Berlusconi azzera tutto e tutti "Ma dobbiamo stare uniti"

La svolta: qualcuno aspetta la decadenza per liberarsi di me. Alfano? Con lui tutto risolto, ha la mia stima

P er quanto siano concilianti e suadenti toni e prese di posizione pubbliche, quella che si consuma nel Pdl è una rottura senza precedenti. Umana certo, ma anche e soprattutto politica se nella sua veste di segretario del partito Alfano decide di disertare l'Ufficio di presidenza convocato da Berlusconi. Un gesto forte, una presa di distanza non solo dalla decisione di traghettare il Pdl nella nuova Forza Italia ma pure dalla leadership berlusconiana che, di fatto, viene per la prima volta messa in discussione. Una rottura ancora più netta perché arriva dopo una notte e una giornata intera di trattative serrate, con Alfano e i ministri del Pdl che incontrano il Cavaliere per oltre due ore senza però riuscire a trovare la quadra.
Alla fine, dunque, Berlusconi tira dritto e va avanti lo stesso. Perché, spiega nel faccia a faccia con i cosiddetti governativi, «tornare a Forza Italia è la strada giusta ed è giusto che io riprenda tutto in mano». Fra un mese mi faranno decadere da senatore – dice l'ex premier – e «non ho intenzione di continuare a fare la vittima designata». Da leader di Forza Italia, insomma, il Cavaliere vuole rintuzzare quello che considera senza mezzi termini «una persecuzione giudiziaria». E quando qualcuno obietta che il passaggio in Forza Italia (nel cui Statuto non esiste la figura del segretario) sarebbe «uno sfregio» ad Alfano la risposta è tranchant: «Lo sfregio l'ho subito io il 2 ottobre». E visto che nel documento che voteremo nell'Ufficio di presidenza si confermerà la fiducia al governo – insiste il Cavaliere – questa rischia di diventare solo una questione di poltrone. Nel senso che il vicepremier e ministro dell'Interno Alfano finirebbe per perderebbe la carica di segretario.

Le argomentazioni dell'ex premier, però, non convincono i cosiddetti governativi. Alfano decide di non partecipare all'Ufficio di presidenza, con lui anche altri quattro aventi diritto: Schifani, Formigoni, Sacconi e Giovanardi. «Il tempo che ci separa al Consiglio nazionale – fa sapere il segretario del Pdl – consentirà a Berlusconi di lavorare per l'unità». La conta, insomma, dovrebbe avvenire l'8 dicembre in quello che sarebbe una sorta di congresso del partito e che dovrebbe formalizzare giuridicamente il passaggio a Forza Italia. Ma poiché sui circa 800 membri il Cavaliere ha decisamente la maggioranza, la sensazione dell'ex premier è che Alfano voglia «prendere tempo». Rimandano a quando sarà ormai imminente la mia decadenza da senatore e dunque sarò più debole, concorda Berlusconi a margine dell'Ufficio di presidenza con due deputati. Anche se, a dire il vero, difficilmente si potrà restare in questo stallo per un mese e mezzo, visto che è ormai chiaro a tutti che la rottura è nei fatti consumata. E infatti – al di là di quanto dice pubblicamente – l'ex premier sembra intenzionato ad anticipare di molto il Consiglio nazionale.

Anche il Cavaliere, però, risponde ad Alfano usando il guanto di velluto. «Gode della mia stima, con lui è tutto risolto e mi aspetto si continui a lavorare insieme», dice Berlusconi durante una conferenza stampa al termine dell'Ufficio di presidenza. Anche se dopo il ritorno a Forza Italia, spiega, «le cariche sono azzerate» e «in qualità di presidente sarò io a delegare responsabilità e funzioni».

Ma l'ex premier non vuole dare alcun pretesto di rottura ad Alfano. E ribadisce che l'appoggio al governo «non è in discussione». L'obiettivo è chiaro: se Alfano vuole dar vita a gruppi parlamentari autonomi non lo farà in nome della sopravvivenza dell'esecutivo. Poi, aggiunge, è chiaro che se il Pd voterà la decadenza sarà «molto difficile continuare a collaborare con chi si basa su una sentenza frutto di un disegno di certa magistratura per far decadere il leader di un partito alleato». Distanze siderali, insomma. Come conferma il premier Letta quando si dice «tranquillo» perché «c'è una maggioranza senza il Cavaliere» e dal 2 ottobre «il mio interlocutore è Alfano».

Commenti
Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 26/10/2013 - 08:39

Finalmente FI! FI significa un grande balzo in avanti, significa andare ben oltre i 10 milioni di consensi di ieri, significa riconoscere che Silvio è il più grande statista di tutti i tempi e , come logica conseguenza, porre nelle Sue mani, il nuovo partito in attesa di porre nelle Sue mani il destino dell'Italia e dell'Europa. Il 25 Ottobre 2013 è una data storica, pari alle grandi date che hanno deciso i destini dell'umanità. L'entusiasmo che già stamane ho sentito in giro ci dice che Silvio sarà - finalmente - quello che tutti gli italiani vogliono: un grande leader al comando di un paese oggi reso piccolo ma che Lui renderà grande. Tutto il potere nelle mani di Silvio, il popolo lo vuole.

pickman

Sab, 26/10/2013 - 08:41

Amici di dx, abbiamo consegnato il paese nelle mani della sx. Silvio sta cercando disperatamente e pateticamente di resistere, ma ha mezzo partito contro. La sx sta godendo come un riccio. Purtroppo dietro Silvio c'è il vuoto assoluto. Tutta gente incapace, senza palle che vive sulle spalle di Silvio. Le prossime elezioni saranno una catastrofe.

