La Coca Cola, le tasse e le lobbies

Che razza di Stato è quello che attraverso la leva fiscale vuole imporre stili di vita corretti? Si chiama Stato totalitario

Ormai tutti i commensali sanno dell’assurda tassa che si vuole imporre sulle bibite zuccherate. In questa cucina si serve soprattutto vino (meglio se un bel nero di troia della Tenuta rasciatano, a proposito di conflitti di interesse del cuoco). Ma la tassa sulla Coca è una follia. Lasciamo per un attimo perdere i motivi economici, che pure sono fondamentali. Tralasciamo le ipocrisie governative, che considerano le bibite come la benzina e cioè il modo più comodo per fare cassa. Dimentichiamo l’effetto Laffer per il quale a forza di tassare i consumi questi dimuinuiscono o vengono sostituiti da succedanei esenti, erodendo così il gettito fiscale previsto. Insomma dimentichiamo che si tratta dell’ennesima tassa. E andiamo al punto fondamentale. Che razza di Stato è quello che attraverso la leva fiscale vuole imporre stili di vita corretti? Si chiama Stato etico e totalitario. La libertà di un popolo non si misura solo dai suoi metodi più o meno democratici, ma anche dal rispetto delle libertà fondamentali degli individui. Una norma liberticida, anche se votata da una maggioranza parlamentare, resta liberticida... Volete tassare le bibite? fatelo. Volete tassare i panataloni rossi? Fatelo. Ma non diteci che è a nostra tutela.

Rivendico il diritto alla panza. Rivendico il diritto alla libertà del personalissimo piacere e del gusto. Rivendico financo il diritto di vivere meno in virtù di un mio stile di vita clinicamente considerato non perfetto. Sì il cuoco rivendica banalmente il diritto ad essere Libero.

Qualcuno sostiene che i costi sanitari sarebbero il fine della norma punitiva. Ma vi rendere conto dell’assurdità? E della china che così prendiamo. Se uno stato decide il mio menù in funzione del costo sociale che si verificherebbe non seguendolo, dove si fermerà? Lasciamo perdere sigarette, alcol e droghe. Ma perchè non obbligare a fare? Che so una salutare passeggiata. O almeno venti giorni all’anno passati o al mare o in montagna per gli under 10 anni. O ingerire 300 grammi di verdura o frutta al giorno. O andare a letto con la propria moglie con frequenza stabilita per fascia di età e dopo visita dal medico (sportivo?). Potremmo indicare la pericolosità di certe letture. Ad esempio un governo di centro destra potrebbe obbligare gli ediori ad apporre una fascetta su tutte le edizioni del Manifesto del Partito comunista di Marx con su scritto: Le idee di questo libro hanno portato alla morte di milioni di cittadini, con corredo di foto in bianco e nero. I copy si potrebbero sbizzarrire su molti altri testi, potenzialmente pericolosi. Secondo il giudizio di chi? appunto. Secondo quello del ministro Balduzzi e Ornaghi oggi. E domani di qualcun altro.

In questo scenario è favolosa la dichiarazione del capo della lobby delle grandi marche in Italia. Luigi Bordoni. Fa una dichiarazioncina di poche righe di aria fritta in cui dopo aver riconosciuto la bontà del governo Monti, ricorda come la manovra sia depressiva e non migliori la salute degli italiani. Bordoni si faccia dire: Una lobby che si rispetti ci inonda di numeri. Quanto pagano di tasse i produttori di bevande. Quanti dipendenti hanno. Quanto valgono sul Pil italiano. Quando si ridurrebbe il loro fatturato per la tassa. Cosa succede negli altri paesi del mondo. Quanto fa male lo zucchero. Quali studi ci sono. Insomma diavolo, facciano la lobby.

Per fortuna libertà economica e libertà civili vanno a braccetto. E l’una è contenuto dell’altra. Se ho un passaporto (libertà civile) ma non la possibilità di esportare o cambiare valuta (libertà economica) non sono libero. E viceversa.

La Coca Cola company non ha bisogno del nostro aiuto: è potente abbastanza per saper badare a se stessa. Noi difendiamo un principio, che non è quotato a Wall Street, ma è molto più prezioso.

(tratto dal blog di Nicola Porro)

Commenti

vitripas

Mar, 28/08/2012 - 20:50

sul pacco delle sigarette ci scrivono che uccidono e fan venire il cancro ma lo Stato le vende in Monopolio ipocrita e poi ci multa se non mettiamo il casco o la cintura in auto con la scusa che deve proteggere la nostra salute ed incolumità. Fate causa se vi multano e rendete incostituzionale il monopolio delle sigarette

angeli1951

Mar, 28/08/2012 - 21:11

Non si può non concordare con Porro; ma lo sanno i politicanti tutti presi a difendere i loro indecenti privilegi di aver nominato gente che sta farneticando e che dovrebbe essere curata dal delirio di onnipotenza proprio dei lacchè elevati a ruoli di governo?

