Mamme, tate e bebè: tutti i bonus a rischio

I bonus del governo Renzi adesso sono a rischio. Di fatto l'esecutivo in questi due anni di legislatura ha elargito diversi bonus tarandoli per ogni occasione elttorale

I bonus del governo Renzi adesso sono a rischio. Di fatto l'esecutivo in questi due anni di legislatura ha elargito diversi bonus tarandoli per ogni occasione elttorale. Stiamo parlando dei bonus per i neopapà, quelli per le baby sitter, il bonus nido e il bonus mamma e bebè. Dopo un primo anno in cui le richieste sono state quasi nulle per scarsa conoscenza dei provvedimenti, quest'anno le risorse stanziate dal governo sono andate a ruba. I 20 milioni messi a disposizione sono finiti in pochi mesi. Con la nuova legge di stabilità di fatto una cosa è certa: non tutti i bonus saranno confermati.

E così per ogni fascia di bonus c'è in campo un'ipotesi diversa.

Bonus baby sitter - per quanto riguarda la baby sitter era possibile richiedere 600 euro al mese per sei mesi. E a chiedere il contributo, prima che i soldi andassero in esaurimento sono state circa 5500 mamme. Adesso l'esecutivo deve decidere se confermare o meno il bonus, come ricorda il Corriere. Ma di fatto l'ipotesi a cui mira palazzo Chigi potrebbe essere quella di una stabilizzazione del bonus alzano lo stanziamento da 20 a 35 milioni.

Bonus nido - Questo è forse uno dei bonus più utili per le famiglie. Un buono da mille euro per i genitori che iscrivono il figlio a un nido pubblico o privato
che spetterebbe a tutti senza limiti di reddito e indipendentemente dal fatto che la mamma lavori. Un bonus che richiede un grosso sforzo di cassa e che probabilmente potrebbe essere tra quelli maggiormente a rischio nelal legge di stabilità.

Sconti fiscali per tata - Questo bonus riguarda tutte le somme versate alle tate per accudire i bambini nati da mamme con un'età inferiore a 30 anni e con una situazione lavorativa instabile come ad esempio tutte coloro che hanno un contratto a termine, apprendiste, stagionali o un voucher di lavoro.

Bonus mamma e bebè - 800 euro per le mamme che in gravidanza devono affrontare le spese di diagnostica per la nascita del primo figlio. A questo andrebbe aggiunto il bonus da 80 euro al mese per tre anni per i bambini nati in famiglie con un Isee sotto i 25mila euro lordi l'anno. Una delle ipotesi sul campo prevede il prolungamento dei bonus a cinque anni.

Commenti

unosolo

Sab, 15/10/2016 - 14:39

sappiamo che non ci sono soldi e questo governo si inventa incentivi a spendere soldi facendo debiti elevati , il motivo lo sappiamo galleggiare il più possibile e cercare di strappare il si al referendum , mai un governo fece tanti danni , il primo nella storia della nostra Nazione,.

Ritratto di ateius

ateius

Sab, 15/10/2016 - 16:50

Io spero vivamente che Non vengano elargiti questi bonus.. con le mie ritenute dover provvedere alle tate.. mamme, asili mense baby sitter nidi e bebè di famiglie altrui.. se una famiglia coscienziosamente mette al mondo figli...non è che poi devo provvedere io al loro sostentamento. se hanno problemi economici se ne può parlare.. ma in questi casi subentra l'assistenza. altrimenti io sono stufo di..PAGARE Anche per i bebè.