Ritratto di perigo

perigo

Sab, 26/10/2013 - 08:46

Finalmente! Facciamola finita col teatrino della politica che proprio Berlusconi ha criticato tante volte. Alfano e i suoi facciano ciò che vogliono ma chi comanda deve restare solo e solamente Silvio Berlusconi. Soprattutto in un frangente come questo in cui, con un colpo di mano chiaramente di parte, la magistratura collusa coi rimasugli dell'ex PCI, ha colpito infrangendo tutte le regole democratiche del giusto processo. Avanti Berlusconi, l'Italia che crede in te ti è vicina!

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 26/10/2013 - 08:58

Secondo me imperativo categorico per Silvio e per il movimento è liberarsi dei traditori, che oggi, grazie al suo gesto tranchant, sono ancora più evidenti. Vedi Schifani, che aveva un piede con Berlusconi (facendogli credere che era il suo amichetto, però se Silvio non avesse votato la fiducia l'avrebbe perso come tale a favore di Alfano e compagni. Ricordate le parole pronunciate da Berlusconi stesso al momento della fiducia a Letta?) e uno più grande con Alfano. Ora è chiaramente e inequivocabilmente tra i traditori. Fuori dal movimento tutti questi miserabili!

Accademico

Sab, 26/10/2013 - 09:01

Mi dispiace Cavaliere. Se Alfano ha la Sua stima, non ce l’ha da parte degli Italiani. E non ci piace (non ci è mai piaciuto) neppure Schifani, non certo perchè influenzati dal suo cognome.

idleproc

Sab, 26/10/2013 - 09:01

Sei un traditore che pensa solo ai c. suoi. Vattene col tuo partito stracolmo di spazzatura insieme al PD e ai centristi. Andatevene fuori dai piedi.

INGVDI

Sab, 26/10/2013 - 09:09

"Alfano? Con lui tutto risolto, ha la mia stima". "L'appoggio al governo non è in discussione". No, Cavaliere, non ci prenda in giro! L'appoggio al governo delle porcate? E' una porcata, e lei Berlusconi ne è il coautore.

AH1A

Sab, 26/10/2013 - 09:10

Tutti quelli che vogliono un'Italia diversa vogliono liberarsi di Berlusconi, non solo "qualcuno". E' ora che il CDX faccia gl'interessi del popolo e non della sola famiglia Berlusconi. Anche la farsa di ieri con uno solo che azzera tutto e comanda da solo è un bell'esempio di democrazia....ma fatemi il piacere....

linoalo1

Sab, 26/10/2013 - 09:11

Bravo Silvio!Dopo il momento di sconforto che ti ha portato a dare la Fiducia a Letta,finalmente ritiri fuori le unghie!Via i traditori,gli scontenti e gli incapaci!Quanti,fra i tuoi,vorrebbero farti le scarpe!Meno male che hai capito che il nemico che ti osteggia è anche nel tuo Partito!Complimenti!Hai trovato un modo elegante per liberartene!Lino.

francesco de gaetano

Sab, 26/10/2013 - 09:38

Oltre un mese addietro scrivevo che l'idra è un mostro acquatico e Berlusconi è un mostro politico sulla terra significando che tutti gli altri sono dei nani difronte alla grandezza del cavaliere,tanto da far intervenire la magistratura per eliminarlo politicamente considerato che la sinistra non ci riusciva.Oggi tenta l'impresa Angelino Alfano l'uomo al quale Berlusconi gli ha affidato un partito e per controcambiare il favore questi, ricordandosi di Bruto lo tradisce non presentandosi all'Ufficio di Presidenza.Nella storia del partito c'è un precedente.Non vorrei che si ripetesse con il gruppo dei governativi determinando una crisi politica ed economica mai vista in Italia.Forza Italia è l'unica strada che possa far uscire il Paese dall'ingovernabilità.

eddie02

Sab, 26/10/2013 - 09:41

perSilvio46@ Lei ha uno straordinario senso dell'ironia. :). Saluti

eddie02

Sab, 26/10/2013 - 09:48

Accademico@ È divertente notare quante persone si sentano portavoce di molti altri. Il fatto di attribuire la propria idea anche ad altri ("Se Alfano ha la Sua stima, non ce l’ha da parte degli Italiani. E non ci piace") significa che lo stesso autore la ritiene talmente debole da doverla rafforzare con false condivisioni. Si limiti ad esprimere il suo pensiero, senza avere la presunzione o l'arroganza di sapere cosa pensano gli italiani. Saluti

a_zotti52@virgi...

Sab, 26/10/2013 - 09:54

il gioco e´finito fatevene una ragione; Alfano garantisce al Senato i voti per una maggiorenaza con il PD e questo basta per affossare definitivamente le speranzielle del Cav di riesumare i fasti? del passato; game over signori, anche senza altre condanne penali!

