Lavoro, la proposta di Alfano: "Niente tasse per chi assume"

Nel 2013 a rischio 123mila posti di lavoro. Il governo prepara il pacchetto lavoro. Letta: "Misure per i giovani". Alfano: "Coi nostri interventi ripresa entro fine anno"

Nel giro di soli cinque anni l’industria ha assistito, inerme, alla perdita di 674mila posti di lavoro. Altri 123mila rischiano di andare in fumo da qui alla fine dell'anno. La cifra, già di per sé drammatica, potrebbe salire ad almeno 300mila unità se si considera la cassa integrazione ordinaria. È un vero e proprio bollettino di guerra quello tracciato dalla Cisl nel rapporto Industria, contrattazione e mercato del lavoro. Secondo i dati pubblicati questa mattina dalla Confederazione di via Po, dal 2008 al 2012 in Italia si è perso il 2,4% dell’occupazione, il 6% del pil, il 4,3% dei consumi delle famiglie, il 20% degli investimenti. Per contrastare questa emorragia il governo intende mettere in cantiere un nuovo piano per il lavoro che vada a riudurre il cuneo fiscale in base all'età per ridurre la disoccupazione giovanile sotto la soglia del 30%. "Se queste azioni funzioneranno - ha assicurato il vicepremier Angelino Alfano - potremmo avere una bella speranza per la seconda metà del 2013".

"Il debito più pesante che stiamo contraendo, reiterando gli sbagli delle generazioni che ci hanno preceduto, è nei confronti dei giovani. Un errore imperdonabile", ha spiegato il presidente del Consiglio Enrico Letta rispondendo, in una lettera pubblicata dalla Stampa, ad Antonio Cascio che, nella rubrica di Massimo Gramellini intitolata ieri Brutta ciao, aveva raccontato la storia di un amico costretto a lasciare l’Italia per costruirsi un futuro migliore. Annunciano esuberi o eccedenze anche aree considerate solidamente "protette" come i ministeri (7.576), l'Enel (4mila), le Poste (oltre 3mila), Finmeccanica-Selex (2.529) e il settore bancario. Proprio negli istituti di credito 20mila posti di lavoro sono stati persi tra il 2008 e il 2011, altri 20mila sono a rischio da qui al 2017. Numeri che confermano come il presunto recinto di "protezione" dei contratti standard sia sempre più messo in discussione. "Dati così drammatici che possiamo aggiungere solo che rischiamo di diventare una Repubblica fondata sul non lavoro", ha commentato il leader della Cisl Raffaele Bonanni invitando il governo a uno "choc fiscale", un provvedimento straordinario per dimezzare le tasse, far ripartire la nostra economia e sollevare i salari ed i consumi. Da settimane Silvio Berlusconi sta, infatti, invitando le forze politiche che sostengono l'esecutivo a lasciare da parte, almeno per il momento, le grandi riforme costituzionali per concentrarsi pittosto sul piano economico necessario a far ripartire la crescita e ad abbattere il tasso di disoccupazione.

Il dato più allarmante, più e più volte ribadito dall'Istat, è sicuramento quel numero a due cifre che indica la disoccupazione. Con i tecnici al governo, è infatti schizzata al 40%. Percentuale che va sicuramente ritoccata se andiamo a considerare i 2,2 milioni di giovani che non solo non studiano né lavorano, ma non si spendono neanche per fare diversamente. Chiuso il capitolo del finanziamento pubblico ai partiti, Letta accelera su sviluppo e lavoro. L’obiettivo dell’esecutivo è varare un decreto a settimana. Si dovrebbe cominciare con quello sulle semplificazioni, poi il 15 giugno dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri il decreto sviluppo e, infine, il 21 quello sul mercato del lavoro. Queste le tappe programmate. Il principio da cui si partirà è appunto quello della staffetta generazionale.  "L’obiettivo è quello di far scendere la disoccupazione giovanile nei prossimi anni, possibilmente sotto il 30% - ha sottolineato Letta - se avessi la bacchetta magica la userei per far calare il drammatico dato sulla disoccupazione giovanile. Se facciamo questo c’è speranza per il futuro e anche famiglie ritrovino fiducia". Come spiega il sottosegretario allo Sviluppo economico Simona Vicari, saranno messe in cantiere misure fiscali per le imprese giovanili, con la defiscalizzazione dei giovani fino a 25 anni per chi assume a tempo indeterminato. "Le aziende che assumono ragazzi - ha spiegato Alfano - non devono pagare quelle tasse che fin qui hanno rappresentato disincentivi all’assunzione".

