Julie Gayet querela il magazine Closer per le foto con Hollande

L'attrice ricorrerà alle vie legali contro il settimanale. Il suo nome cancellato dalla giura che sceglie i borsisti dell'Accademia di Francia

Se il Presidente francese François Hollande ha detto ieri di non avere intenzione di querelare il magazine Closer, che ha pubblicato le sue foto in compagnia di Julie Gayet, sembra pensarla diversamente l'attrice immortalata negli scatti.

La donna, a cui il periodico ha attribuito un flirt con il Presidente francese che in questi giorni sta occupando le pagine della stampa internazionale, ha annunciato oggi di voler querelare Closer per avere pubblicato gli scatti rubati.

Il ministro della Cultura francese, Aurelie Filippetti, ha ritirato oggi il nome della Gayet da quelli dei giurati incaricati di assegnare le borse di studio per l'Accademia di Francia di Roma. Il gabinetto ha precisato che "la nomina non era stata firmata".

La Francia attende ancora una risposta da Hollande sul suo presunto flirt. Ieri il Presidente, impegnato in una lunga conferenza stampa, ha rimandato il momento dei chiarimenti, sottolineando che parlerà dell'affaire Gaylet prima di partire per una visita negli Stati Uniti e chiedendo rispetto per sé e per la compagna, Valerie Trierweiler.

Il fatto ha destato forse più clamore all'estero che in Francia, dove i principali quotidani hanno titolato sui contenuti politici del discorso del presidente, relegando a una posizione di secondo piano le questioni private di Hollande.

La Trierweiler si trova da alcuni giorni in ospedale. Il ricovero è avvenuto appena dopo che la first lady ha saputo della presunta relazione di Hollande con l'attrice. "Mi ha umiliato di fronte alla Francia intera", avrebbe detto al segretario generale dell'Eliseo, appena prima di quello che Le Canard Enchainè definisce oggi un crollo di nervi.

Commenti
Ritratto di marforio

marforio

Mer, 15/01/2014 - 12:58

Poverina , con un pezzo di valore come il suo hollande , non aveva posti per andare a fare le sue effusioni.Questi politici oramai ci hanno rotto le palle.Questa querela perche ben coperta di spalle , trovera sicuramente un magistrato amico del suo pendolino che le dara ragione magari anche lucrando.COME DISSE IL FOTOGRAFO , era meglio che fosse stato un terrorista a scoprirlo.Avremo un fesso in meno.

berserker2

Mer, 15/01/2014 - 13:57

Ma poverina!!!! E fatela scopà come e quanto le pare. Carina è carina, fallita come attricetta, appena conosce Hollando si innamora pazzamente dei suoi occhietti da miope dietro alle lenti spesse, delle sue dita grassocce, del doppio mento, della pancetta, dei pochi capelli, dei denti storti, della fiatella attempata. Insomma, non proprio un bell'uomo, ma tutto sommato passabile. Avrà delle "qualità" che solo lei può conoscere (e le altre due che lu Presidànt se inchiappava precedentemente). Farlo venire (venire....ahahaha), allo scannatoio (che gli chic sinistrati chiamano pied-a-terre) prestatole dal delinquente corso, è di poca importanza. Il privato è privato e deve rimanere tale e Hollando fu uno dei principali difensori di Berlusconi quando gliela violavano. Certo che se deve fà pè lavorà..... magari Monsieur lu Pràsidant potrà fare una telefonatina e chiedere una raccomandazioncella a Mediaset o alla Medusa, hai visto mai, una particina come velina o una bella particina in un cinepanettone con scorregge, rutti, corna e scopate..... si calerà perfettamente nella parte la semisconosciuta attricetta, le battute le conosce bene. Il titolo? Ma Natale a Parigi ovviamente. CARI MODERATORI, lo pubblicate per favore.....è ironico.

roliboni258

Mer, 15/01/2014 - 14:58

i soliti moralisti,ha ragione da vendere della sua vita a casa sua puo' fare quello che vuole,

unclesam1

Mer, 15/01/2014 - 15:13

Il presidente francese che scopa fuori di casa sua ha diritto alla privacy. Il primo ministro italiano che scopa (!?) in casa sua finisce in tribunale. Andiamo tutti in Francia, saremo più tranquilli.

Ritratto di Margherita Campanella

Margherita Camp...