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Sab, 26/10/2013 - 09:56

Berlusconi-Alfano ....quante volte ci avevano annunciato la grande svolta, le riforme "epocali" il rinnovo che avrebbe cambiato la politica italiana per decenni, l'annunciamento di annunci, annunci ed ancora annunci. Risultato? =ZERO

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Sab, 26/10/2013 - 09:57

Gran dimostrazione di carattere del vice premier. Ora bisogna ripulire la destra dei vari incompetenti politici come Schifani, Brunetta, Santanchè e degli opinionisti falchi che nulla hanno di politico. Alfano può farcela. Avete un leader, apprezzatelo.

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Sab, 26/10/2013 - 10:04

Dunque la situazione è questa: Alfano non vuol far cadere il governo che sta strozzando gli italiani, B. non vuol far cadere il governo che sta strozzando gli italiani. E allora che differenza c'è? Eccola la differenza: i quagliarelli vorrebbero continuare la collaborazione al governo con gli assistenti alla forca, con quelli che rispettano le sentenze dei giudici, siano essi italiani, nazisti, fascisti, cubani o brasiliani. Bene, bravi. Però dieci minuti fà hanno espresso solidarietà piena al "delinquente" B. Di quale solidarietà si trattava allora? Era tutto falso, un gioco, uno scherzo? Sanno benissimo che gli assistenti alla forca loro colleghi di governo voteranno la cacciata. Ed attenderanno altre condanne, numerose, che arriveranno quando ce ne sarà bisogno. Ed allora? Allora i quagliarelli credono che ormai B. sia finito macellato dai giudici italiani come lo sarebbe stato da quelli sovietici, nazisti fascisti o cubani. E si apprestano a fare a meno di lui anzi lo auspicano. In nome di che cosa? Di un centrodestra ripulito, presentabile? Ripulito da chi, presentabile a chi? E la risposta chiarisce tutto. Non hanno la capacità politica ed intellettuale di dire che la magistratura è investita dalla costituzione, che molti di loro adorano senza conoscerla, a essere egemone nel paese. Che comandano gli ometti come Vietti insomma. Quindi il B. si deve togliere di mezzo, e il partito liberaldemocratico tornerà ai fasti di un tempo: 1,6% come ai tempi di Altissimo. Pronostico sbagliato? Bene: senza il B. il centrodestra avrà il 61%. Va bene così? E cosa credete che faranno allora i magistrati liberi ed indipendenti? Staranno a guardare l'Italia diventare libera, democratica e non più strozzata dalle tasse? Che tutte le eterne corti e cortigiani andranno a casa? Che l'Italia non sarà più comandata da chi non è mai stato eletto da nessuno e che comanda da secoli a spese dei tartassati? No, niente di tutto questo. Saranno aperti fascicoli, avvisi di garanzia, sospetti di mafia, fango democratico e pornografico addosso ai nuovi e trionfanti dirigenti del partito liberal democratico nettato dal delinquente B. Caro cav. ancora un consiglio sincero: Russia (poi dirò perché). Ed intanto sappi quel che scriveva uno che la sapeva lunga, F.Guicciardini: "Gran delusione aurai se abbi fiducia nelli italiani.". Ciao.

acesco

Sab, 26/10/2013 - 10:09

x PERSILVIO46. Ma con che cosa ti fai?

stezan69

Sab, 26/10/2013 - 10:14

Caro perSilvio46 le ricordo che Forza Italia c'era già e non è niente di nuovo. Purtroppo tornare a Forza Italia equivale (per il più grande statista di tutti i tempi, spero sia pura ironia) ad ammettere il più grande errore della storia d'Italia: la creazione del Pdl. Poi per tutti quelli che gli stanno intorno e che hanno bisogno di lui perché altrimenti non sarebbero nessuno ricordo che ha governato per quasi 10 anni su 20 e non mi pare di aver visto nessun risultato di rilievo. Balle colossali raccontate in tutti questi anni. L'ultima è quella dell'aumento iva: si ergono a colonnelli per la difesa dall'aumento delle tasse. Ma quando nel 2011 l'iva è passata dal 20 al 21% dov'erano?

ENRICO RESTELLI

Sab, 26/10/2013 - 10:17

@piersilvio46 È un commento ironico, una speranza o una certezza? Ha avuto 20 anni di tempo per dimostrarlo, ma il balzo c'è stato all'indietro. Perché ora che ha 20 anni di più sulle spalle e 20 anni di storia passata sempre alle spalle, dovremmo nuovamente affidarci a lui per il futuro dell'Italia? Diamo spazio agli altri che diano vita a due poli democratici contrapposti sulle idee e non sul nome di una persona. Da idee contrapposte, se non troppo ideologizzate, si può arrivare ad una soluzione comune accettabile per tutti.

