L'Inps: "Calano disoccupazione e ore di cassa integrazione"

Calate le richieste alla cassa integrazione rispetto allo stesso mese dello scorso anno

Calano le domande di disoccupazione. A marzo ne sono state presentate in totale 118.786, il 15,5% in meno rispetto alle 140.571 dello stesso mese del 2014. Lo fa sapere l'Inps, indicando che ci sono state 86.316 richieste di Aspi (Assicurazione sociale per l'impiego), 27.846 di mini Aspi, 263 tra disoccupazione ordinaria e speciale edile e 4.361 di mobilità.

Si riducono anche le ore di cassa integrazione guadagni, scese del 36,9% rispetto ad aprile 2014. A pesare è soprattutto il crollo della cig in deroga, che perde il 77,3% sull'anno, secondo i numeri dell'Inps. Nel confronto con marzo, i dati destagionalizzati evidenziano invece un aumento del 3,6% per il totale degli interventi di cassa integrazione.

Considerando solo gli interventi in deroga, l'Istituto di previdenza ricorda infatti che "come noto risentono dei fermi amministrativi per carenza di stanziamenti": in particolare le ore autorizzate ad aprile sono state 4,2 milioni, il 77,3% in meno rispetto ai 18,6 milioni autorizzati ad aprile 2014.

Le ore autorizzate di cassa integrazione ordinaria sono invece state 19,5 milioni: ad aprile 2014 eravamo a quota 22,5 milioni. C'è stata quindi una diminuzione tendenziale del 13,6%. In particolare, la flessione è risultata del 9% nel settore Industria e del 23,9% nel settore Edilizia.

Infine, il numero di ore di cassa integrazione straordinaria autorizzate, sempre ad aprile, è stato di 37,4 milioni, il 32,8% in meno rispetto ad aprile 2014, quando c'erano state 55,6 milioni di ore. Nel complesso, ad aprile 2014 erano state autorizzate 96,7 milioni di ore di cassa integrazione guadagni.

Commenti

Libertà75

Lun, 18/05/2015 - 14:17

La cassa integrazione è un assegno che spetta per un tempo limitato a chi è espulso dal mercato del lavoro... Probabilmente il sistema sta scontando coloro che perdono il diritto alla CIG, oltre alla diminuzione dei fondi per la CIG oraria. I dati sopra sono abbastanza inutili se non incrociati con il mercato del lavoro, perché cosi ci dicono solo che risparmiano soldi, ma non se li risparmiano per il miglioramento dell'economia o se per la perdita di diritti.

SanSilvioDaArcore

Lun, 18/05/2015 - 14:48

Ah bene, siamo usciti dalla crisi

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Lun, 18/05/2015 - 15:41

Da quando il presidente è il fichetto Boeri, l'Inps sembra diventato il megafono di palazzo Chigi... e più le spara, più perde credibilità.

Lucky52

Lun, 18/05/2015 - 15:53

Per forza sono aumentate le aziende che hanno chiuso definitivamente. Prossimi licenziamenti: 1440 Auchan; 1400 circa Carrefour; Mediaworld; Whirpool; De Agostini;Mondo Convenienza;Rotoalba;Se questa è la ripresa di Renzi e del PD !!

Blueray

Lun, 18/05/2015 - 15:54

Per forza, meno lavoro c'è e meno questi parametri incidono. Quando tutti saranno disoccupati, (tranne gli addetti del pubblico impiego), dopo un po' non ci saranno più domande di disoccupazione né CIG!

Duka

Mer, 20/05/2015 - 13:14

Ennesima mega-balla ad uso e consumo del fumo negli occhi. La verità che la CIG non viene più garantita a tutto il settore artigiano. Per questo è in calo, è inutile chiederla le domande sono respinte. Naturalmente boccaloni e comunisti plaudiranno al governo del bullo. Una bufala in più che non fa nemmeno ridere.

boro-talco

Lun, 29/06/2015 - 00:16

Oibò, apro le finestre e non mi par di vedere quelle migliorie che decantano! E poi leggo di un sig.Presidente che dice "giovani e sud". Un bel guizzo di fantasia! ma aggiungiamo quelle migliaia di poveracci che han età di mezzo e non li vuole più nessuno. Anzi, in onore di quelle persone - portatrici di una grave malattia ripudiata dal mondo del lavoro: avere più di 45 anni! - giriamo questo link di Youtube il più possibile! Ma prima guardatelo, leggete il testo che lo accompagna e ... fatevi una cantatina, buon divertimento. https://youtu.be/1tnNu5WdLUo