Amore e guerra ad Aleppo l'inferno delle donne italiane

Sono arrivate tanti anni fa dall'Emilia, dall'Umbria e dalla Calabria per sposare dei siriani. "Qui un tempo si stava benissimo. Ora rischiamo la vita facendo la spesa"

Sono le prigioniere di Aleppo. Sono una quindicina, forse più. E sono tutte italiane. Sono mogli e madri di siriani trasferitesi da almeno trent'anni in quella che fino ad all'agosto del 2012 era il cuore degli affari, dei commerci e della cultura siriana. Una metropoli da 2 milioni di abitanti. Una Milano mediorientale trasformata in poco più di un anno in una città di anime morte, circondata dalla guerra e dai ribelli islamisti.
«Viviamo nell'angoscia e nella paura. Questa città è diventata una galera da cui non puoi fuggire se non a rischio della vita», racconta al telefono Elide Stino Khashoun, 69 anni. A portarla lì dalla lontana Bologna dove negli anni Settanta studiava per diventare assistente sociale fu la passione per Hanna Khashoun. «Ci incontrammo all'università - ricorda - lui era due anni più giovane e studiava ingegneria. Ci sposammo nel 1975, dopo un po' di tempo ci trasferimmo ad Aleppo dove è nata anche Barbara, la seconda delle mie due figlie. Da allora non ho mai pensato di rientrare, qui si stava troppo bene. Ma ora - sospira la signora Elide - tutto è cambiato, adesso qui si rischia la pelle anche a far la spesa. Quando mio marito esce la mattina per rimediare qualcosa al mercato, sto in ansia fino a quando non rientra. Il nostro quartiere, nei dintorni dell'Università, è ancora abbastanza sicuro, ma basta allontanarsi un po' e la guerra ti viene incontro. Devi camminare rasente ai muri, star attento ai cecchini e far attenzione che non arrivino colpi di mortaio». Ma quella spesa sotto le pallottole non vale certo il rischio o la paura. «Ah lo può dire forte - strilla nella cornetta la signora Elide con quella cadenza bolognese che neanche trent'anni di Siria son riusciti a cancellare -. Tante volte il povero Hanna mi torna a casa con un mazzo di prezzemolo e mi dice "è tutto quel che c'era". Quando va meglio sono peperoni, oppure melanzane, oppure lenticchie. La cosa strana è che non si trovano mai due cose assieme, ma quella terribile è quanto le paghi. Il pane, un anno fa, per dirle un prezzo costava 15 lire al sacchetto oggi se ti va bene lo paghi 300. E il resto non fa differenza. Il gas è diventato introvabile, ma se per miracolo uno è disposto a venderti una bombola la paghi 7000 lire contro le meno di mille di un anno fa».

Ma la storia di Elide non è un caso isolato. Assieme a lei nella città circondata dai ribelli sopravvivono alla meglio una quindicina di altre donne italiane. E assieme a loro un plotone di almeno un centinaio di figli e nipoti con la cittadinanza italiana e il passaporto nel cassetto. «Guardi - racconta la signora Elide - solo nel mio quartiere accanto all'università, nella zona occidentale della città siamo almeno una quindicina di italiane. Di Bologna come me ci sono solo la Lilli Rihaoui e la Clara Kappel, poi c'è la Giovanna Sanjah arrivata dal Trentino alto Adige, la Franca Jabri di Ascoli Piceno, la Giuliana Karoush e la Maria Alberta tutte e due dell'Umbria, Simona nata in Sardegna, la Luisanna una veneta e la Gianna Flah calabrese. Più o meno hanno la mia stessa storia hanno sposato dei siriani e li hanno seguiti fin qui, per questo io conosco solo i loro nomi acquisiti e non quelli di battesimo». In verità - come spiega anche la signora Elide - gli italiani e le italiane perdute di Aleppo potrebbero essere anche di più. «Queste sono quelle con cui sono rimasta in contatto. Con loro ci trovavamo ancor prima della guerra per andare a messa dai salesiani. Solo i loro figli e i loro nipoti registrati all'ambasciata con cittadinanza italiana sono più di un centinaio. Senza contare quelle che probabilmente non conosco e sono ancora qui da qualche parte».