Ritratto di paola29yes

paola29yes

Mar, 28/08/2012 - 21:32

Questo è comunismo reale per la gioia e felicità di napolitano presidente di una parte degli italiani, cioè degli "utili idioti".

Ritratto di illuso

illuso

Mar, 28/08/2012 - 22:08

Lo dico con ironia...La Coca Cola è una tra le 10 invenzioni che hanno reso gioioso questo pianeta, mettere una tassa su questa bevanda è da idioti.

Ritratto di woman

woman

Mar, 28/08/2012 - 22:42

L'errore di fondo è nell' aver stabilito che la tutela della salute sia a carico dello stato. Ognuno deve essere libero di mangiare e bere quello che vuole, certo! però poi se si ammala di diabete o di cirrosi, deve pagarsi da solo le spese per le cure.

rokko

Mar, 28/08/2012 - 22:52

È difficile non essere d'accordo con Porro. Lo Stato deve lasciarci fare quello che vogliamo, finché non limitiamo le libertà altrui ovviamente, altrimenti non siamo cittadini ma sudditi.

NBia

Mar, 28/08/2012 - 23:17

d'accordo con Nicola Porro, ma con un distinguo: se le spese sanitarie le devo pagare con le tasse allora preferisco che lo stato dica ai cittadini cosa devono fare o non fare. Se uno vuole fumare, ok, ma poi le spese per le cure del cancro ai polmoni se le deve pagare lui; se le gliele devo pagare io allora preferisco far mettere la pena di morte sulle sigarette. Tutto e' legato: la liberta' individuale con il livello di imposizione e la gratuita' dei servizi pubblici. Per questo gli americani non vogliono un sistema sanitario: perche li costringerebbe a perdere la loro liberta'. E noi siamo disposti a perdere parte dei nostri benefici per piu' liberta'?

Ritratto di falso96

falso96

Mar, 28/08/2012 - 23:45

A parte che se la storia continua di questo passo, presto non avremo neppure i soldi per una bottiglia d'acqua, liscia naturalmente.

gentlemen

Mar, 28/08/2012 - 23:58

Capiranno tutti alle prossime elezioni..............

Ritratto di thewall

thewall

Mer, 29/08/2012 - 00:14

tanto non c'è nulla da fare... io ho votato Berlusconi e avevo speranze... ora il PDL sostiene questo criminali. alle prossime elezioni voterò Grillo.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mer, 29/08/2012 - 01:32

La faccenda dello zucchero che fa male era nata negli USA, negli anni '60, per danneggiare Cuba che ne era la maggior produttrice. Ora i nostri babbuini al governo si attaccano a quella favola metropolitana per spillare soldi in ulteriori tasse. Cosa aspettiamo a rimandarli alle loro scrivanie da saputelli ignoranti?

GiuliaG

Mer, 29/08/2012 - 04:55

Se dovesse passare questo decreto in poco tempo verrebbe applicata la tassa su tutti i cibi chiamati "spazzatura" così come era già stato ipotizzato. In un articolo de Il Giornale di Aprile, venne pubblicata l'intervista ad Alfredo Moratti, il titolare del colosso degli snack Amica chips :"Con l’imposta sui cibi considerati non sani dovrei pagare un euro per ogni chilo di prodotto: 75 mila euro al giorno. Piuttosto vendo tutto a una multinazionale e me ne vado via dall’Italia. L’Italia è ormai finita, spacciata. La gente non ha più voglia di lavorare e ai pochi che ce l’hanno ci pensa Monti a farla passare".

LOUITALY

Mer, 29/08/2012 - 05:43

Caro Porro lo stato autoritario è appoggiato dal PDL. 10 mesi di GOLPE ANTIDEMOCRATICO appoggiato DAL PDL con i nostri voti. Il PDL vergognoso è peggio dei comunisti. COn i nostri voti appoggiano una dittatura e dopo aver promesso l'eliminazione dell'ICI hanno votato con i nostri l'IMU medioevale. MAI PIÙ PDL! SOLO LIBERTÀ DEMOCRAZIA ed ANTI CASTA! (Il GIornale più censurate più vi coprite di ridicolo ad appoggiare questo golpe)

Otaner

Mer, 29/08/2012 - 07:08

Comdivido in toto questo articolo.aggiungo, se mi è consentito, che sui generi alimentari di prima necessità il Governo dovrebbe farsi promotore di una legge per l'esenzione totale dal pagamento dell'IVA. Ma chi mi ascolterà?

