L'allarme della Corte dei Conti: "L'Inps ha patrimonio in rosso"

La magistratura contabile accende i riflettori sull'Inps: "Nel 2015 esercizio negativo per 16,3 miliardi di euro. Serve una riforma"

"Non si ritiene procrastinabile una riforma della governance" dell'Inps. Lo scrive la Corte dei Conti nella Relazione sulla gestione finanziaria dell'istituto nel 2015. Sul versante economico patrimoniale, spiega la magistratura contabile, si registra una situazione in peggioramento rispetto al precedente esercizio. Lo scostamento tra i saldi finanziari e quelli economici è dovuto principalmente all'andamento dei residui attivi. Il conto economico, infatti, espone - al netto dell'accantonamento a riserva legale per 2,95 md - un risultato di esercizio negativo per 16,3 miliardi di euro (-12,48 miliardi nel 2014), condizionato da un accantonamento al fondo rischi crediti contributivi per 13,09 mld (4,97 mld nel 2014). In conseguenza di ciò, il patrimonio netto è pari a 5,87 md, con un decremento sul 2014 di 12,54 md. Nel frattempo, rileva sempre la Corte, aumenta la spesa per prestazioni previdenziali e assistenziali.

Per questo motivo, dal lato ordinamentale si conferma, nel giudizio della Corte dei conti, la necessità di un intervento normativo di revisione e coordinamento delle disposizioni primarie e regolamentari che disciplinano l'attività dell'Inps. In alternativa, una riforma della governance dell'Istituto. In questo senso, aggiunge la Corte, occorre un ripensamento di funzioni e compiti del direttore generale, anch'esso organo dell'ente, che ne definisca i confini, alla luce anche del principio di separazione tra attività di indirizzo politico e gestione amministrativa D'altro canto, l'accentramento nella figura del presidente dei compiti prima spettanti al Consiglio di amministrazione non sembra, alla prova dei fatti, aver risolto i profili di problematicità del sistema di governo, anche nei rapporti tra gli organi dell'Istituto.

"La Corte dei Conti non lancia alcun allarme sui bilanci. Si tratta di una questione contabile", minimizza però il presidente Inps, Tito Boeri, "Bisogna sempre ricordare ai cittadini italiani che l'Inps opera per conto dello Stato. Le prestazioni che garantisce vengono infatti decise dal Parlamento italiano, dal governo e noi, semplicemente, ci limitiamo ad attuarle. Le prestazioni sono garantite dallo Stato italiano. Di conseguenza, ciò che conta non è il bilancio dell'Inps, ma dello Stato. Inoltre, i consuntivi contenuti nel rapporto della Corte dei Conti sono già incorporati nelle stime del disavanzo e del debito pubblico"

Commenti
Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 15/02/2017 - 15:40

SEMPLICE!!! Basta diminuire del 5% TUTTE le pensioni e OPLÀ LES JEUX SONT FAITES!!!!lol lol.

Libertà75

Mer, 15/02/2017 - 15:44

ma perfavore, che lo Stato versi i propri debiti previdenziali legati ai propri dipendenti e che sia finita di menar il can per l'aia

Ernestinho

Mer, 15/02/2017 - 15:45

Si, mandiamo tutti in pensione a 80 anni!

agosvac

Mer, 15/02/2017 - 15:53

Egregia Corte dei Conti, volete spiegarmi come potrebbe l'Inps non essere in rosso visto che il Governo fa gravare sull'Inps anche ciò che dovrebbe pagare a carico suo cioè le pensioni degli statali??? Finché l'Inps pagava solo le pensioni dei lavoratori che avevano versato i contributi era in perfetto equilibrio. Poi il Governo ha deciso di "rubare" i soldini con tanta fatica versati dai lavoratori italiani per pagare le pensioni anche ai suoi dipendenti che di lavorare manco ne volevano sapere, dimenticandosi, però, di versarne i relativi contributi!!! E' più che ovvio che l'Inps è in rosso: mancano i soldi che il Governo avrebbe dovuto versare per pagare le pensioni della pubblica amministrazione.

