L'euro vicino a 1,40 dollari mette la Bce spalle al muro

Draghi costretto ad agire per evitare una deflazione che stroncherebbe la ripresa

Venerdì scorso, mentre l'euro flirtava pericolosamente con quota 1,40 dollari, Mario Draghi ci ha messo una pezza. L'ipertrofia della moneta unica «ha certamente avuto un impatto significativo nel nostro tasso d'inflazione - ha ammesso il presidente della Bce - e, dati gli attuali livelli d'inflazione, sta diventando rilevante in misura crescente nella nostra valutazione della stabilità dei prezzi». Ciò significa, in buona sostanza, che l'Eurotower sta per abbandonare quell'attendismo che da almeno un paio di mesi ne ha ingessato ogni decisione. All'inizio di aprile, dovrebbe quindi essere dispiegato l'arsenale di armi non convenzionali finora tenuto a prender polvere. Le ipotesi riguardano uno stop alle operazioni settimanali con cui la Bce riassorbe la liquidità di 175 miliardi creata comprando i titoli di Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda e Italia fra il 2010 e 2011, oppure l'acquisto di titoli di Stato sul modello della Fed; ultima alternativa, prendere in carico i prestiti di imprese e famiglie, trasformati in titoli attraverso le cartolarizzazioni.

A parte un taglio ai tassi, il cui eventuale effetto è visibile non prima di sei mesi, ognuna di queste tre opzioni presenta degli effetti collaterali, a cominciare da quali criteri adottare per effettuare gli acquisti. In assenza di interventi, non sono pochi gli esperti che prevedono un euro proiettato oltre la soglia di 1,45 dollari, con un potenziale rialzista anche nei confronti di yen e yuan. Un autentico disastro. A tal proposito, vale la pena di ricordare uno studio della Deutsche Bank, secondo cui la Germania può sopportare, senza soffrire, un cambio fino a quasi 1,80 dollari; gli altri Paesi periferici sarebbero invece già ben oltre la «soglia del dolore», fissata a 1,17 per l'Italia e a 1,24 per la Francia. Ciò spiega il motivo per cui il made in Deutschland regge ancora sui mercati internazionali, mentre le nostre imprese, faticando sempre di più a vendere non solo sul mercato interno causa recessione, ma anche al di fuori dei confini nazionali, hanno perso dal 2008 a oggi un quarto della capacità produttiva.
È evidente che rapporti di cambio ipertrofici metterebbero ulteriormente in ginocchio le nostre imprese e condannerebbero l'Italia (e non solo) alla deflazione. Non la miglior medicina per Paesi con elevati livelli d'indebitamento, nè per la ripresa, che ne risulterebbe seriamente compromessa con ricadute in termini di maggiore disoccupazione. Uno dei capisaldi delle politiche di austerity è incardinato sull'idea che il recupero di competitività dei Paesi periferici dell'eurozona debba passare dalle svalutazioni interne. Ovvero, attraverso la compressione dei salari garantita da un aumento del tasso di disoccupazione, unito alla minaccia di licenziamenti e delocalizzazioni. Chi non ha un posto e chi teme di perderlo, si sa, ha minor potere contrattuale. È quanto ha fatto tra il 2003 e il 2005 la Germania con l'Hartz IV, grazie a cui è stato recuperato un 25% di competitività. Con una sola differenza rispetto a oggi: le riforme del lavoro vennero attuate in un ciclo economico espansivo, non recessivo.
La crisi, affrontata con la politica del rigore, sta invece generando deflazione. E ora le contromisure della Bce potrebbero rivelarsi insufficienti. In realtà, ciò di cui l'eurozona avrebbe bisogno è di una Germania più solidale, disposta a rinunciare a parte del proprio ricchissimo surplus, stimolando la domanda interna con le importazioni dai Paesi in sofferenza.