Il decreto sul lavoro arriverà sul tavolo del Consiglio dei ministri prima del prossimo Consiglio europeo di fine giugno. Come anticipato da Repubblica, Letta chiederà a Bruxelles di anticipare il programma Youth graduatee per poter utilizzare i 500 milioni di euro, che spettano all'Italia, anziché distribuirli nell'arco di sette anni. I fondi, che saranno destinati alla formazione e alla riqualificazione, non potranno tuttavia coprire il taglio del cuneo fiscale che ha in mente il premier. Per dare una sforbiciata alle tasse sul lavoro, i tecnici di via XX Settembre dovranno infatti far saltar fuori all'incirca un miliardo di euro. Da qui la cautela del ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni a dare per certa l'abolizione dell'aumento dell'aliquota Iva dal 21 al 22%.

Commenti

paolo b

Dom, 02/06/2013 - 11:12

Sono anni che ripetono sempre le stesse cose e non combinano nulla. Pochi giorni fa un telegiornale annunciave trionfalmente che sono diminuiti molto i contratti PRECARI, certo un bel risultato, ora gli ex precari sono DISICCUPATI a tempo indeterminato !!!

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 02/06/2013 - 11:23

è ridicolo che quelli che da 20anni hanno causato la malattia ora ci danno le ricette x guarire.

ferna

Dom, 02/06/2013 - 11:33

Bisogna defiscalizzare le imprese che rispondono ad una scelta di politica economica, che producono prodotti validi, favorire agricoltura-turismo-cultura-innovazioni non i soliti imprenditori che producono beni concorrenziali ai prodotti cinesi o di terzo mondo od imprenditori che sono fuori mercato. Nello stesso momento combattere l'evasione fiscale visto che gioiellieri (solo un esempio di tanti) dichiarano meno di 18000 euro di reddito. Defiscalizzare nuove assunzioni, mirate a settori veramente produttivi, comporta maggior potere di acquisto di unna categoria fuori dal lavoro e di conseguenza maggiori consumi ed entrate fiscali per lo Stato che compensano.

Gianca59

Dom, 02/06/2013 - 11:33

Patetico che chi è stato protagonista degli ultimi 20 anni della scena politica venga ora a dare lezioni su cosa fare quando ha predicato di voler fare le stesse cose per anni senza mai realizzarle. SE NE VADANO TUTTI ! Choc fiscale ? NON BASTA !

Ritratto di ANGELO POLI

ANGELO POLI

Dom, 02/06/2013 - 11:34

Quest'idea berlusconiana di assunzioni giovanili defiscalizzate è un'ottima idea. L'importante è che riguardino nuove assunzioni, senza preventivi licenziamenti del personale esistente in precedenza nell'organico. Meglio specificare questo nella legge, altrimenti si agevolano i soliti "furbastri" a scapito dei più anziani sul lavoro.

