Quelli che soffiano sulla crisi economica per scongiurare la caduta del governo

Il Pd trama contro Berlusconi e il Pdl, ma Letta continua a chiedere stabilità politica usando lo spauracchio dello spread. Il premier: "L'istabilità politica ci costa miliardi"

Il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni e il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi

Succede addirittura che per infondere fiducia al Paese si vada a citare uno come l'ex premier Romano Prodi di cui tutto si può dire tranne che fu un volano per l'economia del Belpaese. Eppure, alla presentazione dell’ultimo rapporto del Centro Studi di Confindustria, il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni non ha saputo far di meglio che improvvisare una vecchia barzelletta del Professore per scongiurare scenari pessimistici. "Mi viene sempre in mente una barzelletta che era cara al presidente Prodi, quella del ferroviere che deve fare l’esame per diventare capo stazione - ha raccontato questa mattina - gli dicono ci sono due treni che stanno correndo a forte velocità uno contro l’altro, tu cosa fai?". L’aspirante capo stazione risponde: "Attivo i semafori rossi". Ma non funzionano. "Allora chiamo i macchinisti". Neppure i telefoni funzionano. "Allora lancio i razzi d’emergenza". Ma sono bagnati. "Allora chiamo mia moglie e gli dico di venire a vedere che bello spettacolo". Una situazione che per Saccomanni rappresenta un problema da evitare.

Aldilà della barzelletta, il titolare dell'Economia sta giocando una partita serrata per evitare che il governo cada a causa della belligeranza del Partito democratico nei confronti di Silvio Berlusconi. In attesa che la Giunta per le elezioni si pronunci sulla decadenza del Cavaliere da senatore, Pd e Pdl si misurano in un duro braccio di ferro che mina la stabilità della maggioranza che sostiene il premier Enrico Letta. Per evitare che il confronto possa tracimare in una crisi politica irreversibile, si soffia sulla fine della recessione e sulla ripresa a un passo nel tentativo di chetare gli animi e scongiurare le elezioni anticipate. "L'Italia continua ad avere un problema per cui paga il costo dell’incertezza politica, che è in gran parte di generazione interna, che si riflette sui nostri spread - ha spiegato Saccomanni - anche le vicissitudini del superamento della Spagna riflettono questa percezione degli investitori". Secondo il titolare del dicastero di via XX Settembre, superata la fase di incertezza politica, il sistema Italia potrà fare "progressi significativi" già nel primo semestre dell’anno prossimo rafforzando così la ripresa e lo sforzo di riforma. Non a caso il ministro allo Sviluppo economico Flavio Zanonato ha annunciato proprio questa mattina, all'indomani di una giornata infuocata, che non ci sarà l'aumento dell'aliquota Iva dal 21 al 22%. Una promessa che dà all'esecutivo un orizzonte più ampio.

Parlando del "grande risultato" ottenuto al G20 di San Pietroburgo, dove l’Italia non è stata vista come un "sorvegliato speciale", anche Letta ha ammonito sul rischio che l’instabilità politica renda inutili i sacrifici fatti. "Questo riconoscimento - ha detto il premier parlando a Palazzo Madama - possiamo rovinarlo in un attimo basta che buttiamo via la stabilità conquistata con fatica e torniamo facilmente in condizione di grandissima difficoltà". Il presidente del Consiglio ha, quindi, ricordato l’aumento dei tassi di interessi che "continuano a soffrire" per il "peso dell'instabilità politica". Letta ha ricordato che l’Italia paga 85 miliardi di interessi: "In quest'Aula ci accapigliamo, discutiamo per spostare 10 milioni, basta che facciamo le scelte giuste sul tema della stabilità e possono valere da qui alla fine dell’anno un miliardo secco".

Non c'è solo il governo a usare lo spauracchio dello spread e della recessione per scongiurare le fibrillazioni tra Pd e Pdl. Il refrain è sempre lo stesso. Le dichiarazioni sembrano fatte con lo stampino. Secondo il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, per esempio, c'è bisogno di fare "tante cose" per
intercettare la ripresa, ma "soprattutto c'è bisogno di una stabilità di governo" dal momento che "la situazione è molto preoccupante". "C’è bisogno - ha continuato il leader degli industriali - di un governo che sia effettivamente nella pienezza dei suoi poteri, nella capacità di governare realmente e di mettere in atto le misure necessarie per intercettare la ripresa economica". Una eventuale crisi di governo, è il ragionamento di Squinzi, "creerebbe ritardi e situazioni di cui è difficile prevedere l’impatto".

