I milanesi "pazzi" per benessere e cura del corpo

Il 13% delle ricerche effettuate dai milanesi sul portale Paginegialle.it tra maggio e agosto 2009 riguarda istituto di bellezza, centri di estetica, parrucchieri e studi dentistici. Al secondo posto il piacere della buona cucina seguito dalla casa

Come acquistano i cittadini di Milano e provincia in tempo di crisi? Semplice scelgono il meglio, stanno più attenti nella valutazione di prodotti, servizi e fornitori, utilizzando Internet per informarsi e comparare le offerte disponibili sul mercato, prima di fare la propria scelta. Lo dimostrano gli oltre 6,7 milioni di ricerche effettuate dai milanesi sul portale Paginegialle.it tra maggio e agosto 2009, pari al 10% del totale a livello nazionale.
L'attenzione per la salute, il benessere e la cura del proprio corpo si posizionano al primo posto, come dimostrano le ricerche riferite a medicina ed estetica, pari al 13,3% del totale. Particolarmente numerose quelle relative a estetiste e istituti di bellezza (rispettivamente superiori alla media nazionale del 28% e 59%), parrucchieri per donna (22% in più) e studi dentistici (superiori del 25%).
Il piacere per la buona cucina occupa il secondo posto: le ricerche legate alla ristorazione e ai generi alimentari rappresentano infatti l'11,4% del totale. In particolare, spiccano le ricerche su gelaterie e pasticcerie, nonché ristoranti self service e fast food e pizzerie.
Casa dolce casa, dice un detto: i milanesi dimostrano particolare interesse per la manutenzione e la decorazione della propria casa tanto da rappresentare il 10,2% delle ricerche totali. Si distinguono rispetto alla media nazionale le ricerche relative ai rivenditori di salotti (superiori del 63%), accessori e mobili per il bagno (51% in più) e zanzariere (+62%), oltre a quelle riferite a fabbri e vetrai (superiori rispettivamente del 42% e 40%).
La passione per i motori si colloca al quarto posto con il 7% delle ricerche riferite al settore, che tuttavia suggeriscono una maggiore propensione alla manutenzione della propria auto e non all'acquisto di nuovi veicoli: risaltano infatti le ricerche relative a officine abilitate alla revisione (superiori alla media nazionale dell'82%), al commercio e riparazione di pneumatici (24% in più) e carrozzerie (14% in più).
IL 6,2% del totale è dedicato a ricerche sui servizi: si va dagli enti pubblici ai servizi per la comunità, pari al 6,2% del totale. Più cliccate che in altre parti di Italia parola «nidi d'infanzia» (superiori alla media nazionale del 76%), «consolati» (di cinque volte superiori) ed enti e associazioni internazionali (pari a più del doppio).