Rolls Royce e pigiami: gli hotel riscoprono il gadget extra lusso

Dopo anni di vacche magre e musi lunghi gli alberghi a 5 stelle tornano a coccolare il cliente. Senza badare a spese

È una questione di educazione, per questo si chiama set di cortesia, o courtesy service. Di solito è fatto di salviettine profumate, shampoo in formato bonsai, saponette usa e getta, per i più preparati tecnologicamente c'è anche il set per il taglia e cuci. Fino a qualche decina di anni fa ti poteva capitare di non trovare il sapone in bagno o di doverti portare da casa l'asciugamano. Poi la cortesia in stanza è diventata un vero e proprio investimento, un modo per conquistare clienti, far parlare bene di se. Le strutture alberghiere si sono adeguate alle manie e ai desideri di chi viaggia, sposando courtesy service di firma, abile depistaggio, se capita, nel caso di personale alla reception un po' svogliato e cucina della casa poco all'altezza. Adesso però si esagera. O forse si restituisce solo alla ricchezza il potere del futile di rango, il fascino sottile del superfluo che costa un occhio della testa. Negli hotel a quattro e cinque stelle americani hanno deciso di dare uno schiaffo alla miseria: dopo anni di vacche magre, musi lunghi e braccini corti e lo sterminio scientifico di gli extra, torna di moda il gadget di lusso, il courtesy service che più caro non si può, ma all inclusive e tutto in una notte: dai pigiami gratis alle toilettes con bidet incorporato, fino alle Porsche in prestito. Al West South Beach Hotel, Miami Beach, per esempio, camicie da notte e pigiami griffati sono sul cuscino degli ospiti. Ti addormenti fashion e ti svegli glam. Al Kitanmo hotel a Manhattan ogni stanza ha ora la toilette «Toto», 1.500 dollari l'una, che offre il bidet incorporato, con possibilità di scegliere la temperatura dell'acqua prima e del getto di aria calda dopo. Il problema semmai è se vai in bagno con il giornale. In California, nella gara al rialzo, hanno deciso di fare le cose in grande: al Rancho Valencia Resort i clienti possono infatti avere in prestito una Porsche per una giornata. Tre diversi veicoli, una Cabrio 911, una Panamera Hybrid e un Cayenne GTS. Chiavi in mano. Mentre al Beverly Wishire c'è una Rolls Royce scortata da autista in guanti bianchi pronta a scorazzare in giro per la città dove desidera recarsi il signore. A Chicago per i più «alternativi» amanti della musica l'Hard Rock Cafe concede in prestito ai clienti una bella chitarra per tutto il soggiorno. Poi dipende molto dai vicini di camera.

L'America fa tendenza ma il resto del mondo non sta a guardare. Al Waldorf Astoria di Shangai per esempio puoi trovare il televisore in bagno incorporato nello specchio così non ti perdi il tiggì nemmeno in caso di bisogno e persino una maschera anti gas perchè con tutta la gente strana che gira per il mondo non si sa mai cosa può succedere. Tra i vari gadgets high-tech che molti hotel di lusso hanno aggiunto negli ultimi anni poi c'è anche l'iPad in camera. Così dotato e servizievole, spiegano gli esperti del settore, da permetterti di ordinare il servizio in camera, chiamare un taxi, o chiedere il check out, semplicemente toccando lo schermo. L'hotel Bel-Air e il Four Seasons Hotel di Los Angeles, se volete farci un salto, offrono per l'appunto il servizio in questione. In Italia, a fare un rapido giro nel web, si scopre che non siamo secondi a nessuno: ci sono hotel che hanno offerto ai clienti la possibilità di portare a casa un'opera d'arte a prezzi stracciati, intere suite arredate da stilisti di grido, Vespe Piaggio o Juke Box originali anni Cinquanta a disposizione o gli arredi che compongono camere e sale comuni in vendita a costi comodi al signore per non interrompere neanche a casa un'emozione.

Gusti e stili di vita della clientela però sono volubili, così come le tendenze che dettano le mode. La nuova frontiera potrebbe essere l'Inghilterra dove alcune delle più famigerate carceri inglesi, Dartmoor, Portland e Pentonville, potrebbero diventare hotel di extra lusso. I condannati trasferiti in villaggi giustizia con tribunale incorporato, a voi, se vi piace, ospiti di una prigione dorata. Capace che come courtesy service, tra una cuffia da doccia firmata e un calzascarpe di pelle umana, ci trovate pure una lima...