Ma l'aspetto più triste della prigionia di Elide, Lilli, Clara e delle altre sopravvissute di Aleppo è la cupa sensazione di esser, ormai, state dimenticate dalla madrepatria. «L'ultima volta che qualcuno ci ha cercato a nome delle autorità italiane era prima di Natale dello scorso anno. Ci ha chiamato un impiegato dell'ambasciata di Damasco chiusa da due anni e ci ha consigliato una vacanza in Italia. Mi sono sentita presa in giro perché da qui non si può più uscire. L'aeroporto è chiuso e l'unico modo per raggiungere il Libano è attraversare in autobus le zone dei ribelli. Ma è una scommessa con il destino. Puoi finire in mezzo ad uno scontro a fuoco e lasciarci la pelle. Un mese fa due nostri conoscenti, marito e moglie sono andati a trovare i figli negli Stati Uniti e sono stati uccisi sulla strada del ritorno. Oppure puoi finire rapito. Inoltre il mio passaporto e quello di altre amiche scade fra pochi mesi e non sappiamo come rinnovarlo. All'Italia non chiediamo molto. Ci accontenteremmo che qualcuno ci chiamasse ogni tanto illudendoci di ricordarsi ancora di noi».

Commenti
Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Mer, 18/09/2013 - 08:34

ma cosa vogliono queste donnette? l'avete voluto il marito arabo o siete cretine o siete talmente brutte che soloun musulmano vi poteva sposare. l'italia ha altre cose a cui pensare ben più gravi di quelle che le donnette propongono . statevene in quel posto e fate un tipo di educazione alla kienge , e non rompeteci le balle con stupidaggini ,noi di musulmani travestiti da persone per bene ne abbiamo già troppi

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 08:52

Ma poverine....gli è piaciuta la salciccia speziata, il lungo kebab un pò sporco ma saporito, accettando di annullare la loro identità europea, assumendo ridicoli nomi incomprensibili, vestendo come dei pagliacci al circo..... embè, e adesso ve la pigliate in culo....e non vi azzardate a tornare in Italia con tutta la carovana al seguito, resistete, tra un pò le scaramucce saranno passate e potrete tornare tranquille a fare la spesa nel suk (in Italia ed Europa la guerra, quella vera è durata 5 anni terribili, e le italiane l'hanno subita e sopportata con coraggio e dignità).

Ritratto di nero60

nero60

Mer, 18/09/2013 - 09:04

avete voluto il musulmano ? adesso non tirate in ballo la madre patria,si ricordano di essere italiane solo qando sono in difficolta' o in pericolo

gneo58

Mer, 18/09/2013 - 09:22

sempre validi i vecchi detti e proverbi, frutto di saggezza millenaria......moglie e buoi dei paesi tuoi (e che nessuno mi venga a dire che "tutto il mondo e' paese" !

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 09:34

Me le immagino al tramonto, in camera da letto, con il velo un pò alzato sul volto per omaggiare il marito/padrone, arrapato e un pò sudaticcio, con la canotta ingiallita sotto le ascelle e i calzini corti e bianchi lasciati con levantina volgarità. Lei (di solito un pò grassottella, pelosa, più anziana di lui e malscopata e con idee "liberal") ha alzato il burka fino al seno e in silenzio sottomessa, ubbidisce a tutte le porcate che il sottanato oscurantista ma arrapato le ordina. Fuori si sente qualche sparo, qualche mortaretto e lei, mentre gli da l'estremo piacere (che di solito lei mai prova nel frettoloso coito) gli fa: "andiamo in italia, portiamo tutta la famiglia, zii, nonni, cugini, cognati, ci conviene, staremo a spese degli italiani, e se ci va di culo potrei anche diventare ministro, o tu, con le tue capacità diventare persino un posteggiatore abusivo....". Lui non le ha ancora risposto, nel momento del piacere ha appena grugnito un sorriso, però sta valutando la proposta. Lasciare l'importante lavoro di raddrizzabanane in scatole non lo alletta molto, però la prospettiva della moglie ministro lo solletica. Sta prendendo informazioni sui prossimi barconi della speranza, organizzati da associazioni umanitarie come la camorra, la mafia, la ndrangheta, l'unhcr e al qaeida.

