Il Cav si "allea" col leader Pd: pure lui sta alla larga dal Colle

Scruta le mosse di Renzi contro Napolitano. E pensa alle urne: "Non ci sarò in prima persona". Al lavoro i call center della Rossi

Tiene alta la tensione il Cavaliere. E da Arcore guarda con una certa soddisfazione alle dichiarazioni di guerra che arrivano dai big del suo partito. Due – e per ragioni diverse - gli obiettivi della caccia grossa lanciata nelle ultime ore da Forza Italia: Giorgio Napolitano e Angelino Alfano. Su nessuno dei due, però, l'ex premier ha intenzione di affondare personalmente il colpo. Di tempo per mettere le cose in chiaro – è il ragionamento del Cavaliere – ce n'è abbastanza, anche se si dovesse votare per le politiche prima dell'estate.

Un'eventualità remota ma su cui Berlusconi continua a riporre ancora qualche speranza, tanto dall'essere sempre più concentrato sulla campagna elettorale. Non solo quella di Fi, ma anche quella dei Club Forza Silvio su cui sta lavorando Marcello Fiori. Anche se, lo dice sulla sua pagina Facebook, lui non sarà candidato: «Io – scrive – non ci sarò in prima persona, attenderò che venga annullato tutto quello che mi è successo ma i tempi sono lunghi. Supereremo anche questo inconveniente della mia incandidabilità». La novità è che la macchina organizzativa è già in moto e si avvarrà a breve anche dei call center di Mariarosaria Rossi. E non è la prima volta che la società della Rossi, senatrice nonché uno dei più stretti collaboratori dell'ex premier, si occupa di sondare l'elettorato di centrodestra e ormai è forte di un discreto database che metterà a disposizione dei Club. Con l'obiettivo, spiega Berlusconi intervenendo telefonicamente ad una riunione di Forza Italia a Como, di «reclutare chi vota M5S, gli indecisi e chi non è andato a votare» perché «solo così riusciremo a battere la sinistra» che «ha dalla sua parte la magistratura».

Berlusconi, dunque, è già concentrato sulla campagna elettorale (per le Europee si voterà in ogni caso a fine maggio) ed è ormai convinto sia arrivato il momento di «sganciarsi» da quelli che gli elettori considerano solo «giochi di palazzo». D'altra parte, tutti gli studi nelle mani dell'ex premier registrano un crescente distacco della gente dalla politica tradizionale. Per non parlare delle larghe intese, di cui Napolitano è sempre più considerato il principale sponsor. Insomma, anche la percezione nei confronti del Quirinale in questo ultimo anno è molto cambiata, tanto – ha fatto notare a un suo interlocutore Berlusconi – che «pure Renzi si è tenuto volutamente a distanza». Così, ci sta che Il Mattinale, la nota politica quotidiana redatta dallo staff di Renato Brunetta, dedichi una pagina alla «Proposta di ripasso della Costituzione su poteri e doveri del presidente della Repubblica». Insomma, dopo aver detto chiaro e tondo che Napolitano propone «alchimie di mini-intese» ed è «ai confini di un autoritarismo incompatibile con la sua funzione» lo invita perfino a «ripassare» la Carta. E sempre Il Mattinale ne ha anche per il vicepremier il cui nome viene volutamente storpiato in «Alfanno» («cioè Angelino con il fiatone»), ormai a tutti gli effetti identificato come «alleato» del Pd e di Enrico Letta. La «stampella», come il Cavaliere definisce il Ncd durante il collegamento con Como. Perché seppure i sondaggi premiano la coalizione di centrodestra di cui farebbe parte anche il Ncd, l'obiettivo è quello di scavare un solco quanto più profondo possibile con chi è rimasto al governo.

Si annunciano, insomma, mesi di alta tensione. Con Berlusconi deciso a presidiare la scena servizi sociali (o domiciliari) permettendo. Così, se stasera è atteso alla sede del partito di piazza in Lucina per gli auguri di Natale con deputati e senatori, c'è chi non esclude che domani possa essere a Bruxelles per il vertice del Ppe. Il presidente dei Popolari Joseph Daul lo ha invitato insieme ad Alfano, Pier Ferdinando Casini e Antonio Tajani. Il Cavaliere vorrebbe esserci, ma difficilmente il Tribunale di Milano lo autorizzerà a lasciare il Paese.

