Imprese, peso fiscale in crescita. I più tartassati tra i Paesi avanzati

Nel 2013 l'ennesimo inasprimento del carico fiscale per l'impresa. Per la Confindustria nostro il primato tra i Paesi avanzati

Il 2013 che si è appena concluso è stato un anno non facile per l'imprese. Secondo la Cgia di Mestre negli ultimi dodici mesi il 95% delle aziende italiane ha dovuto sopportare un inasprimento del carico fiscale, che oscilla al momento tra il 53% e il 63%.

L'aggravio ha colpito soprattutto le attività che contano fino a dieci addetti, che hanno dovuto sborsare dai 270 ai mille euro in più, in aggiunta al carico complessivo, che già ha raggiunto un livello che in passato non aveva mai toccato.

Tra i Paesi avanzati - secondo calcoli della Confindustria - le imprese italiane sono quelle che detengono il primato negativo per il prelievo fiscale più alto. Le imposte pagate dalle nostre aziende ci mettono al 16esimo posto al mondo per imposizione, sopra a Francia (64,7%) e Spagna (58,6%) e molto lontani dal 49,4% della Germania.

Il peso delle tasse basta a creare condizioni di minor competitività e attrattività per le aziende del nostro Paese. Gli industriali sottolineano che per ridurlo sarà necessaria una revisione della spesa pubblica e una lotta efficace all'evasione fiscale e contributiva.

Commenti

Silvio B Parodi

Sab, 04/01/2014 - 16:17

eliminare le imprese di stato rendendole private. diminuire le tasse tagliando l'enorme spesa pubblica., certo costa molti voti, ma si salva l'Italia altrimenti affoghiamo tutti. Decidetevi SUBITO!

giottin

Sab, 04/01/2014 - 16:18

Strano, non pensavo che ci trovassimo ancora tra i paesi avanzati. Io sto con i forconi, quelli veri, quelli disposti ad organizzare una vera R I V O L T A F I S C A L E!!!!!

fabiou

Sab, 04/01/2014 - 16:20

e come si difenderebbe alfano?? non abbandonò berlusconi perche questo era un ottimo governo che meritava di durare??? INDEGNO !!

lamwolf

Sab, 04/01/2014 - 16:36

Dove vivo sotto casa dal 1° gennaio ha chiuso un forno e due bar. Se questa è la ripresa!!! Si quella per il culo....

Ritratto di Riky65

Riky65

Sab, 04/01/2014 - 16:42

Ma dai non ce ne siamo mai accorti , anche al governo non se ne sono mai accorti, in europa non se ne sono mai accorti? ..o fanno finta di niente e ci prendono mediaticamente e sistematicamente per il...............................!!

ricki

Sab, 04/01/2014 - 16:49

e il partito(??) di alfanino non dovevano essere le sentinelle contro l'aumento delle tasse??????pagliacci siete solo pagliacci che non fate ridere ma solo girare i coglioni auguro a questa classe politica quanto di peggio un mente umana possa partorire

ricki

Sab, 04/01/2014 - 16:50

su con il morale finalmente siamo primi in qualcosa(tasse alte)

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 04/01/2014 - 16:50

questo stato non ha alcuna autorevolezza. Solo un'autorità abusiva. E' lo sgherro dei finanzieri usurai, è lo sgherro dei parassiti statali.

ilbarzo

Sab, 04/01/2014 - 16:51

Viviamo in un paese di merda,degno di un popolo di pecore.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 04/01/2014 - 16:56

non pagate... basta lo schiavo deve ribellarsi

Ritratto di Alberto43

Alberto43

Sab, 04/01/2014 - 17:00

In un paese che tra qualche giorno, pur tra mille mugugni, dopo le mazzate di fine anno si appropingua a pagare un canone tv non dovuto, l'IMU(.etta)sulla I casa, il conguaglio della Tares e altri conguagli di tasse calcolate sui consumi di gas, luce ed acqua, con le tredicesime, per chi ha avuto la fortuna di averle, andate già in profondo rosso, come si può pensare che le aziende, soprattutto quelle più piccole possano godere di buona salute tanto da doverle tartassare ancora di più? Chi gode sono loro e sempre loro: i burrattinai europei a tempo pieno, ed i loro burrattini locali pieni di parassiti...ah dimenticavo! Beati anche i fessi che trovano consolazione con la decadenza di Berlusconi...!

GilbertoVR

Sab, 04/01/2014 - 17:08

Vorrei umilmente ricordare che il partito di riferimento di questa testata ha governato il paese , per molti recenti anni , fino a poche settimane fa. Chi dobbiamo ringraziare?

Ritratto di filatelico

filatelico

Sab, 04/01/2014 - 17:10

toh se ne è accorta Confindustria che approva le tasse a carico degli altri per foraggiare i propri iscritti vedi aiuti a pioggia. LICI-IMU-IUC è passata da 11 a 33 miliardi di euro in tre anni dove era Squinzi e il Suo Ufficio Studi quando succedeva tutto ciò???

