Le banche comprano solo Btp e senza crediti l'impresa muore

Nuova asta record per i titoli di Stato: collocati 8 miliardi su 11 di richieste, tassi ai minimi. La Bce avverte: "Pmi allo stremo, a corto di prestiti". E Moody's conferma il rating italiano

Già indebolite dalla crisi, le piccole imprese soffocano per mancanza di liquidità; una malattia ormai endemica nel nostro Paese, dove le Pmi rappresentano la maggioranza del tessuto economico, e le banche hanno chiuso i rubinetti del credito ormai da tempo. Ma l'allarme ora supera i confini nazionali e diventa l'emergenza numero uno in Europa. Lo ha messo nero su bianco la stessa Bce, che nel suo ultimo rapporto sul semestre ottobre-marzo indica le piccole e medie imprese italiane, insieme a quelle spagnole, come le principali vittime del credit crunch: assetate di prestiti per sopravvivere, a causa del deterioramento degli utili e del fatturato, e impossibilitate a ottenerli. Anche perché la liquidità delle banche è impiegata altrove, soprattutto in titoli di Stato. Non a caso, l'asta dei Bot di ieri è stata un successo senza precedenti: il Tesoro ha venduto 8 miliardi di titoli a sei mesi, a fronte di una richiesta di 11 miliardi, ossia 1,4 volte l'offerta, con tassi allo 0,503%, il minimo da quando esiste l'euro. E lo spread Btp-Bund è stabile a quota 285 punti base, così come stabile è il rating del nostro Paese, confermato in serata da Moody's dopo le precedenti minacce di taglio.

Ma l'uscita dal tunnel della crisi è tutt'altro che vicina: gli utili delle piccole e medie imprese dell'Eurozona continuano a peggiorare, con un -33% a cui «le Pmi di Italia e Spagna - nota con preoccupazione la Bce - hanno contribuito di più». Già, perché l'Europa è ormai a due velocità, anche nei bilanci aziendali: così, mentre la Germania guida i Paesi dove la riduzione dell'indebitamento rispetto all'attivo continua, in Italia succede l'esatto contrario. E i prestiti in essere alle imprese, piccole e grandi, sono scesi del 3% a marzo a 864 miliardi, ancora più di quelli alle famiglie, che sono diminuiti dell'1,3% a 607 miliardi. Secondo il rapporto, le Pmi italiane «hanno contribuito più di tutte all'aumento netto della necessità di prestiti bancari e aumento dello scoperto».

Un primato negativo, già segnalato nei giorni scorsi dal Fondo monetario internazionale: «Una parte del sistema aziendale italiano sta entrando sotto stress - avvertiva il Fmi - e nel caso di stagnazione prolungata aumenterebbe il rischio di insolvenze». Infatti, uno dei motivi per cui le banche italiane non prestano come dovrebbero è proprio lo scenario di recessione. Preoccupate all'idea di perdere una parte dei loro prestiti, le banche preferiscono impiegare la liquidità acquistando Btp: solo in marzo ne hanno comprati per 10 miliardi.

Del resto, la quota di titoli di Stato, non solo italiani, in portafoglio alle banche del nostro Paese, sta aumentando a vista d'occhio: secondo la Bce sono saliti a marzo a 389,5 miliardi di euro contro i 378,5 del mese precedente. Lo stesso fanno le banche spagnole, ma su scala inferiore. Gli stessi Paesi dove le Pmi registrano un inasprimento dei tassi (62% l'Italia, 66% la Spagna) e delle garanzie richieste per i prestiti. Solo in Grecia le aziende hanno maggiori difficoltà a ottenere credito: -46% le risposte positive rispetto al periodo marzo-settembre 2012, ma immediatamente dopo ci sono Spagna (-38%) e Italia (-34%). Esattamente il contrario di quanto sta succedendo in Germania, dove la disponibilità delle banche migliora (+6% il saldo delle risposte delle imprese).

Una situazione davanti alla quale «bisogna reagire - dichiara il vicepresidente della Commissione Ue Antonio Tajani, responsabile per l'industria - continuando a lavorare per eliminare i ritardi nei pagamenti e favorire l'accesso al credito», aggiungendo che «potrebbe aiutare le imprese» anche il previsto taglio dei tassi da parte della Bce.

Commenti
Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 27/04/2013 - 09:30

Tutto normale: la banche fanno usura grazie a governi fantoccio in loro mani.

gibuizza

Sab, 27/04/2013 - 10:24

Ma cosa si aspetta ad introdurre anche in Italia la famosa Glass-Steagal sulla separazione bancaria? Perché non se ne parla? E' una norma attuabile immediatamente e risolverebbe subito il problema degli investimenti ad aiende e privati. Parliamone il più possibile!

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 27/04/2013 - 12:49

Che scoperta. Sono i primi criminali che alimentano le crisi. Arrestare i consigli di amministrazione e nazionalizzare.

janry 45

Sab, 27/04/2013 - 13:33

Basterebbe riaprire tante succursali della banca d'Italia come sportelli bancari finanziari come quello che avrebbero dovuto fare loro, e usare ii loro denaro investito in titoli di stato per finanziare le imprese.Così si attaccherebbero al tram.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Sab, 27/04/2013 - 14:02

In tutti i paesi oggi in crescita e seri le banche sono nazionalizzate o sotto stretto controllo pubblico. I Cinesi come sempre ben lungimiranti neanche si sognano di svendersi a Goldman Sachs e altri criminali legalizzati

m.m.f

Sab, 27/04/2013 - 15:43

per fare l'imprenditore ci vogliono i soldini. anzitutto uno ci mette i propri nella propria impresa. in italia questo si verifica raramente. fatto questo nel caso si fa imprestare i soldi dalle banche con un programma serio di rientro. quindi fanno bene a non dare neanche un euro.

m.m.f

Sab, 27/04/2013 - 15:43

le banche fanno benissimo a non dare i soldi ,non bene fanno benissimo!