Saviano, mental detector di mafiosi

Lo scrittore si fa usare dalla sinistra come mental detector per segnalare e certificare la presenza di tracce mafiose e camorriste negli avversari politici

Roberto Saviano si fa usare dalla sinistra come mental detector per segnalare e certificare la presenza di tracce mafiose e camorriste negli avversari politici. L'altra sera a Mantova ha riacceso le attenzioni su di lui, un po' spente dopo i suoi ultimi flop editoriali e televisivi, accettando il ruolo di cane poliziotto che annusa toni da associazioni criminali in loro e dice: «Chi difende Berlusconi usa le stesse parole, sintassi e logiche dei criminali condannati».

Criminalizzazione allo stato puro. Applicando lo stesso infame paralogismo al contrario, si potrebbe dire che Saviano usi contro gli avversari politici le stesse parole, la stessa sintassi e la stessa logica dei regimi totalitari: li accusano di mafia per incriminare il dissenso. Io non credo alle due versioni e non casco nel giochino di Michele Serra che sulla Repubblica dice: se il governo cade la colpa non è del Pd come sostiene Schifani, ma del Pdl. Sono due opinioni esattamente speculari, entrambe vere e false a metà.

Con la differenza che uno è politico e dunque fa la sua parte, l'altro dovrebbe essere un osservatore, seppure non neutro, e dunque non dovrebbe chiudersi nel fortino. Leggendo Serra e Saviano, che di sinistra non è ma sa che è diventato personaggio cult perché si è reso suo testimonial, canelupo e mental detector, noto una cosa: gli autori che dovrebbero essere più di confine dei politici, più versati ad andare oltre, sono barricati nelle retrovie più retrive. Coraggio, imitate almeno Violante...

