«I love you more» Mario Biondi una voce per bene

Del primo hanno detto: «Ha messo in smoking la canzone italiana». Al secondo invece, va il merito di aver riportato la musica jazz e soul ai vertici delle nostre classifiche. Carlo Alberto Rossi e Mario Biondi, per la prima volta insieme, perché il 25 e il 26 maggio, dal palco degli Arcimboldi (ore 21) la rivelazione dell'anno interpreterà il repertorio del grande maestro della musica italiana. È stato lo stesso Rossi a scegliere la voce raffinata di Biondi e di fronte a questa offerta il cantante di «I love you more» non ha potuto che accettare subito, «visto che da quando ero bambino, insieme con mia nonna, cantavo le sue canzoni». «E se domani», «Le mille bolle blu», «Se tu non fossi qui»: sarà un percorso lungo la storia della canzone, un viaggio per incantare il pubblico, ma anche per sostenere il futuro della ricerca targata «ospedale Niguarda»: giovani cervelli che sotto il segno dell'Associazione malattie del sangue (Ams) mettono il loro lavoro al servizio dei malati di leucemie, linfomi e mielomi. Racconta Mario Biondi che questo connubio è nato con «estrema semplicità e il resto è venuto da sé». Enrica Morra, primario di ematologia del Niguarda, lo definisce un «incontro elettivo» il loro, perché «entrambi, anche se in un modo diverso, ci occupiamo di trasmettere vitalità alle persone». In questa occasione, Mario Biondi l'ha fatto «dando una spolverata allo smoking», grazie a un accurato lavoro di arrangiamento e rivisitazione di oltre settant’anni di carriera del maestro, introducendo le sonorità tipiche del suo «mood»: soul, jazz, waltz-jazz, blues, con richiami ai ritmi brasiliani. «Non è stato facile selezionare i testi nel vasto repertorio di Carlo Alberto Rossi - ammette Biondi -, ma lui stesso ci ha aiutato dandoci qualche imbeccata». Ed ecco che i quattro arrangiatori sono riusciti a scegliere musiche senza tempo, di quelle che hanno sempre trovato un posto nel cuore della gente, ma anche brani che magari avevano avuto successo all'estero, restando inediti in Italia.
Accompagneranno Biondi la Duke Orchestra e gli Hight Five Quintet diretti da Peppe Vessicchio. Sul palco inoltre, si alterneranno molti ospiti come Fauso Cigliano, Stefano Di Battista, Niki Nicolai e la giovane Karima.
Per l'evento «Mario Biondi sings Carlo Alberto Rossi», realizzato in collaborazione con C. A. Rossi Editore e McCann Erickson, saranno attivati gli sms solidali con gli operatori di telefonia mobile per la raccolta di fondi a favore della Onlus Ams e in particolare per sostenere un progetto avanzato di genetica sulla leucemia linfatica cronica: una malattia che colpisce da 30 a 50 persone ogni 100mila abitanti e rappresenta il 25-30 per cento di tutti i casi di leucemia registrati in Europa e negli Stati Uniti.
L'obiettivo? «Arrivare a individuare un mix di "target therapy", terapia cellulare e trapiantologica, che permetta a pazienti con prognosi infausta di ritornare a vivere una vita vera», come quella che dal dopoguerra ha raccontato al mondo intero Carlo Alberto Rossi, come quella che il prossimo 25 e 26 maggio, Mario Biondi canterà al pubblico degli Arcimboldi. Insomma: un’occasione da non perdere.