Unioncamere, nel 2012 hanno chiuso mille imprese ogni giorno

Negli ultimi dodici mesi più di 380mila imprese hanno chiuso. I dati ricordano da vicino quelli del 2009, l'anno peggiore dall'inizio della crisi

La crisi economica negli ultimi dodici mesi ha inciso pesantemente sulla salute delle imprese italiane. Nel 2012 sono più di mille al giorno le aziende che hanno chiuso, per un totale che tocca quasi le 365mila (364.972), rispetto a 383.883 neonate. 

Facendo un confronto con il 2011, hanno chiuso 24mile imprese in più, mentre ad avere aperto sono 7.427 in meno, il dato più basso degli ultimi otto anni. Un raffronto tra i due dati porta a 18.911 il numero delle imprese rimaste in attività dopo l'apertura, un numero che assomiglia a quello ottenuto nel 2009, l'anno peggiore da che la crisi è iniziata.

Una contrazione notevole l'ha subita il settore dell'artigianato. La chiusura di 6.515 imprese manifatturiere porta il conteggio sui dodici mesi a una diminuzione di aziende nell'ordine delle 20.319 unità. 7.427 le imprese di costruzioni che hanno dovuto chiudere i battenti, 16.791 quelle del settore agricolo.

Distribuendo le imprese sulla cartina dell'Italia, si nota come il calo maggiore sia stato al Nord, che ha perso 6.600 imprese circa. Tre su quattro nel solo Nord-Est.

Annunci
Commenti

Duka

Gio, 24/01/2013 - 13:32

Grazie Napolitano, Grazie Monti - Ora spiegateci dove andrete a produrre reddito, quindi come farete ad avere un gettito fiscale. Sapete noi siamo una massa di bestie e di queste cose "complicate" non ci è dato capire.

EmanueleS

Gio, 24/01/2013 - 14:07

La realtà economica corrente contrasta fortemente con le "chiappole" elettorali di chi pretende, dopo aver governato con i piedi per 13 mesi (dicesi tredici, mica bruscolini), di essere magari rieletto... ma per fare che cosa? Per portare a termine la missione dei suoi veri padroni?

nonnoaldo

Gio, 24/01/2013 - 14:19

365.000 imprese chiuse, molte fallite. Perchè nessuno calcola quanti dipendenti sono finiti per strada e quanto costano fra Cig, indennità di disoccupazione e mancati versamennti di contributi ed IRPEF? Forse perchè la cifra è veramente preoccupante?

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Gio, 24/01/2013 - 14:27

In tanti chiudono e la casta non fa una piega, anzi...

m.m.f

Gio, 24/01/2013 - 14:36

altretante saranno quest'anno.........chiudere sopratutto i negozi e andare all'estero.

Ritratto di sonia cometa

sonia cometa

Gio, 24/01/2013 - 14:47

Grazie Monti!!! Si Vergogni e torni a far il prof..............

Ritratto di gianni1950

gianni1950

Gio, 24/01/2013 - 14:48

Questo individuo veramente privo di dignità, continua a presentarsi in televisione per chiedere voti per la sua ammucchiata, che comprende i più spregevoli individui della vecchia politica italiana. L'Italia rovinata, migliaia diimprese e famiglie in ginocchio e questo professorino da 4 centesimi ha il corgaiio di presentarsi ancora in televisione. Che schivezza vederlo sugli schermi e ascoltare le sue menzogne e insulti, ma da dove proviene e quale dignità possiede questo individuo che viene distinto dal loden e null'altro. Vergognati Monti, vattene al tuo paese vero quello della Merkel, sarai il benvenuto, nonostante la Merkel si trova in seri guai non avendo più la maggioranza al senato, forse tu abile con imbrogli potrai aiutarla a vincere le elezioni a Settembre.Importante per noi che te ne vai fuori dai piedi

Ritratto di sonia cometa

sonia cometa

Gio, 24/01/2013 - 14:48

Grazie Monti!!! Torni a fare il prof ......perchè di politica non capisce un tubo.......