unosolo

Mer, 15/02/2017 - 15:55

troppi vitalizi e le pensioni dei politici non sono rapportate a quello che versano , ladri ecco chi distrugge la Nazione , il nostro lavoro mangiato dai ladri politici , nessuno escluso , presidenti di camera , senato che si mantengono i diritti per altri 10 anni oltre altri diritti acquisiti , politici con doppie e triple pensioni e vari vitalizi , ladri ,

gneo58

Mer, 15/02/2017 - 15:56

ma la presidenta non ha giurato che le risorse rimpingueranno le casse ? (svuotate dai politici)

unosolo

Mer, 15/02/2017 - 15:59

i politici sono i primi evasori con leggi che si sono fatti su misura e la loro pensione o vitalizio non è come i comuni lavoratori del PIL come pretendere di restare attivi ? i primi evasori sono loro e poi non rispettano la sentenza sulla legge Fornero e si mantengono i furti che fanno al popolo del PIL e a tutti i pensionati , sono specialisti in furti

Ernestinho

Mer, 15/02/2017 - 16:04

Ma il patrimonio dei "politicanti" è in .... verde!

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mer, 15/02/2017 - 16:09

Qualche altra milionata di "risorse",e i "conti" si sistemano!!!!

unosolo

Mer, 15/02/2017 - 16:14

basterebbe eliminare chi evade per legge di versare solo parte dei contributi e solo di una parte dello stipendio , il parlamentare pare che parte dello stipendio per legge non paga IRPEF e quindi neanche INPS , ma il vitalizio si eleva alla massima potenza con soli 5 anni di contributi , eliminando questa evasione facendogli pagare arretrati credo che la INPS sarebbe piena come un uovo , i ladri quelli dobbiamo fermare mettendoli al pari di tutti i lavoratori privati ,le leggi se le fanno su misura e non rispettano la sentenza sulla Fornero,.ladri ,

routier

Mer, 15/02/2017 - 16:15

Se avessimo la sovranità monetaria, ripianare il deficit dell'INPS sarebbe un gioco da ragazzi. Ora, con la BCE a far da padrona di casa, li dovremo chiedere in prestito e pagare fior di interessi. AMEN.

VittorioMar

Mer, 15/02/2017 - 16:15

....e ce lo dicono nel 2017 ??

Blueray

Mer, 15/02/2017 - 16:17

Per prima cosa sarebbe da sapere se al netto o al lordo del buco dell'Inpdap. Comunque è l'assistenzialismo la vera croce dell'Inps. Quanto alla previdenza il Paese invecchia, i pensionati aumentano i lavoratori diminuiscono e i clandestini stra-na-men-te non ci pagano le pensioni come promessoci dalla terza carica dello Stato!

Ritratto di MIKI59

MIKI59

Mer, 15/02/2017 - 16:22

Chiediamoci, ad esempio, dove vanno a finire gli introiti di un solo giorno della vendita globale di carburante in Italia. Vi dico solo che è una cifra "paurosa". Se a questa poi aggiungete, sempre di un giorno, ciò che entra dai giochi (gratta e vinci, superenalotto, lotto istantaneo, lotto, scommesse, ......), allora vci chiederemo: ma lor signori pensano che siamo dei co....ni? Mi sa tanto che lo credono!!!!!

LostileFurio

Mer, 15/02/2017 - 16:23

Presto la soluzione dell' attuale governo di cortesia! Piu' clandestini per poter chiedere soldi alla Merkel per ripianare l'INPS! Intanto il PD o PDB o PDR per scongiurare la crisi proporra' libere elezioni nel 2024.

19gig50

Mer, 15/02/2017 - 16:34

Mancano i soldi? Eliminate le pensioni d'oro.

nomen-omen

Mer, 15/02/2017 - 16:36

Bisogna ricalcolare in chiave contributiva tutte le pensioni d'oro (>3000€)ottenute con il metodo retributivo, a cominciare da quelle dei politici ed altri boiardi di stato. Poi controllare severamente le pensioni sociali di chi le riceve al paese di origine e frenare le pensioni di riversibilità ottenute con matrimoni last minute di vecchietti e giovani badanti.

giovanni951

Mer, 15/02/2017 - 16:39

mi domando come sia possibile visto che ormai si va in pensione a quasi 70 anni; tutti i soldi risparmiati con la manovra del governo fallimonti dove son finiti?

