Primo effetto Siria: il prezzo del petrolio segna un nuovo record

L'effetto Siria, con il greggio sopra 112 dollari, si fa sentire sui mercati internazionali 

La benzina rischia di costare sempre di più. Le ripercussioni della vicenda siriana sulle quotazioni internazionali del petrolio sono del tutto imprevedibili e il comportamento delle compagnie petrolifere rimane improntato alla massima cautela. Lo scrive, in una nota, l’Unione petrolifera, ricordando che "i prezzi dei carburanti nel mese di agosto si sono adeguati solo in parte alla crescita delle quotazioni internazionali, con un bilancio complessivamente positivo per i consumatori a conferma di un comportamento di cautela e responsabilità delle compagnie petrolifere". "L’acuirsi delle tensioni geopolitiche in Siria negli ultimi giorni però - aggiunge l’Unione - sta determinando un’impennata delle quotazioni internazionali sia dei greggi che dei prodotti raffinati, tornati su valori che non si vedevano dal febbraio scorso. La situazione rimane molto incerta e delicata e gli effetti sulle quotazioni internazionali sono al momento del tutto imprevedibili. E in questo contesto - conclude - il comportamento delle compagnie petrolifere rimane improntato alla massima cautela circa l’evoluzione del quadro internazionale che, si spera, possa rapidamente tranquillizzarsi". 

Commenti

okorop

Mer, 28/08/2013 - 19:20

Macchè effetto siria, buffonate, il prezzo della benzina sono le accise non la siria, vedrete come aumenta con l'iva al 22%.-...togliere l'imu è una delle idiozie piu grandi che si possano fare, altro che rialzo dei consumi, aumenterà la depressione....grazie PDL e PD_L tanto la pancia piena voi e i vostri amici l'avete e chissene frega degli altri no???

lupodelupis

Mer, 28/08/2013 - 22:00

C'è sempre una scusa per aumentare il prezzo del petrolio. Fate schifo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 28/08/2013 - 22:55

QUI dove vivo, la benzina costa un euro e 10 cent, ed il gasolio 90 cent. SVEGLIAAAAA ITALIANI che su ogni litro di carburante che comprate pagate il doppio per le TASSE e ACCISE che lo stato gli aggiunge. Saludos

franco@Trier -DE

Mer, 28/08/2013 - 23:29

visto che date ragione ai ribelli aspettatevi degli aumenti della benzina polli.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 29/08/2013 - 00:31

E' la vecchia storiella degli aumenti che poi rimangono anche se il prezzo del greggio tornerà a scendere. L'UNICO SCIOPERO VERAMENTE EFFICACE E MOTIVATO SAREBBE QUELLO DEGLI AUTOMOBILISTI. TUTTI MA PROPRIO TUTTI FERMI A BLOCCARE IL TRAFFICO IN TUTTO IL PAESE.

Ritratto di mr.cavalcavia

mr.cavalcavia

Gio, 29/08/2013 - 07:37

Che diminuiscano le ODIOSE tasse suilla benzina allora, visto che l'incidenza dei costi della materia prima conta poco rispetto al carico fiscale! Quanto all'intervento in Siria, c'è solo da sperare che Putin (unico politico vero sulla scena internazionale) spezzi le corna a chi si azzarda a sostenere la feccia musulmana che Al Sissi in Egitto ed Assad in Siria stanno "lavorando" con sapienza. Chi non sa cosa veramente fanno i musulmani terroristi in quei paesi, eviti di parlare.