piedilucy

Gio, 24/01/2013 - 14:52

ma in compenso hanno messo il redditometro sulle famiglie con onere della prova cosi tireranno su qualche euro per mantenersi ladriiiiiiiiiiiiiiiiiiii

lamwolf

Gio, 24/01/2013 - 14:54

Grazie Monti, grazie di averfatto il lecchino della Merkel e di aver portato al collasso l'Italia e aver portato alla povertà 3 milioni di persone. Ancora un grazie per altri 3 milioni di giovani che non troveranno un lavoro stabile e nemmeno quello instabile. Grazie dalle mie figlie che si ritroveranno quando io non ci sarò più senza una pensione e che per campare dovranno vendere quel poco che gli lascerò. Grazie ancora Monti per non aver mai pensato a noi gente di questa terra e di aver pensato alla Merkel alla Francia e a MPS. Grazie a tutti coloro, vertiti e istituzioni con i 946 parlamentari magna pane a tradimento che sono nonostante il grave disagio nazionale a contendersi quelle maledette poltrone. Svegliamoci gente per ringraziarli ancora una volta ma a modo nostro.....

Ritratto di giorgio.peire

giorgio.peire

Gio, 24/01/2013 - 15:02

Andatevene con la vs. teorie avete fatto più danni che una guerra. Incapaci ed incompetenti!!!!

Rossana Rossi

Gio, 24/01/2013 - 15:29

Eppure ci sarà qualche babbeo che avrà ancora il coraggio di votarlo.........

antonioamelio

Gio, 24/01/2013 - 15:32

E l'incapace monti pretende di essere rieletto. Lo avrà MAI il mio voto questo è sicuro. E credo sia del mio stesso parere moltissima altra gente nonostante i sondaggi farlocchi...

Max Devilman

Gio, 24/01/2013 - 15:46

chissà se chi lavora nell'apparato statale se ne è accorto/gli interessa qualcosa........

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Gio, 24/01/2013 - 15:50

Nessuna voglia di mettere in discussione certi numeri, ma mi chiedo: se l'anno scorso hanno chiuso 380 mila imprese in Italia, ma quante imprese esistono in questo Paese?

rbach

Gio, 24/01/2013 - 17:21

Quando leggo questi numeri mi chiedo comunque cosa si intenda per impresa. Il dubbio è che si mettano nel conto tutte le partite iva, comprese quelle di singoli professionisti e artigiani e di tutti quei lavoratori che non potendo essere assunti, aprono partita iva come collaboratori esterni.

Max Devilman

Gio, 24/01/2013 - 17:46

@rbach: da quello che so io è come dici tu, il dato preoccupante è che è il primo anno che le partite iva chiuse superano le aperte. Il dato quindi mostra un trend negativo preoccupante. Con questo regime di fiscalità NON E' POSSIBILE FARE IMPRESA e aggiungo: l'impresa equivalente aperta all'estero ha un vantaggio competitivo che non è possibile colmare e crea una spirale che porta il nostro paese al fallimento.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Gio, 24/01/2013 - 18:02

@ StefOmega, in Italia si contano circa 8.800.000 partite IVA. Di queste se ne stimano 800.000 che nascondono probabili lavori subordinati. Degli 8 milioni restanti circa 5 sono professionisti e ditte individuali, le altre società. Quindi, in un solo anno ne sono morte il 5% circa. Un tasso di mortalità degno delle peggiori epidemie della storia. Complimenti ai tecnici! @rbach, scusi ma per Lei, un libero professionista o un artigiano singolo non hanno nemmeno il diritto di finire in una statistica se cessano l'attività? Hanno diritti solo i dipendenti ed i grandi imprenditori?

Ritratto di Fritz49

Fritz49

Gio, 24/01/2013 - 18:12

Ma,Destra e Manca,dov'erano nel 2012;se servono questi tempi per accorgersi di cosa gli fanno in casa,siamo in buone mani e poi ci chiedono il voto?

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Gio, 24/01/2013 - 18:19

Chissà perché questo articolo non interessa ai Troll rossi che frequentano questo sito. Non sarà, per caso, che il futuro alleato prof. è indifendibile...