Insomma, stabilità a tutti i costi. Ovviamente la responsabilità è chiesta solo al Pdl. Mai al Pd che nelle ultime ore, minando l'accordo di maggioranza, ha cercato l'intesa coi Cinque Stelle e il Sel per far fuori Berlusconi dal parlamento. Il ricatto è sempre il solito: se il governo Letta dovesse mai cadere, il Paese andrebbe a gambe all'aria. Così come nel 2012 lo spread è stato usato per cacciare Berlusconi da Palazzo Chigi, oggi è diventato l'asso portante dell'esecutivo.

Commenti
Ritratto di PELOBICI

PELOBICI

Mer, 11/09/2013 - 17:07

Chi credono di prendere per i fondelli?, non siamo comunisti che credono ciecamente a quello che gli vien detto.

Ritratto di Ignazio.Picardi

Ignazio.Picardi

Mer, 11/09/2013 - 17:11

SIETE VOI STESSI GLI INSTABILI. PERO' VEDO NELLE VOSTRE FACCE BEN NUTRITE SINTOMO CHE IL BENESSE DELLE VOSTRE TASCHE SIA A GONFIE VELE

eloi

Mer, 11/09/2013 - 17:25

Guglielmo Epifani si da tanto da fare. Stà facendo di tutto perchè il P.D. tolga la fiducia a Letta. Accuserà poi il P.D.L. Si stà già mnuovendo in tale direzione.

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Mer, 11/09/2013 - 17:25

A Kuba la propaganda recita su ogni muro "todo va bien"..in Italia il regime ama citare con opportunismo l'andamento dello spread..a ognuno il suo strumento di propaganda..ma c'è qualcuno che sta ad ascoltare questi poveracci che parlano di spread?

Giorgio5819

Mer, 11/09/2013 - 17:40

L'unica cosa certa che ci costa miliardi tutti i giorni e' l'inconsistenza e la incapacità della classe politica italiana. Non e' stato fatto un solo taglio strutturale alle spese di questo stato di cadaveri assetati di soldi. Sprecano e sprecano e parlano e non fanno altro, quando partoriscono una leggina si accorgono poi che ha dei buchi di incostituzionalità . Responsabilità civile e PENALE per ministri e sciacquini ogni volta che non raggiungono l'obiettivo per cui sono pagati! Questo sarebbe governare per l'Italia, svuotiamo il parlamento di tre quarti di questi parassiti e cominciamo a risparmiare su quello che ci costano loro.

Gianca59

Mer, 11/09/2013 - 17:40

Evviva la crisi, evviva lo spread alto, evviva le tasse, evviva Berlusconi che ci pagherà tutto lui !

Ritratto di ashton68

ashton68

Mer, 11/09/2013 - 17:44

Non un minuto in più al governo con questa sinistra che continua a rapinare le nostre tasche già sfondate per "redistribuire" ai disoccupati fannulloni e per finanziare nuove assunzioni record nel settore pubblico (69.000 in 3 anni previste nella scuola). Altro che diminuire la spesa pubblica: vergogna! La sinistra, come al solito, cerca solo un nuovo bacino elettorale! Le risorse per la scuola (finanziate con nuove tasse) sono destinate per la gran parte per gli stipendi dei nuovi insegnanti (distruggendo la riforma Gentile, si son inventati quelli di sostegno, tanto paghiamo noi) e non alla scuola che cade a pezzi (i genitori sono invitati, senza vergogna, a finanziare l'acquisto anche dei gessetti per le lavagne).

BlackMen

Mer, 11/09/2013 - 17:46

PELOBICI: lei investirebbe in un paese politicamente instabile?

epc

Mer, 11/09/2013 - 17:47

Questa della stabilità è una presa in giro: questo governo è stabile perchè non fa assolutamente nulla! Hai voglia ad essere stabile in questo modo, essendo INERTE! Appena prende una qualsiasi iniziativa, voglio proprio vederla la stabilità. Basta, che cada e che si torni alle elezioni, anche con il "porcellum" se necessario. Oppure si facciano un governo PD + M5S, se ci riescono: sarà ancora più breve dei governi dell' Ulivo, implosi su se stessi in tempo zero, e la genta si renderà finalmente conto dell'inettitudine di tutte le sinistre.....

