Incendio tra le baracche dei nomadi

(...) confinanti con il campo nomadi, ha lanciato l'allarme. L'uomo si è infatti insospettito vedendo decine di cittadini dell'Est correre verso la strada che collega Sesto San Giovanni a Monza e salire dalle casupole costruite con materiali di fortuna alte lingue di fuoco. Immediato l'intervento dei vigili del fuoco, della polizia e dei carabinieri. Sul posto è giunta anche la Croce Rossa e la Guardia di Finanza. Per ore i pompieri hanno tentato di domare le fiamme ed evitare che l'incendio si propagasse anche ai capannoni, soprattutto alla carrozzeria dove sembra siano conservate una cinquantina di bombole utilizzate per la verniciatura delle auto. Si temeva inoltre che all'interno delle baracche fosse rimasto qualcuno. I pompieri, che sono riusciti a spegnere l'incendio dopo molte ore, per fugare ogni dubbio sono dovuti entrare nelle costruzioni di lamiera con le bombole d'ossigeno. Nessuno è stato ferito. Non è il primo incendio che si verifica in un campo nomadi nel milanese. Giovedì a Triboniano per protesta e una settimana fa a Cinisello era andata a fuoco una delle due storiche ville nell'area dell'Ovolcultura. Due romeni in preda ai fumi dell'alcol hanno rovesciato una candela.