Ritratto di Rondò Veneziano

Rondò Veneziano

Sab, 26/10/2013 - 10:20

Lo sciovinismo bolso e peloso con cui una ghenga strampalata di gaudenti senza scrupoli ha voluto ridicolizzare Papi di fronte al paese costringendolo a votare la fiducia senza partecipare alle notti spensierate che hanno segnato il travagliato progetto della rinascita del partito storico di appartenenza a cui tutti aspiriamo senza remore dalla striscia polverosa disegnata sulla liscia superficie delle correnti interne, ha il sapore truce e compassato della vendetta politica di stampo comunista che ha segnato il revanchismo giustizialista in auge tuttora presso le aule dei tribunali, vere forche caudine a cui noi tutti bananas saremo costretti se proseguirà indisturbato il disegno totalitario che consta della complicità della magistratura con gli apparati non meglio identificati dei poteri forti, la finanza debenedettina e le lobby gay, inferocite dall'atteggiamento dichiaratamente etero, feticista e minorilitario del leader dell'opposizione interna di governo. Il felice ritorno al sogno esplosivo primigenio della rivoluzione libertina rappresentato dal brand di Fozzaitaia probabilmente risulta indigesto alla manica ingiuriosa e fallace dei traditori del partito, coloro che non apprezzano lo slancio priapico del leader forte del consenso popolare incondizionato che sappiamo di potere a lui tributare sopratutto nei momenti come questo, in quanto esposto da un lato alla furia riconoscente delle teen-agers sovraeccitate dal polso del comando austero e delicato al tempo stesso con cui si è presa la sofferta decisione, e dall'altro solo ed unico garante delle obbligazioni di bilancio contratte a suo tempo quando ancora la priorità della riforma della giustizia non suonava così impellente come ora che il sovraffollamento carcerario rischia di compromettere le larghe intese, e quel che è peggio dal didietro.

daniele66

Sab, 26/10/2013 - 10:20

Era ora Cavaliere,continuare con la farsa messa in scena sarebbe inutile,anzi deleterio. Ora anticipi il congresso,e si presenti a testa alta con FI depurata alla sua decadenza. a quel punto non sara' piu' una "decadenza",ma un semplice spostamento,in qualsiasi situazione lei sia ( domiciliari,affidamento ecc). Decadra' da Senatore,ma si spostera' sulla poltrona del Presidente ( ed unico a decidere ) del Paertito piu' influente d'Italia,i voti le daranno ragione e poi si vedra' la resa dei conti,a partire gia' dalle prossime europee. Su Rai 2 va in onda un programma che consiglio a tutti,anche se di sera tardi,il venerdi',si chiama "Presunto colpevole".....molto istruttivo.

ENRICO RESTELLI

Sab, 26/10/2013 - 10:21

@pickman È vero quello che lei dice, ma penso che era proprio quello che voleva Berlusconi. Di fatti quei pochi che lo hanno contrastato se ne sono dovuti andare facendo la fine politica di cui il popolo berlusconiano gode.

masaniello

Sab, 26/10/2013 - 10:22

La coerenza de il Giornale. Ieri titolava; "Ma è gelo con Alfano". Oggi; "Alfano? Con lui tutto risolto, ha la mia stima". Il cav(olo) diceva così anche riguardo a Fini. Poi è successo quello che è successo con il "che fai? mi cacci?" e l'inizio della fine del predellino. Ma adesso, da qui al consiglio nazionale, sarà un coro di "che fai, mi cacci?!" Intanto per Letta ed immagino anche per Napolitano, per quanto riguarda la sopravvivenza seppure in rianimazione di questo governo transeunte, il riferimento resta Alfano.

daniele66

Sab, 26/10/2013 - 10:25

@ eddie02 gli italiani la esprimono in queste pagine ed in altre ogni giorno,accademico ha solo scritto cio' che tutti sanno. Ovviamente c'e' una piccola parte che segue i Cicchitto e quagliarelli vari,ma la massa e' ( e non potrebbe essere diversamente ) daccordo con il Cav. riguardo i 40 ladroni

daniele66

Sab, 26/10/2013 - 10:31

@ luigipiso si, e' vero, alfano e' un leader.....ma di chi e di cosa lo sa solo lui e i pochi che lo seguono (oltre la sx ovviamente ).Comunque e' una fortuna per il governo, se fosse per i guai fra renzi ed il resto dei comunisti Letta durerebbe poco,meno male che ci sono Alfano e Quagliarello :)

tadda

Sab, 26/10/2013 - 10:40

Avanti così presidente . Fuori i salta fossi , Tutti rigorosamente con origini democristiane !Uniti nel progetto originario di forza Italia . In fondo il pdl era nato per riunire il finetto.. Adesso non serve più .

tartavit

Sab, 26/10/2013 - 10:49

Il cavaliere più si agita e più farà un bel tonfo. Non si ritira? Lo faranno ritirare gli altri con sommo suo scorno.

GattoBrina

Sab, 26/10/2013 - 10:54

Il leader di un partito riunisce i maggiorenti del partito nella sede istituzionale non a casa propria teatro di altre riunioni poco edificanti e non decide con una minoranza cambio di nome, chi comanda e chi no. Non é democrazia é monarchia assoluta. Quando poi uno é azzoppato da una situazione giudiziaria complessa simili decisioni valgono zero. Certamente questo signore fa tanto male all'Italia e io da madre e donna lavoratrice temo per il mio paese e soffro insieme ai milioni di italiani ,che sono i 4/5 della popolazione , che non lo hanno mai votato e che vorrebbero il passo indietro ( solo così saremo una vera democrazia ).

