Lo "schedario" delle spese Ecco la nuova arma del Fisco

Tutti gli acquisti saranno tracciati, registrati e controllati da Entrate e Gdf. Il tutto per raccogliere "prove" contro i furbi

Il governo giallorosso mette nel mirino ancora una volta i contribuenti. Dopo le voci di una tassa sui telefonini e le indiscrezioni su una riforma massiccia del catasto accompagnata a quella di un ticket progressivo, arriva anche la stangata sulla seconda casa con la tassa unica di Imu e Tasi. Ma attenzione: la manovra verrà accompagnata anche da un inasprimento dei controlli fiscali e delle verifiche in nome della lotta all'uso del contante per favorire i pagamenti con carta. Ebbene, dietro questa guerra al contante si nasconde l'occhio del grande fratello del Fisco. Già perché tutte le fatture e tutti gli scontrini diventeranno "prove di reato" con una sorta di schedatura massiccia di tutti i pagamenti. Il decreto a questo punto che accompagnerà la manovra avrà indicazioni chiare sulla lotta ai "furbetti". Una norma darà più poteri agli ispettori del Fisco che abbattendo i vincoli fissati dal Garante della Privacy. I dati di questo tipo che riguardano acquisti e fatture potranno essere usati per "tutte le funzioni istituzionali di controllo" da parte della Guardia di Finanza.

La banca dati su scontrini e transazioni sarà accessibile a ispettori e Gdf anche per scopi di ricerca delle fonti di prova nei procedimenti penali, e per gli accertamenti finalizzati all’applicazione delle misure di prevenzione". Inoltre, come ricorda ilCorriere, la relazione tecnica che accompagna il decreto spiega meglio l'uso che il Fisco e gli enti di controllo potranno fare di questa mole di dati: "Potrebbero svelare rapporti economici tra più soggetti, nonché entità e tipologia degli stessi". Queste verifiche potrebbero esser utili per smascherare le frodi fiscali e soprattutto il riciclaggio di denaro. Ma parallelamente a queste operazioni che possono ad esempio riguardare la lotta alla criminalità organizzata, le verifiche sui conti e soprattutto su ricevute, scontrini e fatture elettroniche potrebbero dare il via ad una stagione di polizia fiscale con l'accensione di diversi contenziosi tra Fisco e contribuenti. Inoltre col monitoraggio delle spese si va a rafforzare il controllo già avviato con la Superanagrafe fiscale che valuta lo stile di vita in base al reddito dichiarato. Insomma il "grande fratello" del Fisco viene ampliato. Più poteri per colpire i contribuenti già stremati da una pressione fiscale alle stelle.

Commenti

agosvac

Dom, 13/10/2019 - 17:25

Certo che, per fare tutti questi controlli, i dipendenti dello Stato dovranno, finalmente, lavorare. Sicuramente non bastano le Guardie di Finanza per questa mole di dati da controllare. Se devo essere sincero mi sembra una cosa ridicola che con la vera evasione fiscale non ha niente a che vedere.

bernardo47

Dom, 13/10/2019 - 17:26

male non fare,paura non avere. Chi evade deve preoccuparsi...non i milioni di cittadini comuni che le tasse da dipendenti e pensionati le pagano tutte tutte tutte. Il record dei 132 miliardi di evasione fiscale, va abbattuto, per abbassare davvero le tasse a tutti. Non vi e' altra strada!

inventocolori

Dom, 13/10/2019 - 17:36

ne paRLANO DA 20 ANNI ...AHAHAHAAH

sbrigati

Dom, 13/10/2019 - 17:40

Benissimo, con la scusa dell'evasione fiscale saremo tutti controllati. Praticamente come nella tanto decantata Unione sovietica. Un' intromissione nella privacy intollerante, in una Nazione LIBERA.

Klotz1960

Dom, 13/10/2019 - 17:40

Finitela, i controlli sono giusti. Commercianti ristoratori e professionisti vari hanno un tasso d'evasione altissimo. Il reddito medio dichiarato dai ristoratori e' di circa 15000 euro annuali, quanto quello del piu' basso impiegato postale.

GeoGio

Dom, 13/10/2019 - 17:41

beh il risulato e' ovvio, la gente non compra piu niente...

Idrissecondo

Dom, 13/10/2019 - 17:44

Tutto questo andrebbe bene, anzi dovrebbe essere ancora più severo, accurato e punitivo SE, SE le tasse venissero prima ridotte ad una flat tax del 15% o, al massimo ad una bi-tax (intendo 2 sole aliquote) al 15% la prima e al 25% la seconda. Altrimenti, con le tasse attuali che complessivamente possono arrivare ad oltre il 50%, la gente finirà ancor di più per abbandonare l'italia, a non far figli, a ridurre ogni consumo e qui ci resteranno solo immigrati africani e sud americani che campano di sussidi, reddito di cittadinanza, assistenza sanitaria gratuita e criminalità. Evviva!

mozzafiato

Dom, 13/10/2019 - 17:44

A occhio e croce il medesimo provvedimento è il medesimo che era in cantiere dal precedente governo, con la differenza NON DA POCO, che con Salvini, PRIMA SI PROCEDEVA AD ABBASSARE LE ALIQUOTE IRPEF e poi (GIUSTAMENTE) si stangavano esemplarmente i furbastri evasori. I pezzenti falliti del governo attuale NON HANNO CAPITO CHE IN QUESTO PAESE GLI IMPRENDITORI SCAPPANO E LE PICCOLE IMPRESE CHIUDONO PROPRIO PERCHÉ LE TASSE SONO TROPPO ALTE ED IN CAMBIO I SERVIZI PER I CITTADINI E LE IMPRESE MEDESIME, FANNO LETTERALMENTE SCHIFO nel rapporto con quello che si paga!

daniloilo

Dom, 13/10/2019 - 17:48

Mette nel mirino i contribuenti "furbi"? Perfetto...qualcuno è contrario?

ilrompiballe

Dom, 13/10/2019 - 17:49

Sempre più "servi", sempre meno liberi cittadini. Va bene così?