Commenti
Ritratto di Zione

Zione

Sab, 07/09/2013 - 16:02

Governo, tieni Doverosamente presente che la LOTTA al vile GIUDICIUME Politico, DIFFAMATORIO e Dissipatorio è Inderogabile e Sacrosanta, perchè essa è necessaria Ragione di VITA del Matoriato POPOLO dei Proletari e degli AFFAMATI, prima ancora che di qualche altro Cittadino; il quale viene dopo, perchè seppure illustre ed Emerito, rappresenta solo una Goccia in quest'impestato MARE di quotidiane TURPITUDINI che in assoluto Disprezzo dell'Etica della vita e DEFECANDO Oscenamente sulla Legge, compiono con Superbia e tirannica Oligarchia alcuni MANIPOLI di Degenerati magistrati, Usurpatori di altrui Carriere e con RUBATA toga; i quali, come la Gramigna si sono infiltrati dovunque e Avvelenano così e sempre per il loro Interesse di Brigantesca SETTA Segreta (Patto di Mandrogne ?) le Massime Istituzioni, con i loro fidati e turpi Bivacchi di "Professionisti", che stanzialmente Ammorbano anche l'Antimafia e la Cassazione. ----- Purtroppo invece di Lavorare Seriamente e con Coscienza, questi Tristi e Sciagurati "giudici" continuano con le loro solite e putrefatte Calunnie nel cercare di costruire Impuri PROCESSI POLITICI, al solo scopo di colpire i loro Odiati "Nemici" con INFAMI coinvolgimenti di altre persone; come quando cercano di far passare lo "Stalliere di Arcore" a quel tempo Persona Perbene e incensurata per uno della MAFIA "classica"; non quella loro, Sùbdola e recondita che è ancora più TERRORISTICA e Perniciosa dell'altra, e che ha mietuto interi Battaglioni di Innocenti e Indifese VITTIME con le loro Famiglie, per conseguire Turpi Fini e con la continua e abbietta agitazione dello Spettro delle varie organizzazioni Criminali a seconda del caso e del momento. Ringraziando Nostro Signore, ci sono sempre più GRULLI, Cialtroni e MONA che cominciano ad aprire gli occhi sulle Sevizie e Macellazioni giudiziarie subite da stimate e Morigerate Persone, ma ed ancora di più sono le Coscienze che si ribellano nel continuare a TACERE sulle NEFANDEZZE dei Giuda, per non diventarne ignobili Complici, seppure e solo Morali. ----- Siccome in epoca Successiva, in Sicilia il (LAVORATORE) Mangano fu coinvolto e Distrutto (a torto o a ragione) in un'infernale Bolgia di presunti o accertati Mafiosi (con anche manovrati "Pentiti"), questo ha dato il Malinteso e USURPATO diritto a qualche Trafficone di BARARE e retrodatarne la qualifica già a tempi antecedenti per affermare così, tutto Giulivo che costui non era un diligente e LABORIOSO Factotum della Maestosa TENUTA di Arcore, ma era soltanto un pericoloso Mafioso e per questo fu assunto alle dipendenze del Cavaliere. Ma siccome poi (Pace all'Anima sua) è deceduto in Carcere con grosse Sofferenze e grande Dignità di vero "Uomo d'Onore" (diverso dai soliti Picciotti, troppo inopportunamente e spesso Beatificati da qualche Seria e Tradita Autorità ...); allora per Pariteticità, se si usasse lo stesso scriteriato ragionamento sarebbe stato altrettanto LOGICO per il senatore Dell'Utri, affermare che Nulla poteva essergli addebitato perchè a suo tempo lui propose l'assunzione di un Inoffensivo MORTO. ----- Se fosse stato affermato questo e siccome i FEDIFRAGHI capiscono o fanno finta di Capire SEMPRE un Piciu per un altro, subito avrebbero Architettato un altro Costosissimo e Sciagurato "processo" perchè facilmente sarebbe saltato fuori qualche Eccellente cervellone che da solito Solone avrebbe sentenziato "Ecco, volevano fare pure le Messe Nere; scrivi subito Cancelliere, che ora li Sistemo IO per le Feste e così Imparano chi COMANDA, Bellessì e 'ncopp 'o Tribunal, questi ..." e meno male che la Dipartita avvenne DOPO; così anche in questo caso i nuovi PARIA del Mondo, che sono i NOSTRI Disoccupati, i Nullatenenti, gli "Assegnati Sociali", gli Esodati e via dicendo, per Grazia di Dio hanno scansato di far succhiare a questi Pericolosi Fetenti, un altro bicchiere del loro SANGUE. Purtroppo per l'incommensurabile DISGRAZIA dei Cittadini Onesti costretti finora a Subìre inermi questa Vergognosa ONTA e dopo oltre 40 anni, si continua ancora ad APPEZZENTIRE il Pubblico Erario dello Stato Italiano, con tutte queste Scellerate supposizioni di comodo; ma ora la Gente ha le PALLE PIENE di continuare ad accettare passivamente che gli Associati Pelandroni, Felloni e SCORNACCHJATI di vario assortimento, non facciano niente di Costruttivo per guadagnarsi l'Onesto PANE di cui al contrario dei Poveri Cristi che lo desiderano per i BAMBINI e per i Nonni, loro invece ne abbondano molto INDEGNAMENTE e BANDITESCAMENTE.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 07/09/2013 - 16:06

Io mi domando da quale ottusità mentale siano affetti coloro,pochi per fortuna,che osano denigrare un giornalista e scrittore come Veneziani per poi prostrarsi dinanzi ad uno scribacchino opportunista e vacuo come Saviano.Poi si accusa la Destra di non avere validi intellettuali,basti guardare l'enorme visibilità mediatica offerta ad un mediocre di Sinistra,osannato,invitato,onnipresente,a quante possibilità di guadagno gli siano offerte, e paragonarle a quelle di un intellettuale di Destra. Solo il 'mental detector' di Veneziani vale un 'intera trasmissione televisiva di Saviano,che però è funereo,noioso,quasi afasico, malaugurante, quanto basta per essere considerato dalla Sinistra un fine pensatore.

Ritratto di alejob

alejob

Sab, 07/09/2013 - 16:14

Salve SICULO, sei ancora sul libro paga della MAFIA. Tutti ti credono un antimafia, ma tu adoperi questo appellativo solo per farti i soldi, furbetto, sei anche tu come la RUBY, di origine Araba, la Bocassini ha detto, che tutti quelli di origine Araba sono molto "FURBI". La Sicilia è stata e governata dagli Arabi, Chissà!.

