Stime dell'Ue per l'Italia: "Ripresa graduale, ma attenzione al debito"

Il bollettino di primavera conferma le previsioni: Pil nel 2015 fermo allo 0,6%. Andrà meglio l'anno prossimo

Bruxelles si aspetta una ripresa graduale per l'economia italiana, con gli indicatori della fiducia "stabilmente migliorati nei mesi recenti" e "la fluttuazione di quelli fondamentali". A scriverlo è la Commissione Europea, nelle sue previsioni di primavera.

Nel 2015 il Prodotto interno lordo italiano rimarrà intorno allo 0,6%, soprattutto grazie "all'export aiutato dal deprezzamento dell'euro". E l'anno prossimo si dovrebbe arrivare all'1,4%, grazie a consumi e investimenti pubblici. L'Ue rileva anche che il debito sta iniziano a scendere, dopo il picco del 2014

Moscovici ha chiarito che "la sfida principale per l’economia italiana è fronteggiare l’alto livello del debito pubblico con una crescita che resta debole", mantenedo un'agenda di riforme all'altezza. La ripresa, dice Bruxelles, "avrà un impatto positivo sulla disoccupazione, che però resta elevata".

Il giudizio complessivo sul mercato del lavoro europeo è di un "lento miglioramento". I dati sull'Ue e sulla zona euro dovrebbero scendere fino al 9,6% e all'11,0%. E nel 2016 l disoccupazione arriverà al 9,2% e 10,5%.

Arriva invece una revisione al ribasso delle stime per la Grecia, che il commissario agli Affari economici ha definito "inevitabile", per una ripresa che "non riesce ad accelerare a causa dell'elevata incertezza politica".

Commenti

Mechwarrior

Mar, 05/05/2015 - 13:07

Ma facile ripianare il debito. lo stato prelevi sti 40.000 euro a testa dalle casse/case degli italioti

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 05/05/2015 - 13:19

Se lo dice la UE, a me sembra che i numeri reali siano profondamente diversi: cialtroni!

Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 05/05/2015 - 13:24

La Ue è specializzata nel proferire scemenze o, in alternativa, banalità Che il problema principale dell'Italia sia il DEBITO lo sanno anche i bambini dell'Asilo, se non addirittura quelli della scuola materna visto che da Berlusconi in poi è in costante aumento ma soprattutto con l'arrivo del bamboccione Fonzie Renzi.

badboy

Mar, 05/05/2015 - 14:49

Manca l'informazione che tra tutti i paesi europei siamo sulla quart'ultima posizione. Solo Finlandia, Cipro e la solita Grecia fanno peggio. Molto modesto il risultato se vogliamo essere un paese industrializzato all'avanguardia. Invece con le riforme, da anni promesse, non si ha neanche iniziato, almeno con quelle effettive. Ridurre le spese dello stato solamente non investendo piú nell'infrastruttura penalizza le aziende private e manda in disoccupazione milioni di lavoratori, così non risolve nulla. Bisogna finalmente toccare l'idra del settore pubblico per portare l'Italia su una buona strada.

badboy

Mar, 05/05/2015 - 14:50

@centocinque: vuoi dire che ti fidi di piú dei ladri italiani, da decenni al governo a livello nazionale, regionale, provinciale e comunale ? Io veramente no!

RawPower75

Mar, 05/05/2015 - 16:23

Che la Grecia sia in condizioni disastrose, soprattutto grazie al "provvidenziale" intervento della Trojka si sapeva. Che il suo debito sia impagabile pure. E tra un po' sarà il nostro turno... Fuori dall'eurooooooooooooo!!!!!!!!!!

SanSilvioDaArcore

Mar, 05/05/2015 - 16:51

Ripresa per il cxxo

Ritratto di centocinque

centocinque

Mar, 05/05/2015 - 18:13

@badboy, proprio il contrario, non mi fido dei numeri sparati nè dai soliti tromboni nostrani, nè di quelli sparati dagli eurocrati

badboy

Mar, 05/05/2015 - 19:07

@centocinque: quanto mi pare questi numeri sono pubblicati sulla base di dati forniti dai vari paesi, i nostri perciò arrivano dall'Italia. Io non voglio difendere numeri di nessuno, se tu hai fonti migliori e piú affidabili, presentali. Ho però l'impressione che quando senti UE ti venga solo voglia di sputare...

cgf

Mer, 06/05/2015 - 13:43

verrà tolto l'embargo alla Russia? non vedo come altro possa essere possibile, gli USA dopo una fiammata da inizio anno stanno sempre più lentamente affievolendo, il petrolio sta tornando a crescere ma ancora lontano dai 100 USD, anche l'euro recupera sul dollaro e quello si che tornerà a salire nonostante i bazooka della b.c.e.