Fiat, Marchionne: mi aspetto chiarezza dal ministro Scajola

L'ad: "Fiat è disposta a fare tutto ciò che è necessario per Termini
Imerese, ma poi bisogna mettere l'industria dell'auto nelle condizioni
di competere in Europa. Le situazioni riparate
con i cerotti non vanno bene"

Torino - "Mi aspetto chiarezza, non ci sono segreti, ma c'é una realtà numerica da analizzare". Così l'amministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, parla dell'incontro di martedì con il ministro Claudio Scajola. "La Fiat è disposta a fare tutto ciò che è necessario per Termini Imerese, ma poi bisogna mettere l'industria dell'auto nelle condizioni di competere in Europa", aggiunge a margine della consegna dei premi alla fedeltà al lavoro, al Lingotto di Torino. "Le situazioni riparate con i cerotti non vanno bene", sottolinea Marchionne. L'amministratore delegato parlerà martedì con Scajola del futuro di Termini Imerese. Il ministro vedrà domani i sindacati.