Pensioni, Giuseppe Cardinale: "Così ho fatto ricorso per le perequazioni"

Il pensionato che per primo ha fatto valere davanti a un tribunale la questione di illegittimità costituzionale della riforma Fornero ottenendo la bocciatura della norma del 2011 sul blocco della perequazione degli assegni oltre tre volte il minimo

"Non me l’aspettavo: abbiamo lanciato un petardino e abbiamo fatto scoppiare l’atomica". A dirlo, in un colloquio con il Corriere della Sera, è Giuseppe Cardinale, il pensionato che per primo ha fatto valere davanti a un tribunale la questione di illegittimità costituzionale della riforma Fornero ottenendo la bocciatura della norma del 2011 sul blocco della perequazione degli assegni oltre tre volte il minimo. "Mi hanno chiamato da Manager Italia, il mio sindacato, e abbiamo parlato di questa possibilità. All’inizio non avevo chiaro se c’era fondamento giuridico. Poi ho capito che poteva essere non del tutto campata in aria e ho detto: perchè no?", racconta Cardinale. "È un discorso di diritti acquisiti che vengono violentati, anche perchè non si distingue tra pensionati come me, che prendo circa 1.600 euro al mese, e quelli da 15-20 mila. Che poi dico: anche questi, se hanno versato i contributi, perchè non dovrebbero avere la pensione? Certo, se non li hanno versati, li rubano a qualcun altro". Ora dopo la sentenza della Consulta il governo deve correre ai ripari.

"Entro la prossima settimana il Consiglio dei ministri potrebbe già varare un decreto. Meglio risolvere il prima possibile sia in termini di trattamento degli arretrati sia in termini di regime futuro, anche perchè la Commissione europea ci sta osservando attentamente. Non ripristineremo totalmente l’indicizzazione, lo faremo in modo parziale e selettivo. Progressività e temporaneità, come dice la Corte, vuol dire evidentemente che sono le pensioni più basse che devono essere protette più di quelle alte", ha affermato il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, in un’intervista al Messaggero.

Commenti
Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 10/05/2015 - 12:25

Il discorso del pensionato non fà una piega e mostra il dilettattismo di tanti pseudo esperti parlamentari che poggiano su consigli interessati quanto errati di taluni dirigenti ministeriali alquanto "interessati" all'argomento trattato.

terzino

Dom, 10/05/2015 - 12:28

Curioso di vedere quali pensioni saranno considerate alte, quale giustizia sociale saranno capaci di stabilire. Nutro scarsa fiducia in questi tromboni.

Ritratto di robocop2000

robocop2000

Dom, 10/05/2015 - 12:32

E' PROBABILE KE LA PEZZA SAR' PEGGIORE DEL BUCO E SARA' A SUA VOLTA INCOSTITUZIONALE.

Ritratto di Luigi.Morettini

Anonimo (non verificato)

Ritratto di Scassa

Scassa

Dom, 10/05/2015 - 12:52

scassa domenica 9 maggio 2015 Benefici legalmente guadagnati non sono in alcun modo o maniera alienabili ,e questo principio deve valere per ogni livello pensionistico LEGALE ! Tutte le altre ,frutto di truffa,ladrocinio o benefit elargito alla faccia di chi lavora e paga tutto,VA SEMPLICEMENTE TOLTO E INIBITO OGNI RICORSO . I regali ,al contrario delle pensioni legali,non sono a vita !!!!!!!!!!!!scassa.

Anonimo (non verificato)

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 10/05/2015 - 13:17

Dovrebbero essere considerate alte tutte le pensioni col sistema retributivo nella parte eccedente i 3.000 con un taglio del 10% la parte eccedente.

billyserrano

Dom, 10/05/2015 - 13:19

Ce la stanno mettendo tutta, per trovare un qualche cavillo, per non dare nulla o poco ai pensionati. Prima il furto legalizzato, e ora la beffa di non dare nulla o solo in parte. Questa è la sinistra attenta alle classi meno abbienti? Figuriamoci se non lo fossa stato!!!

cgf

Dom, 10/05/2015 - 13:47

n.b. partito da Manageritalia perché se doveva partire da SPI CGIL.... quelli, oltre curare la propria poltrona, magari passando poi in parlamento, non vanno molto oltre che organizzare la gita con pranzo al sacco per portare i pensionati a manifestare in piazza.

buri

Dom, 10/05/2015 - 16:02

Bravo!! non servono altri commenti

buri

Dom, 10/05/2015 - 16:07

i pensionati non hanno bisogno di andare a manifestare in piazza, basterà che si ricordino di Renzi e della sua cricca a fine del corrente mese, quando si andrà a votare

Paolino Pierino

Dom, 10/05/2015 - 17:51

Pensionati leggete attentamente chi ha presentato il ricorso alla Corte. Non sono stati i sindacati pieni di luridi personaggi che aspirano solo a diventare onorevoli nullafacenti e politici schifosi Personaggi ai quali milioni di idioti pagano la tessera.Ha presentata il ricorso un azienda privata. Tra poco si voterà per le regionali ricordarsi di chi vi ruba i danari vi imbroglia e trama sempre nuove truffe. Mandiamoli a casa a fare danni in famiglia,la loro

killkoms

Dom, 10/05/2015 - 19:27

la costituzione "più beellaaa"del mondo ha generato mosyti!tralasciando la magistratura ordinaria(per carità cristiana),ma in quale paese della ue(ma forse del mondo democratico) la locale corte costituzionale avrebbe fatto ciò?ma questi signori vivono su marte?e meno male che tra essi vi era il"dottor sottile" amato!la verità è che una"mediocre"democrazia come la nostra,nata sull'onda della fobia dell'orbace,ha fatto in modo di avere troppi attori (parlamento, governo,magistratura,presidente della repubblica, corte costituzionale)che si rompono le corna tra di loro invadendo i campi degli altri!l'azione appare sconsiderata anche in virtù del fatto che anche se la"sacra corte" non se n'è accorta,ormai l'Italia NON ha più la sovranità monetaria,avendo adottato la moneta unica..e dovendo rendere conto ad organismi sovranazionali(ue e bce)!

epc

Dom, 10/05/2015 - 22:27

Nessuno pensa, come me, che questa sentenza sia la vendetta della Maggggisdradura contro Renzi, colpevole di aver fatto una (pur blandissima) legge sulle responsabilità civile dei magistrati? Sì, sì, va bene, la Corte Costituzionale non è maggggisdradura ordinaria, ma poco ci manca. A pensar male si commette peccato.....

epc

Dom, 10/05/2015 - 22:29

Caro Cardinale, non creda, sa? La giustezza o non giustezza del suo ricorso non conta niente. La sola cosa che conta è che con questa sentenza la Corte Costituzionale ha creato un grandissimo problema a quel governicchio che ha fatto lo sgarbo di fare una legge sulla responsabilità civile dei magistrati. Renzi avvisato mezzo salvato!

Ritratto di calbert65

calbert65

Lun, 11/05/2015 - 08:00

nei diritti acquisiti non vanno però compresi i diritti rubati: i calcoli di tutte le pensioni (cosi non si fa torto a nessuno) vanno calcolate col metodo CONTRIBUTIVO: ricevi per quel che hai versato, tutti con gli stessi parametri passati, presenti e futuri. Niente diritti acquisiti, nessuna disparità fra padri e figli, tra ricchi e poveri, in una sorta di socialismo pensionistico.. o pensionismo democratico