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 11/09/2013 - 17:51

ormai il popolo italiano non conta nulla serve solo per far finta di votare, tanto al governo ci va sempre quello deciso in segreto a porte chiuse recitano un copione e mettono tasse per mantenersi i lussi e gli agi.

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Mer, 11/09/2013 - 17:55

Gianca59 "Evviva la crisi, evviva lo spread alto, evviva le tasse, evviva Berlusconi che ci pagherà tutto lui !" Gianca..vedi di chiarirti le idee..o Berlusconi evade o paga tutto lui..e poi vai a ducumentarti su Wikipedia sullo Spread..che non sai manco cos`è lo spread..Filosofo!!

82masso

Mer, 11/09/2013 - 18:11

No Luigipiscio...Intanto mi basterebbe vedere la restituzione dell'IMU versato. Tu l hai visto per caso?

m.m.f

Mer, 11/09/2013 - 18:15

...ma chi se ne frega dello spread e che cada questo governo ,il paese è in mano ai comunisti da troppi anni.

illogic

Mer, 11/09/2013 - 18:21

La storia si ripete. Per insediare monti fecero cadere Berlusconi con il golpe finanziario e lo spauracchio dello spread. Ora ci riprovano. Questa gentaglia, insieme a monti, prodi, visco, ciampi etc. andrebbe indagata per crimini contro l'umanità. Pensate ai suicidi, alle famiglie ed alle imprese distrutte grazie alle misure di austerità palesemente e volutamente sbagliate. Questi veri criminali hanno sbagliato ma loro non pagano mai. A chi addebitiamo i danni che stanno causando ancora oggi questi maggiordomi delle banche e della merkel? Invece di pensare a Berlusconi dovrebbero andare a Bruxelles a ribaltare i tavoli. Tengono gli italiani nella paura della crisi per mantenere il sistema euro così com'è. Cacciamoli in qualsiasi maniera. Traditori succhiasangue e ricattatori. Nessuno li ha mai votati, ne loro , ne i commissari europei (che in fondo decidono del nostro destino). Scusate lo sfogo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 11/09/2013 - 18:46

QUANTO HA RAGIONE GIORGIO 5819!!!! Però a dire il vero qualcosa per TAGLIARE i costi era stata fatta da Berlusconi e Bossi si chiamava DEVOLUTION. Cosa prevedeva?? La riduzione del numero dei Deputati a 350 e quello dei Senatori a 100 senza più Senatori a vita!!! Chi ha raccolto le firme per indire il referendum contro la DEVOLUTION?? I SANDÌAS ed il Manettaro!!! Lo sbaglio delle destre in quel caso fu, di NON saper spiegare ai suoi elettori che a quel referendum NON bisognava partecipare, così che pochi elettori di CDX che parteciparono per votare a favore della DEVOLUTION, contribuirono a far raggiungere il QUORUM al referendum, QUORUM nel quale risultarono essere minoranza da li l'abolizione della DEVOLUTION. E così in un paese dove da DECENNI non hanno saputo far altro che aumentare i costi della politica (CLIENTELISMO???) SONO tiusciti a far BOCCIARE dal POPOLO BUE la prima e vera unica legge che li avrebbe ridotti. AMEN!!!! Saludos

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mer, 11/09/2013 - 18:46

L'altra volta era lo Spread, adesso è l'instabilità politica... E intanto abbiamo avuto due governi non eletti da nessuno, tenuti in vita dal comunista Napolitano, e l'Italia va a ramengo.