Ritratto di PaoloDeG

PaoloDeG

Dom, 02/06/2013 - 11:35

Il 2 giugno è una ricorrenza importante per rendere onore e giurare fedeltà alla Patria ! Oggi è il 2 giugno, il giorno dell'unione nazionale! La Patria deve essere servita con abnegazione, impegno e deve essere difesa con tutti i mezzi necessari! Bisogna usare le tasse per creare Equità e non Povertà! Bisogna combattere i nemici della Patria a cominciare dalla disoccupazione, che é il cancro! Bisogna quindi lanciare la macchina Lavoro Per Tutti! Per far questo bisogna ricuperare le centinaia di miliardi portati all’estero da chi ha guadagnato molto, ma anche dal crimine organizzato nazionale ed internazionale e degli immigrati, dalle mafie, dal terrorismo anche islamico e dalle sue reti di crimine organizzato! E dalla corruzione che é la causa del radicamento del male! L'Italia é da risanare e ricostruire interamente nuova di zecca per salvaguardare la salute del popolo ed attirare più turismo! Bisogna incitare le scienze e le nuove tecnologie in tutti i settori, produrre di più e di migliore qualità per diminuire le importazioni! Bisogna produrre le energie rinnovabili sul nostro territori per essere meno soggetti al petrolio e gas d'importazione! Bisogna anche migliorare l'istruzione del popolo intero! Sotto il motto Mens Sana in Corpore Sano! Bisogna stoppare anche al 100% l'immigrazione! In questo modo si diminuisce di molto il debito pubblico e si annullano i deficit! Se io fossi il Capo dello Stato, Pro Patria Semper!

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 02/06/2013 - 11:35

ora attendiamo con ansia il parere dell'autorevole tuttologo ergastolano in usa benny pannocchia che si sveglia all'alba x regalarci le sue perle di saggezza antibolscevike.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/06/2013 - 11:39

le colpe vanno ricercate nelle scellerate tattiche politiche dei sinistronzi, comunisti idioti ed incapaci! hanno preteso la difesa dell'articolo 18 senza rendersi conto del mondo che sta cambiando! avete appesantito la posizione dei datori di lavoro (imprenditori, produttori e aziende) creando problemi di occupazioni! sono 20 anni che si va avanti cosi: le colpe sono vostre, comunisti!!!!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/06/2013 - 11:40

ERSOLETTA sei un cretino un idiota ed un imbecille! cosa credi di dire con le ricette? :-) pensi di essere un intelligente che capisce tutto, vero? e si vede.... povero cretino: si fa insultare da tutti :-))

Ritratto di MACzonaMB

MACzonaMB

Dom, 02/06/2013 - 11:44

E' così evidente l'apporto di valore aggiunto che stanno attuando i miei fidati rappresentanti (quelli di Silvio, per intenderci) da far presumere, in un senno di poi, che la controparte avrà pure la faccia di attribuirsene i conseguenti meriti. Non resta allora che sperare che gli eredi degli "sbandieratori di piazza" sappiano aprofittarsene di questa opportunità per imparare ad essere meno disfattisti e più costruttivi, per il bene del paese.

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Dom, 02/06/2013 - 11:56

Qualcuno dica al cav che i giovani sono solo la punta del problema.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Dom, 02/06/2013 - 12:00

Ci vorrebbe un milione di posti di lavoro. Ma non come nel 94 dove il milione era di persone che si avvicendavano ad uno stesso posto di lavoro (così facevamo statistica pure se 100 persone lavoravano per 3 giorni ad uno stesso posto di lavoro perchè non risultavano disoccupate). Per favore qualcosa di serio stavolta grazie.

Ritratto di stufo

stufo

Dom, 02/06/2013 - 12:10

Avantitutta con nuove regole. I buricrati certo non mancano.

Zizzigo

Dom, 02/06/2013 - 12:13

Al solito il vero problema viene insabbiato! Questi personaggi non capiscono un tubo di economia, l'economia si costruisce con il buonsenso, non facendo esperimenti! Se manca il denaro alla base è inutile facilitare il lavoro, intanto le aziende non sapranno a chi vendere i loro prodotti. Occorre immettere denaro (tanto) nelle tasche della gente! Solo così si può fare ripartire la macchina! Invece si stanno intaccando pesantemente i rispsrmi delle famiglie...

deliranti

Dom, 02/06/2013 - 12:21

Ma se i ristoranti sono pieni e le prenotazioni per le vacanze sono complete, di cosa parlate?