Ritratto di michele lamacchia

michele lamacchia

Sab, 07/09/2013 - 16:16

L' altra mattina, ora dell' aperitivo inoltrato, al bar qualcuno sosteneva che la scorta a Saviano è per proteggerlo dagli sgherri berluscones. Il pericolo è che gli buttino in faccia un bicchiere di latte scaduto e inacidito o uno yogurt cinese, sosteneva il tizio al terzo bitter campari liscio. Io dovetti uscire e non so poi come andò a finire con la spiegazione dei deterrenti necessari a scongiurare il pericolo degli acidi. Certo è: un fiuto così fine non è cosa che si butta, rovinarlo sarebbe una perdita per le indagini degli inquirenti-utenti, e una festa per i topastri liberati dal gatto. Giampiero Rossi e Giovanni Tizian stanno a guardare sospirando. Quest' ultimo ha la scorta pure lui. E mia moglie, donna pratica, mi dice papale papale che, come scrittore, valgo poco o niente: la prova è che giro ancora senza scorta e che, per questo, faccio una figura 'e niente. Bene che mi vada, posso sperare di avere il telefono intercettato. Beh, meglio niente. Ma lei pretende tutto il resto.

cgf

Sab, 07/09/2013 - 16:20

Saviano non sa come vendere le copie invendute del suo ultimo libro! ps

gianni71

Sab, 07/09/2013 - 16:23

Ma perchè c'è bisogno che lo dica Saviano? E' così evidente!

gianni71

Sab, 07/09/2013 - 16:28

..Zione..anche tu nella stessa clinica psichiatrica di Mortimermouse, Bruna.Amorosi e PerSilvio46? Siete un bella e divertente combriccola. Mi ricordate il film "qualcuno volò sul nido del cuculo"!

Ritratto di Stangetz

Stangetz

Sab, 07/09/2013 - 16:38

Saviano non è di sinistra come non lo è Di Pietro, Travaglio e tanti altri. La distinzione è tra persone che trovano nell'autocritica uno sprone a migliorarsi e nella comprensione del pensiero altrui una possibilità di arricchimento culturale e tra chi ,dimostrando evidentemente una certa ottusità ma sempre facendo pesare la propria presunta intelligenza, avendo stabilito di aver ragione dedica la propria esistenza a giudicare gli altri non rendendosi conto di essere lui il problema che vorrebbe risolvere.

GUGLIELMO.DONATONE

Sab, 07/09/2013 - 16:39

Se qualcuno dovesse, sia pur minimamente, permettersi di criticare lo stile epistolare e i contenuti del commento del lettore ZIONE, si consideri pesantemente insultato e ricoperto di sputi. Signora EUTERPE, quel "mental detector" di Veneziani NON vale una trasmissione televisiva, ma cento, e anche più, imbecilli plagiari come saviano. La saluto, con i consueti complimenti per i suoi post.

angelomaria

Sab, 07/09/2013 - 16:39

lui il copiaincolla piu'famoso al mondo seguito dsi sui flop e puttanate varie lui dovrebbe essere in galera per avere usufruito diprotezione su palle di mafia che volevano la sua testa !quanto e'costato allo stato il falso in persona

vince50

Sab, 07/09/2013 - 16:47

Quanti disoccupati se non ci fosse la mafia.Si può campare combattento la mafia(futuro garantito),così come si fanno soldi parlando di mafia.La mafia ringrazia,forse le uniche associazioni a non dover pagare per la reclame e senza distinzioni di fasce orarie.

GUGLIELMO.DONATONE

Sab, 07/09/2013 - 16:49

"Stangetz" - E lei, il suo problema, è riuscito a risolverlo?

disalvod

Sab, 07/09/2013 - 16:50

DALLA POSIZIONE DELLA MANO QUESTA FOTO DICE TUTTO DI QUESTO PERSONAGGIO.

GUGLIELMO.DONATONE

Sab, 07/09/2013 - 16:57

Gianni71 - Una clinica psichiatrica è certamente una residenza più dignitosa e meno degradante rispetto ad un ricovero per scemi (tipo Cottolengo) al quale è destinato lei, se non ne è già degno e gradito ospite. Si risparmi gli insulti; non può offendermi perché la compatisco, ma non le risponderei.

Silvio B Parodi

Sab, 07/09/2013 - 17:00

Saviano e la forza dei cognomi Savi,ano sii savio ma di savio hai solo l'ano

enzo1944

Sab, 07/09/2013 - 17:05

questo cialtrone rosso sinistro,deve sparare cazzate ogni giorno,altrimenti i suoi "datori di lavoro rossi/sinistri",lo cancellerebbero dai loro libri paga e lo caccerebbero a calci in culo,.........visti i flop da tutte le parti che gli arrivano sul muso!!