Ritratto di stenos

stenos

Gio, 24/01/2013 - 18:38

Vai monti, vai a leccare il c.lo alla merkel, altro non sai fare, incapace, inetto cacciaballe.

Ritratto di Fritz49

Fritz49

Gio, 24/01/2013 - 18:52

Corsaro Azzurro-Io sono di centrosinistra,voglio per l'ennesima volta rammentarle che i delinquenti,di DESTRA o di SINISTRA vanno messi in galera,non votati o difesi solo perchè rappresentano il proprio pensiero.

Ritratto di copyleft

copyleft

Gio, 24/01/2013 - 18:53

@Corsaro Azzurro: INTERESSA MA PROBABILMENTE VENIAMO CENSURATI PERCHE' IL TEOREMA NON REGGE...4° INVIO...Dati talmente strumentalizzati che dovreste vergognarvi! Se uno ha chiuso nel 2012 soprattutto nei primi sei mesi di sicuro non è colpa dell'avvento di Monti ma di chi c'era prima…ma anche nei restanti sei mesi si possono avere seri dubbi...le aziende non chiudono di punto in bianco ma prima provano a sopravvivere con qualsiasi mezzo...soltanto dopo tirano giù i battenti...motivo per cui molte delle imprese chiuse nel 2012 hanno cominciato a "patire" almeno dal 2010...quando qualcuno ostentava ricchezza e negava la crisi!

Duka

Gio, 24/01/2013 - 18:54

Attenzione che di babbei ce ne sono un gran numero che ancora non hanno capito che non votare Monti ma votare Bersanov è la stessa cosa. L'inciucio è alle porte ora fanno finta di litigare come nella migliore tradizione della casta. A proposito di casta più nessuno parla dei loro compensi che non sono affatto diminuiti anzi.

m.m.f

Gio, 24/01/2013 - 19:04

il dato è clamorosamente falso!!!!!!!!!!! sono molte meno le aziende che hanno chiuso nel 2012. ma molte meno ma chiuderanno ora nel primo semestre 2013 sarà guerra di chiusure,per continuare nel 2014 tutto fino a 215 inoltrato ma solo in italia.

m.m.f

Gio, 24/01/2013 - 19:04

il dato è clamorosamente falso!!!!!!!!!!! sono molte meno le aziende che hanno chiuso nel 2012. ma molte meno ma chiuderanno ora nel primo semestre 2013 sarà guerra di chiusure,per continuare nel 2014 tutto fino a 215 inoltrato ma solo in italia.

m.m.f

Gio, 24/01/2013 - 19:17

si ne chiudono 10 e ne aprono otto il che fa pensare a un paese di ladri...............

gianni71

Gio, 24/01/2013 - 19:31

ma come si fa a non capire che le imprese che hanno chiuso nel 2012 erano in affanno già da qualche anno? E quante imprese hanno chiuso nel 2011 e quante ancora nel 2010? Tutta colpa di Monti, ma quando governava il vostro idolo, erano tutte rose e fiori? IMBECILLI E TELEDIPENDENTI!!

eovero

Gio, 24/01/2013 - 19:53

e dove era la televisione "italiana" che non ha mai dato queste notizie?! sempre occupata per l'ILVA? o per le pozzanghere in sicilia,che chiedevano la calamità?..e del terremoto in Emilia Romagna si sa più niente? sono tornati a casa sua? dell'alluvione in toscana,i paesini sommersi dall'acqua..qualcuno ci pensa? vabbè che l'industrie chiuse sono del nord....ma è anche vero che sono quelli del nord che pagano l'abbonamento

gianni71

Gio, 24/01/2013 - 19:57

Io la mia piccola impresa l'ho chiusa nel 2011, ma ero in sofferenza già da molti mesi. Chi devo incolpare? Fuori il nome!

