La festa dell’aria all’Arena tra mongolfiere e aquiloni

Sabato il Fondo ambiente italiano aspetterà i milanesi per un giorno (e
una sera) all’insegna del volo. Si esibiranno anche i falconieri

Bolle di sapone, aquiloni, mongolfiere saranno la fiaba spettacolare in scena sabato 14 maggio all’Arena Civica per la «Festa dell’aria», un appuntamento organizzato dal Fai, il Fondo ambientale italiano. Fai festa fino in cielo, insomma. C’è libero ingresso in questo mondo dedicato al più leggero e invisibile degli elementi, ma fondamentale perché dà ossigeno alla nostra vita. Dalle ore 10 alle 22 bambini e adulti potranno salire a bordo del cesto portato in alto dal pallone alimenatato dal fuoco, in voli vincolati e sicuri (dalle 10 alle 12, dalle 18 alle 20) che faranno salire gli spettatori in quota per ammirare la città dall’alto, secondo un’antica tradizione che prese il via nell’Ottocento.
Non appena scende la sera, si possono ammirare suggestive esibizioni in notturna animate da scenografici palloni aerostatici, rischiarati da luci e bagliori magici. Nella giornata saranno presenti anche Igor e Nello Charbonnier più volte campioni iatliani del volo in mongolfiera.
Non poteva mancare l’aquilone, uno dei giochi più colorati della nostra infanzia. Ci saranno laboratori che insegnano come costruirli (dalle 10 alle 14 e dalle 15 alle 19). Ma quell’ala legata a un filo che si gonfia nel vento sarà protagonista di show aerei, di spettacoli di aquilonismo acrobatico e di aquilonismo indoor. Le loro ali si intrecceranno con quelle dei falchi, lanciati da abili falconieri.
I ragazzi verranno anche coinvolti in lezioni di educazione ambientale, per insegnare quanto sia importante acquisire una cultura nel segno del rispetto dell’aria, soggetta purtroppo a frequenti problemi di inquinamento, che comportano anche l’estinzione di molte razze d’accelli. Il falco invece volerà libero in mezzo all’Arena e sarà possibile conoscere da vicino uno dei più forti predatori del cielo. A tutti i bambini saranno distribuiti tanti palloncini, mentre attori e acrobati riempiranno l’etere di voli e salti in mezzo a bolle di sapone.
Nella giornata dedicata a tutte le «arie» che può darsi l’aria non poteva mancare la musica e quella sezione del suono che viene realizzata grazie al nostro fiato. Le fanfare dei Bersaglieri e dell’Aeronautica sono presenti per eseguire concerti con trombe, clarini e flauti. Dalle ore 11 alle 17 sarà anche possibile far apporre un particolare annullo postale su cartoline celebrative di questo evento, che si celebra anche in altre importanti città d’Italia.
Scopo della Festa è di presentare anche l’iniziativa «Puntiamo i riflettori» sull’Arena Civica, ma soprattutto sulla sua Palazzina, che dal 2010 è la sede del Fai Lombardia e della Delegazione Fai di Milano. La Palazzina è celebre per un salone d’onore, decorato da un meraviglioso fregio monocromo attribuito all’Appiani.
Il recupero e il restauro di questo edificio è uno degli obietivi del Fai, attento alla bellezza di un complesso neoclassico, progettato e costruito nel 1806 dall’architetto Luigi Canonica e inaugurato da Napoleone Bonaparte il 17 dicembre 1807. Per due secoli ha ospitato eventi importanti per Milano e quindi è giusto che torni ai suoi antichi splendori. Nei due punti Fai collocati all’ingresso dell’Arena sarà possibile prenotare visite guidate all’interno della Palazzina. «Puntiamo i riflettori» è quindi l’inizio di una raccolta fondi per favorire gli interventi di ripristino di questa costruzione.
La «Festa dell’aria» è patrocinata dall’assessorato al Tempo Libero del Comune di Milano e dall’Atm.