Mer, 15/01/2014 - 15:34

Questa storia è spassosissima. Ora sappiamo che il Bunga Bunga non è un'esclusiva degli esponenti del centrodestra, poiché anche ai sinistronzi, perlomeno a quelli che non frequentano Via Gradoli, piace la farfallina. C'è un problema. Il solito. Se certi passatempi ce l'ha Berlusconi, allora questi è un depravato. Se a fare certe cose è uno di sinistra, allora cambia il concetto: tutto diventa lecito, pulito, d'un bianco che più bianco non si può. Sono ridicoli! Tutti i sinistronzi lo sono...quelli d'Italia, i cugini francesi...tutti. Hanno sempre la spocchia e quel senso di superiorità del piffero che li rende odiosi e sempre pronti a salire sul pulpito. Fossi in voi, giornalisti non asserviti al soldo della sinistra, dedicherei fiumi d'inchiostro ai porcaccioni della sinistra, non foss'altro per abbassar piume e cresta a questi imbecilli. Chissà se la Sabina Nazionale dedicherà qualche spettacolo ai bunga bunga che si svolgono durante le feste del PD oppure alle prodezze sessuali di chi ha qualche "vizietto" un po' più trasgressivo. Si sa, la trasgressione è "rock", come direbbe Celentano, quindi "pende" a sinistra. Che fine hanno fatto i moralisti che si sentivano sputtanati dalle eroiche imprese di Berlusconi a letto? Il loro silenzio è assordante: Santoro, Travaglio, Floris, Crozza e la lunga schiera di femministe radical chic di cui è piena la televisione, dedicheranno qualche puntata alle capriole di Hollande in camera da letto? Non credo. In questi casi vige il principio della libertà individuale. Peccato che, per i poveri cristi che non sono di sinistra, vengano arruolate attricette che millantano ruoli da regista, per smerdare il leader del centrodestra e tutto l'elettorato. A me la libertà di dire...vadano tutti a quel paese!

Cinghiale

Mer, 15/01/2014 - 16:11

@unclesam1 Mer, 15/01/2014 - 15:13 - Errore, Hollande è sinistronzo. Anche da noi i sinistronzi trom..no, ma la notizia con un trans o un culattone non tira più.

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mer, 15/01/2014 - 17:01

Facciasmorta prima fa le corna al papà dei suoi figli, con quella testa di luganegone del Presidente in motorino, poi vorrebbe partecipare alla Giuria dell'Accademia di Francia. Ma mi faccia il piacere, ma dove crede di essere... In Italia?

glucatnt73

Mer, 15/01/2014 - 17:18

W l'Euro bunga-bungaaaaaa!!!!! Tutti lo criticano ma tutti lo imitano: vai Silvio, dagli un po' di dritte a sto trombino dilettante.

eglanthyne

Mer, 15/01/2014 - 17:50

Che ridere, Hollande non querela perchè lo farà lei. La "poera" magnifica cornuta resta in clinica per sbollire il nervoso,NON sarà stata felice di apprendere che" il suo status non esiste"!

berserker2

Mer, 15/01/2014 - 18:13

I francesi lo avrebbero dovuto capire in che mani sono. Il Paese in mano a un donnaiolo (il che va pure bene quando non si è sposati, non si hanno figli e non si rovinano famiglie). Adesso capiamo perchè ha voluto il matrimonio dei ricchioni, a lui non gliene frega niente della famiglia. Salta da una all'altra, e lo può fare non perchè le donne lo amano perchè è bello, o interessante, o simpatico o intelligente (o almeno a lui glielo fanno credere....e lui babbalone ci casca), me no Presidànt de li francoise, vengono con te per opportunismo, soldi e potere. Se non usavi la politica per farti le scopatone con donne belle, al massimo dopo avere chiuso la norcineria e tolto il camice unto, potevi andare co qualche zoccola da strada e a buon prezzo. Eh ma che gli fa la "grandeur" alle donne!

berserker2

Mer, 15/01/2014 - 18:36

Per la Trierweiler che si trova da alcuni giorni in ospedale invece nessuna solidarietà nè comprensione. Il ricovero è avvenuto appena dopo che la first lady ha saputo della presunta relazione di Hollande con l'attrice. "Mi ha umiliato di fronte alla Francia intera" ha detto agli amici! Non gliene fregò un cazzo, quando anni fa, fu lei ad umiliare la Segatric Royale, prima moglie del fedifrago e candidata socialista alla presidenza, quindi con un ruolo ben più importante di quello da arrampicatrice sociale della attuale cornificata! La Royale mostrò più stile, questa invece, senza classe, abituata ai mercati rionali sta reagendo in tutt'altro modo. Il problema è che l'ormonato Presidànt de tout li francoise più va avanti, più cala l'età e più scende il livello sociale e la cultura delle prescelte. Aspettiamoci, mollata questa nuova, tra un pò, una sceneggiata alla napolitaine! Libertè, Egualitè, Inculoatè.