Commenti
Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 17/03/2014 - 09:13

La BCE per evitare la deflazione DEVE aumentare la massa monetaria fisica in circolazione, non potendo attuare tale circostanza attraverso un incremento della velocità di circolazione della stessa, stante la stagnazione economica in atto dovuta da questa crisi che si sta dipanando ormai da troppo tempo. Però esiste un problema da non poco! Tale operazione porterebbe ad un aumento dei tassi di interesse, tali da comportare un aumento del costo per interessi per i paesi gravati da un debito pubblico elevato. Questa situazione è come il cane che si morde la coda! Di difficilissima soluzione. Nelle scelte della BCE, Draghi dovrà atteggiarsi in base alle priorità di politica economica che la Commissione Europea si è date in tema appunto di economia. Non vorrei essere comunque nei suoi panni!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/03/2014 - 09:40

Anche questo è colpa della Germania?

Mechwarrior

Lun, 17/03/2014 - 09:51

Giusto: propongo un dimezzamento degli stipendi di tutti gli italioti :-)

puntopresa10

Lun, 17/03/2014 - 10:04

caro trier,a lungo andare la germania la prenderà nel saccoccio,a maggio molto probabilmente,per quanto riguarda l'italia l'errore madornale è stato entrare nell'euro.

Libertà75

Lun, 17/03/2014 - 10:26

@franco, lei ama parlare senza mai conoscere la realtà dietrostante? Qualunquismo gratuito. La risposta sintetica alla sua domanda è "sì". Può fare le ricerche su internet, ci metterà 15 minuti e forse capirà qualcosa di economia. Poco sicuramente viste le premesse di una domanda così stupida.

Libertà75

Lun, 17/03/2014 - 10:32

A parte che io è un mese che vado dicendo che il cambio sarebbe 1,45... Qualcuno su questo sito si è affrettato a smentirmi. Se a Draghi non si da la possibilità di espandere la moneta, l'Europa è destinata a scendere ai livelli degli anni 70. In realtà, anche per i tedeschi si prospetta una società con meno benessere collettivo perché togliendo ricchezza alla periferia dell'Europa, il risultato sarà che Paesi emergenti e in via di sviluppo raggiungeranno i livelli dell'europeriferia divenendo sempre più accorti ai sistemi tecnologici di produzione, andando quel giorno a competere anche sul mercato produttivo dei tedeschi, ma a prezzi di oltre la metà inferiore. Dovremmo ricordare in Germania le polemiche che facevano con gli elettrodomestici italiani, ma si sa la memoria corta è tipica dell'essere umano.

Ritratto di dbell56

dbell56

Lun, 17/03/2014 - 11:04

Si, egregio franco-a-trier_DE! E' colpa della Germania, e questo te lo dice uno che non considera e mai ha considerato i tedeschi antipatici o propri nemici. Anzi, quella che ho in proprietà è la mia quarta VW.

Klotz1960

Lun, 17/03/2014 - 11:13

Certo che e' colpa della Germania. Usa, GB e Giappone si ricomprano i debiti stampando moneta (e svalutando). Gli unici CRETINI che ne avrebbero un bisogno primario, impellente, siamo noi Europei, ma non possiamo farlo, grazie alla ottusa bottegaia di Berlino. Per fortuna stanno per arrivare le elezioni per il Parlamento Europeo.

mar75

Lun, 17/03/2014 - 11:30

Ottimo per fare acquisti su eBay dall'estero :)

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Lun, 17/03/2014 - 11:44

Scusate, non voglio difendere la Germania ossia prendere parte, ma nella Ue non c´è solo la Germania che comanda è a prendere le decisione sono sempre i 28 paesi membri della Ue. Lo sbaglio gravissimo e stato uno solo gli hanno permesso di prendere la sovranità e comandare. Conclusione i politici che ci rappresentano nella Ue sono e rimangono INCAPACE "punto". Il 25 Maggio di sicuro cambierà la musica e l´orchestra!! Fuori dal €...!!!

Ritratto di AlleXpert

AlleXpert

Lun, 17/03/2014 - 12:04

Libertà75, la situazione attuale che il dollaro andava oltre 1,40 lo pronosticato al mio Direttore della Deutsche Bank gia appena siamo entrato nel €uro. A mio avviso era ovvio, i 28 Stati della Ue non avendo un Economia a parità era destinata di fare questa fine, solo i paesi forti potevano suffruire della moneta unica. Oggi abbiamo le prove concrete!! Per correttezza la Deutsche Bank al interno pronosticava e ancora oggi calcola con un Dollaro intorno al 1,20-1,25 che sia adeguato alla Economia Mondiale!!

