Wall Street sospesa: "Problemi tecnici"

In una nota, il Nyse spiega che il big board sta affrontando "problemi tecnici" che spera di risolvere il prima possibile

Problemi tecnici costringono il Nyse a sospendere le contrattazioni sul floor, cioè la sala operativa. Gli scambi sono sospesi per tutti i titoli. Lo stop segue le difficoltà tecniche sperimentate dal Nyse già prima dell’apertura delle contrattazioni, poi apparentemente risolte. Il Nyse è al lavoro per capire cosa abbia innescato il blocco del sistema. "Fino ad ora non ci sono indicazioni di attività sospette" riguardanti il New York Stock Exchange - dove il trading è stato sospeso - e United Airlines, i cui aeromobili sono stati tenuti a terra in Usa per problemi tecnici. Lo ha detto un funzionario del dipartimento per la Sicurezza nazionale.

intanto il sito del Wall Street Journal è inaccessibile. La società di borsa spiega che informazioni verranno date "il prima possibile". Si sta lavorando per risolvere "un grave problema tecnico". Gli scambi su altri exchange invece continuano. Il Nasdaq in un comunicato ha spiegato che sta "operando normalmente" e che "è in grado di scambiare azioni di tipo A" (quelle di aziende quotate al Nyse). Anche BATS ha confermato la stessa cosa. Si segnala che prima dell’apertura di Wall Street c’era stato un problema tecnico al Nyse risolto prima del suono della campanella alle 9.30 (le 15.30 in Italia).

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 08/07/2015 - 19:32

Ma quali problemi tecnici... è palese che è la risposta cinese alla speculazione americana sulla bolla cinese.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 08/07/2015 - 19:42

Se questo è un attacco cinese, allora lo scoppio della bolla speculativa in Cina ha sicuramente un mandante a Jew York. Ma se è così, il gioco si fa sempre più duro. Certo, non è un caso..... proprio oggi si riuniscono Russia, Cina e India per fare la storia, l'alleanza (non ufficiale ma nei fatti) in funzione antioccidentale.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 08/07/2015 - 19:47

E' la rappresaglia cinese alla partecipazione USA alla speculazione sulla bolla cinese. Stesso copione della guerra finanziaria alla Russia. E gli USA prenderanno altre bastonate.

idleproc

Mer, 08/07/2015 - 20:09

La luce in fondo al tunnel?

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 08/07/2015 - 20:18

Se la Cina è dietro l'attacco informatico al potere USA, i suoi simboli (borsa, media e grande industria) è ovvio che chi sta dietro la speculazione contro la borsa cinese sono gli USA. Speriamo di no perché se gli USA dopo la Russia aggrediscono la Cina, si va dritti verso il baratro.

Ritratto di Attila51

Attila51

Mer, 08/07/2015 - 23:57

Ausonio troppa play station . Siamo nella realtà non nella fantasia cinematografica. Saltato il Fast trading della Cisco