Toys R Us chiude i negozi negli Usa: licenziati 33mila dipendenti

La catena di distribuzione di giocattoli Toys non riesce più a competere con i big delle vendite on line e ha accumulato debiti per oltre 7 miliardi di dollari

Si abbasseranno le serrande dei negozi di giocattoli con il celebre marchio Toys "R" Us negli Stati Uniti. La catena alza bandiera bianca davanti alla crisi. Prevista la chiusura o la vendita degli 800 punti vendita, con 33mila lavoratori a rischio. Dopo aver venduto giocattoli per 70 anni lo scorso settembre la catena americana ha avviato procedura di bancarotta, sperando di riuscire a proteggersi dai creditori e di poter reinvestire nei negozi. La mossa, però, non ha funzionato. E proprio per questo Toys ’R’ Us si vede costretto a liquidare tutti i punti vendita negli Stati Uniti. La conferma è arrivata dall’amministratore delegato, Dave Brandon, che in una dichiarazione ha parlato di "un giorno profondamente triste per noi come per milioni di bambini e famiglie che abbiamo servito negli ultimi 70 anni. Sono molti deluso dal risultato, ma non abbiamo più il supporto finanziario per continuare le operazioni negli Usa".

Fondata nel 1948, la compagnia è in amministrazione controllata da settembre, schiacciata dalla concorrenza delle vendite online e dai debiti (7 miliardi di dollari). Nel 2007 il gruppo fatturava 13,6 miliardi di dollari.

Toys "R" Usa ha 881 negozi solo negli Stati Uniti e circa 65mila dipendenti in tutto il mondo. Il braccio britannico della società aveva annunciato l’intenzione di attuare una "liquidazione ordinata" dei punti vendita nel Regno Unito, che sono circa un centinaio con 3.200 lavoratori impiegati. Quanto alle operazioni in Asia ed Europa, si stanno considerando le "opzioni alla luce di questo annuncio", si legge nella nota.

I punti vendita sono sparsi in tutto il mondo. Oltre che negli Usa saranno chiuse le attività anche in Canada, Giappone, Germania, Austria e Svizzera. Per ora resteranno aperti quelli in Polonia, Francia, Portogallo, Spagna e Australia.

"Se Toys R Us scomparirà negli Stati Uniti, l’innovazione sarà ferita", aveva detto nei giorni scorsi Gerrick Johnson, un analista di BMO Capital Markets. Toys R Us infatti per decenni ha lanciato e testato i prodotti per una stagione, per poi passare alle catene di distribuzione più grandi.

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 15/03/2018 - 09:35

vai trump, servono altri ritocchi.

Ritratto di bassfox

bassfox

Gio, 15/03/2018 - 10:29

forza trump, continua così! e soprattutto vogliamo un secondo mandato, almeno finalmente gli usa imploderanno

Ritratto di elkid

elkid

Gio, 15/03/2018 - 12:30

---i bambini se ne fregano dei giocattoli---vogliono lo smartphone--e se non è l'ultimo modello te lo tirano pure addosso-swag ganja

rokko

Gio, 15/03/2018 - 13:58

Trump ha già la soluzione pronta: i dazi sui giocattoli.

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Gio, 15/03/2018 - 14:34

@elkid, hahaha proprio così. Poi c'è quel detto che dice, chi troppo sale velocemente, cade giù precipitevolissimevolmente. Io ho visto nei Toy italiani i prezzi erano più alti dimolti supermercati e quindi...

Ritratto di serramana1964

serramana1964

Gio, 15/03/2018 - 18:07

......ci saranno chiusure di altre attività.......questo è solo l'inizio ......il web sarà la rovina di molti e l'arrichimento di pochi

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 15/03/2018 - 18:21

@gzorzi - @bassfox - @Elkid - non dite nulla sulle imprese che chiudono in Italia? Secondo il vostro marcio pensiero, per la proprietà transitiva, la colpa sarebbe del governo komunista in carica, vero? Sputategli sopra ora, se siete coerenti, oppure trovate mille scuse da buffoni komunisti?

corivorivo

Gio, 15/03/2018 - 18:36

il culoritto ha un occhio nero proprio per questo motivo

patrenius

Ven, 16/03/2018 - 08:07

Se non si affronta seriamente il problema della tassazione pesante sulle vendite on line, una a una spariranno tutte le catene di distribuzione fisica. La vendita "umana" invece ha un valore intrinseco che va preservato. On line di fatto è concorrenza sleale.

rokko

Ven, 16/03/2018 - 12:57

patrenius e quale sarebbe il valore "intrinseco" della vendita "umana" ? Il fatto che se una roba non funziona devi battere i pugni sul tavolo per restituirgliela e fati ridare i soldi? O il fatto di avere una scelta molto più limitata ? O che anzichè adattarsi agli orari dei clienti sono i clienti a doversi ai loro ? O ancora che tu vai per chiedere se hanno una cosa e te propinano un' altra ? Sono curioso