Fabrizio di Rivombrosa scopre Colombo

Alessandro Preziosi interpreterà la figura del grande navigatore nel nuovo musical «Datemi tre caravelle», in scena a fine ottobre

Ferruccio Gattuso

Musica, immagini, storie. Il Teatro Nazionale riapre i battenti e lo fa all'insegna di una missione impegnativa: quella di convincere il pubblico sui tre fronti dell'udito, della vista e dell'immaginazione, a cominciare dalla prima pièce in calendario: da giovedì, infatti, il palcoscenico di piazza Piemonte ospita Cuore di cane, musical tratto (testi e direzione artistica sono di Marco Daverio) dal romanzo omonimo di Michail Bulgakov.
Sempre in ottobre (dal 25) è previsto il musical Datemi 3 caravelle di cui Alessandro Preziosi - volto celebre della fiction televisiva che impazzir le donne fa - è l'indiscusso protagonista, oltre che promotore, produttore e uomo immagine.
«É giusto - spiega l'attore - ricordare un uomo come Colombo, simbolo dell'Italia, venerato in America ma che a casa nostra non riceve le debite attenzioni».
Dalla fiction al palcoscenico il passo è strategico: «Oggi la fiction va fortissimo - spiega Preziosi - e il teatro se ne può avvalere. Il teatro deve vivere e se la notorietà televisiva può essere utile, ben venga a dare ossigeno. Questo musical conquista soprattutto per la storia: Colombo diventa un simbolo per i giovani, soprattutto quelli disillusi della mia generazione. In questo spettacolo totalmente italiano, dalla scrittura alla musica di colore jazzistico, mi cimento anche come cantante».
In cartellone a dicembre uno degli show più spettacolari, un progetto chiamato Daimon che ha convinto la direzione artistica del Nazionale con la visione di un semplice dvd. Perfetto esempio di physical theatre, Daimon è uno spettacolo in cui il corpo è l'assoluto protagonista.
«In scena - spiega l'ideatore Emiliano Pellisari - vi sono danzatori volanti, che mai toccano il palcoscenico, in un movimento che offre come dimensione favorita la verticalità. La gravità viene annullata, in una coreografia valorizzata anche da sofisticate macchine teatrali, video proiettori, meccanismi ottici ed effetti sonori».
Le settimane vicine al Natale saranno occupate da un ritorno storico, quel Forza venite gente diretto da Michele Paulicelli incentrato sulla figura di San Francesco. Il 2006 comincerà sulle note di Footloose, maggior successo della scorsa stagione al Nazionale. I ragazzi della trasmissione Amici si sono fatti le ossa e si preparano ad altri 7 mesi di tournée per l'Italia. A seguire, un musical-evento come Rent (dal 31 gennaio), che promette di fare «sinergia» con la prossima uscita cinematografica del film omonimo prodotto da Robert De Niro.
Dal 14 febbraio, l'atteso ritorno della Pfm: Franz Di Cioccio & Co. saranno protagonisti di due differenti live, il primo una performance fatta di evergreen e di improvvisazioni con proiezioni di cortometraggi, il secondo un intenso omaggio all'amico Fabrizio De André.
Bis concertistico anche quello di Vanoni e Paoli in Ti ricordi? No non mi ricordo, dal 21 al 26 febbraio, e poi di nuovo musical, con Gian Burrasca (regia di Bruno Fornasari), Toc Toc - A time for musical con Manuel Frattini e chiusura sulle note del tango, con La Historia della compagnia Tangox2.