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 02/06/2013 - 12:25

mortimer meglio essere insultati da servi come te che deriso dalla gente onesta e sensata.

MagoGi

Dom, 02/06/2013 - 12:32

D'accordo con Zizzigo, abbassate la tassazione a livello asfissiante e vedrete che i consumi interni ripartiranno portandosi dietro il resto.

Ritratto di Carlito Brigante

Carlito Brigante

Dom, 02/06/2013 - 13:06

Attenti a non fare leggi ridicole come vostro solito. Gli stage per esempio dovevano essere un modo per far entrare i giovani nel mondo del lavoro. Vincoli di formazione da parte del datore di lavoro in cambio di prestazione di lavoro sottopagato per un periodo di tempo stabilito. Sarebbe stato perfetto se le aziende avessero assunto le persone a fine stage anzichè prendere nuovi stagisti. Come al solito in Italia fatta la legge trovato l'inganno. E nessuno controlla. E adesso cosa ci proponete?

'gnurante

Dom, 02/06/2013 - 13:55

Detassare le assunzioni?wow, non ci aveva MAI pensato nessuno!

angelomaria

Dom, 02/06/2013 - 14:07

e da dove escono tutte quesre idee non di certo dalPD

Baloo

Dom, 02/06/2013 - 14:11

Bene Alfano. Tra lui, Letta e Renzi fanno a gara a chi fa le proposte più intelligenti. Finalmente !!!

angelomaria

Dom, 02/06/2013 - 14:11

mamma che gente non s'accontentano mai tutto quello che e' riuscito ha fareil centrodestra finora e si lamentano gi dimenticano che grazie ad ALFANO eil resto abbiamo evitato finore le disgrazie che sinistri e grillini proponevano non meritate nientechi troppo vuole nulla strige

Beauti

Dom, 02/06/2013 - 14:17

Proposta condivisibile, perché il costo del lavoro da noi è esageratamente elevato. Ma, mi chiedo, se non si crea lavoro a che serve agevolare le assunzioni?

Ghiringhelli Mario

Dom, 02/06/2013 - 14:20

Alfano, se toglie le tasse a chi assume, aiuterà solo i lavori precari destinati a peggiorare. Quando c'è il lavoro, quello vero non dei call center,non ci sono problemi a pagare le tasse. I disincentivi all'assunzione, per me che sono datore di lavoro, è la troppa burocrazia sia nell'assunzione, sia nel licenziamento, sia nella produzione, sia nelle normative sulla sicurezza. Faccio un esempio: un parrucchiere deve frequentare e pagare corsi sulla sicurezza a livello di un impresario edile. Se togliete le tasse, aiuterete i datori di lavoro senza scrupoli che ramazzeranno un sacco di utili in più ai danni dell'erario.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 02/06/2013 - 14:21

Come mai Crozza non ha mai interpretato Alfano? Non trovo altro tipo di commento sulle solite fandonie del PDL.

deluso

Dom, 02/06/2013 - 14:25

Ma di preciso, Alfano e Berlusconi queste cose perchè non le han fatte quando erano al governo dal 2001 a oggi?

igiulp

Dom, 02/06/2013 - 14:33

Bene il discorso sui giovani. Non vorrei però che nelle offerte di lavoro si richiedessero solo ed esclusivamente loro. Ricordiamoci di quanti "meno giovani" sono a spasso e magari con famiglia e figli a carico!!