Ritratto di gianni2

gianni2

Mer, 18/09/2013 - 09:47

NEssuna pietà. Quando una occidentale è talmente masochista da accoppiarsi con un adoratore di Maometto perde ogni possibilità di aiuto. Sono cavoli loro, dovevano pensarci prima.

Ritratto di ContessaCV

ContessaCV

Mer, 18/09/2013 - 10:00

Ma con tutti i problemi veramente seri che abbiamo in Italia andiamo a pensare alle Italiane di Aleppo ?? In tutti questi anni, quando stavano bene ed erano felici in Siria hanno mai detto qualcosa ? Purtroppo quando si sceglie di trasferirsi per amore o per lavoro in un altro Paese, particolarmente quelli che per cultura e religione sono lontani da noi, bisogna calcolare i possibili rischi. Tutto il Medio Oriente è da sempre una polveriera e lo era anche 30 anni fa quando sono andate a vivere là, quindi oggi non possono pensare di premere il pulsante del Rewind e riavvolgere il nastro ! Quando si fa una scelta di vita occorre sempre pensare ai rischi cui si va incontro.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 18/09/2013 - 10:09

Ma lo avete letto bene l'articolo? Si sta parlando di gente dai costumi occidentali e di cultura medio alta ASSEDIATA dai fanatici fondamentalisti jihadisti. Queste donne NON hanno sposato dei fanatici e si sono imburquate di loro volontà. La Siria NON è l'Afganistan dei taliban ma un paese MODERNO sotto attacco dal nazislamismo integralista fiancheggiato dall'occidente impazzito.

mariolino50

Mer, 18/09/2013 - 10:30

Un mio collega ha lavorato alcuni anni in Siria e una volta si stava molto bene, per chi spara cazzate ricordo che in Siria ci sono anche molti cristiani, magari anche i mariti di queste signore, e non credo proprio abbiano la canotta ingiallita, magari sono più civili ed evoluti di chi lo scrive.

Nadia Vouch

Mer, 18/09/2013 - 10:42

@berserker2. Ma cosa dice? Ma quale film pornografico di ultima categoria ha visto? Il rispetto per le persone, specialmente persone che stanno ora rischiando la vita a causa di una mostruosa guerra civile, non dovrebbe mancare! Vada a sfogare altrove le sue fantasie inqualificabili.

nudo

Mer, 18/09/2013 - 10:45

@ Mario lascia perdere i commenti di questi poveri mentecatti accecati dall'odio, confondono la SIRIA con gli "arabi", non sono mai andati oltre Gongorzola in gita scolastica. Sono gnurants ah ahah, specie il tizio che si immagina la scenetta sessuale. Mangiati la tua "focaccia", barbun!

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 11:10

@mariolino mariolino.... ma chi te lo fa fare di infilarti in questa tenzone..... come lo sai che non hanno la canotta sporca, te lo ha detto tua moglie eh.....io lo so perchè li vedo, qui in Italia mentre ciondolano senza fare niente in attesa di sussidi, o in tv direttamente dalle loro città mentre ciondolano in attesa di nulla.... magari sono più "civili e evoluti"....ahah ma dove le leggi ste cose, ma su un pò di correttezza intellettuale o morale non ti farebbe male, sicuramente da come ti esprimi devono esserlo di te. Ciao nè

gneo58

Mer, 18/09/2013 - 11:11

per "nudo" - mi sa che e' lei che non e' mai uscito dal suo giardino, magari fosse andato a Gorgonzola. A volte e' meglio fare di tutte le erbe un fascio per ripulire il prato cosi' insieme alle erbacce si toglie anche l'ernba intorno che si e' gia' un po' contaminata e "berserker2" ridendoci e scherzandoci su (cosa che per lei sembra fuori portata) non c'e' andato tanto poi cosi' lontano - comunque, se proprio ci tiene ce lo faccia sapere, organizziamo una colletta per lei e famiglia per un biglietto di sola andata - saluti

Ritratto di serjoe

serjoe

Mer, 18/09/2013 - 11:29

Certi commenti a guardar,viene proprio da vomitar.Barbara2000,Beserker2, nero60,gneo58,gianni2 perche' non cambiar il numeretto con un vero 00 ?? La ContessaCiVi' potrebbe visitarvi proprio li'.

