Il caos in Grecia affossa di nuovo piazza Affari

Milano apre in leggero rialzo, ma poi scivola di nuovo. Il differenziale tra Btp e Bund sotto i 160 punti

Dopo il tonfo di ieri dovuto al referendum greco e alle incertezze sulle sorti di Atene, le Borse europee provano il rimbalzo, ma sono deboli in attesa di notizie dell'Eurogruppo. Gli indici dei listini principali si muovono in calo con Londra che cede lo 0,24%, Parigi l’1%, Francoforte lo 0,67% e Madrid lo 0,6%

A Milano, la piazza peggiore d'Europa, Piazza Affari ieri aveva chiuso a -4%. Oggi il Ftse Mib apre cauto dello 0,4% a 21.692 punti, per poi tornare a scendere dello 0,64% a 21.461 punti, mentre l’All Share cede lo 0,66%. Sul paniere principale, negativi i bancari, tranne Banco popolare (+0,3%): Mps -1,9%, Bpm -2%, Unicredit -1,3% e Intesa sp -0,8%. Nell’energia tiene A2a (+1,2%), scivola Saipem (-4,4%). Industriali contrastasti con Fca (+1,1%) e Finmeccanica (-0,4%)

Avvio di giornata in ribasso per lo spread Btp/Bund che scende sotto la soglia dei 160 punti base. Il differenziale di rendimento tra il decennale benchmark italiano (Isin IT0005090318) e il pari scadenza tedesco ha aperto a 158 punti, in calo di 4 punti base rispetto ai 162 registrati ieri in chiusura. Il rendimento dei decennali italiani risulta in calo al 2,34% (dal 2,39% di ieri). Lievemente peggio dell’Italia, tra i paesi della cosiddetta periferia dell’Eurozona, fa la Spagna che azzera il vantaggio sull’Italia con i Bonos di Madrid che dunque rendono esattamente quanto i BTp sulla scadenza decennale.

Commenti

abocca55

Mar, 07/07/2015 - 10:22

Ma in Grecia sono otto milioni di abitanti, poco più della Sicilia, e il PIL è al 3% di quello europeo. Passato il panico, creato dai media, tutto ritornerà come prima.

curatola

Mar, 07/07/2015 - 11:08

i gridolini dei comunisti greci sono stati amplificati dai giornalai sempre in cerca di lettori da plagiare. Fra poco tutto cadrà nel silenzio e si passerà ad altro. certo la UE ha fatto capire la sua pochezza politica e la sua natura prettamente finanziaria. Del resto nessuno cerca di comportarsi da europeo e restiamo tutti affiliati dell'asilo Mariuccia.

agosvac

Mar, 07/07/2015 - 13:04

L'avevo detto ieri: passata la buriana dell'alta finanza che approfitta sempre di queste situazioni, tutto sta tornando alla normalità.

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 07/07/2015 - 13:36

Adesso staranno comprando a prezzi bassi dopo lo storno di ieri. Solita solfa dei finanzieri banditi.

Blueray

Mar, 07/07/2015 - 15:02

In un post che non mi è stato pubblicato dicevo "ha da passà a nuttata". Ora il mio ottimismo però è un po' in calo. Credo che proprio tanto tanto in pace non possiamo stare ancora. Vediamo in settimana cosa succede perché se la Grecia non paga il FMI e la BCE, non si trova uno straccio di accordo e si va al muro contro muro, voglio vedere cosa succede. Per l'Italia i pericoli vengono da S&P la nota agenzia di rating più che da qualunque altro parametro. Ce l'hanno con noi, ormai è un classico, poi mi pare che li abbiamo indagati se non erro.