Pelican 49

Sab, 07/09/2013 - 17:08

Nella Repubblica delle Nullità Saviano sarebbe il Primo Sinistro, mentre Michelino Serra sarebbe l'addetto alle Fotocopie di Stato!

gianni71

Sab, 07/09/2013 - 17:12

GUGLIELMO.DONATONE-Zione- perchè lei ha un doppio nick? Ho capito: sdoppiamento della personalità.... Pericoloso per se e per gli altri!

mezzalunapiena

Sab, 07/09/2013 - 17:19

mi meraviglio che il giornale sprechi tempo e denaro per riportare le scemenze di saviano.

Azzurro Azzurro

Sab, 07/09/2013 - 17:23

scrittore e' una parola grossa. questo qui e' un momtato komunista che scribacchia boiate per i fessi che lo leggono

GUGLIELMO.DONATONE

Sab, 07/09/2013 - 17:26

"gianni71"- Ma questa non glie la risparmio: sul "SE" ci vuole l'accento!"§§§§§§§"!

Ritratto di ludaucr

ludaucr

Sab, 07/09/2013 - 17:34

Gianni71, ma perchè bisogna dire che sei una testa di c.....? E' così evidente !

Ritratto di Kayleigh

Kayleigh

Sab, 07/09/2013 - 17:49

Ma la scorta di saviano (mai visto uno che ha tanta paura per la propria incolumità ed è sempre in giro a dire fesserie) chi la paga?!

Nadia Vouch

Sab, 07/09/2013 - 18:18

Di Saviano mi ha sconvolta una cosa. In una delle interviste rilasciate, egli disse di aver scelto di dire le cose che scrisse, e di denunciare, nonostante avesse saputo che, così facendo, avrebbe condannato l'intera sua famiglia (a un destino di segregazione). Questa cosa non mi è mai andata giù.

Ritratto di frank.

frank.

Sab, 07/09/2013 - 18:25

Kayleigh, e la scorta di Emilio Fede chi la paga??

Ritratto di MARINA58

MARINA58

Sab, 07/09/2013 - 18:36

Egregio e Stimato Dottor VENEZIANI: METAL DETECTOR...E CANELUPO...è FANTASTICO...anche in questo blog...e son certa che LEI abbia compreso a ciò a cui mi riferisco!! Con immutata stima e...non solo mia...Marina. ps ne sto approffittando...in attesa dell'uscita!!! GRAZIE!!

Nadia Vouch

Sab, 07/09/2013 - 18:45

@frank. Il problema è non chi paga la scorta, perché la Sua domanda è retorica. Il problema è che, in Italia, basta esprimere la propria opinione, per trovarsi a dover avere una scorta. Saviano è un esempio eclatante. Altri, che davvero sul campo combattono le mafie da persone comuni, si trovano spesso senza protezione.

Ritratto di enkidu

enkidu

Sab, 07/09/2013 - 19:59

Il Grande Sacerdote "sa", conosce la rivelazione e amministra il culto con la liturgia dell'antimafia, che necessita sempre di nuovi Santi e di nuovi diavoli. Essi "sanno" perché hanno raggiunto uno stato di conoscenza superiore a quella del popolo sovrano. Noi, il popolo, non possiamo che inchinarci e riverire.

canaletto

Sab, 07/09/2013 - 21:03

QUELLO LI FA I SOLDI RACCONTANDO UNA MAFIA CHE NON ESITE E' LUI UN MAFIOSO E ANCORA GLI DIAMO LA SCORTA????? OVVIO E' ROSSO

Ultima chance

Sab, 07/09/2013 - 21:24

Ancora una volta Marcello ci delizia con una fine visione che non è volta ad offendere il "Saviano Nazionale" ma solo a delinerarne i limiti. Tra Veneziani e Saviano un abisso culturale e qualitativo, il primo un intellettuale, il secondo un fruitore del concetto. Non sorprendono affatto i commenti dei sinistri sui quali non può fare presa la verità, abituati come sono a digerire attraverso la terza narice tutte le sonore balle della sinistra chic-shock-check.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Sab, 07/09/2013 - 21:33

Voi invece a destra non avete bisogno del metal detector. I mafiosi certificati ce li avete in casa. Certi problemi non si pongono dalle vostre parti. Rallegratevene.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Sab, 07/09/2013 - 22:36

Alenovelli-bentornato,la tua assenza ci causava grave sofferenza,infatti eravamo in crisi di astinenza di frasi fatte e affermazioni irrelate.

