Pensioni, riforma al palo. Ma Boeri sogna di portare la legge Fornero in Cina

Renzi ci obbliga a tenere la legge Fornero per altri tre anni. E il presidente dell'Inps pensa alla Cina

"I cinesi hanno un sistema pensionistico in evoluzione e il nostro modello è un punto di riferimento". In una intervista al Sole 24Ore il presidente dell’Inps Tito Boeri, in queste ore a Pechino per il lancio del progetto cofinanziato da Unione europea e Cina sulla riforma della protezione sociale cinese, di cui l’ente italiano è capofila, sogna di riformare il walfare (comunista) della Cina. Peccato che fatichi a fare lo stesso con la legge Fornero che il premier Matteo Renzi continua a difendere pur di non mettere mano al sistema previdenziale.

In Italia la riforma delle pensioni è in alto mare. Con buone probabilità dovremo fare i conti con la legge Fornero per altri tre anni. Renzi non ha alcuna intenzione di mettere sul tavolo coperture economiche per rivedere le pensioni degli italiani. Così, non potendo intervenire nel suo Paese, Boeri sogna di rifare il walfare nella rossa Cina: "L’Inps - racconta il presidente dell'Inps - è un ente di riferimento anche nel panorama europeo, ancor più in questa fase di accorpamento degli enti preesistenti". L'idea è che il contributo al sistema cinese possa partire proprio dal modello strutturale dell'Inps. "Certo, ci sono parecchi elementi che possiamo condividere - spiega - i cinesi hanno un sistema pensionistico in evoluzione, che si va progressivamente ampliando per raggiungere platee più vaste: la copertura dei lavoratori nel settore urbano è cresciuta moltissimo e sta arrivando al 60%, nelle zone rurali invece è ancora molto, molto bassa". Per superare queste disparità tra le varie aree, spiega il presidente Inps, "la Cina ha bisogno di predisporre un’infrastruttura per la raccolta dei contributi: l’assistenza che possiamo fornire parte dalla struttura, dalla rete informatica, dalle modalità di raccolta, dalla gestione dei flussi e così via". Quanto al fronte dell’assistenza, "è indubbio che in Cina abbiano problemi anche sul fronte assistenziale. Per questo - continua Boeri - partiremo illustrando l’Isee, un nostro fiore all’occhiello che risponde alla necessità di selezionare la platea dei beneficiari".

Commenti
Ritratto di gianky53

gianky53

Lun, 14/09/2015 - 10:36

Dobbiamo ridere o piangere, non si capisce. Boeri che va ad insegnare ai cinesi il modello pensionistico italiano... L'avrà mandato Renzi per toglierselo dai piedi per un po', visto che non ha tempo e voglia di occuparsi di un problema concreto come quello degli esodati.

cgf

Lun, 14/09/2015 - 10:39

un punto di riferimento perché così non pagano le pensioni? è quello che sta succedendo da quando questo signore[ino] ha cominciato a scaldare la poltrona dell'INPS, troppo magna-magna che rimane poco?

Beaufou

Lun, 14/09/2015 - 11:14

Boeri farebbe molto meglio a studiare seriamente come migliorare il disastrato sistema pensionistico italiano (con pensioni da 500 euro/mese a 90.000 euro/mese), invece di pensare a quello cinese. Ma tant'è, succede sempre così: quando uno non sa che cavolo fare, si mette a "pensare in grande". Un modo come un altro per perdere il tempo dando l'impressione di far qualcosa.

roliboni258

Lun, 14/09/2015 - 11:30

vai in Cina e non rompere i maroni

DeZena

Lun, 14/09/2015 - 11:39

vergogna a questo schifo di governo illeggittimo, come quello di Monti del resto. I 40 anni di contributi dovevano essere un paletto, in primis la Eltsin con la parrucca diceva che era un diritto inalienabile dei lavoratori...ah ah. Chi e' che seriamente si occupa di cancellare questa sciagurata riforma???

mifra77

Lun, 14/09/2015 - 11:42

Perché boeri dovrebbe esportare la legge Fornero in cina? ...ma mandiamoci direttamente la Fornero! e se esiliamo in Cina anche Boeri,possono ricominciare a vivere anche i pensionati.

marco48

Lun, 14/09/2015 - 12:35

Siccome non l'ha votato nessuno se si occupa dell'Inps come facevano I suoi predecessor va bene. Se, viceversa, propone ricette politiche sulla previdenza, abusa del suo ruolo e dovrebbe essere rimosso. Ma è di moda oramai utilizzare personaggi non eletti da nessuno per fare I prestanomi della politica. L'elenco è già lungo: Monti, Fornero, Giannini, Renzi, Padoan, ecc.

Ernestinho

Lun, 14/09/2015 - 13:39

Ci sono problemi più urgenti che la legge fornero. Per esempio le unioni "civili"!!! Ed intanto gli esodati, gli aspiranti pensionati ultrasessantenni, i disoccupati in attesa di lavoro, che apettino con comodo!!!

Ernestinho

Lun, 14/09/2015 - 13:45

Và in Cina ed esiliati sulla Muraglia Cinese!

kapasana60

Lun, 14/09/2015 - 17:24

Probabilmente per risolvere la crisi economica mondiale occorrerebbe in Cina più che la Fornero la presenza delle sigle sindacali in primis Susanna