Ritratto di hernando45

hernando45

Mer, 11/09/2013 - 18:56

PAROLE SANTE Reinhard!!!! Saludos

Gianca59

Mer, 11/09/2013 - 19:28

No Luigipiscio: filosofo a me ????? Sono un Ingegnere ! Berlusconi un evasore ? E chi lo ha detto ! Casomai dico, e ho detto, che non ne posso più di lui e non lo voterò mai più ! Quanto allo spread, probabilmente ne so quanto lei. Wikipedia non la frequento se non per risolvere le parole crociate.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Mer, 11/09/2013 - 20:08

SPREAD, INTERESSI SUL DEBITO MILIARDI CHE SI PERDONO...QUANTE PALLE. MA IN QUESTI MESI COSA HANNO FATTO PER RIDURRE IL DEBITO. NULLA. NON VENDONO I BENI DEL DEMANIO NON TAGLIANO STIPENDI E PENSIONI D'ORO, NON DIMEZZANO I PARLAMENTARI, NON ELIMINANO LE PROVINCE, NON DIMEZZANO I CONSIGLI REGIONALI E COMUNALI. NON DIMEZZANO GLI STIPENDI DEI POLITICI TUTTI, NON TAGLIANO GLI ENTI INUTILI, NON ELIMINANO I SINDACATI...NON HANNO FATTO NULLA, PENSANO SOLO ALLO SPREAD E A FAR DECADERE IL CAV. PER FARGLI ABOLIRE L'IMU BISOGNAVA FARE I SALTI MORTALI...E' MEGLIO CHE VADANO TUTTI A CASA, SOLO SOLO CHIACCHIERE E DISTINTIVO COME DIEVA ROBERT DE NITO IN UN FAMOSO FILM, LETTA SEI SOLO CHIACCHIERE E DISTINTIVO....

mifra77

Mer, 11/09/2013 - 20:40

BLACKMAN lei pagherebbe le tasse in un paese governato dai Grillini e dal PD?

rokko

Mer, 11/09/2013 - 23:02

hernando45, non scriva cazzate, nei referendum confermativi non c' è quorum.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 12/09/2013 - 00:23

Ha fatto bene a raccontare la barzelletta. Così ora potremo verificare se i detrattori del Berlusconi barzellettiere si rifaranno vivi. Probabilmente staranno zitti perché Saccomanni è iscritto nell'elenco dei buoni ad uso dei trinariciuti.

Ritratto di Quasar

Quasar

Gio, 12/09/2013 - 02:27

IN un PAESE governato dai GRILLI parlanti e dal PD (partito democraticamente comunista) bisogna vendere tutto e fuggire. Tornare in Italia solo per le vacanze ma presso i confini per fare tutti gli acquisti oltrefrontiera. Per andarsene dopo avere venduto tutto bisogna avere un biglietto aereo che và comunque acquistato oltreconfine.

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Gio, 12/09/2013 - 02:29

"hernando45" le tue parole sulla Devolution andrebbero impresse nella pietra!!questo è solo uno dei tanti esempi per far capire a quegli ignoranti che dicono che Berlusconi in 20 anni non ha fatto niente,cosa gli hanno scatenato contro per bloccare qualsiasi cosa volesse fare!!!ecco perché cari amici ha potuto fare ben poco nei governi precedenti...che schifo di mondo ci troviamo davanti!

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Gio, 12/09/2013 - 02:37

Bisogna abolire quei dannati senatori a vita!!ci costano miliardi!!e i parlamentari pure!!ne abbiamo più degli stati uniti che è decine di volte più grande di noi!!accidenti i danni causati dalla sinistra non hanno fine!!dopo oltre 60 anni siamo un paese finito dove non si può cambiare una legge senza dover seguire un iter burocratico che richiede mesi e mesi o anni!!che disgusto!!è come se dovete andare da Catania a Milano in auto e a Sorrento vi si fora una gomma...dovete andare fino a Milano con la gomma forata perché non potete cambiarla per strada...perdendo tempo ed energie ed una volta arrivati a Milano dopo un lunghissimo tempo dovete chiedere parere a qualcuno per sapere se potete sostituire la gomma oppure no o se si deve cambiare altro...ecco come funziona l'iter per cambiare le leggi in questa Italia comunista!l'esempio banale sopra rende bene l'idea del tutto!e con questo chiudo,distinti saluti!

Ritratto di paolagenovese

paolagenovese

Gio, 12/09/2013 - 09:51

Per rimanere al potere (dove sono arrivati senza esser stati votati) questi miserabili se ne infischiano del Paese e degli Italiani: a loro interessa solo ingannare la gente con falsi messaggi e bassi ricatti. Sono dei politicanti incapaci che dovrebbero sparire come la peggior feccia esistente al mondo! Criminali come tutti i sinistri menagramo.