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 15/02/2017 - 16:40

Cara Merkel, troppo lento questo meccanismo delle due velocitá per scaricare la pestosa zavorra.

Dario40

Mer, 15/02/2017 - 16:42

a parte i tagli di pertsonale e di stipendi, la prima cosa da fare sarebbe quella di dividere la Previdenza dall'Assistenza . Non si può far pagare a chi ha versato i contributi le elargizioni dei vari governi a chi non ha mai vertsato un solo centesimo di contributi. Dario 40

obiettivo75

Mer, 15/02/2017 - 16:46

Ora, al di là dei tecnicismi (fondo rischi, accantonamenti, residui ecc.) in cui non mi addentro in quanto non sono un esperto, ma si capisce che: aumentando i pensionati, (anche se con pensioni sempre più basse) più o meno stabile il numero degli occupati (ma con una qualità contributiva - vedi coop, voucher, job act e contratti fantasia - sempre "peggiore"), alla fine ci sarà chiesto un contributo una tantum per le pensioni, che da una tantum diventerà perenne. Io credo che già oggi una quantità notevole di entrate di tasse e irpef venga stornata in favore inps, ma non ce lo dicono.

grazia2202

Mer, 15/02/2017 - 16:56

guardate che il bilancio a cui si riferisce il timore è del 2015! poi c'è il 2016! ma quanto ci mettete a lavorare?

guerrinofe

Mer, 15/02/2017 - 17:05

uRGE PERSEGUIRE LEGALMENTE GLI AUTORI DI QUESTE BUFALE.

Ritratto di Paolo_Trevi

Paolo_Trevi

Mer, 15/02/2017 - 17:10

sempre meglio, ogni giorno ne salta fuori una nuova... per fortuna che siamo pieni di risorse, le pagheranno loro le pensioni.

lambi65

Mer, 15/02/2017 - 17:15

uniformate tutte le pensioni con l'attuale legge e si risparmieranno miliardi!gente che è andata in pensione con 16 anni di contributi con l'ultimo stipendio percepito. magistrati fino a 30.000 euro al mese, ex presidente del consiglio con 74.000 euro, direttore generale INPS o poste con un milione all'anno di pensione. colonnelli che vanno in pensione con il grado di generale senza aver versato o fatto, sindacalisti che per 6 mesi vanno in pensione con 5000 euro cumulabili.....

Ritratto di trinity

trinity

Mer, 15/02/2017 - 17:21

L'INPS deve smettere di pagare le pensioni a quegli stranieri che sono residenti all'estero e, credetemi, sono veramente tanti, tra ricongiungimenti, disabili, ecc. Non controllano. Ma in un Paese dove la spesa pubblica è fuori controllo (solo questo anno la spesa pubblica è cresciuta di 45 miliardi...) e dove lo sport della cricca è rubare, cosa pretendiamo?! Per colpa loro, probabilmente né noi e né i nostri figli avranno mai la pensione. Un immigrato in Italia da dieci anni ha diritto alla pensione, invece.

bimbo

Mer, 15/02/2017 - 17:25

Bè se facessero pagare anche ai dipendenti assunti prima dell'anno 2001 la quota della ritenuta previdenziale a carico del lavoratore dipendente sia privato che pubblico , forse lo Stato recupera qualche soldino da girare all'INPS per sanare un po sti bilanci rossi da fare schifo e da far venire la voglia di andarsene..

Mechwarrior

Mer, 15/02/2017 - 17:25

su su richiamate la fornero che, piangendo, ci manderà in pensione a 150 anni

Ritratto di pulicit

pulicit

Mer, 15/02/2017 - 17:40

Povera Italia, paghiamo pensioni da 90 mila euro mensili,paghiamo pensioni a chi non ha mai versato un centesimo e ci lamentiamo... Regards

Gianfranco__

Mer, 15/02/2017 - 17:41

cosa diavolo aspettano a tagliare le pensioni d'oro?