berserker2

Mer, 15/01/2014 - 18:49

Certo che se ci pensate in Francia, sempre molto attenti ai cazzi di Berlusconi, a Presidenti stanno messi proprio peggio di noi. A partire dal socialista Mitterand che c'aveva due famiglie e che aveva minacciato i giornalisti se ne avessero parlato, passando da Sarkozy con gli ormoni a mille che cornificava la prima moglie appena andava in viaggio all'estero, fino a questo indecoroso socialista amico dei banchieri che di famiglie se ne è fatte tre. Beccato come un ragazzino che si fa la scappatella con la morosa. Fa pure il percorso più lungo con il motorino (incapace di guidarsi da solo, così come incapace di andarsi a comprare i cornetti da solo, vuoi vedere che era pure incapace in camera da letto e.....meno male che c'era la guardia del corpo che pensava a tutto lui!!!!). E hanno corso il rischio di trovarsene un altro, il più laido e pervertito di tutti, quello Strauss-Kazz che se non te lo beccano a New York a fare il porco adesso l'Eliseo era meglio della villa di Hefner (l'editore di Playboy per i sinistrati ignoranti che le seghe se le facevano col manuale sovietico contro le malattie veneree. Era scritto in cirillico, ma ai sinistrati onanisti bastava guardare le figure). CARI MODERATORI, eddai, lo pubblicate questo, avete fatto due....è ironico come piace ai sinistrelli.

Silviovimangiatutti

Mer, 15/01/2014 - 21:50

Questa Trieweiler è proprio una poveretta ! "Si è sentita umiliata davanti al mondo": prima cerca la notorietà facendo finta di fare la "Première Dame", vittima della sua stessa voglia di essere al centro dell'attenzione, pur mettendosi con uno che non è certo un "adone", poi dà per scontato che il compagno la stia cornificando (ma allora sa che il marito ha dei buoni motivi per farlo), non contenta, si fa ricoverare in ospedale a crogiolarsi nella sua "tragedia personale" per giocare il ruolo di autentica vittima, infine reputa di essere stata umiliata davanti a tutta la Francia. Se deve fare un'affermazione discutibile, che la faccia almeno esatta: che dica: "davanti al mondo intero".

Silviovimangiatutti

Mer, 15/01/2014 - 21:51

Questa Trieweiler è proprio una poveretta ! "Si è sentita umiliata davanti al mondo": prima cerca la notorietà facendo finta di fare la "Première Dame", vittima della sua stessa voglia di essere al centro dell'attenzione, pur mettendosi con uno che non è certo un "adone", poi dà per scontato che il compagno la stia cornificando (ma allora sa che il marito ha dei buoni motivi per farlo), non contenta, si fa ricoverare in ospedale a crogiolarsi nella sua "tragedia personale" per giocare il ruolo di autentica vittima, infine reputa di essere stata umiliata davanti a tutta la Francia. Se deve fare un'affermazione discutibile, che la faccia almeno esatta: che dica: "davanti al mondo intero".

Ritratto di sekhmet

sekhmet

Gio, 16/01/2014 - 00:21

Quasta vicenda mi ricorda quei filmetti degli anni '80, con Pippo Franco, Edwige Fenech e compagnia, dove il pecoreccio suscita ilarità più che pruderie. Mi vien da ridere se penso ad Hollande sullo scooter, col mantellone svolazzante, col casco degno di guerre stellari, impazientemente lanciato verso l'alcova segreta. Mi vien da ridere immaginandomi l'attricetta che, nell'attesa del suo uomo, in désabillé, prepara la battuta di benvenuto con voce impostata, e prova la posa migliore davanti allo specchio: davanti, di dietro o di fianco? Non mi trattengo di fronte alla scena madre della traditrice tradita, appesa alle tende della casa di cura per attacchi isterici. E su tutto, la compunta serietà dei commentatori ufficiali: ma saranno affari loro! Ma si querelassero l'un l'altro per manifesta ridicolaggine. Chi era il clown, in Europa? Sekhmet.