Destra Delusa

Lun, 14/10/2019 - 04:10

Era ora, avanti così. Onesti uniamoci, qualunque sia l'idea politica che ci illumina il cammino..

Ritratto di Fralabbate

Fralabbate

Lun, 14/10/2019 - 05:33

A breve il ministero della Verità, quello dell'Abbondanza.........

Popi46

Lun, 14/10/2019 - 06:53

Far la guerra all’evasione fiscale in Italia ha le medesime possibilità di vittoria come quelle per il clima, quelle contro la mafia (sono state debellate le grandi famiglie mafiose, ma la mentalità mafiosa resiste.... tutti tengono “famiglia”), quella contro la burocrazia asfissiante, quella per una Giustizia giusta (che dire della abolizione della prescrizione?), ecc,ecc. Ora,io non credo che gli italiani siano più disonesti degli altri popoli, ergo,se non pagano tasse appena possono significa che non si fidano dello Stato... E allora il problema è più serio e irrisolvibile

Tip74Tap

Lun, 14/10/2019 - 07:50

daniloilo: no, mette nel mirino TUTTI. Inoltre considera quante azioni dell'Agenzia delle Entrate si son risolte in un NULLA DI FATTO perché il contribuente aveva ragione ma deve pagare denaro e tempo per farsi valere. Inoltre pensa che se una volta iniziata la procedura ti bloccassero i conti in attesa del Giudizio del Tribunale moriresti di fame e chiuderesti l'azienda!!!!

royroger

Lun, 14/10/2019 - 08:04

Chiedo a tutti quelli che plaudono a questo tipo di controlli, se hanno mai visto di persona come vengono effettuati. Fortunatamente in futuro, anche i comuni cittadini, non solo chi ha una attivita' avra' modo di confrontarsi con la gioiosa macchina da guerra del fisco. Penso che in molti cambieranno idea...

Ritratto di anticalcio

anticalcio

Lun, 14/10/2019 - 08:25

@bernardo: parla di pensionati e lavoratori dipendenti che pagano fino all'ultimo..facendo finta di non sapere che una buoba fetta di questi soggetti ha il classico lavoretto in nero!! lancia pure il sasso,ma nascondi lamanina,egrg. sig. sindacalista del ......

rudyger

Lun, 14/10/2019 - 08:32

Bernardo 47, vero quello che dice, ma, facciamo due conti: lavoratore dipendente: riceve salario e ci paga l'IRPEF, con quello che rimane per vivere deve acquistare beni e ci paga l'Iva, poi con la dichiarazione dei redditi se ha superato certe soglie ci paga ancora l'IRPEF. Paga tre volte le imposte dirette e indirette. I controlli lo Stato deve farli su tutti i percettori che non sono lavoratori dipendenti che non devono essere continuamente minacciati da questo Stato...... Lo Stato deve reperire i soldi ANCHE da chi non produce proprietari di troppi beni che non possono derivare da un onesto lavoro.

Ritratto di Ilfondista

Ilfondista

Lun, 14/10/2019 - 08:43

Con l'avvento dell'intelligenza Artificiale tutti saranno controllati in tempo reale, pertanto l'utilizzo forzato della moneta elettronica danneggerebbe principalmente i Cittadini che conducono vita corretta verso il Fisco. Non credo che in altri Paese più avanzati siano a questo livello di telecontrollo, in quei paesi i Cittadini Ragionano e Decidono seriamente da chi farsi rappresentare. Vedere un Cloun che gestisce il nostro futuro mi fa rabbrividire e credo che ad oggi non abbiamo ancora visto nulla!

Ritratto di bandog

bandog

Lun, 14/10/2019 - 08:47

.....azzz mi costringono a comprare i preservativi in contanti per non fargli sapere quanto spendo in relax alla mia persona con..ragazze generose!!!XD

Ritratto di giordano

giordano

Lun, 14/10/2019 - 09:02

Ma per piacere, io personalmente continuerò a vivere come sempre, a costo di dichiarare guerra a quel Molok che è diventato il sistema Italia.

Ritratto di Marcello.508

Marcello.508

Lun, 14/10/2019 - 09:35

agosvac - 17:25 Daccordo, però la tanto ventilata privacy in alcuni casi andrà a farsi benedire. Altro che male non fare paura non avere: questo è un comportamento da ficcanaso con cui si può controllare la vita di qualsiasi cittadino, dunque estremamente invasivo. Quando si decideranno di controllare minuziuosamente i grandi evasori, evitando di mettere sotto schiaffo SOLO le solite pmi e liberi professionisti (che vanno pur sempre controllati) oltre gli statali che evadono anche loro con relativa caccia alle streghe, non sarà mai troppo tardi.

Abit

Lun, 14/10/2019 - 09:48

Ormai stanno diventando matti furiosi!

QuasarX

Lun, 14/10/2019 - 11:06

L'idea che una persona che non conoscete, tipo uno seduto al computer, possa guardare quanto ho speso al locale di lapdance da fastidio solo a me? E se uno ha un familiare che lavora alla gdf? Altro che superare il garante per la privacy questo e' un attacco frontale alla privacy