Grecia, si tratta ad oltranza all'Eurosummit

L'Europa chiede ad Atene di avviare le riforme nei prossimi tre giorni e reintrodurre nel piano le norme sui licenziamenti collettivi. Tsipras: "Negozio per la dignità del

Eurogruppo finito, si passa all'Eurosummit, cioè ai capi di Stato e di governo della zona euro che cercheranno ora di trovare una soluzione al caos greco. Un accordo per la riapertura dei negoziati non è stato trovato, ma i ministri delle Finanze dei Paesi membri hanno stimato un eventuale programma di aiuti in 82-86 miliardi di euro.

Per far sì che Atene non finisca in default servono almeno 7 miliardi di euro entro il 20 luglio e altri 5 entro metà agosto. Qualche "progresso" è stato fatto, assicura il ministro delle Finanze finlandese, Alexander Stubb, ma per il presidente Jeroen DiJsselbloem "ci sono ancora un paio di grandi questioni ancora aperte". "Oggi abbiamo fatto progressi, anche se restano divergenze che devono essere colmate ora dai capi di Stato e di governo, che devono trovare i termini per un accordo a partire dal testo dell’Eurogruppo", ha aggiunto il commissario Ue Pierre Moscovici, "La Commissione Ue non ha cambiato opinione, la Grecia, riformata, deve restare nell’eurozona"

Dalle istituzioni, però, arriva un altro ulimatum: entro il 15 luglio Atene deve varare le riforme promesse. Tsipras ha quindi soltanto tra giorni per approvare la riforma dell’Iva, la riforma delle pensioni, l’adozione del codice di procedura civile per accelerare la giustizia civile, l’indipendenza dell’istituto di statistica, la creazione del "Fiscal Council" (istituito dal Fiscal Compact per controllare i bilanci) e la trasposizione delle direttiva sul "bail in" delle banche.

Ma non solo: l’Eurogruppo chiede anche un rafforzamento delle riforme, tra cui la reintroduzione dei licenziamenti collettivi e la revisione della contrattazione collettiva in linea con le "best practice" europee. E soprattutto la Troika dovrà tornare ad Atene per "normalizzare completamente il metodo di lavoro con le istituzioni, migliorare il monitoraggio e l’attuazione delle riforme"

Condizioni che non piacciono ad Atene. Fonti del governo greco hanno definito "disastrose e umilianti" le condizioni poste dall'Eurogruppo. Secondo il Guardian, le stesse fonti hanno parlato di un atteggiamento "molto duro" del cancelliere tedesco Angela Merkel, mentre sostegno sarebbe venuto dal presidente della Bce, Mario Draghi il quale però, viene spiegato, ha bisogno di un accordo politico per poter fornire la liquidità straordinaria necessaria alle banche greche.

A far irritare maggiormente la Grecia sarebbe la richiesta di creazione di un Fondo di garanzia sulle privatizzazioni da 50 miliardi di euro. Su questo punto lo stallo sarebbe totale e per questo i leader avrebbero deciso di accantonare temporaneamente la questione e andare avanti nell'esame del documento. "È cosa di un altro pianeta", hanno detto le fonti.

Anche sull'ipotesi di Grexit temporanea c'è stato un "fermo no al 100%". Una no che ha avuto i suoi frutti nelle trattative se, come sembra, la frase sulla possibile uscita dall'euro è sparita dalla bozza del documento finale. "Tratto per la dignità del popolo greco" ha detto Tsipras in serata.

