Il tempo, alleato del risparmio

Visualizzate l'app del vostro smartphone che vi permette di accedere al vostro internet banking, o di essere al pc, pronti ad utilizzare il sito del vostro istituto. Bene. Inserite i vostri codici ed entrate in banca. Ora provate ad immaginare che sulle vostre posizioni, non troviate più nulla. Che nella casella di saldo, sia del vostro conto, sia degli altri servizi finanziari da voi sottoscritti, sia riportata un'unica cifra: lo zero.

Come vi sentireste? Quale sarebbe il vostro stato emotivo una volta realizzato di non aver più neanche un euro da parte? Sareste sconvolti? Terrorizzati? Disorientati? Come se non ci fosse più il vostro mondo? Tuttavia, dopo un momento di totale smarrimento cosa accadrebbe alle vostre vite? Mi spiego meglio. Il giorno dopo andreste comunque al lavoro? Mandereste i vostri figli a scuola? Certo che lo fareste. Dopo tutto lo smarrimento possibile riprendereste a «macinare» la nostra vita. Ho usato quest'esempio per aiutarvi a comprendere, come noi non si viva di risparmi, ma del reddito che produciamo. Con il reddito facciamo tutto, anche alimentare il risparmio stesso. Il risparmio, la maggior parte di esso, ci servirà più avanti nel tempo, quando lo utilizzeremo per i nostri figli, per incrementare le nostre rendite il giorno in cui avremo smesso di lavorare, per realizzare i progetti di vita finanziaria. Inoltre, buona parte di quei risparmi, non li useremo mai perché, quando non ci saremo più, passeranno nelle mani di chi arriverà dopo di noi. Tutto questo, credo ci racconti, come il risparmio, sia fortemente orientato nel lungo periodo, anche se, perdendo tutti gli effetti che tempi e mercati possono generare in termini di crescita, continuiamo a gestirlo come ci servisse tutto oggi. Il tempo potrebbe davvero trasformarsi nel nostro migliore alleato o, se mal gestito nel nostro peggior nemico. I 1300 miliardi lasciati dagli italiani in conto corrente la dicono lunga di come il disorientamento ci stia portando fuori strada. Di questo si parlerà nel corso della trasmissione Mercati Che Fare in onda, sabato alle 16.30 su TgCom24 di Mediaset.

leopoldo.gasbarro@me.com