Commenti

cicero08

Mer, 18/12/2013 - 08:32

Ma se è già alleato con forconi e con Grillo come pensa di convincere Renzi???

electric

Mer, 18/12/2013 - 08:43

Riconosco il Berlusconi energico e risolutivo, nonostante le avversità.

soldellavvenire

Mer, 18/12/2013 - 08:46

flirta con grillo, imita renzi, la strategia del decaduto è come sempre ovvia: come pure lo scopo, farsi gli affari suoi

xgerico

Mer, 18/12/2013 - 09:20

@electric- Ma se ultimamente si vede solo in fotografia, come puoi affermare tali fatti?!

cicero08

Mer, 18/12/2013 - 09:21

X soldellavvenire: scusi si è dimenticato del patrocinio ai forconi...

cicero08

Mer, 18/12/2013 - 09:22

X soldellavvenire: scusi si è dimenticato del patrocinio ai forconi...

Pietro_81

Mer, 18/12/2013 - 09:36

Ma allora è vero che è comunista!

sale.nero

Mer, 18/12/2013 - 09:38

Renzi non lo dirà mai (ma lo dimostra) ma ha un grande maestro che gli ha aperto il cervello, chiaramente è dotato di Q.I. adeguato. Non so se vorrà mai sottostare al suo maestro ma dimostrargli di averlo superato. A buon intenditore ....

Pietro_81

Mer, 18/12/2013 - 09:39

Si guarda dalle dichiarazioni di guerra che arrivano dai big del suo partito e si allea con gli oppositori. Non gli piacciono i suoi amici, preferisce i nemici. Schizofrenico? E voi che siete, suoi amici o suoi nemici? O servitori ubbidienti?

sale.nero

Mer, 18/12/2013 - 09:45

Berlusconi: vai per la tua strada, poi se sono rose fioriranno. Non fare scrivere ai giornalisti che cerchi una alleanza. Democrazia è confronto leale e aperto affrontato con carattere e non alleanze (Casini, Fini, ...)

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 18/12/2013 - 09:58

Sta cosa del NCD non si capisce affatto,sono traditori e contemporaneamente futuri alleati.Poi ci si lamenta delle coalizioni e del fatto che non permettono di governare.Coerenza vorrebbe allora che si vada da soli o che per lo meno si dica subito e chiaro che NCD non fara' parte dell'alleanza.Invece ne faranno parte,perche' i voti servono tutti e fino all'ultimo,con buona pace per gli elettori.

Atlantico

Mer, 18/12/2013 - 10:18

Chissà come sarà prostrato il povero Napolitano dalla lontananza di Silvio ! Ma possibile che non troviate cose più intelligenti che vi permettano di parlare, come che sia, di Berlusconi ? Perchè sugli altri giornali ormai B. è desaparecido.

linoalo1

Mer, 18/12/2013 - 10:25

Punto primo:mandare via Napolitano!Poi,firse,la Legge Elettorale!E' comunque più importante mandare via Napoitano e cambiare la Costituzione in modo che sia il Popolo a scegliere il Presidente della Repubblica!Il perché è ovvio e sotto gli occhi di tutti!Lino.

El Chapo Isidro

Mer, 18/12/2013 - 10:33

Ormai berlusconi non conta più nulla per quello stà disperatamente cercando di associarsi con chiunque, i forconi, il M5S che ha già ampiamente smentito ogni alleanza con il pdl e adesso cerca persino la compagnia del pd e di renzi...questo indica esattamente il livello di disperazione e di impotenza del cavaliere che non si rassegna ad essere diventato una semplice comparsa e pur di ottenere ancora quei 5 minuti di pubblicità è pronto perfino a leccare le mani di renzi in mondovisione, come già fece con il suo carissimo amico gheddaffi! Il cavaliere è pronto a qualsiasi bassezza pur di rimanere rilevante nel panorama politico italiano!!!

cicero08

Mer, 18/12/2013 - 10:39

X salvatore andronaco: ma lo sa che parla di uno che le alleanze le ha sempre cercate ad ogni costo: ricorda Metta/Pacifico o l'ex senatore con interessi nell'Avanti o, ancora, "i responsabili"....

Ritratto di RaddrizzoLeBanane

RaddrizzoLeBanane

Mer, 18/12/2013 - 15:06

El Chapo Isidro.."Ormai berlusconi non conta più nulla"..sei come il Comical Alì il ministro della propaganda di Saddam..negare, negare sempre negare l'evidenza dei fatti..come quando aveva la canna dei Marines appoggiata al kulo e diceva che l'esercito di Saddam stava trionfando..ecco El Chapet uguale uguale!!