L'Eurosummit va avanti a oltranza, ma pare che si vada verso un prestito ponte per cui si stanno esaminando diverse ipotesi: quella di utilizzare il primo meccanismo creato per la stabilità dell'Euro, l'Efsm, che ha ancora dotazioni (per 3,4 miliardi) che potrebbero bastare per il primissimo periodo e quella di fare anticipare dagli stati i fondi necessari tramite prestiti bilaterali che verrebbero successivamente rimborsati dal fondo Esm. Per quanto riguarda le privatizzazioni, invece, ci sono molte misure su cui c'è già accordo ma "molto resta da fare" e alcuni paesi vorrebbero che la Grecia si impegnasse di più anche su questo fronte. La discussione è ancora in corso anche sull'opportunità di creare un fondo di garanzia da 50 miliardi in Lussemburgo: secondo la fonte, si sta infatti discutendo della cifra, considerata eccessiva da molti, mentre il fondo da utilizzare esisterebbe già.

Nelle pause del vertice, proseguono intanto gli incontri a quattro tra Tsipras, Merkel, Hollande e Tusk, a cui si affiancano vari bilaterali. L'accordo sembra avvicinarsi ma fonti diplomatiche spiegano che potrebbe arrivare "tra un paio di giorni".

Commenti
Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Dom, 12/07/2015 - 19:11

Con questa somma ci compriamo la Grecia.Non è che la Germania,e fedeli servitori, ha rischiato troppo con la Grecia ed adesso vuol farci ripianare a noi l'esposizioni delle proprie banche agl'altri fessi stati dell'Ue?

Ritratto di ..N€UROlandia

..N€UROlandia

Dom, 12/07/2015 - 19:11

il CIALTRONE TSIPRAS E' SERVITO

degrisy

Dom, 12/07/2015 - 19:25

Secondo me il problema di base dell'euro e' il fatto che con la stessa valuta ciascun paese deve pagare un tasso diverso per finanziare il proprio debito (il famoso spread), dipendendo il tasso dalla fiducia dei mercati rispetto al singolo paese. Ma se la moneta e' la stessa per tutti cio' e' inaccettabile e distorce completamente la concorrenza (ed il problema continuera' ad aumentare col tempo). Non capisco come sia concepibile investire in bond in euro ed ottenere rendimenti diversi a seconda del paese che li ha emessi: o il debito di ciascun paese dell'area euro e' assunto da tutti (eurobond) o ciascun paese deve tornare alla propria valuta (anche per il problema della bilancia dei pagamenti, che deve essere una sola per tutta l'area euro). Se qualcuno esperto di macroeconomia puo' chiarirmi questo punto lo ringrazio anticipatamente.

Ritratto di Anna 17

Anna 17

Dom, 12/07/2015 - 19:29

Ma come si fa a pretendere che questo poveraccio di tzipras avvii le riforme entro tre giorni. Questo è un incapace truffatore come tutti i sinistrati mica è capace di fare qualche cosa di buono. Non sa neppure scrivere le sue proposte, le racconta e le cambia come tutti i biscazzieri. Anche in Italia ha i suoi estimatori, Sel, nelle persone di Nicoletta e della Boldrina.

capitanuncino

Dom, 12/07/2015 - 19:44

credevo che la sinistra italiana fosse la più ottusa del mondo, ma anche i greci non scherzano. dopo un referendum che ha fatto soltanto perdere tempo e quindi danneggiato ancora di più i greci, spacciato per dimostrazione di democrazia (ancora peggio delle primarie farsa del pd)l'apprendista stregone rimasto(uno è scappato via, non nonostante avesse vinto, ma proprio perché "ha vinto")ha capito che non si può cambiare gioco durante la partita. come sempre comunque la faccenda è politica, ogni parte vuole le regole a propria misura, le regole "fanno il sistema" (solo salvini non l'ha capito).