Ritratto di EMILIO1239

EMILIO1239

Dom, 02/06/2013 - 15:00

Non è una cosa facile. Non basta agevolazioni per chi assume. Il costo totale produttivo è troppo elevato rispetto ai ns. concorrenti esteri. L'incidenza elevata delle tasse sui dipendenti, quindi il costo orario, l'energia, i costi delle materie prime, le tasse che l'industria paga, sono solo alcune voci. Mettere mano al tutto non avviene dalla mattina alla sera.

franco@Trier -DE

Dom, 02/06/2013 - 15:25

si vede che lo Stato italiano a molti soldi molta riserva imboscata.

wotan58

Dom, 02/06/2013 - 15:28

Ma davvero qualcuno pensa che un imprenditore assuma anche una sola persona solo non ne paga i contributi? Chi assume lo fa ben volentieri, ma solo quando c'è il lavoro. Con questo sistema vedremo tanti licenziati adulti per cui i contributi vengono versati, sostituiti da giovani per cui i contributi non verranno versati. Non si creerà alcun posto di lavoro addizionale, e verranno prodotti solo danni per l'INPS.

oizienoz

Dom, 02/06/2013 - 15:38

Meno male che c'è Alfano che ci risolve la vita .... Altri annunci fenomali di chi è già stato al governo per anni? ...

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 02/06/2013 - 15:39

Alfano dovrebbe dirci chi mai oggi dovrebbe assumere. Assumere per fare cosa? Fare beni da vendere? E chi compra? Se la gente non ha soldi non compre e se non compre nessuno si mette a produrre qualcosa e di conseguenza lui non assume. Chiusura del cerchio.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 02/06/2013 - 15:40

Possono detassare quello che vogliono, anche far lavorare gratis la gente. Non lo capiscono che finché il paese è in recessione nessuno assume, perché tanto mancano i compratori? Si salvano solo le aziende che esportano all'estero!

navigator

Dom, 02/06/2013 - 15:41

Solo e soltanto parole per prendere in giro gli italiani che non capiscono una mazza, proposte che oltre a non essere risolutive non verranno mai attuate. Per risolvere il problema del lavoro in Italia e' semplice: 1)impedire l'mportazione di beni prodotti a basso costo a meno che non paghino un tassa. 2) defiscalizzare tutte le fonti energetiche. Ma non cambiera' proprio nulla se gli italiani non cambiano capoccia.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Dom, 02/06/2013 - 15:51

Se foste un imprenditore senza ordinazioni o un artigiano che non batte chiodo o un professionista a cui non squilla mai il telefono o un negoziante senza bisogno di distributore di numeri per agevolare la coda dei clienti quanti giovani assumereste pagando loro solo lo stipendio? Per far fare loro i cruciverba. L'idea è buona ma non serve a niente. Non si raddrizzano anni di mal governo con delle trovate da bar.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 02/06/2013 - 15:54

Chi assume non pagherà le Tasse, ma lo stipendio dovrà pagarlo. E poi? La roba prodotta dal nuovo assunto dovrà essere venduta o no? C'era la domanda per questo bene prodotto dal nuovo assunto? No, non c'è domanda e allora che produco a fare se non vendo? Che assuno a fare se non c'èe domanda perchè non ci sono soldi? Fine della trasmissione

Fabio Lazzara

Dom, 02/06/2013 - 15:56

non C'è dubbio che il problema dei giovani disoccupati possa incidere anche sulla convivenza sociale, per cui ogni idea di risolvere quel problema va attuata. Va attuata comunque (a qualsiasi costo attuale) perche generarà, sicuramente, dei benefici ai giovani e all'economia.

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 02/06/2013 - 15:58

Uno non assume così tanto per gradire per non pagare le tasse o per fare un'opera buona. Uno assume se gli conviene altrimenti NISBA. Alfano dovrebbe leggersi qualche libro di economia politica anche nelle edizioni Bignami.

Ritratto di Il corvo

Il corvo

Dom, 02/06/2013 - 15:59

Se si vuole dare una risposta choc all'economia proporrei di stabilire che so io un periodo di tre mesi dove non vi sia obbligo di emettere fatture o scontrini fiscali. I prezzi calerebbero, gli evasori non potrebbero più fare concorrenza sleale e il lavoro dovrebbe aumentare. Se anche questo non avesse risultati positivi non resta che una seria patrimoniale.

