Istat, l'impennata dello spread è costata agli italiani 1,7 miliardi di interessi

Secondo i dati relativi al terzo trimestre 2018, aumenta la pressione fiscale e diminuisce il potere d’acquisto delle famiglie italiane

Il conto trimestrale delle amministrazioni pubbliche, reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società realizzato dall'Istat racconta che è aumentata la pressione fiscale, che è diminuito il potere d’acquisto delle famiglie italiane e che per colpa delle numerose impennate dello spread, tra luglio e settembre, la spesa per interessi è cresciuta di circa 1,7 miliardi di euro rispetto allo stesso periodo del 2017 - dai 14,376 miliardi del 2017 a 16,103 miliardi -, pari a un aumento del 12%.

Il report, che analizza la situazione dei redditi dei nuclei familiari e lo stato di salute delle finanze pubbliche, rileva che la pressione fiscale è stata pari al 40,4%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre 2017; il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è cresciuto dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e i consumi sono aumentati dello 0,3%.

"Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie è stata pari all’8,3%, in diminuzione di 0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. A fronte di una variazione dello 0,3% del deflatore implicito dei consumi, il potere d’acquisto delle famiglie consumatrici è diminuito dello 0,2% rispetto al trimestre precedente", si legge nella nota diramata dall'Istituto Nazionale di Statistica.

Infine, leggero miglioramento per il rapporto deficit-Pil, che si è attestato all'1,7% rispetto all'1,8% del medesimo trimestre 2017.

Commenti
Ritratto di DARDEGGIO

DARDEGGIO

Lun, 07/01/2019 - 12:31

Questa è un'enorme falsità! Diciamo allora la verità: 1) L'aumento dello spread aumenta gli interessi sui buoni, ossia le banche pagano più interessi ai detentori. 2) Il 70% dei buoni è detenuto da cittadini italiani, ossia il maggior esborso resta in circolo in Italia. 3) A rimetterci sono solo le banche, ossia l'aumento di spread drena denaro dalle banche verso i cittadini detentori dei buoni e questo nn è un male in quanto gli sghei, i danè, stanno meglio in tasca agli italiani anzichè in saccoccia alle banche o allo stato. Che poi le banche si rifacciano su titolari di conti è un'altra falsità che non sto a smascherare. Ma come fanno certi professoroni a portare al macero la propria professionalità per puro servilismo. Mahhh, mahhh!

Lorenzi

Lun, 07/01/2019 - 13:00

Grilli ci sei o ci fai ? Per favore, se sei in buona fede, dimmi quanto ci è costato lo spread con il 'salvatore della patria' Monti quando è andato a 528 !!

Ritratto di kabakov

kabakov

Lun, 07/01/2019 - 13:08

Be', se questo aumento di spread, che c'è stato ma non è andato alle stelle, e non è durato tantissimo, ha portato ad un aumento della spesa per interessi di circa 1,7 miliardi, figuriamoci di quanti miliardi c'è stato l'aumento quando c'era Berlusconi: lo spread salì alle stelle (ben oltre 500!) e per molto più tempo! Questo non lo dite?

aldoroma

Lun, 07/01/2019 - 13:17

e 200 miliardi di buffi di RENZI?????????????????????????

jaguar

Lun, 07/01/2019 - 13:20

Il potere d'acquisto delle famiglie ha cominciato a crollare con l'introduzione dell'euro, cioè parecchi anni fa, possibile che l'Istat se ne accorga solo ora?

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Lun, 07/01/2019 - 13:37

la bancarotta di M.P.S. banca Marche Banca Etruria Banche Venete ecc. e recentemente banca Carige è possibile che non abbia nessuna ripercussione sullo spread ?????? ma i migliardi pubblici per ricapitalizzare M.P.S. non sono debito ????? e la fine del quantitative easing non ha nessuna ripercussione sugli interessi ????

Marguerite

Lun, 07/01/2019 - 13:46

In caso non vi fosse chiaro....lo Spread è sempre altissimo e Sta a risalendo ...sta mattina è a quota 275... in Gennaio 2018 era a 150 !!!!!!!!!!!!

rokko

Lun, 07/01/2019 - 14:22

kabakov, tra il 2011 ed il 2014 abbiamo pagato circa 20-25 mld in più di interessi l'anno, dovuti allo spread. Tutti se la prendono con Monti, ma lui da dove cavolo doveva prenderli questi soldi ? Legga solo quello che scrive Lorenzi, secondo il quale addirittura fu grazie a Monti che lo spread arrivò a 530.

Ritratto di CONTRO68

CONTRO68

Lun, 07/01/2019 - 14:51

Marguerite grazie per l'informazione, e quindi ???? non vorrai sostenere che è colpa di un governo formatosi in maggio 2019 ???? e se cosi fosse bisognerebbe sostituire le elezioni al gradimento dello spread che equivale a mettere la sovranità in mano alla finanza internazionale, tutte le opinioni sono rispettabili se si ha la coerenza di sostenerle in modo trasparente basta dirlo con chiarezza .