franco-a-trier-D

Dom, 12/07/2015 - 20:01

Nel 1904, durante la catechesi per la cresima, Hitler per un paio di mesi meditò di farsi prete, essendo molto affascinato dalle celebrazioni religiose e dall'organizzazione gerarchica della chiesa cattolica[18]. A proposito del cristianesimo, Hitler, che amava particolarmente lo studio della storia, rifiutava l'ascendenza ebrea di Gesù Cristo, sposando la tesi dello scrittore romano anticristiano Celso, secondo il quale il Messia sarebbe nato da una relazione adulterina di Maria con un legionario romano di origine germanica, tal Panthera;

franco-a-trier-D

Dom, 12/07/2015 - 20:01

Nel 1904, durante la catechesi per la cresima, Hitler per un paio di mesi meditò di farsi prete, essendo molto affascinato dalle celebrazioni religiose e dall'organizzazione gerarchica della chiesa cattolica[18]. A proposito del cristianesimo, Hitler, che amava particolarmente lo studio della storia, rifiutava l'ascendenza ebrea di Gesù Cristo, sposando la tesi dello scrittore romano anticristiano Celso, secondo il quale il Messia sarebbe nato da una relazione adulterina di Maria con un legionario romano di origine germanica, tal Panthera;,

Ritratto di falso96

falso96

Dom, 12/07/2015 - 20:11

Ai ribelli dobbiamo dare una condanna esemplare, così che altri vedano e riflettano, così da scoraggiare. Ai poteri forti non ci si può ribellare , i poteri bancari non si toccano , vogliono solo ... persone nei cassonetti.

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Dom, 12/07/2015 - 20:20

Basta pasti gratis per i greci, prima le riforme, poi i finanziamenti, ineccepibile!

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Dom, 12/07/2015 - 20:29

Hanno trovato il sistema per occupare il tempo a fare niente: dal lunedì al mercoledì preparano la riunione del giovedì che dà tre giorni di tempo alla Grecia per le riforme. Si arriva a Domenica e il lunedì dopo si riparte. Ogni volta il fabbisogno della Grecia lievita: dai dodici miliardi iniziali siamo arrivati a ottanta, che cresceranno alla prossima riunione del giovedì. Possibile che non ci sia nessuno che ci possa liberare da questa gentaglia inutile, incapace, perdigiorno, prendingiro e dannosa?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 12/07/2015 - 20:36

Penso che molti italiani subiranno la Troika col sorriso sulle labbra. Sono da 1500 anni abituati a sottomettersi a un qualche invasore straniero

vince50

Dom, 12/07/2015 - 20:44

Classico esempio di come una sola persona,mette il cappio al collo a tutto il popolo Greco.Come al solito gli stati mediterranei capiscono sempre con qualche anno di ritardo,mettendosi nelle mani degli usurai cioè senza via di scampo.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Dom, 12/07/2015 - 21:04

Quelli dell'UE sono davvero dei signori. Non hanno neanche chiesto lo ius primae noctis per ogni vergine greca né l'espianto di un rene a ogni greco. Dopo il Nobel per la Pace al burattinaio dell'ISIS, quello all'UE è il più meritato.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Dom, 12/07/2015 - 21:06

degrisy: non sono un esperto di macroeconomia ma credo che tu abbia completamente ragione.

Ritratto di orcocan

orcocan

Dom, 12/07/2015 - 21:13

L'unica cosa sicura è che domani le borse vanno in rosso per la gioia degli speculatori.

Ritratto di huckleberry10

huckleberry10

Dom, 12/07/2015 - 21:21

Ciascun italiano ha un credito di 800 Euro per i prestiti finora fatti ai greci. Personalmente, al contrario di certi geniali politi italiani che si sono recati ad Atene per festeggiare il recente referendum farsa, i miei soldi li rivoglio indietro !

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 12/07/2015 - 21:45

LA RUSSIA DI PUTIN FA PAURA AI MASSONI DEL NUOVO ORDINE SERVI DI OBAMA DELLA GRAN LOGGIA ONU

HappyFuture

Dom, 12/07/2015 - 21:55

Non possono continuare a scaricare sul popolo alchimie di rappresentazione contabile. La funzionalità dello stato, le aspirazioni del popolo, la voglia di avere un futuro non può essere minata dalla necessità di rappresentare dei numeri, invece di altri. E' IMMORALE. In altri tempi sarebbe stato motivo di rivoluzione. Basta UE.