Ritratto di Omar El Mukhtar

Omar El Mukhtar

Mer, 18/09/2013 - 11:33

BUONI E TRANQUILLI! Tra qualche decennio sarete tutti Dhimmi e le canotte gialle e sporche ce le laverete voi in Italia. Perché anche l´"Italyya" sarà nostra e voi diventerete nostri servi. Allahu Akhbar!

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 11:40

@nadia vouch, ogni tanto mi diverte leggerti, fai tenerezza ma anche molta pena, sei il classico esempio del pensiero fulgidamente politicamente corretto che tanti danni sta facendo nel mondo occidentale. Tanti anni fa andavi ai cortei, ti indignavi, ti gestivi l'utero tuo, amore libero, droga libera, la borsa di tolfa, gli intillimani, joan baez, marce, picchetti, manifestazioni, firme su inutili petizioni, okkupazioni, solidarietà di lana grossa a chiunque. Poi ti sei un pò risvegliata dal torpore che ti ha sempre attanagliata e hai capito l'errore di credere in tutte quelle cazzate che ti avevano propinato, stavi quasi per diventare una persona normale, quando da una decina danni, eccoli, sono arrivati loro, le risorse, e allora non c'hai visto più e ti sei ributtata nella mischia. Ah, non c'ho esperienza al riguardo e te devi essere più ferrata di me, ma perchè nei film pornografici si parla di guerra? Dai fai un bel respiro, rilassati e cerca di migliorare la tua vita che è importante. Ciao

Ritratto di serjoe

serjoe

Mer, 18/09/2013 - 11:46

L'articolo e' istruttivo assai e tanti guai poter scansar,ma per colpa del Qatar non fu' possibile dialogar.La cristianita' in Siria era un credo non permesso dal profeta maometto. Turchi,monarchie feudal, con la spalla dell'american hanno fatto alla Siria un gran mal.

bisizio

Mer, 18/09/2013 - 11:47

veramente la signora racconta che la domenica si vedeva con le altre italiane per andare a messa dai salesiani....almeno leggete prima di delirare

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 11:48

@nudo......(ma che strano nick futurista alla tinto brass....). Ma chi ha confuso la siria con gli arabi. Sono etnicamente due popoli diversi si. Gli arabi sono quelli che dalla penisola arabica hanno invaso l'africa settentrionale imponendo la loro religione. Che ci hanno provato con la civile Europa, ma ne hanno ricevuto un sonoro calcio in culo (tranne che per la bosnia dove ancora trovi dei sottanati). La focaccia o la piadina se buona me la mangio sicuramente. Te invece fatti un bel kebab speziato, unto e un pò sporco, magari in un suk pieno di sudati oscurantisti, che se lo trovi un pò asciutto la salsetta te la mettono loro. Ahah siete molto ridicoli per come vi affannate nelle vostre nefandezze culturali relativistiche.

bisizio

Mer, 18/09/2013 - 11:54

per Omar El Mukhtar: convertiti e credi al Vangelo!

Sapere Aude

Mer, 18/09/2013 - 11:54

Ehi gente... sto cazzo di paese comunista vi ha proprio abbruttiti.

Ritratto di Mario Galaverna

Mario Galaverna

Mer, 18/09/2013 - 11:54

berserker2, eppure sono un antesignano antislamico fin dai tempi dei lavavetri. Parliamo ormai di anta anni fa. Ma so distinguere fra il fanatismo degli integralisti e coloro che lo subiscono. Hai ragione nelle tue osservazioni sulla fauna islamica che ci sta invadendo. Disgraziatamente da noi arrivano i musulmani diseredati e ignoranti fanatizzati dalla fratellanza e dagli imam per una precisa strategia di conquista e sottomissione degli autoctoni coordinata dai nostri stessi governanti a Bruxelles.