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Dom, 02/06/2013 - 16:09

@jasper vendi se hai un prodotto che serve, altrimenti vai a fare il dipendente gratis per chi ne ha e lo fai guadagnare.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 02/06/2013 - 16:13

DELUSO non le hanno mai fatte per motivi molto banali e a volte sconcertanti. il primo , più grave, è che l'opposizione, cioè la sinistra, ha SEMPRE impedito berlusconi di attuare le sue riforme. sono sempre intervenuti i giudici costituzionali per invalidare qualsiasi riforma. in secondo luogo, l'occupazione negli anni passati non era grave come oggi. infine, terzo, la spesa pubblica non consente grossi margini di manovra. ricorderai, ad esempio, l'intervento di maroni per modificare l'articolo 18 del lavoro. si montò una protesta così estesa ed articolata che impedì ogni tentativo. ed era 1996.....

bruna.amorosi

Dom, 02/06/2013 - 16:15

BERLUSCONI DAI RETTA A ME MANDA A CASA TUTTI I LAVORATORI CHE HAI IN MEDIASET TU VIVI LO STESSO QUELLI LI ASSUMERANNO ERSOLA E LUIGIPISO CHE INSIEME AL CORVO E XGERICO AI VOGLIA TU QUANTO LAVORERANNO .

forbot

Dom, 02/06/2013 - 16:16

- " Niente tasse per chi assume" - Si ! O.K. - Ma neanche tante rotture di scatole- Trattare il costo del lavoro fra datore e operatore, finchè entrambi trovino l'equo interesse per soddisfare e far fronte ai reciproci bisogni. Nient'altro. Di lavori c'è ne sono tanti da fare. Chi può offrire lavoro, ha timori nel dover affrontare un mare di imposizioni, create e imposte da enti, erettosi quali intermediari fra le parti, con leggi e leggine fatte ad hoc con il beneplacito di governi di parte interessati. Un lavoro che come valore, produce cinquanta euro, non può essere pagato cento. A quel punto, tanti, piuttosto che fare un lavoro e pagarlo in modo esagerato, ci rinunciano. Così il lavoro non si fà, e si aumenta il trasando. L'operaio, con cinquanta poteva assicurarsi, con la sua famiglia, il mangiare per quel giorno, ma salta. Il Supermercato incasserà meno e così su tutto e per tutti il resto. Ma anche lo Stato incasserà meno, intanto sicuramente il 20 per cento dell'Iva, tassa che paghiamo su qualsiasi cosa movimentiamo e che richiede un esborso di moneta. Certo, non è tutto quì. Ritengo inutile dilungarmi, per non tediare i buoni lettori, spece chi intende passare qualche oretta divagandosi in amenità, quale quella: Mi astengo dal nominare; per amore di Cristo che ci ha raccomandati di amare il prossimo tuo come te stesso.- Buona domenica a tutti.

Robertin

Dom, 02/06/2013 - 16:44

gli imprenditori non sono dei benefattori. assumono solo se hanno bisogno e non se non pagano le tasse. quindi la prima cosa da fare è rilanciare la domanda di beni durevoli, ad es di case. come ? abolendo l'IMU in modo che chi ha i soldi torni a investire nelle case anzichè portarli in svizzera ...

Ritratto di marcel lò

marcel lò

Dom, 02/06/2013 - 16:45

la proposta seria dovrebbe essere: niente Tasse per chi HA assunto, non per chi assume...assolutamente ridicolo l'Alfano.

