Berlusconi punta a rinviare il D-Day

Il leader del Pdl in conclave con la famiglia: inviti alla prudenza e pressing sul Quirinale. L'obiettivo è guadagnare tempo sulla decadenza. I pontieri assicurano: con il Pd e Napolitano uno spiraglio c'è

Roma - Obiettivo numero uno: rimandare il plotone d'esecuzione. Berlusconi veste ancora i panni della colomba. Si morde la lingua, lascia fare a chi gli consiglia l'estremo sforzo di prudenza. I moderati e i trattativisti del Pdl, Gianni Letta in testa, che lavorano sul fronte Pd e Quirinale. Ma poi ci sono anche e soprattutto i figli, con cui ieri il Cavaliere era in conclave, che predicano prudenza e insistono affinché non si plachino le pressioni sul Colle per un atto di clemenza e/o la commutazione della pena per scongiurare gli arresti domiciliari. Che per l'ex premier sarebbero una prova durissima, un'onta insopportabile. Poi ci sono i consiglieri alla Confalonieri e alla Doris - che vedrà oggi come tutti i lunedì - che tirano in ballo le aziende e gli prospettano scenari inquietanti. Fosse per lui, il Cavaliere avrebbe già gridato in tv cosa pensa di Napolitano, della sinistra, dei giudici. Ad Arcore, con l'umore sotto i tacchi e il telefono che squilla in continuazione, chiede a tutti: «Tu che pensi?». Sente opinioni contrastanti e ammette le ragioni degli uni e degli altri. Per ora decide di non decidere. Di aspettare. Resterà su questa linea almeno fino a quando la giunta del Senato comincerà a vagliare il suo caso. Berlusconi ci crede poco ma accetta, suo malgrado, di attendere il patibolo del 9 settembre con la speranza che la ghigliottina non cada immediatamente. Sulla carta, il Pd muore dalla voglia di sparare per uccidere definitivamente il nemico storico. Berlusconi lo sa bene e all'idea non può che rispondere: «Se cado io cade tutto». Lo ripete da sempre, a prescindere dai toni, più o meno ultimativi. Su questo concordano tutti, falchi e colombe. Ma le seconde giurano che uno spiraglio c'è. Continuano a ripetergli che sebbene sia difficile far digerire alla sinistra il cosiddetto «lodo Violante» con il conseguente ricorso alla Corte costituzionale, almeno si potrebbe puntare all'obiettivo minimo: «Guadagnare tempo». Lungi dal salvare il Cavaliere, il Pd può però garantire al nemico la massima attenzione alla sua difesa, quantomeno rimandando il suo assassinio politico. A quando, non è dato sapere.
E qui intervengono i falchi che gli ricordano come è andata finora: «Ti hanno sempre chiesto di fare sacrifici e di essere responsabile perché il tuo atteggiamento avrebbe pagato. Invece... E l'ultima mossa della nomina di quei senatori a vita è stata fatta soltanto per disarmarti e blindare il governo Letta». Berlusconi condivide anche questa lettura. Nel contempo, però, ammette il rischio di non riuscire ad ottenere il voto in caso di crisi. In fondo Napolitano l'ha già detto: col Porcellum niente scioglimento delle Camere. E ancora: c'è chi giura che tra un manipolo di pidiellini e una pattuglia di grillini, un Letta bis nascerebbe in quattro e quattr'otto.
Così, Berlusconi lascia che i suoi ambasciatori continuino a lavorare sui due fronti aperti: Pd per il voto in Senato e Napolitano per la grazia e/o la commutazione della pena. Due strade in salita. La richiesta di un atto di clemenza non è scartata ma di certo non alle condizioni poste dal Colle. A chiederla, eventualmente, non sarà il Cavaliere ma un suo legale. Basterà per Napolitano che, prima di ferragosto, gli ha però dettato delle condizioni capestro?

Commenti
Ritratto di gzorzi

gzorzi

Lun, 02/09/2013 - 10:17

Non capisco perchè si debba rimandare una decisione che anzi andrebbe presa immediatamente visto il ruolo che ricopre, ma siamo in Italia, dimenticavo...

poitelodico

Lun, 02/09/2013 - 10:17

Mai fidarsi di un communista! Non c'è nulla di buono d'aspettarsi da Napolitano e soci. Le colombe del Pdl sono troppo illusi!

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Lun, 02/09/2013 - 10:20

A 23 anni dalla caduta del Muro di Berlino in tutto il mondo, anche nella Cina di Mao, in Italia la ottusa ferocia di una massa distorta mentalmente dalla menzogna comunista serve alla violenza dello stato burocratico parassita per mantenere salda la oppressione del suo mortifero apparato sopra la pelle dei Lavoratori e sopra tutto uno scempio di Paese ridotto all´emarginazione, all´indigenza, alla rovina, alla disperazione. A quando il colpo di maglio del Default unica speranza per abbattere la mafiosa abiezione e far rinascere il Paese nella Libertá e nella Ragione?

elio2

Lun, 02/09/2013 - 10:25

I comunisti sono da sempre il peggiore cancro di qualunque società, caro Presidente, butta tutto per aria, tanto cosa credi che siano capaci di fare, dureranno 5 o 6 mesi, forse anche meno, giusto il tempo di mettere su qualche altra tassa e riempirsi le tasche e andremo a elezioni. L'Italia non ti merita.