Ritratto di Michele Corno

Michele Corno

Sab, 07/09/2013 - 23:21

Non credo che Saviano si faccia usare dalla sinistra,penso invece che sia fermamente convinto, ormai, di ogni cosa che dice. Con "Gomorra" è diventato un riferimento mediatico eccezionale, ma nonostante questo le possibilità che gli si offrivano sono state rovinosamente sciupate. Si è avvitato sempre più su Berlusconi e sempre meno si sono viste denunce coraggiose e/o rivelazioni tali da schiarire o illuminare le menti più torporose. Un'occasione perduta, temo, una esistenza non sacrificata ma sprecata.

Ritratto di Maurizio Da Lio

Maurizio Da Lio

Dom, 08/09/2013 - 06:22

@alenovelli - Invece di camminare sempre a testa bassa, provi ogni tanto ad alzarla! Così si accorgerà che le cose sono diverse semplicemente cambiando la prospettiva. Potrebbe aiutarla a crescere e ad uscire dalle sue limitatezze!

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Dom, 08/09/2013 - 10:00

Saviano è un italiano, anzi un arcitaliano. E' drogato da sessantanni di cultura comunista che veniva direttamente dal Cominform sovietico insieme a milioni di rubli sui quali in PCI non ha ma pagato l'IGE (l'IVA dell'epoca). Non ha avuto i mezzi per difendersene e quindi ne è intossicato marcio. Dire che non è di sinistra è azzardato. L'Italia è un paese di sinistra, lo sanno in tutto il mondo. Non esserlo è difficile e rischioso. Saviano non è un eroe, è un poveretto che cerca di sbarcare il lunario parlando di mafia e camorra che, come la cultura comunista, ha affumicato questa povera Italia da ben più di sessantanni. Saviano non sa di essere comunista mafioso e camorrista solo perché non ha la tessera dei simildemocratici e scrive pezzulli contro mafia e camorra. Un tempo si chiamavano utili idioti. Oggi sono poco utili.

barretta gennaro

Dom, 08/09/2013 - 10:06

Lo sempre pensato che possiedi " la critica della ragion pura" . Sei un grande scrittore che non ha mai scritto una parola fuori dalle riga!!!

Ritratto di tempus_fugit_888

tempus_fugit_888

Dom, 08/09/2013 - 10:37

Bisogna dargli atto che ha scritto cose importanti. Una fra tutte è la forte collusione fra politica e delinquenza, che nessuno avrebbe mai potuto immaginare.

Ritratto di rosario.francalanza

rosario.francalanza

Dom, 08/09/2013 - 10:43

Saviano e tanti altri presunti "intellettuali" (Eco o Camilleri, p.es.) abbiano sulla coscenza il male creato dalla casta della sinistra e che anche loro hanno alimentato, contribuendo al consolidamento di quell'ipocrisia di questi vent'anni. Vent'anni in cui ci hanno fatto credere di essere "gioiosi", di essere "accoglienti", di essere "democratici", di essere "progressisti", di sapere ascoltare, di essere più acculturati di altri. Un pugno di bugiardi. E gli intellettuali ancora più falsi e pericolosi dei politici, perchè ancora più assetati di potere!

tzilighelta

Dom, 08/09/2013 - 12:18

Grave errore Veneziani, questo cucù ha attirato tutti i gonzi berluscones che in genere si tengono lontano da questa stanza, si sono mischiati con gli intellettuali, berluscones pure loro, e adesso non si distingue più il minchione letterato da quello semplice e ottuso. Veneziani non si è accorto che anche lui è un mental detector ma al contrario di Saviano, che è di destra come Travaglio, non ha lasciato la casa madre! Mi rendo conto che queste umane contraddizioni possono mettere in crisi le sinapsi di qualcuno ma le cose stanno esattamente così! Su una cosa concordo, gli intellettuali di sx sono piuttosto noiosetti e infatti li evito! Mi raccomando adesso non fatevi il sangue marcio, l'estate sta finendo godiamoci gli ultimi giorni di sole e mare, anzi per voi è meglio evitare il sole siete già abbastanza confusi così meglio non rischiare!