Ritratto di miladicodro

miladicodro

Gio, 24/01/2013 - 20:03

Questo è in parte dovuto ad una scellerata e pazza idea ecologista bloccante centrali nucleari e a carbone. rigassificatori, termovalorizzatori, no tav, penalizzante la categoria dei lavoratori di cantieristica e stabilimenti annessi, che stanno scomparendo e con loro tutta la filiera dei costruttori di apparecchiature, valvolame, tubi, lamiere, bullonerie , penalizzanti un milione di addetti in generale e siamo qui a menarcela con i grilli e i grillini di tagliare le ali ai caccia e di chiudere i trafori, poi vengono gli ingroia che vogliono fare la rivoluzzione, e dulcis in fundo un esaltato da dodici mesi di palcoscenico usurpato a dirci che cambieranno l'Italia. Roba da farli correre con i forconi sino in Siberia e lasciarli lì a prender freddo ai bargigli ammesso che li abbiano. Questi sono i risultati vendoliani, pecoraroscani, e compagnia briscola, però c'è ancora una speranza ci penserà bersanov con landini e la capa CGIL a sistemare le cose : tutti in mobilità, si per rincorrerli e prenderli a calci nel deretano. Sveglia Italiani, l'ora è tarda.

gianni71

Gio, 24/01/2013 - 20:03

....I dati ricordano da vicino quelli del 2009, l'anno peggiore dall'inizio della crisi. Indovinate un pò chi governava nel 2009? Colui che si sollazzava con le olgettine, che si divertiva con il bunga bunga come il suo fidato e degno compare Gheddafi, che ci raccontava che la crisi non esisteva e che era inventata dai giornali di sinistra e dai comunisti. SVEGLIA!!!

Il giusto

Gio, 24/01/2013 - 20:35

Incredibile...state ammettendo che la crisi esiste dal 2009,l'anno dopo l'insediamento del grande statista!Quello che negava la crisi,invenzione della sinistra!Anche i boccaloni del giornalino potranno scoprire cosi' chi ci ha messo in ginocchio in questi anni,per poi passare la palla a Monti e incolparlo di tuttto!!!!

annacc

Gio, 24/01/2013 - 20:58

per gianni: certo che nel 2009 è stato l'anno peggiore della crisi, ma che bella scoperta! In quell'anno i dati italiani erano comunque migliori del resto d'Europa. Però i dati ISTAT del 2011, due anni dopo testimoniano che il governo era riuscito ad affrontare la crisi e i parametri economici erano in netta ripresa. Sono numeri, non ciance Dati Istat ottobre 2011. L’ECONOMIA ITALIANA RISALE Gli ultimi dati su ordinativi, produzione e fatturato dell’industria mostrano un significativo miglioramento rispetto ai mesi precedenti. Ad agosto gli ordinativi registrano un aumento del +5% su base congiunturale e del +10,5% rispetto ad agosto 2010 (Istat, Fatturato e ordinativi dell’industria, 19 ottobre 2011). Nello stesso periodo la produzione è cresciuta del +4,3% su base congiunturale e del +4,7% in termini tendenziali, (Istat, Produzione industriale, 10 ottobre 2011). Il fatturato ha registrato una crescita del +4% rispetto al mese precedente e del +12% rispetto ad agosto 2010 (Istat, Fatturato e ordinativi dell’industria, 19 ottobre 2011). Questi dati costituiscono un segnale positivo per la nostra economia nella direzione del recupero dell’attività produttiva. IMPORT ED EXPORT Quanto al commercio estero crescono, anche se di poco, le esportazioni, che sono state il traino della ripresa nel 2010. Nel mese di agosto l’export ha registrato un aumento del +0,1% rispetto al mese precedente, a fronte di una crescita delle importazioni del +0,9%. Tuttavia analizzando i dati tendenziali, l’export di agosto mostra una crescita sostenuta pari al +16,2%, rispetto al +12,5% registrato dalle importazioni (Istat, Commercio con l’estero, 14 ottobre 2011) disoccupazione 2011 8% 2012 11% consumi 2011 +0.1% 2012 -3.4% cassa integrazione 2012 +9% Debito pubblico 2012 +6.90% Spese dello stato genn-nov 2012 +8.7% (32 miliardi in più del 2011, esclusi gli interessi sul debito!) Forse Berlusconi ci stava lentamente e a fatica portando fuori dalla crisi, ma magari a qualcuno (Germania? FMI, Banche?) dava fastidio, e allora ecco che ...zac! con un colpo di stato re giorgio ci appioppano il tecnico genialoide che con un calcio ci butta nel baratro! mi raccomando votiamolo compatti, che insieme al suo amico Bersani riuscirà a fare ancora meglio