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 02/06/2013 - 16:46

#BRUNA AMOROSI . MA; CARA BRUNA COME VORREBBE CHE LUIGI PISO E XGERICO CON ERSOLA DAREBBERO DEL LAVORO ALLA GENTE SE LORO CON L;IDEOLOGIA KOMUNISTA FANNO LA FAME IN ITALIA?; PER CREARE LAVORO BISOGNA ESSERE INTELLIGENTI É QUESTI 3 POTREBBERO AL MASSIMO BATTEZZARE UN ASINO MA NON DARE LAVORO ALLA GENTE!; IO LI CONOSCO BENI QUESTI TIPI TUTTA BORIA É NIENTE SENSO; A NAPOLI QUESTE PERSONE LE CHIAMANO GRANCHI FELLONI TUTTI BECCHI É NESSUN SAPERE; QUESTA GENTE LÉ POTRÁ SPIEGARE COME POTREBBE FUNZIONARE L;ITALIA MA ALLA PROVA PRATICA NON SANNO PIÚ UNA BEATA MAZZA; IN ITALIA VALE DI PIÚ UN BERLUSCONI CHE TUTTI I KOMUNISTI MESSI INSIEME!. CARA; BRUNA NON BUTTI LE SUE PERLE DAVANTI AI PORCI! É BUONA DOMENICA! Pasquale.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 02/06/2013 - 16:51

bruna amorosi ti piace renderti ridicola? pensi che l'italia ha bisogno di mediaset e che berlusconi è il genio dell'economia e inventore del lavoro? ma ripiate.

Ritratto di ersola

ersola

Dom, 02/06/2013 - 17:00

ehi guagliò è arrivat pascale escposito o filosofo napuletano parente de la fidanzat de u cap dei capi una ne scpara e tre ne sbagl.

michetta

Dom, 02/06/2013 - 17:05

Quando vedremo l'impiego di un decreto legge, che ancora deve essere scritto, ci crederemo! Anche perche', non vediamo l'ora di poter assumere qualche giovane capace. Per ora, mi fermo ancora a pesare le fregnacce fatte e scritte su quel decreto legge, che sancisce l'eliminazione graduale (fino al 2017!) dei contributi ai partiti, ma che stabilisce la gratuita', per gli stessi partiti, di usufruire di servizi, nonche' la concessione del 2 per mille sui nostri Irpef. E questa e' stata un'autentica beffa!!!!

bruna.amorosi

Dom, 02/06/2013 - 17:19

no !!!caro ERSOLA non ha bisogno di Mediaset ma di lavoro si buffone .il ridicolo sarai tu e tutti i kompagni come te .buoni soltanto a parole .e voi stupidi komunisti pur di dare addosso a chi non vi piace altro che questo fareste .

bruna.amorosi

Dom, 02/06/2013 - 17:19

no !!!caro ERSOLA non ha bisogno di Mediaset ma di lavoro si buffone .il ridicolo sarai tu e tutti i kompagni come te .buoni soltanto a parole .e voi stupidi komunisti pur di dare addosso a chi non vi piace altro che questo fareste .

roberto78

Dom, 02/06/2013 - 17:38

bella idea davvero la detassazione delle assunzioni ... e chi paga la loro pensione, i loro contributi ecc..? gli altri, quelli che invece dovrebbero vedere abbassate le loro tassa ..

marco1977

Dom, 02/06/2013 - 17:54

Quindi,l'azienda concorrente a me,assume un operaio "detassato" e riesce a farmi concorrenza sleale in quanto a parita' di mansione,a me costa di piu' il dipendente.Se è cosi' è una grossa stupidata.Tanto vale che faccio un accordo col dipendente per dimettersi con "buonuscita" per poi riassumerlo il mese successivo.

enzolitti

Dom, 02/06/2013 - 18:00

Caro Alfano, per l'IMU mi sono accontentato della sospensione al posto della soppressione, va bè, pazienza, ma per il rimborso dell'anno scorso non accetto tradimenti! Altrimenti vuol dire che Berlusconi è un imbroglione e non ci voglio credere!