Ritratto di nestore55

nestore55

Dom, 08/09/2013 - 14:48

alenovelli...Complimenti...Commento sobrio e pacato come sempre il suo. Scevro da qualsiasi presa di posizione preconcetta, stesura fluente, ottima ortografia; nella sonorità concettuale si evince l'ascendenza intellettuale profonda, ben costruita e ancor meglio coltivata...Ben tornato, si notava l'assenza del fin dicitore...Ci rallegri ancora per molto tempo...Grazie, E.A.

Ritratto di nestore55

nestore55

Dom, 08/09/2013 - 14:54

Lucertola delle 12:18....Da berluscones ottuso Le rivolgo una preghiera: Lei che tutto sa e conosce, ci delizi la prego. Consenta a me, povero ed ottuso berluscones, di abbeverarmi alla fonte della sua onniscienza....Quando poi si riavrà, torni in stanza, ma veloce, perchè non può saltare le medicine anche oggi...E.A.

Ritratto di Euterpe

Euterpe

Dom, 08/09/2013 - 14:59

Tzilighelta-Volentieri l'ascolteremmo se lei ci indicasse che cosa la legittima a ritenersi diverso e superiore rispetto a coloro che così graziosamente qualifica come 'gonzi',potrebbe illuminarci,ad esempio, su che cosa ha prodotto sinora la cultura di sinistra.E' un'operazione che sempre viene omessa,considerata superflua,data per scontata nei suoi contenuti.Deve bastare ed essere considerato per investitura divina il ritenersi moralmente superiori,perché,ad esempio,la destra difenderebbe interessi,la sinistra invece difende ideali,per cui la superiorità delle idee si estenderebbe anche alle persone.Queste,pertanto,obnubilate dal complesso dei migliori,assumono il classico atteggiamento in cui prevale il disprezzo,un misto di supponenza e snobismo,la rinuncia aprioristica ad ogni comportamento 'pedagogico',alla missione 'salvifica' di migliorare gli altri,di condurli nell'empireo della conoscenza ,impegno che qualifica e responsabilizza chi ha,o si crede dotato, di intelligenza superiore.Come metodo,fra i tanti,potrebbe ricorrere anche alla maieutica socratica.Invece,gentile Tzilighelta,lei ha rinunciato a ciò che giustificherebbe e darebbe sostanza ai suoi atteggiamenti di superiorità morale e politica,ricorrendo allo scherno,alla denigrazione,alla sottovalutazione,alla derisione,non disdegnando neanche di far ricorso ad appellativi ormai consunti dal becero uso, nei confronti di coloro che ,secondo lei,sarebbero bisognosi di cure mentali.Allora anch'io ora mi sento autorizzata ad affermare che lei è affetto dalla malattia dello sguardo,che causa una rappresentazione manichea,sostanzialmente distorta della società italiana e di coloro che ne sono i componenti.I 'gonzi' berluscones la salutano,non prima di averle consigliato di chiedere indicazioni a Fichte,mentre,seguendo il suo suggerimento, se ne vanno al mare,ovviamente con copricapo protettivo.

OBLIVION

Dom, 08/09/2013 - 15:48

MARINA, Ci sono circostanze in cui, malgrado la mancanza di scusanti, occorre avere il coraggio di saper chiedere scusa anche preparandosi a sentirsela respingere. La frase più difficile a scriversi e a pronunciarsi in italiano pare che sia: “Ho sbagliato: mi dispiace”. In qualche caso, come in questo particolare, viene da aggiungere: “Non avevo capito niente”. Così poche parole possono avere molta più efficacia e molto meno fragilità di un lungo e ben articolato ragionamento, spesso mirato a cercare ed invocare esimenti o attenuanti per il nostro senso di mortificazione. Nel mio caso, mi limito solo a ripetere, pubblicamente e con voce cordiale: “Ho sbagliato: mi dispiace”. Col desiderio di dirlo, l' ho detto. Mi sarà di lezione, in questa vita che non si finisce mai di imparare almeno ciò che serve davvero.