"Sharon in fin di vita"

Peggiorano le condizioni dell'ex premier israeliano, in coma dal 2006. I medici: "La morte è imminente"

Peggiorano le condizioni di Ariel Sharon. Secondo il direttore del Centro medico Tel ha-Shomer, Zeev Rothstein, sono ormai "critiche", al punto che l'ex premier israeliano - in coma dal 4 gennaio 2006 - potrebbe morire da un momento all’altro, anche se "c’è un lieve miglioramento della pressione sanguigna".

"II battito del suo cuore procede meglio di quanto ci si aspettasse, ma la sua vita è ancora in pericolo. Io sono più pessimista di prima", ha aggiunto Zeev Rotstein. Poi, con ammirazione, riferendosi al nome del premier, Ariel, che in ebraico significa Leone di Dio ha aggiunto: "Combatte come un leone". I medici hanno avvertito mercoledì i figli di Sharon che al padre rimangono pochi giorni di vita, in seguito ad un cedimento dei reni e di altri organi vitali.

Commenti

Magicoilgiornale

Dom, 05/01/2014 - 13:05

Pace alle sue spoglie

gigi0000

Dom, 05/01/2014 - 14:47

Nemmeno questo mi è mai piaciuto, ma non gli auguro che tutto il bene possibile.

Ritratto di stufo

stufo

Dom, 05/01/2014 - 15:18

Ma è vero che lui ed il Che erano cugini ?

jnrr.ab

Dom, 05/01/2014 - 16:35

Un grande della politica che se ne sta andando, uno Statista vero, che ha lasciato come pochi altri il segno del proprio cuore nella bella e ancora breve storia dello Stato di Israele....

Hamish

Dom, 05/01/2014 - 16:51

Quanta ignoranza... Ha fatto più morti lui che Bin Laden e per morti parlo di morti civili, donne, bambini e anziani innocenti. Studiate un po' la storia, leggete di Sabra e Chatila, leggete cosa fece l'"eroe" Sharon durante la strage di Qibya. E' incredibile che uno così possa essere stato generale dell'esercito, ministro della difesa e primo ministro. Non fosse stato israeliano, sarebbe morto in carcere da un pezzo. E' successo a tante persone come lui e anche migliori di lui. E' un criminale, è una vergogna per la brava gente israeliana ed è una delle spiegazioni del perché esiste il terrorismo in medio oriente. Prima se ne va, meglio è. Vorrei poter credere nell'inferno solo per farci bruciare personaggi come Sharon. Vi prego di pubblicare.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Dom, 05/01/2014 - 17:55

X Hamish quanto odio nel suo post nemmeno nel contesto della morte prova un attimo di umanità.Lei dice che il terrorismo è iniziato con Sharon e colla sua morte finirà ,bravo a chi ci crede.

retnimare

Dom, 05/01/2014 - 18:42

Perfettamente daccordo con Hamish. Una sola aggiunta: come tutti gli ebrei piangono la shoa ma dimenticano i morti (e sono milioni, compresa la crisa bancaria attuale) da loro fatti. Anch'io vorrei poter credere nell'inferno dove possano morire il 90 per cento degli ebrei.

atipico

Dom, 05/01/2014 - 19:07

@hamish - non sarei cosi senza dubbi. Credo che la storia sia un po più complicata.

Ritratto di nutella59

nutella59

Dom, 05/01/2014 - 20:34

@Hamish: lei non fa che ripetere menzogne trite e ritrite. Su Sabra e Chatila, massacro commesso da Arabi cristiani su Arabi musulmani, Sharon non c'entrava nulla, come dimostrato da tutti i processi in cui ha fatto causa a tutti i media che lo accusarono del massacro, a cominciare da quello vinto con Time Magazine, processi da lui vinti senza alcuna eccezione. I soli crimini commessi da Sharon furono contro il Popolo d'Israele, cominciò quando era uno dei delatori agli Inglesi e assassini di Ebrei durante la Saizon, negli anni '40, sotto Teddy Kollek; e finí quando fece la pulizia etnica della Striscia di Gaza deportandone tutti gli Ebrei che erano tornati lí da tre generazioni dopo uno hiatus di 19 anni (1948-1967) e deportò 10.000 Ebrei dalla Strscia di Gaza e dalla Samaria, creando con quel suo atto da bolscevico-fascista (scelga lei) il Hamastan di Gaza. Dio non gli diede neppure la possibilità di pentirsi, da tanto era malvagio contro il Suo Popolo, e infatti, marcisce da 8 anni, come sta scritto in Proverbi 7: "Il ricordo dei giusti sia benedetto; il nome dei malvagi marcirà". Non ci mancherà.

chicolatino

Lun, 06/01/2014 - 00:08

hamish:si chiama democrazia!agli israeliani piaceva molto e sai perche'? perche si sentivano molto al sicuro con lui! semplicemente questo. Era uno d poche parole e molti fatti e ovviamente facendo molto ha anche sbagliato,ma non sentirai mai da nessuno dire che non abbia fatto di tutto per proteggere e difendere il suo Paese perennemente in guerra.

chicolatino

Lun, 06/01/2014 - 00:09

hamish: aggiungo,quando ti informi vedi di leggere piu' fonti e non solo quelle che ti dicono quello che vorresti sentirti dire

gigi0000

Lun, 06/01/2014 - 09:19

Quanta inciviltà! Tutti, ovvero molti conoscono le atrocità perpetrate da Sharon, ma questo non permette ad alcuno, almeno sul piano umano, di augurare il male ad alcun altro. Forse la cultura cristiana, al di là della pratica, o meno, fa la differenza rispetto ad altre culture. Io sono ateo, ma appartengo a quella civiltà che comunque accetta ed approva tutto ciò che di buono esiste nella religione, o in qualsiasi altra educazione ed approva il Papa che professa il perdono e la misericordia, contrariamente a quegli strani profeti che invitano alla guerra santa.