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/03/2014 - 14:05

puntosorpresa con il marco tedesco la Germania andava benissimo comunque dillo al tuo terzetto che ha voluto l'euro in Europa chiedilo a D'Amato , Ciampi e a Prodi , i tre cavalieri dell'Apocalisse.Aggiungi pure la Bonino, poi segue una coda lunghissima di ladroni e corrotti al governo.Libertà75 le accuse stupide le fate voi, sapete che l'Italia non è in grado di restare in Europa con ladroni corrotti al governo comunisti che comandano e con una evasione fiscale altissima mi venite a dire che è colpa della Germania? Se la Germania potesse giudicare tutti questi corrotti ladroni politici italiani e non politici avrebbe costruito immense carceri per tutti.A me quello che mi meraviglia siete voi popolino che non valete una cicca.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/03/2014 - 14:05

puntosorpresa con il marco tedesco la Germania andava benissimo comunque dillo al tuo terzetto che ha voluto l'euro in Europa chiedilo a D'Amato , Ciampi e a Prodi , i tre cavalieri dell'Apocalisse.Aggiungi pure la Bonino, poi segue una coda lunghissima di ladroni e corrotti al governo.Libertà75 le accuse stupide le fate voi, sapete che l'Italia non è in grado di restare in Europa con ladroni corrotti al governo comunisti che comandano e con una evasione fiscale altissima mi venite a dire che è colpa della Germania? Se la Germania potesse giudicare tutti questi corrotti ladroni politici italiani e non politici avrebbe costruito immense carceri per tutti.A me quello che mi meraviglia siete voi popolino che non valete una cicca.

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/03/2014 - 18:14

Comunque sono tornato ora dal Luxemburgo ed ho fatto il pieno di gasolio nella auto pagandolo a euro 1,17 centesimi al litro, la benzina non arriva a 1,30/l

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/03/2014 - 18:14

Comunque sono tornato ora dal Luxemburgo ed ho fatto il pieno di gasolio nella auto pagandolo a euro 1,17 centesimi al litro, la benzina non arriva a 1,30/l

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/03/2014 - 18:14

Comunque sono tornato ora dal Luxemburgo ed ho fatto il pieno di gasolio nella auto pagandolo a euro 1,17 centesimi al litro, la benzina non arriva a 1,30/l

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Lun, 17/03/2014 - 18:14

Comunque sono tornato ora dal Luxemburgo ed ho fatto il pieno di gasolio nella auto pagandolo a euro 1,17 centesimi al litro, la benzina non arriva a 1,30/l

Ritratto di ohm

ohm

Mar, 18/03/2014 - 06:55

Il 26 Maggio intorno alle ore 17:00 la tedesca comincerà a sobbalzare dalla sedia : riceverà una batosta che se la ricorderà per tutta la vita e noi finalmente saremo liberi da questo cappio che si sta stringendo sempre di più. W la sovranità italiana.

Raoul Pontalti

Mar, 18/03/2014 - 16:51

ohm quanto sei illuso! Anche arrivassero al 30% e oltre gli euroscettici cosa potranno fare in realtà, specie se si tratta di parvenu della politica, capaci di raccontare fregnacce sugli extracomunitari, gli zingari etc. e poi quando sono al governo (come in Italia) ci riempiono di extracomunitari e di zingari? E con Salvini già sputtanato al Parlamento europeo come fannullone che viene all'ultimo minuto in aula a dire che quello che si vota è aria fritta ma per mesi e mesi non è intervenuto in commissione a far valere le sue ragioni? Con i comici vaffanculisti e con i compratori di lauree in Albania (islamica!) e investitori in Tanzania (dai negri!) le lobbies eurocratiche avranno gioco facile. P.S. Non è che il Tuo nickname sia rivelatore di una certa Tua qual tendenza alla...resistenza alla ragione e al buon senso?