Esaltati i valori nutrizionali e le vitamine presenti nel latte

Il latte, prezioso per il benessere dell’organismo, soprattutto semplice. Primo nutrimento dell’uomo, forse tra gli alimenti finora più studiati, continua ad essere oggetto di interesse e ricerche da parte di studiosi di tutte le discipline medico-scientifiche. A Roma, in un seminario di studio «Il latte oggi: salute tra ricerca e innovazione», nutrizionisti, pediatri, gastroenterologi, endocrinologi, esperti di microbiologia alimentare e biotecnologia, hanno fatto il punto sulle conoscenze più recenti in materia di latte. L’iniziativa è stata promossa dall’università La Sapienza di Roma e dalla multinazionale alimentare italiana, Parmalat.
«Il latte può essere considerato un alimento poli-funzionale, per il suo contenuto in nutrienti e per la presenza di sostanze biologicamente attive», afferma Carlo Cannella, ordinario di scienza dell’alimentazione all’università La Sapienza di Roma, tra i relatori dell’incontro romano. «E’ un alimento che apporta acqua, calcio, proteine, grassi, vitamine e sali minerali. Recente è la dimostrazione che il latte contiene anche un acido grasso come l’acido linoleico coniugato (CLA), prodotto dai batteri del rumine a partire dagli acidi grassi presenti nel foraggio che nutre la mucca. Ha azione antiadipogena, antidiabetogena, anticancerogenica ed antiaterogenica».
La conoscenza dei nutrienti e della qualità igienico-sanitaria sono il frutto degli straordinari progressi della ricerca, messi a punto e del loro trasferimento in tecnologie, per proteggere il valore nutritivo del latte e garantirne qualità e sicurezza d’uso. In merito al seminario è stato presentato il progetto «Parmalat e l’università per la Qualità», unico nel panorama italiano, di collaborazione con cinque Atenei (Sapienza di Roma, università degli studi di Catania, di Milano, Federico II di Napoli e Parma) per garantire i valori riportati sull’etichetta nutrizionale e comunicare al consumatore tutta l’attività di 70 ricercatori coinvolti). «L’università esegue rigorosi controlli dei parametri di etichetta del prodotto, sia presso i laboratori, sia presso lo stabilimento», spiega Franco Antoniazzi, responsabile della ricerca e sviluppo Parmalat. «Sono state inoltre eseguite analisi per meglio indagare la composizione del latte, con attenzione ad elementi quali acidi grassi, vitamine idrosolubili e liposolubili e gli effetti del trattamento termico. L’indagine, relativa al 2010, ha consentito di sfatare alcuni pregiudizi sul latte: il trattamento termico industriale non distrugge le vitamine».