelle mani di Di Maio. Il quale non molto tempo fa era arrivato a promettere l'approvazione del taglio alla pensione già con il decreto fiscale. Poi non se ne fece nulla e tutto fu rinviato alla legge di Bilancio. Dopo promesse e smentite, però, nella manovra economica non c'è traccia della riduzione degli assegni pensionistici elevati. "Noi siamo sempre pronti a difenderci", conclude Lonardo. "Di Maio si cerchi un altro bancomat".

Commenti
Ritratto di jasper

jasper

Lun, 05/11/2018 - 15:09

Va da se che pensioni oltre le 5.000 Euro nette non ci dovrebbero essere per nessuno, nemmeno per il Presidente della Repubblica e nemmeno per Domineiddio.

schiacciarayban

Lun, 05/11/2018 - 15:15

Qualcuno crede ancora alle promesse di Di Maio?

Ritratto di jasper

jasper

Lun, 05/11/2018 - 15:16

Se fossi in lui non brinderei troppo. E' un dato di fatto che pensioni superiori ai 5000 € nette non dovrebbero esistere per nessuno, nemmeno per Domineiddio, nemmeno per il PdR.

Libertà75

Lun, 05/11/2018 - 15:32

sembra più una provocazione per dire "dai toglietemela, vediamo chi la vince". Nulla toglie che un ricalcolo con il contributivo a partire dal 93 sia costituzionalmente accettabile... bisogna provarla

27Adriano

Lun, 05/11/2018 - 15:35

Di...maio fai solo promesse da....bibitaro.

Dordolio

Lun, 05/11/2018 - 15:36

Brindo con lui se ha pagato REALMENTE i contributi pensionistici relativi. E quindi la pensione se la merita. Se al contrario glieli hanno regalati come è successo a moltissimi, spero che in seconda battuta lo seghino ferocemente. E a brutto muso pure.

Ritratto di hernando45

hernando45

Lun, 05/11/2018 - 15:37

In Sicilia c'è uno che ha una pensione di 90 MILA €uroo LORDI al mese. Chissa che razza di "lavoro" faceva!!!! AMEN.

Ritratto di pulicit

pulicit

Lun, 05/11/2018 - 16:59

Che sudate avrà fatto....Regards

akamai66

Lun, 05/11/2018 - 16:59

Per essere stato un DIPLOMATICO mi sembra un tantino imbranato,non c'è proprio niente a cui brindare, i brindisi li lasci fare ai nostalgici dei balconi, bontà loro.Tutto dipende dalla CONSULTA, se procede come in passato CASSERA' qualunque calcolo fatto col senno di poi,se ci ripensa possono anche levargliela tutta, a prescidere da tutte le elucubrazioni possibili e immaginabili.

GioZ

Lun, 05/11/2018 - 17:09

Bella chiavica.

dot-benito

Lun, 05/11/2018 - 17:11

IL LIMITE MASSIMO DELLE PENSIONI PER TUTTI LO METTEREI A 4000 EURO NETTI PER TUTTI QUESTI HANNO GIA' RIEMPITO LE TASCHE CON I NOSTRI SOLDI

zadina

Lun, 05/11/2018 - 17:38

Con mio semplice modo di pensare credo che chiunque abbia versato i relativi contributi in proporzione deve percepire la pensione o vitalizio chiamateli come preferite ma il risultato è sempre uguale, ma chiunque abbia avuto delle agevolazioni legislative fatte per loro stessi dovrebbero essere corrette rapidamente, anche come sostiene qualcuno che la cifra recuperata è poca, non importa la cifra che viene recuperata ma è la dimostrazione della equità e della giustizia sociale, mi auguro che in un modo o un altro si riesca a fare una vera giustizia sociale e si placherebbe anche l'odio del popolo contro i politicanti.

pimmio78

Lun, 05/11/2018 - 18:04

zadina, ed altri, concordo perfettamente. Il tutto è di una logica disarmante! Hai dei contributi versati per il tuo precedente lavoro. Poi vieni eletto in una qualsiasi Istituzione e verserai i relativi contributi. Terminata la carica istituzionale, riprendi il tuo lavoro che hai sospeso e vai in pensione con l'attuale Legge Fornero! Semplice!

giottin

Lun, 05/11/2018 - 18:07

Diiiiicono di averle fatte slittare, in realtà sono sparite per sempre, si accettano scommesse. Con ciò e con tutto il resto, codesto governo dovrebbe essere al 2% di gradimento, invece c'è ancora oltre il 60% di boccaloni!

stefi84

Lun, 05/11/2018 - 18:15

La consulta avrebbe cancellato qualsiasi ricalcolo, se la pensione gli spetta gli spetta. Io prendo molto meno , ma non ho nessuna invidia.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Lun, 05/11/2018 - 18:31

Da come sono gestite le ambasciate, riferito da chi le ha frequentate per motivi di lavoro, non penso che sia una pensione strasudata quella da 4,500 €uri. Dipoi molto diplomaticamente anch'io se fossi della partita me ne fotterei di chi campa con favolose pensioni da 450 €uri ... basta che non mi tocchino la mia.

Kucio

Lun, 05/11/2018 - 19:00

Alla salute dei Pensionati da 600 euro dei giovani disoccupati , chi ha da crepare lascia che crepi !

Ritratto di DVX70

DVX70

Lun, 05/11/2018 - 19:58

A quanto ammonta il totale dei contributi che ha versato ? Perché la vergogna è quella dei parlamentari (nazionali e/o regionali) che maturano vitalizi e pensioni d'oro dopo soli pochi anni di legislatura; non certo per chi gode di pensioni d'oro in conseguenza di contributi EFFETTIVAMENTE versati.

Ritratto di faustopaolo

faustopaolo

Lun, 05/11/2018 - 20:53

io gestisco una famiglia di 6 persone (mè compreso) e quando non ci sono + soldi NON CE N'E' PER NESSUNO. all'inps continuano a dire che non hanno più soldi, però per questi cani i soldi li hanno sempre e in compenso io dovrò lavorare fino a 100 anni per pagare loro.

mariolino50

Lun, 05/11/2018 - 20:55

La pensione normalmente era sempre stata proporzionata allo stipendio, chissà quanto prendono quelli che hanno una paghetta anche di dieci milioni di euro anno, vari AD di banche ad esempio. Personalmente ho le prove che il contributivo è una vera truffa, non di danno nemmeno la metà dei contributi versti, calcolo molto semplice in base alla cosidetta aspettativa di vita, fasulla anche quella.

rokko

Lun, 05/11/2018 - 21:39

Il taglio delle pensioni "d'oro" è un esproprio bello e buono, perché chi ha pensioni così alte è solo chi ha versato fior di contributi. Se si vogliono limitare le pensioni elevate in modalità non taglieggiatrice, non occorre inventarsi nulla di nuovo, basta fare come chi già lo fa molto bene: la Germania. In Germania, c'è un limite massimo ai contributi versati, che non possono superare circa 1200 euro al mese. Visto che lì vige il contributivo da sempre, questo porta a pensioni che non possono superare circa 2800 euro al mese. D'altra parte, reddito aggiuntivo resta in tasca all'azienda e al lavoratore, che è libero di farsi una pensione integrativa con i soldi risparmiati. Da noi puoi versare anche diecimila al mese, che poi arriva un cazzone come Di Maio e decide che 4500 euro al mese di pensione sono troppi. E poi c'è chi si stupisce se la Germania cresce e noi no.