Apophis

Dom, 12/07/2015 - 22:33

La germania è il problema, non sara mai la soluzione. Fuori tutti dall'euro. e a calci nel cxxo la germania.

Apophis

Dom, 12/07/2015 - 22:36

Onore ai grandissimi Greci. Onore. Questi ometti che dicono basta soldi alla Gracia, prima guardino al sud italia quanti miliardi di euro rubati. Migliaia!. Quanti!. Prima guardate alla trave che infilza l'italia poi fate altre analisi.

itinusa

Dom, 12/07/2015 - 22:48

degrisy, le obbligazioni sia quelle emesse da societa' che da stati sovrani pagano un tasso d interesse differente a seconda della solidita" (solvibilita) di chi lo emette, piu' alto e' il rischio di chi emette l obbligazione di fallire (e percio' di non rimborsare il prestito ) piu' alto e' l'interesse che chi presta i soldi richiede. Compreresti titoli greci con i tuoi risparmi se titoli tedeschi ti dessero lo stesso rendimento? (continua)

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Dom, 12/07/2015 - 23:18

Ma se questi comunisti debitori disprezzano il capitale ed i capitalisti, ivi comprese le banche, come mai hanno chiesto loro dei prestiti? Come mai non hanno ancora fatto quelle riforme di cui vanno cianciando? COSA PRETENDONO DI FARSI MANTENERE COME ORA SIAMO COSTRETTI A FARE CON I CLANDESTINI?

Ritratto di illuso

illuso

Dom, 12/07/2015 - 23:29

@degrisy:egregio, non comprerei titoli greci nemmeno sotto tortura e nemmeno se mi rendessero il 20% semestrale. Io posso risponderle solo così. Purtroppo i titoli di ogni paese rispecchiano il valore del mercato, più uno stato è serio meno è il tasso di interesse che deve sborsare nei titoli venduti e questo non è il caso delle cicale greche. Cordialità.

roberto zanella

Dom, 12/07/2015 - 23:31

il Purgatorio proposto da Schaeuble alla Grecia dovrebbe essere preso al volo perrchè vuol dire che la Germania è pronta all'euro a due velocità il che vuol dire che trattando la Germania è dispoinibile tornare al marco e tutti gli altri alle loro monete....

roberto zanella

Dom, 12/07/2015 - 23:35

se la Troika si fa vedere in giro ad Atene la linciano...si va verso la rivolta sociale..prepariamoci al governo dei collonnelli e a quel punto manderanno a quel Paese Merkel e Troika....non ci sarà più un secondo Panagulis

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Lun, 13/07/2015 - 00:01

Chiedete un prestito alla vostra banca e poi affidatene la gestione a Tsipras...lui sa come fare a restituirlo!

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Lun, 13/07/2015 - 00:09

Tsipras è un pessimo giocatore. Con il referendum ha ottenuto un riconoscimento politico personale, ma nessun appoggio tecnico. Perderà comunque la partita, perché si trova a dover trattare anche se il popolo greco gli ha detto no, non ci stanno bene le condizioni previste dall'Europa. Quindi, se le accetterà sarà bruciato e se le rifiutera' sarà il responsabile del fallimento greco. Parlare di condizioni umilianti, quando le banche sono chiuse da due settimane per mancanza di fondi, è quasi ridicolo. Sekhmet.