mares57

Gio, 24/01/2013 - 21:11

Votare Monti-Bersani é la stessa cosa. Non hanno la minima idea del danno che hanno fatto. Inutile che gli irriducibili continuino a dare la colpa a Berlusconi. Fino a novembre 2012 la situazione era ben diversa. Ora ci hanno portato allo sfacelo per salvare banche ben precise e non solo.Inutile raccontare balle. Chi ha buon senso non rimanga a casa, volevo farlo anch'io, ma poi ho cambiato idea e andrò a votare, perchè mi sono resa conto della trappola che ci viene tesa . Diamo l'ultima opportunità alla destra, che non è scevra da grandi errori, di riformare. L'ultima, io credo che l'abbiano capito. Mandiamo a casa o negli atenei gli incapaci.Presidente Berlusconi, non ci frega niente degli accordi europei, bisogna salvare le aziende italiane. Quelle che ancora ci sono.E i posti di lavoro innanzi tutto con provvedimenti concreti e rapidi.

Ritratto di Kasparov77

Kasparov77

Gio, 24/01/2013 - 21:14

Monti, metaforicamente parlando, ha fatto da paracadute in questo momento, arriveremo a toccare terra senza romperci tutte le ossa. Se rimaneva Berlusconi le imprese chiuse ogni giorno sarebbero state il doppio, non avendo più credito ne politico, ne di immagine e ormai nemmeno progettuale, quindi nemmeno economico all’estero, per chi esporta. Il settore ora ha un trend che riflette l’aumentata affidabilità italiana, occorre darne atto al ‘professore’ che comunque ha sbagliato molto su welfare e continua ad appoggiare incondizionatamente il sistema finanziario. Dimostrando che ‘salire in politica’ è per lui una strada da percorrere con poco rispetto per chi ora soffre questa crisi.

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Gio, 24/01/2013 - 21:58

copyleft Gio, 24/01/2013 - 18:53, spesso saltano anche i miei commenti e non credo che mi censurino. Dalla massiccia quantità di commenti e, spesso, di insulti provenienti da sinistra, non mi pare proprio che in questo sito si possa parlare di censura. Venendo al dunque, i dati sono chiari: il disastro per le PMI è avvenuto nel 2012, prima c'erano difficoltà più o meno serie ma la mazzata è venuta dai provvedimenti recessivi imposti dalla Merkel ed attuati dal suo "governatore" Monti. Poi se, in vista del matrimonio Monti-Bersani, La rassicura accusare il Cav, si accomodi pure. Siamo ancora un paese libero e si possono sostenere anche le idee sbagliate.

PieroLupo

Gio, 24/01/2013 - 22:04

Certo che ci vuole del coraggio, che questi tecnocrati(i quali non sanno risolvere neanche la piú semplice equazione)con a capo il massone ladrone Monti, che ancora vogliono governare! Altro che voti, vi prenderete solo dei pomodori marci da parte dei cittadini italiani. Ma anche il nano mafioso, non é che deve stare tanto tranquillo con il bunga bunga! Il nano lo mettiamo nella fogna a vita, mentre a badilate tutti gli altri politici, banchieri, cappellini rossi e toghe nere. L'antipolitica di Grillo é l'unica soluzione per non andare completamente alla deriva! Avanti Grillo e fuori il letamaio di politici!