Nadia Vouch

Mer, 18/09/2013 - 12:07

@berserker2. Quando c'erano le sfilate che qui cita, io, a differenza sua forse, ero ancora in fasce. Sa, c'erano sempre ambienti differenti nella società. Intendo dire che, a parità di idee, ci possono essere persone più o meno educate. Personalmente, preferisco quelle più educate.

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 12:07

serjoe, ma come ti viene da vomitare!? Hai sopportato e subito, sempre ingoiando tutto tutto, schifezze di ogni genere, politicamente e assurdamente corrette, zingari ladri, africani assassini, arabi spacciatori, nigeriane puttane, rumeni papponi, albanesi rapinatori, scafisti delinquenti ecc. ecc. e hai ingoiato tutto senza manco un alka seltzer, e improvvisamente per due commentucci sarcastici (ma seri nella loro ironia) ti senti lo stomacuccio sottosopra? Dai te la do io la cura, chiodo schiaccia chiodo, per risolvere il problemuccio gastrointestinale, fai un saltino al suk della tua città (ce ne sono ovunque ormai), vai vestito carino, ancheggia un pochino come sai fare tu, e vedrai che immediatamente dimenticherai il malessere al pancino.....

gneo58

Mer, 18/09/2013 - 12:15

per "serjoe" - mi sa che sei parente stretto della kyenge......ed e' tutto detto

gneo58

Mer, 18/09/2013 - 12:19

per "Omar El Mukhtar" - poveretto mi sa che non hai capito proprio niente. Comunque tranquillo, io mi candido come primo cristiano kamikaze (poi le magliette te le lavera' il tuo dio)

gneo58

Mer, 18/09/2013 - 12:26

per Omar El Mukhtar, cambia spacciatore che quello da cui ti servi ora mi sa che ti vende roba scaduta.

Roberto Casnati

Mer, 18/09/2013 - 12:30

Hanno voluto il mussulmano arabo? E mo' che vogliono? Se lo tengano! Ben loro sta!

nudo

Mer, 18/09/2013 - 12:30

@berserker ah ah, coglione,i mussulmani sono stati in Spagna per 7 secoli, non 7 settimane, e mezza itaglia sotto la Spagna per secoli e tu sei mezzo moro sicuramente ah ah. Animal, nudo in spagnolo vuol dire NODO e tu ce lo hai in gola per ignoranza ah ah. Su che via si converte San Paolo? ah ah... su quella per Damasco, bamboccia e adesso mangiati la "figascia" unta e bisunta

maxaureli

Mer, 18/09/2013 - 12:31

Commenti assurdi!!!

Libertà75

Mer, 18/09/2013 - 12:32

L'unico Stato che si preoccupa dei suoi abitanti intensamente, continuamente e assiduamente è Israele e questo perché buona parte degli ebrei residenti all'estero paga una tassa verso il proprio Paese.

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 12:33

@omar el mutandar.....eheh lo sappiamo noi europei civili che avete le canotte sporche, per non parlare dei calzini e delle mutande con la frenata di dietro. Per adesso state buoni buonini nei vostri tuguri nelle periferie, ammassati come topi, lavatevi da voi le mutande se potete, in futuro si vedrà..... (ma spera che non si configuri qualche cambiamento epocale eh....). Ciao pocopulito.

Ritratto di serjoe

serjoe

Mer, 18/09/2013 - 12:36

Qui di troll ce n'e' piu' d'uno.Se non siete a ragionar,meglio che vi buttiate a mar.

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 12:47

@nadia, sarai giovane di età, buon per te, ma sei vecchia come mentalità, cultura, idee, pensieri e parole. Sei molto educata e garbata si, ed è un bel pregio in questa società ormai abbrutita, ma guarda che un bel contributo per il salto nel baratro dell'imbarbarimento lo devi proprio ai finti "valori" dominanti cui tu sembri credere.