Pitocco

Lun, 13/07/2015 - 01:39

Mentre la Grecia viene umiliata, l'Austria, la severissima nazione dell'ex impero austro-ungarico riceve un solenne e benevolo sconto dalla Germania sui sui debitucci. Come mai queste cose non le scrivete? Paura della figlioccia di Herr Karl Klauberg???

vince50_19

Lun, 13/07/2015 - 05:57

L'eurogruppo ha chiesto che la Troika torni ad Atene. Siamo proprio alle comiche che più tragiche non potrebbero essere! La Grecia è un paese statalista, ha fatto parecchi errori che dovrà ripagare, però mi domando perché far pagare errori politici pregressi rispetto al governo attuale, specie quelli indotti da due paesi come la Germania e la Francia che hanno contribuito a spolpare quel paese? La Troika è stata ad Atene con Papademos, Samaras ed abbiamo visto i danni causati. I GRECI non meritano simili trattamenti, vanno aiutati con granu salis, non spolpati. E' evidente che questo euro non funziona come dovrebbe, non esiste parità di trattamento economico/politico in ambito di questa Ue nata male, sotto il vessillo delle banche profittatrici e di certa massoneria d'oltre Atlantico che vuole assoggettare gli stati membri alle proprie desiderata.

rokko

Lun, 13/07/2015 - 06:57

degrisy la cosa è perfettamente plausibile perché c'è l'unione monetaria ma non quella fiscale e politica. Abbiamo la stessa moneta, ma i greci vanno in pensione a 57 anni, i tedeschi a 65 e noi a 66, così come diverse sono le aliquote fiscali per imprese e privati.

papik40

Lun, 13/07/2015 - 07:03

Per la Grecia e' UMILIANTE solo richiedere garanzie reali ed impegni scritti votati dal proprio parlamento! Non e' UMILIANTE chiedere 82miliardi di crediti in piu' e non accettare i loro impegni verbali come se negli ultimi 5 anni non li abbiano costantemente disattesi oltretutto avendo raddoppiato, invece di dimunire, i dipendenti pubblici ed avendo aumentato del 240% la spesa pubblica invece di tagliarla!!!! La Grecia e' tecnicamente fallita ed i crediti concessi sono tecnicamente inesigibili! Perche' dare ancora soldi a gente che non ha tanta voglia di lavorare, non rispetta la parola ne' gli impegni a chi chiama "ricattatori" chi non crede piu' alle loro promesse e vuole impoegni formali e garanzie reali di 50miliardi su 82miliardi di nuovi prestiti?

Ritratto di Situation

Situation

Lun, 13/07/2015 - 07:11

resisti Angelona..............a mare il truffatore scravattato, bugiardo e ☭. Non facciamoci prendere ancora per il cxxo. Ma il problema alla base è l'europarlamento o meglio gli europarlamentari: mi sono forzato di sorbirni l'xxtimo di battito all'europarlamento su Tsipras......................tutti interventi da cerebrolesi ma sopratutto che affermavano tutto e il contrario di tutto. Il livello di questo ciarpame (rare le eccezioni) socialistoide è da vomito.

Duka

Lun, 13/07/2015 - 07:44

O' caz.... nella foto NON vedo il nostro bullo. Ma dovè? Ah ! forse in bagno a tentare l'accordo della prostata.

capitanuncino

Lun, 13/07/2015 - 07:47

Che economie diverse, quindi tassi diversi, fisco diverso, livello di retribuzioni diverse non possano reggere la stessa moneta lo diceva inascoltato già Antonio Martino prima ancora che il genio di Prodi ci portasse nell'euro,anzi Martino accennava ad un esperimento di moneta unica fatto dai Paesi del Benelux (Belgio, Olanda e Lussemburgo) e fallito. Tuttavia ormai tornare indietro sarebbe ancora più dannoso e non resta che cercare di procedere in una, seppure dura, strada di omogeneizzazione.

FrancescaRomana...

Lun, 13/07/2015 - 07:57

Io spero solo che queste notizie non siano vere, che siano solo qualcosa di filtrato che arrivi a noi (falsa informazione per interessi), se no sarebbe uno schifo raccapricciante totale

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Lun, 13/07/2015 - 08:02

se la "Guernica ellenica" riuscisse per i popoli dell' Europa sarebbe la fine della democrazia che verrebbe sostituita da "governi tecnici guidati da oscuri figuri in loden....