Baloo

Sab, 26/10/2013 - 10:59

Sei un gran combattente comandante Silvio ! Hasta la victoria siempre comandante come certi ragazzotti arroganti che circolano in politica senza legittimazione alcuna.! Tutto si può dire di lui, ma non che non sia un Leader ! Dietro Silvio c'è un potenziale di 40.000.000 di italiani che vogliono riaffermata la nostra cultura e la nostra civiltà. E' vecchio ,stanco, ferito ma indomito. Ma qualcuno prenderà il testimone ! Hasta la victoria

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Sab, 26/10/2013 - 11:00

"...veni...vidi...vici" scrisse il famoso DUX ! ma a differenza del dittatore romano i congiurati hanno sì pugnalato il capo ma non lo hanno ucciso! Anzi hanno compattato il RINNOVAMENTO -con Forza Italia- che è una formidabile occasione per far uscire la destra dalla palude lettiana. Ma come si sa Giulio Cesare non era un temporeggiatore democristiano e sbaragliava gli eserciti nemici con la leggendaria velocità e la sorpresa. Berlusconi deve fare altrettato: non perdere tempo fino a dicembre in inutili e pericolosi tentennamenti ma indire per subito il Congresso. far finalmente piazza pulita dei cospiratori e liberarsi dei personaggi impresentabili -modello Verdini, per capirci-- Lui, pur con tutti i difetti (che poi non sono tanti) è nel cuore della gente e del Paese. A loro deve parlare, direttamente e senza maschera o faccia di bronzo cui devono ricorrere quasi tutti gli altri del suo partito così come della sinistra. "Sfidi il bravo ragazzo" Rensi a venire allo scoperto, a dire chiaro cosa e come vuole fare, quali riforme e su quale programma si impegnerà...sono sicuro che lui -il Cavaliere- saprà fare di più e meglio recuperando i consensi persi a vantaggio di Grillo! ci scommetto cento euro che anche Letta "l' inetto" si inginocchierà al vincitore che stravincerà alle possime lezioni. Ma subito perdio, non ci pensi un minuto di più! infischiandosi di processi e condanne che tutti sanno essere premeditate. il ferro si batte quando è caldo....

Cosean

Sab, 26/10/2013 - 11:00

(Berlusconi azzera tutto e tutti "Ma dobbiamo stare uniti") Ovvero, come mangiare l'aglio e pretendere di dare baci sublimi. E siete in 9 Milioni a baciarlo!

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Sab, 26/10/2013 - 11:01

Bravo Silvio! Ritorno a Forza Italia, azzeramento delle cariche di partito e appoggio (momentaneo, spero!) al governo: così i traditori, se se ne andranno, lo faranno non in nome della pretesa stabilità, ma delle loro poltrone. Fregati!

Giovanmario

Sab, 26/10/2013 - 11:02

pickman.. ma la sua è una funesta sensazione o una vacua speranza? mi sa che nel suo commento ci sono troppi silvio.. per poterlo ritenere sincero.. in tutti i casi.. parli per sè..

michetta

Sab, 26/10/2013 - 11:03

Caro Presidente, se Alfano ha tutta la sua stima, NON avra' mai la nostra! NON CI PIACE! E' classificabile come il classico pesce in barile e fa' esattamente quello che si e' prefissato di fare, fin dall'inizio dei suoi salameccati appecoronamenti verso di lei. Ripeto! Fini era e si e' dimostrato un traditore! Questo Alfano, la sta' affossando piano piano, senza che lei se ne accorga!

roberto nigra

Sab, 26/10/2013 - 11:05

veramente felice per il ritorno di Forza Italia, certo che come allora, nel lontano 1994, continuerà ad esistere una parte importante del paese che si riconosce nei valori di questo grande e democratico partito,per chi ha qualche mal di pancia (vedi alfano e compagnia), che andassero per la loro stradina a senso unico (magari a zappare i campi).....e attenzione che tra qualche tempo non facciano di nuovo capolino dicendo che si erano sbagliati............a loro auguro la fine invereconda di quel genio di fini (o finito)

michele lascaro

Sab, 26/10/2013 - 11:15

Soddisfatto per questo inizio di colpo di genio di Berlusconi, altri ne seguiranno, dico la mia: Non è necessario che tutti restino o scelgano Forza Italia; ognuno è libero di regolarsi in proposito. Non tutti mostrano lealtà di comportamento, Berlusconi invece sì, per cui noi siamo e continueremo ad essere elettori che prediligono l'onestà e la chiarezza di un Leader, l'unico esistente sul mercato (politico) italiano.

Ritratto di Falchetta per Silvio

Falchetta per Silvio

Sab, 26/10/2013 - 11:24

Ma vieni!!! Bene bene Silvio, era da un pezzo che aspettavo questa mossa. Sembri tornato il combattente di sempre. Bentornato. Siamo tutti con te. E di quelli là non ti preoccupare: noi non abbiamo la memoria corta e alle prossime elezioni ci ricorderemo di loro..se va bene prenderanno percentuali da prefisso telefonico. E i comunisti non ti avranno mai. MAI. W FORZA ITALIA

marvit

Sab, 26/10/2013 - 11:33

Il problema è semplice: Forza Italia sicuramente si presenterà alle prossime elezioni;vedremo allora quanta forza elettorale riuscirà ad attrarre. Adesso, il gusto delle tante polemiche dei soliti sfigati,è solo aria fritta condita con perdita di tempo...