Nadia Vouch

Mer, 18/09/2013 - 13:12

@berserker2. "Finti valori dominanti"? Quando capirò cosa intende con tale criptica frase, forse, e ripeto forse, la degnerò di replica. Per il momento tutti i suoi commenti mi sembrano un'accozzaglia di insulti e di rabbia se non persino di odio. Quindi, di che valori sta parlando? Non giustifichi pavidamente la sua personale volgarità attribuendone la causa all'imbarbarimento della società al quale Lei, con le Sue parole, sta notevolmente contribuendo.

Dako

Mer, 18/09/2013 - 13:57

Se la sono cercata? Ognuno ha quello che si merita, e non mi vengano a dire che una volta la si stava troppo bene erano-sono "costrette" a dire che si stava bene...anzi benissimo, povere sciocche per non dire di peggio.

watcheroftheskyes

Mer, 18/09/2013 - 13:59

Che bello! Leggere i commenti di Barbara2000,, Berserker2, Roberto Casnati, Nero60 mi fa sentire quasi meglio. Vuol dire che i troll su internet sono una specie tanto florida quanto ignorante. Se almeno avessero letto l'articolo avrebbero capito che si tratta di donne cristiane che hanno sposato arabi cristiani e sono perfettamente felici della loro famiglia e della loro vita. Almeno lo erano fino a che la guerra civile non si è mostrata nel modo brutale come solo una guerra sa fare. Uscire tra gli spari per cercare qualcosa da mangiare per la propria famiglia è un'esperienza sconvolgente che rimanda ai racconti dei nostri nonni dell'Italia della II guerra mondiale. Allora eravamo noi a morire di fame. Ve li immaginate allora i vari Barbara2000, Berserker2, Roberto Casnati, Nero60 in giro a dire boiate del tipo "ben vi sta, così imparate a pregare verso la mecca"?

marco963

Mer, 18/09/2013 - 16:13

che commenti ignoranti !.. le Italiane hanno sposato uomini laici probabilmente cristiani perchè in Siria, a differenza che in terra giudea, i cristiani con Assad vivevano benissimo e occupavano posti di potere; poi sono intervenuti gli integralisti appoggiati dai vostri amici giudeo-americani e questo è il risultato !

maxaureli

Mer, 18/09/2013 - 18:33

watcheroftheskyes e marco963... le pecore che hanno commentato con il massimo di assurdita' sulle donne italiane che vivono in Siria sono idioti, ignoranti, cafoni, e soffrono di schizzofrenia catatonica avanzata. Solo un bravo psichiatra potra' aiutare questi Ovis. LOL LOL

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 18:35

UFFAAAAA

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 18:44

@watcheroftheshyes...... ahhhh adesso ho capito water of the cess (ma che bel nick aulico, devi essere un sognatore eh, di quelli sinistrati che non hanno mai lavorato in vita loro ma straparlano di tutto a vanvera come se conoscessero le cose), scusaci tanto per la nostra dabbenaggine! Sò donne che vanno a messa dai salesiani (che una chiesa non se trova per legge), "toc toc.... chi è che bussa a sto convento? Attaccate a stò cordone….Nun sò cieca nun sò sorda...." ahah. Ci vanno sottanate col velo e col burqa, però durante la funzione per respirare se lo spostano. Ma cambia proprio tutto così, hai ragione. Il fatto che si sono sposate dei sottanati, che vivono in un suk, che i mariti non c'hanno un cazzo da fare e la mattina bighellonano per cercare prezzemolo e lenticchie (noi che stupidi, pensa che la mattina usciamo per andare a lavorare tutto il giorno, ma per te deve essere una cosa incomprensibile eh....) e che si sentono abbandonate dall'Italia, quasi le avessimo costrette noi al sudiciume estero (e che le italiane che sono emigrate in Germania, USA, Australia, Inghilterra e paesi civili discorrendo se sentono abbandonate e vogliono la letterina e la telefonatina?). Ma per favore, ma ragiona prima di dire castronerie. Però fai una cosa, se è solo questo che gli manca, fatti dare i numeri di telefono e così alla Elide Khashoun, la Lilli Rihaoui, la Clara Kappel, la Giovanna Sanjah, la Franca Jabri, la Giuliana Karoush, la Maria Alberta, la Simona, la Luisanna e la Gianna Flah le chiami tu ogni tanto a spese tue. Attenzione però che i mariti sottanati, molto più giovani delle mogli sirio/italiane sò molto gelosi e potrebbero pensare che te le vuoi ingroppare pure tu e allora una fatwa non te la toglie nessuno. Che poi i maritini siano anche cattolici/cristiani questa è una tua supposizione che l’articolo non riporta.