Ritratto di StefOmega

StefOmega

Gio, 24/01/2013 - 22:16

No, Corsaro Azzurro, non parlo di diritti. Semplicemente, per un Paese che ha 60 milioni di abitanti, un numero del genere mi sembrava eccessivo. Senza intento provocatorio, sia chiaro.

gianni71

Gio, 24/01/2013 - 22:38

@..annacc..dimmi, dove hai studiato? I dati che sapientemente hai snocciolato da dove li hai copiati? Il tuo degno compare Berlusconi il quale, ti ricordo, ha governato questo dannato e maledetto Paese negli ultimi tre lustri, ha sapientemente, scientemente e abilmente obnubilato le menti degli italiani poveri di spirito e di cervello. Ha in tutti questi anni pensato soltanto a come evitare la galera (il perseguitato dalla giustizia) negando SEMPRE che in Italia c'era la crisi. Ricordiamo: i ristoranti sono pieni; non si trova posto in aereo; le beauty farm sono al collasso (ottobre 2011). Sai dove te li devi mettere i tuoi dati? La vita reale delle persone è un' altra cosa Quella che vedi tu, quelli come te e il tuo amato Silvio è una soap opera. Adesso vai a letto e fatti una bella dormita.

Titanio

Ven, 25/01/2013 - 00:57

L'analisi dei numeri spesso viene gestita come fosse il gioco delle 3 carte. Facciamo un pò di ordine, almeno per onestá intellettuale vs il cittadino, il governo monti ha iniziato ad operare a fine Novembre, possiamo dire che gli eventuali effetti negativi della sua attiitá possiamo riscontrarli solo dal momento in cui iniziano a essere effettivi i propri decreti? Sapete, fonte gazzetta ufficiale, le prime date di quanto? Ecco dobbiamo giá togliere quasi 3 mesi del 2012, quindi eliminando i prime tre mesi dell'anno, ancora ad appannaggio di chi lo ha preceduto, il saldo è positivo. Fate i conti, siate onesti, ci può stare che Monti ad alcuni non piaccia, anzi a molti, ma almeno date a Cesare qul he i Cesare!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Ven, 25/01/2013 - 01:03

Oltre alle favolette che ci ammannisce il gufo portasfiga ci sono altri favolisti che lo seguono inventandone di ancor più iperboliche. IL SIGNOR Kasparov77 SI INVENTA ADDIRITTURA UN PASSATO IN CUI BERLUSCONI AVREBBE FATTO PEGGIO DI MONTI. Potenza del retropensiero rosso.

CALISESI MAURO

Ven, 25/01/2013 - 04:38

Corsaro azzurro: I trolli rossi sono incistati tutti nello stato, regioni e banche amiche. Ecco perche' stanno zitti.

pepperconarse

Ven, 25/01/2013 - 05:26

Un maestro elementare nel 1928 diede una grande lezione di economia che questi bocco(ni)ani non hanno mai capito.Opere pubbliche.Un esempio che i ladroni di oggi non sanno imitare.Invece di destinare miliardi di euro alla cassa integrazione,perche' non destinarli alle grandi opere pubbliche?.Ma questi boriosi unti dal signore non accetteranno mai lezioni di economia da un semplice maestro elementare.Che aveva a cuore l'Italia e gli italiani.

MagoGi

Ven, 25/01/2013 - 07:45

Almeno i ristoranti si saranno salvati fino ad Ottobre 2011 erano pieni da scoppiare!

Ritratto di Corsaro Azzurro

Corsaro Azzurro

Ven, 25/01/2013 - 10:45

@ StefOmega Gio, 24/01/2013 - 22:16, i numeri sono più o meno quelli. La sinsitra, che aborrisce i liberi professionisti e le ditte individuali per gli stessi motivi ideologici alla base della persecuzione dei Kulaki in Russia, prospera proprio grazie alla poca conoscenza di questi numeri che, sommati a quelli dei precari (4 milioni, dato CGIL 2012) e disoccupati (quasi tre milioni), chiariscono che nel nostro paese quasi 13 milioni di persone (pari a circa il 21% della popolazione) sono marginali rispetto ad un Welfare State costruito sul modello del lavoratore dipendente e del pensionato; un welfare non più efficace ma dominato dalla partitocrazia di sinistra e dai sindacati amici.