Ritratto di Inhocsignovinces

Inhocsignovinces

Mer, 15/02/2017 - 17:50

ladri e contapalle PRODI DOVE SEI ?

snips

Mer, 15/02/2017 - 17:57

E' sempre la solita storia...nel '70 già lo sentivo dire da mio padre..ora lo ripeto io che ho 66 anni..e mio figlio lo sente che ne ha 33!In breve:l'Inps è nata come Previdenza e non Assistenza,i nostri beneamati politici ne hanno fatto un minestrone dove pescano,secondo quello che gli fà comodo, la previdenza/patate(i poveri pensionati e/o pensionandi che ancora versano)oppure l'assistenza/carote(Cassa integrati,etc.etc.)con il risultato che è diventato un minestrone stomachevole,con le patate crude e le carote dure, che scontenta tutti.Solo i ns.politici e magistrati mangiano il filetto..loro del minestrone ne fanno a meno!

lavitaebreve

Mer, 15/02/2017 - 17:58

DATE LA POSSIBILITÀ AI CITTADINI ITALIANI DI FARSI LA PROPRIA PENSIONE COME VOGLIONO QUANDO VOGLIONO E CON CHI VOGLIONO. LIBERTÀ LIBERTÀ LIBERTÀ.

unosolo

Mer, 15/02/2017 - 18:07

praticamente sono solo i politici , ex politici che svuotano la INPS senza aver versato il giusto hanno rientri enormi , eliminiamo quello spreco è un furto continuato e ci fa perdere a noi le nostre pensioni , sudate per oltre 40 anni lunghissimi e i ladri si barricano a mantenersi i loro diritti rubati al lavoratore,

giusto1910

Mer, 15/02/2017 - 18:07

Forse l'unico modo per cambiare veramente sarebbe il fallimento........"muoia Sansone con tutti i filistei".

glasnost

Mer, 15/02/2017 - 18:08

Ma per quale motivo l'INPS continua a pagare anche le indennità di disoccupazione che non c'entrano nulla con le pensioni? Questa cosa è interesse di chi?????

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Mer, 15/02/2017 - 18:18

"Merito" di Romano Prodi che ha accollato all'INPS il carozzone INDAP , la cassa prevdenziale dei dipendenti pubblici dove lO STATO NON HA VERSATO e NON VERSA I CONTRIBUTI AI SUOI DIPENDENTI. Questa è una delle maggiori vergogne italiane !

lawless

Mer, 15/02/2017 - 18:19

Lo avevo detto qualche mesa fa ed ora lo ripeto. I soldi sono finiti. Quelli che ci sono o si usano per mantenere i clandestini o si usano per le pensioni degli italiani, siccome i cattocomunisti hanno già deciso che verranno usati per i clandestini i pensionati a breve riceveranno per forza di cose la pensione a mesi alterni, punto.

blackbird

Mer, 15/02/2017 - 18:30

Se non sbaglio, ma potrei farlo, la pensione mutua è stata istituita da Mussolini, un retaggio fascista che ancora ci perseguita! Basta abolirla ed è tutto risolto! E i vecchi? Imparino dai migranti: a dormire sotto i ponti e raccattare cibo negli spacci della Caritas! E' il nuovo che avanza, la situazione cui ci dobbiamo adeguare!

Ritratto di riflessiva

riflessiva

Mer, 15/02/2017 - 18:33

Se l'Imps dovesse pagare solo le pensioni di anzianità( anche quelle degli statali nonostante certi commenti dementi che leggo, perché anche loro versano i contributi- non sono statale per fortuna), e non anche quelle sociali e non dovesse provvedere alla cassa integrazione, che a mio avviso dovrebbe essere a carico dell'erario sarebbe in attivo e ci sarebbe margine per aumenti e per garantire anche pensioni dignitose per domani.Questo vero nodo nessuno l'ha voluto affrontare. Il vero motivo del deficit che è sempre esistito a mio avviso è questo

giottin

Mer, 15/02/2017 - 18:34

Più che una riforma serve togliere le pensioni d'oro anche retroattivamente a chi non ha versato, punto!!!

Michele Calò

Mer, 15/02/2017 - 18:38

Intanto è l'INPS a costare enormemente tra ex politici e sindacalisti che ingrassano senza contare gli eccessivi stipendi erogati con pensione integrativa sempre pagata dai contribuenti. Inoltre è lo stesso Stato che non ha mai versato i contributi del pubblico impiego. Se aggiungiamo le pensioni agli sloveni, ai parenti degli arabi, le politiche clientelari assistenzialistiche, le truffe contributive ed altro ancora perché continuare a rapinare pensionati, lavoratori e aziende senza prima fare una seria pulizia?

giottin

Mer, 15/02/2017 - 18:39

Qualcuno mi sa dire quanto ci ha ciucciato in 60 anni di permanenza nella politica, senza aver prodotto un solo euro di PIL, il komunistone mai pentito napoletan napoliano???