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 04/01/2014 - 17:17

non pagate il canone rai. è immorale pagarlo. non vi sentite umiliati a finanziare i fabio fazio, le simone ventura.... questa gente nulla?

ted

Sab, 04/01/2014 - 17:42

e la tassazione non dice tutto........le altre facce della stessa medaglia sono PA di un'INefficienza paurosa ed una burocrazia da ammazzare anche un mammuth ( e per forza quello che in altri Paesi fà solamente un Ente in Italia lo fanno in 4 con 4 volte gli impiegati e dirigenti).Entro 2 anni qualcosa succederà. Non so cosa, ma così NON dura.

severino negretto

Sab, 04/01/2014 - 17:58

L'economia reale quella vera è fatta di prodotti non di tasse. Con il valore fiscale aggiunto, molti dei nostri prodotti sono andati fuori mercato, molte fabbriche hanno chiuso, con grossa perdita del valore di logistica industriale e con molti lavoratori assistiti dagli ammortizzatori sociali e poi più importante la mancata produzione di valore reale dell'economia che sono i nostri prodotti. Per poter recuperare la competizione del lavoro e dei prodotti sarebbe buona cosa che il grosso prelievo fiscale sia spalmato su tutti prodotti compresi quelli IMPORTATI. Altrimenti togliere le tasse da chi produce e tassare chi consuma.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 04/01/2014 - 17:59

Ma vi consolate ad aizzarvi tra voi e voi? Le cose con Letta-Alfano vanno meglio e la gente ha più fiducia.

Ritratto di mario.leone

mario.leone

Sab, 04/01/2014 - 18:20

Ma i commentatori non leggono i giornali? Letta, Presidente del Consiglio, ha detto che le tasse sono diminuite e va tutto bene perché è sceso anche lo spread. E se lo dice lui!! Meglio non credergli. Dove vede la crescita lo sa solo lui ed Alfano, gli altri aspettano.

disalvod

Sab, 04/01/2014 - 18:24

LA CONFINDUSTRIA DEVE AVERE IL CORAGGIO DI RIBELLARSI SIA AL GOVERNO CHE AI SINDACATI CHE SONO STATI E CONTINUANO AD ESSERE LA ROVINA DI QUESTO PAESE.PERCHE' I SINDACATI NON VANNO NELLE INDUSTRIE CINESI O ALTRE INDUSTRIE STRANIERE?

clamajo

Sab, 04/01/2014 - 19:18

Sono tutte balle...Letta ha detto che le tasse sono calate e caleranno ancora...(come le braghe degli italiani)...

Nickulow

Sab, 04/01/2014 - 20:06

Quando b. governava le aveva abbassate?

Magicoilgiornale

Dom, 05/01/2014 - 00:14

E poi vogliono la RIPRESA, ma di cosa dei suicidi?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 05/01/2014 - 00:14

Bisognerebbe che tutti coloro che hanno votato centrodestra mandassero ad Alfano una email con le richieste di chiarimento sul suo ruolo di cane da guardia delle tasse. CHIEDIAMOGLI: MA NON SI E' ACCORTO CHE I TRINARICIUTI LE FANNO PASSARE LE TASSE SOTTO IL NASO? LE HANNO FORSE RIFILATO UNA POLPETTA SOPORIFERA?

Ritratto di pinox

pinox

Dom, 05/01/2014 - 09:02

le imprese DEVONO pagarele anche il 65% se non bastassero i soldi per pagare: i dirigenti di stato piu' pagati al mondo, i politici piu' pagati al mondo, i politici e i dirigenti di stato in esubero, le loro 120 auto blindate appena comprate insieme alle altre migliaia in loro dotazione, le spese del quirinale, i prefetti in esubero, i magistrati in esubero, le pensioni d'oro calcolate col retributivo, le provincie, i dipendenti delle municipalizzate in perdita, i vitalizi, i contributi sociali per gli extracomunitari, gli acquisti senza bando di concorso centralizzato, gli enti inutili e i vari carrozzoni che non fanno utili ma servono solo per dare posti di lavoro per gli amici degli amici (alitalia per esempio) e per fare propaganda politica (rai), il finanzimenato pubblico ai partiti e ai giornali, e sicuramente non per ultimo (perchè chissa quante altre porcherie di stato non ho citato)la mancanza di un legge severa anticorruzione.

cisbi

Dom, 05/01/2014 - 09:54

GilbertoVR sono più di due anni che Berlusconi è fuori dai giochi. In questo tempo non si è vista UNA SOLA riforma vera che possa far sperare in una reale ripresa economica del paese, solo chiacchere, tante tasse in più e grande ipocrisia. Chi ancora si attacca allo slogan della colpa tutta di Berlusconi (dimenticandosi tra l'altro che negli ultimi 20 anni ha governato tanto quanto la sx...) non solo offende la propria intelligenza ma dimostra di avere gli occhi ben foderati di prosciutto. Il problema non è Berlusconi o non Berlusconi, il problema è questa classe dirigente nel suo complesso, completamente inadeguata e arraffona. Le consiglio di darsi una svegliata, il tempo delle schermaglie tra ultras di destra e di sinistra sono finiti.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 05/01/2014 - 10:33

che ne dite? sono 2 anni che ci rifilano tasse, e solo berlusconi ha parlato di eliminarne alcune, come l'IMU. invece voi, sinistronzi ottusi fino alla paranoia, preferite farvelo prendere in quel posto pur di farvi tassare dalla sinistra :-) mah... questi italiani sono masochisti!!

little hawks

Dom, 05/01/2014 - 11:26

Prima di tutto bisogna turare la falla da cui escono tutti i nostri soldi: il costo enorme dello stato, centrale con Quirinale, Parlamento e Toghe che hanno invaso il centro di Roma spendendo inutilmente cifre da capogiro, e periferico con comuni province e regioni piene di plenipotenziari strapagati ed inutili. Che siano inutili lo dimostra la situazione del paese che potrebbe farcela benissimo senza almeno la metà delle poltrone d'oro distribuite dovunque ed invece arranca e deve aumentare le tasse su chi lavora e su chi fa impresa. Insomma è come quello che vuole a tutti i costi tirare il collo alla gallina dalle uova d'oro: tira tira alla fine morirà e le uova finiranno! Le spese pazze non ce le possiamo più permettere, bisogna svegliarsi dal sogno e tornare alla realtà.