Maserati Levante da metà maggio Parte la sfida a Porsche Cayenne

Pierluigi Bonora

Tabiano (Parma) Maserati Levante nella prima quindicina di maggio e Alfa Romeo Giulia subito dopo, in giugno. Per i due modelli core dei rispettivi marchi è arrivato il momento della verità. Ieri l'ad di Alfa e Maserati, Harald Wester, ha di fatto varato Levante, Suv di 5 metri che costerà a partire da 73.400 euro (diesel da 250 e 275 cavalli), pronto a sferrare l'attacco ai concorrenti tedeschi della stessa taglia, come Porsche Cayenne, Bmw X5 e X6, Audi Q7 e Mercedes Gle. Il primo Suv di Maserati, che nasce nel 101° anno di esistenza della Casa, si inserisce in un segmento, quello premium, che nel mondo vale 1 milione di unità, il 50% delle quali proprio di questo segmento. Levante è già in produzione a Mirafiori. Alla nuova linea lavorano alcune centinaia di operai, il cui numero crescerà proporzionalmente ai volumi. «Obiettivo è raggiungere, a regime, 30mila Levante - ricorda Wester - ma questo modello potrebbe riservare sorprese positive. I mercati che si contenderanno la leadership saranno quello americano e quello dell'area Asia- Pacifico». Grazie al Suv, Maserati conta di più che raddoppiare, fino a 70mila unità nel 2018, il numero di vetture vendute». A Mirafiori, insieme a Levante, continua la produzione di Alfa MiTo, da poco rinnovata, in attesa che l'ad di Fca, Sergio Marchionne, designi il futuro modello Alfa Romeo.

Per Modena, intanto, notizie sul futuro potrebbero arrivare entro fine anno. Lo storico sito del Tridente si sta sempre più specializzando come centro di progettazione e ingegnerizzazione di Alfa e Maserati.