berserker2

Mer, 18/09/2013 - 18:49

@maxaureli, mò sono un pochino stanco, a forza di spiegare l'ovvio ai cretini è subentrata un pò di stanchezza. Però due righette te le merito anche tu, pur personaggio minore in questo dibattito. Certo è che con il tuo post hai proprio centrato l'argomento e hai aggiunto spunti che ancora non avevamo considerato. Ma impara a stare al mondo, trovati un lavoro che non sia vivere di sussidi, o di stacchi sindacali o della paghetta di mamma tua. Studia, leggi, impara e poi parla. Se poi l'arabo sottanato e le loro mogli ti da un brivido e ti piacciono così tanto fai un salto ad aleppo o nelle periferie italiane, porta però tanto unguento anti arrossamento che se non sei così abituato al kebab potrà farti comodo. Ciao meschinello.

mila

Gio, 19/09/2013 - 03:10

C'e' proprio da vergognarsi a leggere certi commenti cosi' razzisti e volgari, di persone che non sanno probabilmente nulla della Siria. Anni fa ci sono stata, sia pure da turista, e ho anche visto come i Siriani conservavano bene le architetture e i mosaici antichi, che ora forse vengono distrutti o trafugati dai "ribelli" foraggiati proprio dai nostri alleati americani e sauditi.

maxaureli

Gio, 19/09/2013 - 10:30

berserker2... vedo che senza nominarti nel mio commento ti sei riconosciuto come pecora!! LOL LOL Sei il massimo dell'ignoranza!! I mariti di queste donne non sono musulmani. L'Islam non consente matrimoni tra coppie se una delle parti e' di differente religione dall'Islam. La conversione e' obbligatoria!! LOL LOL LOL non sei una pecora ma una capra!! LOL LOL

Raoul Pontalti

Gio, 19/09/2013 - 14:49

Mi spiace contraddirTi maxaureli ma le cose non stanno come dici: i musulmani maschi possono tranquillamente sposare donne appartenenti alle religioni del libro anche se non musulmane (quindi ebree e cristiane e in Iran anche zoroastriane)le quali possono mantenere la propria religione mentre la prole dovrà seguire la religione islamica, le donne musulmane invece possono sposare solo uomini musulmani. In linea di diritto per contro la Chiesa cattolica è ancora più rigida della religione musulmana giusta il canone 1086 (Matrimonium inter duas personas, quarum altera sit baptizata in Ecclesia catholica vel in eandem recepta, et altera non baptizata, invalidum est.) anche se poi nel capo del Codex iuris canonici rubricato de matrimoniis mixtis il divieto generale viene mitigato con ampie deroghe riguardanti entrambi gli sposi. Probabilmente la maggior parte di quelle donne italiane ha sposato uomini musulmani ma in conformità con la stessa religione musulmana loro mantengono la religione cristiana nella quale furono battezzate e quindi vanno tranquillamente a messa anche se si trovano in un paese islamico e hanno il marito islamico. La cosa appare strana ai bananas che dell'islam non hanno alcuna conoscenza al di fuori di qualche brandello di disinformazione di stampo leghista.

maxaureli

Gio, 19/09/2013 - 15:27

Raoul Pontalti... e' vero.. mi sono dimenticato che e' al contrario. ... ma rimane il fatto delle ideozie di alcuni commentatori. LOL

Lili72

Lun, 20/10/2014 - 09:44

Certi commentatori farebbero meglio a lasciar perdere ,i loro post denotano solo ignoranza e odio senza motivo . Mi chiedo perchè il Giornale li pubblichi , sono deprimenti .