I migliori campus per tenere occupati i vostri bambini

Chiuse le scuole e ancora lontane le vacanze, i musei, i castelli e le pinacoteche dove iscrivere i figli

Per compagno di disegno Leonardo o Caravaggio e per amico Linneo con tutti i segreti della scienza a misura di bambino. Passare qualche settimana d'estate a casa può essere tempo ben speso. Quando la scuola finisce, ma mamma e papà lavorano ancora, se poi mancano i nonni e le vacanze sono ancora lontane, niente paura, ci sono i campus estivi. Comune denominatore la professionalità degli educatori, la fantasia delle attività e la garanzia che la sera i vostri bimbi saranno felici e pure stanchi.
Se il pupo mostra spiccato interesse per la scienza perché non approfittare del campus estivo naturalistico, in corso Venezia 55, del Museo civico di Storia naturale? Dall'11 giugno l'Associazione didattica museale (www.assodidatticamuseale.it, 02-88463337, 120 euro, pranzo escluso, merenda inclusa) propone sette cicli per bambini da 6 a 12 anni. Dal lunedì al venerdì, dalle 8.30 alle 17, il Museo - con Paleo Lab e Bio Lab - e i giardini pubblici saranno il campo base dell'avventura. Ogni mattina sarà dedicata a uno scienziato e a una materia, dalla geologia allo studio dei dinosauri, dalla scienza alla geografia. Nel pomeriggio i giochi di squadra saranno ispirati a quanto appreso in mattinata. È così che i piccoli apprenderanno nozioni di geologia con Charles Lyell, impareranno a classificare secondo il metodo di Carlo Linneo e considereranno James Cook e Charles Darwin vecchi amici.
Se invece è artistica la vena dei vostri piccini, allora l'indirizzo giusto è il Museo Diocesano di corso di Porta Ticinese 95, con i campus estivi per ragazzi dai 5 ai 14 anni (ma l’età minima per il corso di fotografia è di 9), dal 10 giugno al 3 agosto e dal 27 agosto a 7 settembre (www.adartem.it, 02-6596937, 135 , 20 in meno per il corso di fotografia). Il museo può contare sul fascino delle sale che si affacciano sul chiostro: dalle 8.30 i ragazzi realizzeranno una scena narrativa utilizzando ogni settimana una tecnica diversa. Pittura su vetro, tempera su tavola, mosaico, pittura a olio e l'affresco non avranno più segreti. Nel pomeriggio, fino alle 17.30, spazio al gioco e alla recitazione oppure alle visite guidate ad alcuni must della città, fra cui Duomo e cappella Portinari. I più grandi potranno invece scegliere il corso di fotografia, dalle 9 alle 13, immortalando gli angoli più suggestivi del quartiere ticinese.
Al Cam Garibaldi di via Angioli 2 invece, si alterneranno (info sempre www.adartem.it) due protagonisti d'eccezione: Caravaggio e Leonardo Da Vinci. Ma attenzione alle date: al pittore lombardo e alla pittura a olio è dedicata la settimana dall'11 al 15 di giugno, in cui i ragazzi visiteranno anche il Castello Sforzesco e la Pinacoteca di Brera per vedere insieme La cena in Emmaus, mentre per la pittura a tempera e approfondire il genio toscano, il periodo giusto è dal 18 al 22 giugno. In entrambi i casi i ragazzi allestiranno una mostra finale, aperta ai genitori, con i lavori dal loro realizzati.