Mercati, Milano nervosa in avvio: spread torna sopra i 240

Partenza tranquilla per gli indici europei mentre piazza Affari si mostra nervosa, all'indomani della fiducia incassata al Senato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che oggi si presenterà davanti alla Camera dei deputati

Partenza tranquilla per gli indici europei mentre piazza Affari si mostra nervosa, all'indomani della fiducia incassata al Senato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che oggi si presenterà davanti alla Camera dei deputati. Nel suo discorso, Conte ha detto che le azioni del governo si baseranno sul contratto tra Lega e M5S, ha ribadito che l'uscita dall'euro non è in discussione ma è rimasto vago su pensioni, flat tax e debito pubblico, mentre sulla politica estera ha aperto alla Russia. Anche oggi resta la tensione sull'obbligazionario: in avvio di giornata lo spread tra BTp e Bund è in rialzo a 250 punti. Il rendimento del decennale italiano è al 2,899%. I mercati si interrogano sul programma di governo e non gradiscono i pochi dettagli che il premier ha dato sulle coperture finanziarie delle misure che intende adottare. Milano nelle prime battute saliva dello 0,5% ma ha poi subito girato in calo dello 0,6% appesantita dai finanziari, mentre Parigi e Francoforte segnano un +0,2% e Madrid +0,35%.

I mercati inoltre iniziano a guardare alla prossima riunione della Bce, dopo le indiscrezioni circolate di ieri secondo cui la prossima settimana il board della Banca centrale potrebbe discutere i tempi dell'interruzione degli acquisti di asset. Di conseguenza, l'euro/dollaro si è rafforzato tornando sopra quota 1,17 e scambia stamattina a 1,1746 (da 1,1678 ieri in chiusura). In rialzo anche l'euro/yen a 129,27 (da 128,17) mentre il dollaro/yen è a 110,05 (da 109,7). Sull'azionario milanese prende subito la via del rialzo Fca (+1,3) seguita da Mediaset in progresso dell'1,18%. Continua la serie positiva di St (+1%) in scia dei record del Nasdaq con tutto il settore tech. Gli acquisti premiano anche le utilities e i titoli petroliferi, con il greggio tornato a salire (+0,3% il Wti a 65,72 dollari e +0,8% il Brent a 75,98 dollari al barile). Si conferma invece la debolezza dei finanziari a partire dalle banche: in calo Unicredit (-1,17%), Ubi Banca (-0,6%) e Intesa (-0,6%). Debole anche Azimut che dopo il 4% perso ieri cede un altro punto percentuale. In coda al listino Moncler (-1,4%) dopo la recente corsa.

Commenti

DRAGONI

Mer, 06/06/2018 - 09:48

COLPI DI CODA DI CHI PREFERISCE IL VECCHIO TRAN TRAN ECONOMICO POLITICO?

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Mer, 06/06/2018 - 10:07

Stanno facendo il lavoro che potevamo aspettarci : lo spread è l'unica arma che hanno (alla BCE, in Com.UE, e i mercati finanziari, a formare la componente TOTALITARISTA più pericolosa per la DEMOCRAZIA che sia emersa da 70anni a questa parte) per cercare di fare desistere dai propositi di CAMBIAMENTO un esecutivo di governo a loro indesiderato come quello appena insediatosi; lo conferma la miserabile figura attuata ieri in Senato da un loro servo -il sen. a vita mario monti-(sic) che ha minacciato l'Italia, il suo governo e i suoi cittadini del possibile arrivo della "troika" nel caso dovessimo fare gli "scolari cattivi". Che razza di miserabili. E per quanto tempo ancora i cittadini liberi dovranno ancora tollerare e sopportare questo peso ?...

jaguar

Mer, 06/06/2018 - 10:32

I mercati hanno ascoltato le profezie nefaste sentenziate ieri da Monti.

schiacciarayban

Mer, 06/06/2018 - 10:37

Speriamo che la smettano di parlare e comincino a fare qualcosa, per il momento abbiamo sentito solo un sacco di chiacchiere, come se fossero tutti ancora in campagna elettorale. Parlare è facile, lo possono fare tutti, vediamo se riescono a tradurre in fatti le loro promesse. Sui 5S ho poche speranze, sulla Lega un po' di più.

luigirossi

Mer, 06/06/2018 - 11:35

Questo è un ricatto della finanza ebraica mondiale e dei tedeschi,il governo MUOVA SUBITO LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI COME FATTO LA SETTIMANA SCORSA.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Mer, 06/06/2018 - 13:36

Se ci fosse stato nonno Silvio al governo, dopo aver baciato in precedenza la pantofola della Merkel e conseguentemente dato la stura a certa oligarichia in odore di massoneria che vuol prendersi tutto, non ci sarebbe stato questo casino....

mifra77

Mer, 06/06/2018 - 14:53

Monti vi ha minacciato e voi ci avete riso sopra! Ecco la risposta. Non si tratta così un commissario europeo e soprattutto senatore a vita! Ed ancora più sopra alle righe,senza minacciarlo di togliergli la carica di senatore a vita, se non la smette di guerreggiare sul fronte nemico. Pensate che per venticinque mila euro si convinca? ... dipende da quanto incassa per fare doppio gioco.

Ritratto di aorlansky60

aorlansky60

Gio, 07/06/2018 - 09:56

@ mifra77 : da ciò che scrive, vedo che lei è uno che ha capito tutto; mi dica allora lei come si deve trattare uno come m.monti che ha distrutto l'economia italiana in poco più di un anno, e che continua a fare lavoro di propaganda da chi è pagato, gli stessi che gli dissero di fare quanto mise in esecuzione nel governo da lui presieduto.