Alla Fiera di Roma la quinta edizione di Big Blu

I novantamila metri quadrati dello spazio espositivo ospiteranno oltre 600 aziende specializzate nella produzione, 70 di queste appartengono del comparto nautico laziale

La nautica si mette in mostra. E lo fa nei novemila metri quadrati di spazio espositivo della Fiera di Roma, dove si sono date appuntamento oltre 600 aziende suddivise tra cantieri e imprese del settore della subfornitura e dell'accessoristica, di queste ben settanta appartengono al comparto produttivo e commerciale del Lazio. La quinta edizione del salone della nautica e del mare di Roma «Big blu» si svolgerà dal 19 al 27 febbraio e sarà un'esposizione del meglio della produzione e delle novità del comparto nautico regionale, con imbarcazioni a motore e a vela, in legno o in vetroresina. Ma ci sarà anche tutto il necessario per l'arredamento nautico per interni, l'abbigliamento tecnico, i sistemi radio e di sicurezza ai pontili, sistemi di ormeggio fino ai portali web per la promozione del settore.
A presentare l'evento al tempio di Adriano è stato il presidente della Fiera di Roma, Roberto Bosi, sottolineando che Big blu si è sviluppata in un periodo di piena crisi ma «negli anni è cresciuta diventando oggi il secondo salone più importante in Italia dopo Genova».
L'assessore regionale alle Attività produttive, Pietro Di Paolo, ha definito l'evento «fiore all'occhiello per il rilancio del sistema produttivo del Lazio». «Big blu non è solo una vetrina - ha detto - ma è un'opportunità per presentare le nostre eccellenze produttive per il rilancio dell'economia del mare, un asset preferenziali per lo sviluppo della nostra regione».
Il vicepresidente della Camera di commercio di Roma, Lorenzo Tagliavanti, invece ha spiegato che per uscire dalla crisi l'Italia deve partire dalle eccellenze artigianali puntando all'internazionalizzazione, al rilancio delle infrastrutture, alle nuove tecnologie e alla rete tra le imprese.
Ottocento saranno le imbarcazioni di varia grandezza, tra le quali le anteprime e le novità di barche a vela, a motore, gommoni, motori marini, servizi per la nautica e tutto quanto necessario per navigare e pescare. Sia per professionisti che per neofiti. Tra le novità della quinta edizione ci saranno le ultime produzioni dei cantieri specializzati nella realizzazione di imbarcazioni open in cui velocità e design si coniugano all'alta tecnologia, i motori ecologici a propulsione ibrida di ultima generazione e le strumentazioni alimentate dalle energie rinnovabili.
Complessivamente, gli espositori saranno oltre 600, disposti su una superficie complessiva di 90 mila metri quadrati. Numeri in crescita, secondo gli organizzatori, che contano quest'anno di superare le 140.000 presenze della scorsa edizione.