Ritratto di alfredido2

alfredido2

Mer, 15/02/2017 - 18:51

Secondo D'Alema l'INPS lo salvano I migranti. Quindi nessuna paura.

Ritratto di orione1950

orione1950

Mer, 15/02/2017 - 18:53

Al patrimonio dell'INPS mancano 90 miliardi d'euro che il caro prodi "dimentico'" di versare. Questi soldi erano i contributi versati dai lavoratori all'INPDAP. Inoltre, l'assistenza va separata dalla previdenza; se questo non avverrà l'INPS sarà sempre in rosso.

Ritratto di orione1950

orione1950

Mer, 15/02/2017 - 19:01

Bisognerebbe aggiungere che il patrimonio immobiliare, nel quale sono stati investiti i contributi dei lavoratori del comparto privato, é poco valorizzato. Le vendite degl'immobili fatte ad amici , parenti, politici e sindacalisti non sono state fruttifere ed, inoltre, i canoni d'affitto sono bassissimi. La corte dei conti questo non l'ha evidenziato? e perché visto che parla di patrimonio?

Palumbo

Mer, 15/02/2017 - 19:13

E che dire delle ricchissime pensioni versate ai signori politici dopo solo quattro giorni di legislatura e ai lussuosi vitalizi pagati anche agli eredi.I cittadini pagano e non fiatano.Poveri e illusi andiamo ancora dietro a questi ladroni che le leggi le studiano per fare i loro porci comodi.

sparviero51

Mer, 15/02/2017 - 19:22

LE ULTIME FRASI DELLA RELAZIONE SONO PIUTTOSTO SIBILLINE , IN PARTICOLARE RIGUARDANO LA GOVERNANCE DELL'ENTE E GLI INDIRIZZI POLITICI . UN AVVISO DI SFRATTO A BOERI ???

Ritratto di Rames

Rames

Mer, 15/02/2017 - 19:43

In questo paese mai una cosa giusta.

Cheyenne

Mer, 15/02/2017 - 19:48

PRIMA RIFORMA CACCIARE BOERI

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 15/02/2017 - 19:54

se 10 versono e 20 percepiscono la pensione altri 20 percepiscono gli assegni famigliari, cosa volete che faccia l'INPS. Eliminare il welfare dall'inps. WELFARE vuol dire ASSISTENZA e l'inps il logo stesso dice PREVIDENZA non ASSISTENZA.

Ritratto di Giovanni da Udine

Giovanni da Udine

Mer, 15/02/2017 - 22:18

Finché ci saranno dipendenti pubblici che possono andare in pensione a 50 anni...!

rokko

Mer, 15/02/2017 - 23:06

Che i conti dell'INPS siano in rosso è la scoperta dell'acqua calda, visto che ci sono a momenti più pensionati che lavoratori attivi. Secondo me occorre limitare al minimo gli sprechi (es. Pensioni o assegni non dovutilizzare, ecc) ed aumentare l'età pensionabile.

m.nanni

Gio, 16/02/2017 - 07:30

la boldrini dice che i migranti pagano le nostre pensioni; non è che l'assistenza gratuita a gogò sta scassando l'inps?

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Gio, 16/02/2017 - 09:54

@snips:...concordo!!@Giovanni da Udine:certo!@Rames:...già!.....e mi fermo qui!!....A proposito di "assistenza",siete mai andati in un CAF(ente di patronato)??....Potreste constatare che al70%,le erogazioni per "assistenza",riguardano persono NON ITALIANE!!!Se poi mettiamo tutti i casini dell'Inpdap,le pensioni "baby",la faccenda del patrimonio immobiliare,personale,politici attivi e passivi,vitalizi,pensioni d'oro,integrazione,etc,etc...questo enorme calderone,è destinato a scoppiare!!!!!!

Duka

Dom, 19/02/2017 - 07:50

BENE SI SONO MANGIATI PURE I PALAZZI-