deluso

Dom, 02/06/2013 - 19:03

MORTIMERHOUSE mi spiace, ma berlusconi ha governato per 10 degli ultimi 12 anni, e 7 di questi 12 con una maggioranza SCHIACCIANTE... se avesse voluto farlo, o avesse avuto le capacità di farlo, lo avrebbe fatto. Se cosi non è stato, è perchè o non gli interessava o è un incapace. E in entrambi i casi si merita solo il mio disgusto da ex elettore tradito.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 02/06/2013 - 19:29

@roberto78: Ma che ti frega delle pensioni dei giovani? Non la vedranno mai la pensione, non l'hai capito? I contributi che versano, se li prendono i pensionati attuali (tra cui gente come Giuliano Amato).

Ritratto di jasper

jasper

Dom, 02/06/2013 - 20:29

@Luigi piso: chi mai andrebbe a lavorare gratis? Non diciamo frescate per favore.....anche se non sta scritto da nessuna parte che il 'lavoro' deve per forza essere retribuito. Uno può divertirsi a lavorare gratis.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Dom, 02/06/2013 - 21:04

la società, economia e lavoro mariranno ogni giorno di più fin che resteremo in Europa e adotteremo l'Euro.

wotan58

Dom, 02/06/2013 - 21:27

Marco77, faremo anche questo. Io dovrei essere contento perchè me sarà un regalo insperato, Ma so che poi i soldi che risparmio oggi come piccolo imprenditore li ripagherò domani con gli interessi da cittadino. Piuttosto, vogliamo parlare dell'IRES e dell'IRAP?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 03/06/2013 - 00:23

Una ulteriore proposta sensata che non mancherà di infastidire tutta la combriccola dei trinariciuti. Siccome è partita da Berlusconi farà sorgere grandi piagnistei da parte dei cervelli ingessati del "bella ciao".

marcokalos

Lun, 03/06/2013 - 01:04

I soliti proclami vuoti. Volete riavviare il mercato del lavoro? Volete aumentare la produttività? PERMETTETE DI LICENZIARE CHI LAVORA POCO!!! Basta con la giusta causa è un paravento per tutti i dipendenti svogliati! Assumere è un rischio! Detassare non servirà a far lavorare di più e meglio i dipendenti! Smettiamola con l'ipocrisia di sinistra, se si può licenziare tutti quanti si daranno da fare di più! Che tristezza questa destra, veramente sono degli incapaci, non realizzano mai nulla, se qualcuno li vota è solo perché a sinistra hanno solo idee deficienti, ma che squallore generale..

gianni59

Lun, 03/06/2013 - 02:43

ma con quale coraggio parlano dopo anni di governo in maggioranza e che andava avanti a decreti legge...perché non l'hanno fatto prima? e con Monti? Vermente ci prendono in giro senza pudore...

gianni59

Lun, 03/06/2013 - 02:49

mortimermouse..guardi che quello che interessava è passato in un fulmine con decreto legge!!!

gianni59

Lun, 03/06/2013 - 02:53

Robertin "abolendo l'IMU in modo che chi ha i soldi torni a investire nelle case"...ma sì, investiamo ancora in case, surgeliamo il denaro. Ci mangeremo i mattoni oppure li esporteremo all'estero (vedi USA e Spagna...)

linoalo1

Lun, 03/06/2013 - 07:56

Si,Alfano,ma se non c'è il beneplacito dei PDuisti,resta solo e sempre una intenzione!Quando riusciremo a vedere attuato un punto del Programma?Finora,solo parole e mezze intenzioni,vedi IMU,ma,di concreto,niente ancora!Certo che,se si va avanti così,l'Italia è destinata a fallire!Lino.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Lun, 03/06/2013 - 23:44

#marcokalos Condivido in parte il suo commento. Solo dove parla delle responsabilità della sinistra nel proteggere i fannulloni. Da parte della destra che vuole che si faccia di fronte all'idiozia dell'art. 18?