Blueray

Lun, 13/07/2015 - 08:02

A prescindere dalle ragioni che motivano gli Stati che ancora vogliono dare credito alla Grecia, non sono d'accordo in linea categorica e di principio per il seguente motivo. Capitasse all'Italia ci direbbero di arrangiarci. Verremmo depredati. L'IMU sarebbe non col moltiplicatore 160 ma 320, le aliquote raddoppierebbero, le pensioni dimezzate, l'Irpef alle stelle, gli investitori depredati dei risparmi. Il tutto per sentirsi poi dire alla fine che un governo tecnico filo Ue impostoci a forza ha fatto un buon lavoro. Del resto, cosa pretendiamo, "siamo troppo grandi per essere salvati", però come bancomat per la Grecia andiamo bene! Ecco perché sono accanitamente dalla parte di chi non vuole l'accordo.

Ritratto di Tibursi

Tibursi

Lun, 13/07/2015 - 08:04

Dopo 70 anni la Grande Germania sta finalmente realizzando il sogno di Hitler senza colpo ferire. L'Europa e' destinata a diventare una sola grande Germania. E francamente se lo meritano anche perche' hanno una marcia in piu'forse anche due rispetto alle altre popolazioni europee esclusa l'Inghilterra, che avendo capito che vento sta soffiando ha deciso di fare quanto prima un referendum per uscire dall'Europa e non restare impigliata nella rete Germanica.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Lun, 13/07/2015 - 08:07

E' chiara la volontà di Germania (+ Paesi nordici) di far fuori Sipras attraverso la sfiducia nel Parlamento ellenico. Già sono cominciati i giochi di compravendita dei parlamentari. Vedremo se il popolo ellenico saprà ancora essere coeso anche difronte alla prospettiva di lacrime sangue e distruzione che minacciano Merkel & Co.

vale.1958

Lun, 13/07/2015 - 08:08

Noto che Renzi e' sempre presente nelle riunioni che contano!!!Come siamo messi male in Italia con un presidente del consiglio cosi'!!!

paco51

Lun, 13/07/2015 - 08:08

IO NON C'è L'HO CON IL POPOLO GRECO! MA CON I COG...NI CHE HANNO MESSO INSIME UN MARATONETA E UN IMPIEGATO SEDENTARIO, A CORRERE LA MARATONA. e' IMPOSSIBILE CHE L'IMPIEGATO POSSA SOLO PNSARE DI PARTECIPARE A CORRERE! aIUTIAMOLI AD USCIRE E BUONA NOTTE! p.s. aiutiamoci ad uscire anche noi dall'euro e dall'europa che vuole il parmigiano con la polverina.

vale.1958

Lun, 13/07/2015 - 08:10

Leggendo i commenti di qualcuno qui favorevoli alla Troika mi viene solo che tristezza...il problema dell Italia sono questi italiani supini e accodiacendenti con i poteri forti e le banche.Fanno pena dignita' pari a ZERO!!

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Lun, 13/07/2015 - 08:15

Omar @ ma se non ne capisci una mazza come fai a dire che ha ragione?????????????????????????????????????????????

Ritratto di bobirons

bobirons

Lun, 13/07/2015 - 10:53

Lunedì, h. 07,55 - Ottusamente intransigenti, essenzialmente vendicativi, gli eternamente arroganti krukki vogliono far pesare i loro diktat solo per asserire un'inutile supremazia. La Grecia ha enormi difetti e colpe, ma nell'usura é altrettanto colpevole l'usuraio quanto il debitore. Sembra di assistere ad accadimenti di tipo mafioso/camorristico dove il vessato che non può più pagare il pizzo viene eliminato, nell'attività o nella persona, pur di far vedere che con gli auto eletti "kapi" non si può ne si deve scherzare. Pensierino finale: se, come ci riportano i media, il falco é Schaeuble più che Merkel, si potrebbe ipotizzare un inconscio tentativo di rivincita, un astio profondo verso terzi, causa l'infermità che lo affligge ?