Ritratto di fabiobonari

fabiobonari

Lun, 02/09/2013 - 10:47

Berlusconi non ha bisogno di dirmi cosa pensa di Napolitano,della magistratura e dei comunisti. Pensa quello che penso io.

Libertà75

Lun, 02/09/2013 - 10:50

si dovrebbe attendere l'esito dell'eventuale ricorso a Strasburgo, se SB afferma che lo farà la Giunta gli deve un dilatamento dei tempi

pinux3

Lun, 02/09/2013 - 10:55

@poiteldico...Bravo, cosi' VI SBATTIAMO ALL'OPPOSIZIONE e la finiamo lì...Credi che sia così difficile trovare qualche senatore "responsabile" (ne bastano pochi...) grillino o pidiellino che non ha la minima intenzione di andare a casa per la bella faccia di Grillo o di Berlusconi?

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 02/09/2013 - 11:06

Alle prossimi elezioni - ci saranno perché neanche un Letta bis potrà sopravvivere a lungo - il PDL dovrà vincere largamente e cancellare tutte le storture RETROATTIVAMENTE.

STRAZZACAPPA

Lun, 02/09/2013 - 11:07

Come si fa a credere ancora ad una soluzione positiva per il Cavaliere, quando il vecchio volpone comunista ha già preparato gli ingredienti per la formazione di un governo fatto da soli sinistri. Un popolo di pappataci rappresentato dai politicanti italiani, penserà soltanto a difendere i propri sporchi interessi.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Lun, 02/09/2013 - 11:10

Vorrebbe apparire colui che può ma non vuole, ma rischia di apparire di chi vorrebbe ma non può. Mi riferisco a far cadere il governo Letta in caso di sua decadenza da senatore.

Totonno58

Lun, 02/09/2013 - 11:18

E se subentra l'impedimento dai pubblici uffici cosa rinvia?Non è meglio una dorata pensione?

pinux3

Lun, 02/09/2013 - 11:23

@Libertà75...Ti sbagli, le sentenze, come le leggi, sono IMMEDIATAMENTE ESECUTIVE. Naturalmente B. può fare tutti i ricorsi che crede, nel frattempo però leggi e sentenze SI APPLICANO. La REGOLA è questa, è sempre stato così, non si vede perchè si dovrebbe fare un eccezione proprio per S.B....

fabiou

Lun, 02/09/2013 - 11:24

silvio stacca la spina subito o quelli ti logoreranno poco alla volta

pinux3

Lun, 02/09/2013 - 11:46

@vevividi..."Alle prossimi elezioni il PDL DOVRA' vincere largamente"..."dovrà"...Una cosa sono i "desiderata", un'altra cosa è la realtà...

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Lun, 02/09/2013 - 12:08

LIbertà75,sbaglio a il voto del Senato in base all'art.66 è legittimo?Sul resto,mi limito ad osservare che finchè le leggi sono in vigore si rispettano,di più,non hanno incidenza qualora successivamente dovessero essere dichiarate incostituzionali.Esempio?il lodo alfano,fu subito presentato ricorso dal giudice presso la corte,ma finchè questa non si è pronunciata,quella legge era legittima,era in vigore e l'interessato la utilizzò fino ad un minuto prima che fosse dichiarata incostituzionale.

Ritratto di venividi

venividi

Lun, 02/09/2013 - 12:42

Pinux3, ho detto dovrà vincere anziché vincerà per scaramanzia, solo scaramanzia.

Ritratto di bassfox

bassfox

Lun, 02/09/2013 - 16:28

certo vincerete le elezioni.. e chi sarà il premier? angelino? o la brunetta? o la pitonessa? a zelig si ride meno che qui!

Emigrante75

Lun, 02/09/2013 - 18:05

Interessante articolo... Interessante perchè Cramer pare sapere molte cose in diretta da Arcore. Sarebbe interessante se l'ineffabile giornalista ci dicesse che cosa in realtà Berlusconi pensa di Napolitano. Che cosa muore dalla voglia di gridare in TV? E poi, visto che non si interessa più delle aziende, parchè conrinua a ricevere "come ogni lunedi" Confalonieri e Doris? Caro Cramer, penso che questo articolo avrebbe fatto meglio a non scriverlo affatto....

Ferri Nicolò

Lun, 02/09/2013 - 18:53

La calma è la VIRTU' dei FORTI. Attendere, rimandare e non aver fretta è la cosa migliore, la sinistra deve purtroppo digerire un poco per volta la soluzione logica che ognuno ha diritto alla difesa fino in fondo. Quante leggi incostituzionali sono state votate a destra e sinistra? E poi...FIRMIAMO questi referendum, Pannella lo merita, ha trascorso una vita tra referendum e digiuni!!!!!!!.....

elio2

Mar, 03/09/2013 - 08:12

Caro Emigrante75, bisogna riconoscere la sua arguzia, quando si tratta di dire delle stupidate non le manca di certo. Spiega a noi comuni mortali, cosa c'è di male se il Berlusca vede i suoi sottoposti? Forse dovrebbe chiedere a lei il suo illuminato pensiero? Quello che poi pensa di un comunista, traditore della patria e del popolo Italiano, non credo sia difficile da immaginare. Penso che con tutta la sua supponenza, avrebbe fatto meglio lei a controllare ciò che ha scritto, prima di rinfacciarlo agli altri.