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Sab, 26/10/2013 - 11:44

Non tutti hanno compreso la portata storica dell'epocale annuncio di ieri. Silvio ha indicato la via di un futuro di benessere e libertà per l'Italia e per l'Europa, la Sua geniale opera ha infatti garantito al Suo e nostro movimento la maggioranza assoluta in Italia, ponendo i sinistri del PD con le spalle al muro. Infatti ha legato la sopravvivenza del governo al giusto esito del voto in senato sulla Sua decadenza e così il PD è alle corde, infatti : a) se vota secondo giustizia e nega la decadenza perde la parte più fanatica del suo elettorato, frazione molto consistente. b) Se - con vergognosa violazione dei patti - vota per la decadenza, si assume la gravissima responsabilità di far cadere immediatamente il governo Letta, getta l'Italia nel caos, e perde cosi un'altrettanto consistente fetta del proprio elettorato, quello più responsabile. In entrambi i casi il PD è finito, si spaccherà in tanti piccoli partitini e questo ci garantirà la vittoria ed il governo del paese senza più quei "lacci e lacciuoli" che nel passato hanno impedito che i folgoranti annunci di Silvio divenissero immediata realtà. Silvio ancora ieri ha detto che "siamo uniti, Alfano ha la Mia fiducia", ed allora, avanti forti ed uniti verso la certezza della vittoria! Il popolo lo vuole! Tutto il popolo serio, onesto e lavoratore!

dorian

Sab, 26/10/2013 - 11:48

Forse Alfano e le colombe dimenticano che occupano quelle poltrone esclusivamente grazie a Silvio. Gli elettori hanno votato e voteranno sempre e solo per Lui e per chi e' con Lui e lo difende con lealta' e coraggio in ogni momento. La distanza tra Silvio e chi distingue, temporeggia, gioca e' siderale. Costoro non valgono nulla, non hanno nemmeno capito che questo e' il momento di stargli vicino ed uniti per rispondere ai vili attacchi sferrati da molte parti.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Sab, 26/10/2013 - 11:49

Tra qualche anno questi post faranno parte di un'antologia. Didattica. Ad uso degli specializzandi in psichiatria.

Ritratto di Rondò Veneziano

Rondò Veneziano

Sab, 26/10/2013 - 11:56

Difficile ragionare nella bruma vaporosa ed ostile in cui il Cavalcatore dei sogni muliebri delle italiane deve fare i conti se vuole davvero uscire dal pantano creato ad arte contro il disegno riformatore del nostro partito, coeso attorno ai valori irriducibili della libertà, dell'amore e dello Spinaus. Uno e trino il sogno primigenio della virtù novellatrice che forgia a propria immagine il paese devastato dal dolore comunista, che vorrebbe tutti godere del frutto del lavoro dei pochi, torna a cingere delicatamente il paradiso tropicale gravido di messe bananose, di opulente aborigene non registrate all'anagrafe per anno di nascita, recanti le ceste voluminose dei doni palmizi adese ai ventri saturi di speme, col sorriso radioso ed innocente della fresca compiacenza che meglio di tutte le veline sgommate nei varietà televisivi rappresentano al meglio la luce della prosperosa éra inaugurata col ritorno allo spirito incontaminato della nuova Fozzaitaia, attorno a cui noi tutti ci raduniamo felici ed orgogliosi per il bene profuso a dismisura nel ventre molle del paese durante gli anni duri delle affettuose bombe, violato dalle mani unte e bisunte dei maneggi di partito, dai biechi saltatori di fossi, dai nanetti morali (e non mi riferisco a quelli reali) che non rispettano gli impegni presi durante i sacri riti certosini e quel che è peggio sperano di farcela in virtù dei soli rimborsi elettorali in barba alle più elementari regole del mercato unico del consenso mediatico. Peggio per loro, lasciamoli naufragare nel loro mare, se gli è così dolce il perverso e nefasto abbraccio con gli alleati sinistronsi.

Ritratto di marforio

marforio

Sab, 26/10/2013 - 12:02

Ho il presentimento che si sta allevandoun altra serpe nel petto tipo fini,Povera destra piena di catto e comunisti .Questa e la realta, fanno solo politica sociale ma solo per atranieri, noi italiani siamo un caxxo, questo per dirlo alla romana.