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 07/01/2019 - 15:12

Tralascio di rispondere alle solite bufale scritte apposta per far tremare i polsi A CHI NON SI VUOLE REALMENTE DOCUMENTARE. Se lo spread oggi sale, non e` necessariamente vero che deve ripartire a razzo. Potrebbe benissimo (e io me lo auguro) fare un doppio massimo intorno a 275 e di conseguenza andare a testare il supporto circa a quota 246. Finora niente indica l'inversione della tendenza a scendere delle ultime tre settimane. Solo qualche tentativo di perforare la resistenza a quota 275. Del resto, con tutta la cagnara antigovernativa di questi giorni, che ci vogliamo forse privare di un po' di spread?

Ritratto di Menono Incariola

Menono Incariola

Lun, 07/01/2019 - 15:36

Marguerite, bevi di meno! alle 15:19 IL RIASSUNTO E` IL SEGUENTE: Apertura:267,74 Minimo:264,4 Massimo:271,7 Corrente: 270,74 Dati teleborsa. Dove hai visto 275 lo sai solo TU. A Gennaio era a 150 perche` c'era "Appecoroni" al governo, e li` sarebbe rimasto anche se il suddetto avesse pubblicamente usato violenza a qualcuno... certamente al nuovo governo non vengono usate le stesse attenzioni!

FrancoS73

Lun, 07/01/2019 - 16:27

L'Istat certifica ciò che avviene in termini di Spread ... peccato non abbia mai certificato e pubblicato quanto sia costato al sistema: la mancanza d'investimenti - i mancati pagamenti delle prestazioni e forniture - il mancato introito a seguito Iper-Super Ammortamenti - sussidi alle assunzioni .. NPL e relative svalutazioni Patrimoniali Bancarie &. TANTO ALTRO .. Il Tutto da addebitarsi alla "Confraternita Letta-Renzi-Gentiloni-Padoan-Confindustria-Confartigianato-Confcommercio" ... Lo Pubblichi !!!

sparviero51

Lun, 07/01/2019 - 17:24

CHE LI PAGHINO GLI ELETTI AL GOVERNO CHE CON LE LORO FARNETICANTI FREGNACCE HANNO DETERMINATO QUESTO SQUILIBRIO !!!

Gianx

Lun, 07/01/2019 - 18:39

Basta giornalai!!!!

Ritratto di Carlo_Rovelli

Carlo_Rovelli

Lun, 07/01/2019 - 22:20

Colpa dei 5Stalle, buttiamoli fuori dal governo!

lorenzovan

Lun, 07/01/2019 - 22:33

@gianx,,,vero !!!! basta giornalai !!! solo...bufalai...Salvini e Di Maio gongolano

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Lun, 07/01/2019 - 23:19

@Marguerite - una vera comunista, solo bugie.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mar, 08/01/2019 - 02:52

Lo spread non è costato nulla alle famiglie italiane, è costato a quelli che hanno speculato e perso, altri ci hanno guadagnato, come quelli che hanno acquistato BTP nelllo scorso Ottobre qwuando era a 340 e se oggi rivendomo che è a 270 gudagnano 0,7% in tre mesi. I BTP sono strumenti speculativi non di risparmio come vuol far credere l'articolo.

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mar, 08/01/2019 - 03:02

Proporrei di istituire un uovo ordine professionale in Italia, quello dei commnetatori economici bugiardi, Valerio Malvezzi impiegherebbe un francesismo invece di bugiardi, ma va bene lo stesso. In Italia sono la maggioranza di coloro che scrivono sui giornali, giusto tutelarli ma sopratutto tutelare chi li legge.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mar, 08/01/2019 - 09:08

Credo sia opportuno dare spazio alle accuse del corrispondente del Corsera da Bruxelles che accusa direttore, vice direttore di quel quotidiano, con l'ausilio della manina del noto Fu(r)bini, di aver influito in questi ultimi mesi con fake news sullo spread, favorendo la solita finanza speculativa, insinuata in mercati più che rispettabili, allo scopo di destabilizzare l'Italia. Una bella indagine non farebbe male, ancorchè da qualche tempo il Corrierone, visto che lo sostiene, mi pare sul serio scaduto a livelli così infimi che mai avrei immaginato.

Lorenzi

Mar, 08/01/2019 - 09:41

Maximilien 1791: d'accordissimo, soprattutto sull'istituire il nuovo ordine professionale a tutela dei lettori. E penso che un giornale che pubblicasse quanto dice questo nuovo ordine professionale non sarebbe in crisi. Ma non viete accorti, cari diffusori di...(francesismo Malvezzi) che state perdendo lettori proprio per questo ?

Ritratto di Tutankhamon

Tutankhamon

Mar, 08/01/2019 - 09:49

Indegno de "Il Giornale" .