Estonia e Liguria unite dal turismo e dall’alta tecnologia

Sono il turismo e l’alta tecnologia a caratterizzare le potenzialità di sviluppo del legame, sottile, ma saldo, fra Estonia e Liguria: a ribadire il concetto, anche nella prospettiva dello sviluppo degli scambi commerciali oltre che del flusso di visitatori nelle rispettive destinazioni, sono i componenti della delegazione del governo estone che si trovano in questi giorni a Genova per una serie di incontri con operatori commerciali e culturali della città e della regione. «Il nostro Paese - sottolinea Merike Kokajev, ambasciatore di Estonia in Italia - è diventata innanzi tutto una meta molto interessante per il turismo naturalistico, grazie a un intenso programma di protezione del patrimonio forestale. Ma non si può dimenticare, ad esempio, che Skype è stato inventato in Estonia, e che il wifi è diffusissimo tanto che ci si connette anche nelle foreste!». Più che naturale, allora, pensare a un’intesa con il villaggio tecnologico degli Erzelli, all’insegna dell’hi tech, in vista di scambi di esperienze e collaborazioni.
Altrettanto incoraggiante è l’idea di sviluppo dei traffici marittimi, da tempo avviati nel settore croceristico e dei traghetti, fra i due scali primari di Genova e Tallin. «Fin d’ora, invece, - spiega Eugenio Kielland, console di Estonia a Genova - sono molto attivi i rapporti commerciali per quanto riguarda scisti bituminosi e legname, anche in chiave di produzione di energia». Il legname proveniente dall’Estonia, fra l’altro - aggiungono Ülle Toode, addetta culturale dell’ambasciata, e Reet Truuts, dell’Agenzia estoniana di investimenti - è giudicato di eccellente qualità per le sue caratteristiche di elasticità e resistenza insieme, particolarmente adatto alle costruzioni antisismiche. Tutti temi, comunque, che saranno senz’altro all’ordine del giorno degli incontri della delegazione di Estonia nel capoluogo ligure, dove già opera una piccola, ma intraprendente comunità del Paese baltico, impegnata in diversi settori produttivi e professionali.