Ritratto di stenos

stenos

Sab, 26/10/2013 - 12:07

Incredibile, l'ha capito, un po' in ritardo ma l'ha capito, che i suoi compari democristiani aspettano che venga fritto per spartirsi il partito. Peccato che loro non abbiano capito che gli mancheranno i voti.

fabiou

Sab, 26/10/2013 - 12:14

silvio, piu perdi tempo e piu i nemici si organizzano, con renzi e grillo. caccia subito alfano . restare in questo governo ti fa solo fare brutte figure davanti agli elettori

marcelletto36

Sab, 26/10/2013 - 12:23

A me sembrerebbe il caso di piantarla con questi giochini e mettersi a fare le cose serie per evitare anche di farci prendere per i fondelli dai vari trinariciuti,ai quali non sembra vero poter dire che la destra è allo sbando e poter quindi coprire le loro manchevolezze. Buttiamo fuori i carrieristi ed i professionisti dello scaranino che avremmo tutto da guadagnare,sia come pare politica che Paese

Ritratto di oliveto

oliveto

Sab, 26/10/2013 - 13:04

Non ci sono dubbi, il cavaliere è al di sopra di tutti per intelligenza e strategia politica e non solo. La mossa, la grande mossa di ripristinare FORZA ITALA e di lasciar volare le colombe centriste nel terzo polo segnerà l'ennesima sconfitta dei pifferai di sinistra. A cominciare dal menestrello fiorentino. Infatti, l'ex DC (il terzo polo + forza italia + gli ex allenza nazionale formeranno la maggioranza che vincerà le elezioni il prossimo anno ( europee e politiche ). Bravo cavaliere.

antonio.frivoli

Sab, 26/10/2013 - 13:18

Alfano-.Formiconi-lupi-Giovannardi-Cicchitto-Schifani-Lorenzini state attenti ai colpi di testa il vostro atteggiamento non fa altro che regalare la maggioranza al cento destra cosi facendo non andrete da nessuna parte farete la fine di fini i conti non si fanno tra di voi si fa con gli elettori

lettrice60

Sab, 26/10/2013 - 13:25

vorrei dire una cosa a tutti quelli che esprimono giudizi negativi (eufemismo....) sul Cav: forse Berlusconi non e' il meglio, forse (sicuramente) la destra italiana DEVE migliorare, ma l'alternativa sono il Letta e compagni la cui unica filosofia e' spendere MILIARDI per I clandestini e FREGARSENE degli italiani che per anni hanno pagato e pagano tasse per costruire un welfare che ora e' utilizzato solo per curare questa orda di delinquenti e nullafacenti. Pensate bene all'alternativa prima scrivere commenti negativi sul Cav.

Ritratto di giuseppe zanandrea

giuseppe zanandrea

Sab, 26/10/2013 - 14:01

Gatto Brina, se non fossi donna e lavoratrice ti avrei detto che io sono di origini vicentine (che i gatti se li mangiavano "'sti ani.." ma per rispetto delle donne di cui ho stima e mi fido più che degli uomini, perchèin politica come altrove raramente tradiscono o rubano, ...ma cara Suignora PERCHè SI DOVREBBE LASCIARE L' iTALIA IN MANO ALLA SINISTRA...MI RISPONDA SE CREDE

luigi civelli

Sab, 26/10/2013 - 14:21

Ecco,ci risiamo:dopo venti anni siamo ancora aggrappati al falso mito dell'uomo solo al comando,del superuomo che titanicamente si fa carico di tutti i problemi,nell'illusione proterva di risolverli;siamo ancora,più prosaicamente, al "ghe pensi mi"in salsa brianzola; a furia di divorare i suoi innumerevoli delfini,il noto pregiudicato morirà d'indigestione.

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Sab, 26/10/2013 - 14:33

IMU diventa TASI, PDL diventa FORZA ITALIA..... risolvere i problemi cambiando semplicemente il loro nome è diventato una moda. In questo modo i politici riescono a far credere a cittadini come "perSilvio46" che da domani in poi andrà tutto meglio.

Anselmo Masala

Sab, 26/10/2013 - 14:57

Adesso si vedra' davvero l'intelligenza dei parlamentari che tengono tanto a cuore le sorti del centrodestra...questione di pochissimi giorni.....

Anselmo Masala

Sab, 26/10/2013 - 15:02

luigipiso: ahahahahhah sempre vuoto eh??? Prova a fare i nomi dei tuoi leaders!!!!!Noi uno(Berlusconi)lo vantiamo vediamo chi vanti tu!!!!

Reginaldo Danese

Sab, 26/10/2013 - 15:11

UNITI A COSA?

Ritratto di Gigliese

Gigliese

Sab, 26/10/2013 - 15:38

X lettrice60 - CONDIVIDO - saluti

macchiapam

Sab, 26/10/2013 - 15:49

Bravo, Berlusconi: così si fa. E via così!

Ritratto di ilvillacastellano

ilvillacastellano

Sab, 26/10/2013 - 16:10

Spiacente sig. "eddie02" doverla contraddire, ma "Accademico", per quel che dice nel suo commento delle 09:01, è sicuramente mio portavoce e lo sottoscrivo in toto. Quindi non "è" affatto "divertente notare quante persone si sentano portavoce(i) di molti(e) altri(e)", ma quello sostenuto dal sig "Accademico" è un fatto sicuramente concreto e sentito tra gli elettori di centro-destra, che in qualche modo si possono ritenere a buon diritto la parte più seria e più responsabile del popolo italiano.

michetta

Sab, 26/10/2013 - 16:20

NO, NO, NO, NO, NO, riferendomi ai criticoni di questa scelta. Il Presidente Berlusconi Silvio, ha fatto benissimo a sparecchiare la tavola imbandita per quegli altri. Alfano e soci, l'avevamo gia' condannati, come traditori (chissa' perche', non ci fu pubblicato il commento). Alfano, furbo e troppo veloce nel dichiararsi ambiguo, a differenza di quell'altro, piu' attendista, traditore come lui, il Fini, aveva tutto, per essere giudicato, anche a prima vista, quello che si e' dimostrato. Attaccato al posto, ottenuto per "diritto divino", non fa' altro che riempirsi la bocca di parole e considerazioni che, sia dall'Europa che dal Vaticano, piovono su di noi, contro di noi e per noi, miseri sopportatori di prepotenze continue. Con questo ruffianesimo continuo, crede di essersi meritato il posto di vice presidente del consiglio e ministro dell'Interno. Tutte e due gli incarichi di cui non capisce un'acca, per come si comporta in continuazione. I risultati dell'emigrazione selvaggia stanno li a dimostrarlo, pero' al nostro, interessa solamente che il Vaticano ed il Re Giorgio ne parlino bene. Berlusconi, fece male quella volta li, a cancellare la sfiducia. Speriamo che stavolta, dicendo che si fida di Alfano, non sbagli di nuovo. Forza Italia, come, forza chi vi pare, potrebbe essere un buon partito di destra o centrodestra. Occorre pero' che chi ne faccia parte, dimostri di essere come.....Brunetta! Altrimenti, con le percentuali ottenute, non andremo mai da nessuna parte. Aumentera' pero', l'astensionismo!

linoalo1

Sab, 26/10/2013 - 16:22

No Silvio,non fare sempre lo stesso errore!Fidarsi è bene,non fidarsi è meglio!Analizza cosa ha e non ha fatto Alfano da quando è vice in questo governo!Mi sembra che abbia lasciato che Letta facesse quello che voleva!E,gli Italiani che ti hanno votato,non sono per niente contenti!Forse,sarebbero stati più contenti se non avessi dato la Fiducia a Letta!Lino.

Lino1234

Sab, 26/10/2013 - 16:49

Abbandonare Berlusconi oggi significa essere due volte traditori e senza scrupoli. Un Uomo che è sceso in politica per liberare la propria Patria dal giogo comunista, rischiando non solo la propria vita : non dimentichiamo che sta combattendo contro gli eredi di una ideologia che, pur di mantenere il potere, una volta preso, ha dato la morte a più di cento milioni di esseri umani. Silvio, oltre alla propria vita rischia anche la rovina delle proprie aziende e dei propri figli. In un momento tanto grave, in cui comunismo e Magistratura in collaborazione gli stanno rendendo pressoché impossibile l'esistenza, addirittura incarcerandolo con pretesti ridicoli, se non fossero tragici, per toglierlo di mezzo come avversario, anzi, come nemico politico. Tradire un Uomo di tal fatta significa essere, ripeto, due volte traditori : della Patria e dell'amicizia. E senza scrupoli ed imperdonabili. Scissionisti RAVVEDETEVI. Siete ancora in tempo. Saluti. Lino. - W SILVIO.

rinaldo

Sab, 26/10/2013 - 17:08

Bravo PRESIDENTE, Lei è sempre più avanti degli altri. Non abbia paura che potrebbero fare la fine di FINI, scusi il bisticcio di parole. Si liberi dei rami secchi, non servono a niente. Siamo sempre con Lei

eddie02

Sab, 26/10/2013 - 17:19

perSilvio46@ Vabbeh abbiamo capito l'ironia, non è il caso di insistere. Comunque complimenti ancora, i suoi post sono un concentrato di satira di buon livello. Grazie. Saluti

eddie02

Sab, 26/10/2013 - 17:21

daniele66@ Glielo ripeto, dovrebbe limitarsi ad esprimere la sua idea, non arrogarsi il diritto di farsi portatore di quella altrui, e avere la presunzione di interpretare un il sentimento collettivo riguardo l'amor suo. Se ne faccia una ragione, lei non rappresenta nessuno oltre a sé stesso. Saluti

monitor

Sab, 26/10/2013 - 17:27

Questo governo deve cadere a prescindere da ogni altra considerazione: fa tutto il contrario di ciò che aveva promesso di fare. Deve cadere anche se Berlusconi dal Senato venisse dichiarato non decaduto.

eddie02

Sab, 26/10/2013 - 17:32

ilvillacastellano@ Può essere sentito tra gli elettori del centro destra, che le ricordo sono una piccola parte dell'elettorato italiano. Il Sig. accademico invece si sente portavoce degli italiani nel loro complesso, e questo è da rotolarsi dal ridere. Quanto poi al fatto che gli elettori di centro destra siano la parte più seria e responsabile del popolo italiano è un suo giudizio, che essendo immagino parte di quell'elettorato difficilmente arriverebbe a definirsi parte della fetta meno seria e responsabile del popolo. Un po' come se mia madre mi definisse bello ed intelligente. A destra, come a sinistra, esistono persone oneste e disoneste, persone intelligenti ed imbecilli assoluti, persone colte e persone ignoranti. Si rassegni. Saluti

daniele66

Sab, 26/10/2013 - 18:21

cavaliere,non si renda complice delle malfatte di questo pseudo-governo.......non e' stata rispettata neanche 1 delle promesse fatte,inclusa l'IMU rientrata mascherata sotto altra forma.