Fausto17

Mer, 29/08/2012 - 07:15

E no Dott Porro, il Suo ragionamento non fa una grinza, ma deve valere sempre! senza "lasciare perdere sigarette alcol e droghe". Fino a prova contraria le sigarette e l'alcol non sono (ancora) fuorilegge quindi dovrebbero far parte a pieno diritto del Suo ragionamento. Colpa nostra che trangugiamo qualsiasi fregnaccia che ci viene propinata e che prima o poi tutti noi facciamo la stessa fine "salutisti" e non.

Willy Mz

Mer, 29/08/2012 - 07:23

torno a ripetermi: questi professoroni sono collegati? una cosa è certa, siamo sull'orlo del baratro e questi a spallate ci butteranno giù!

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Mer, 29/08/2012 - 08:05

I nostri governanti mi ricordano quelli sovietici di antica e triste memoria: agivano sempre (secondo loro) per il bene del popolo, sentendosi molto al di sopra di esso e intangibili circa le decisioni che prendevano.

Ritratto di Feyerabend

Feyerabend

Mer, 29/08/2012 - 08:07

Ma diamoli a casa presto! Sono fusi!

jovac

Mer, 29/08/2012 - 08:15

Scusi Porro, uno stato totalitario perchè mette 10 centesimi di tassa su ogni bottiglia di coca cola? A me vien da ridere...

MEFEL68

Mer, 29/08/2012 - 08:39

Per incassare (per poi dilapidare a piacere) ogni scusa è buona. C'è un vecchio detto che dice: Sei pecora? Allora devi dare la lana.- Infatti questo è un governo di tosatori più che di professori. Un suggerimento a Balduzzi: A quando una bella tassa sui politici che fanno più male degli zuccheri e delle uova che alzano il colesterolo?

MMARTILA

Mer, 29/08/2012 - 08:58

Le similitudini tra questo governo ed un sistema dittatoriale saltano sempre di più all'occhio. Si fanno forti della crisi politico-economica per ricattare tutti e fare ciò che vogliono, possiamo dire che è un regime basato sulla necessità di sanare (ma quando mai ci riusciranno)il Paese Italia. Il problema è che lo fanno mentendo spudoratamente, tutti sappiamo, tra le altre concause, il vero motivo del profondo rosso italico...troppe spese per nulla, dipendenti pubblici vari, privilegi incomprensibili, deputati e senatori che guadagnano l'ira di Dio ecc ecc ecc...

Anna H.

Mer, 29/08/2012 - 09:55

In Francia esiste una tassa sui veicoli pesanti, il principio della tassa è che, poiché i camion inquinano più delle auto, allora li si tassa e il gettito fiscale ottenuto viene utilizzato per implementare politiche sull'ecologia. In Italia si sarebbe gridato allo scandalo: Sallusti avrebbe detto che se i camion non circolano l'economia non gira, Porro avrebbe rivendicato il diritto a sgasare in autostrada con un autoarticolato che supplisca alla propria carenza di virilità, Brunetta avrebbe detto "cretini". In Francia si ritiene perfettamente normale che qualcosa di potenzialmente dannoso venga tassato per finanziare la cura del danno creato. La differenza tra un paese civile e il paese delle banane.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 29/08/2012 - 10:01

Qualunque stato e sistema è "etico". Nessuno è neutrale. Provate a dichiararvi dubbiosi sull' olocausto oggi e finite in galera con un processo degno di quelli della Santa Inquisizione.

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 29/08/2012 - 10:03

Ma non fateci ridere... scomodare definizioni di stato totalitario... siamo già in uno stato totalitario solo che molti non lo vedono neppure. Tutto è in mano a una cerchia ristretta di grandi finanzieri che non controllano solo la moneta, l' economia e la politica. No. Controllano i nostri pensieri attraverso un apparato mediatico che inocula idee e, cosa più grave, modi di pensare. La vera arma di distruzione di massa non è una bomba atomica, è Hollywood

jovac

Mer, 29/08/2012 - 10:06

Uno stato totalitario perchè mette ben 7 centesimi di tassa su un litro di coca cola?(2 cent a lattina, 10 cent a bottiglia da 1,5 litri) Mi scappa da ridere...

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Mer, 29/08/2012 - 10:10

il popolino italiano sarebbe capace di fare una rivoluzione per la Coca Cola ma non contro chi gli ha tolto sovranità monetaria, libertà politica e tutto il resto. Popolo ridicolo.

Massimo Bocci

Mer, 29/08/2012 - 10:21

Ma si facciamo come negli anni 50 quando si dava un bel gotto di vino (autarchico o droga di stato) ai bambini ripetendo la storiella (del regime) che faceva bene alla salute, mentre faceva bene solo al regime perché è molto più facile tenere a bada degli ubriachi che dei cittadini consapevole che li stai VESSANDO;..........Così quando tra non molto saremo alla fame NERA (seconda fase della restaurazione del REGIME comunista catto del47) e asservimento dell'Euro Crucco ci darà la mazzata finale, un po' di alcol anche nei biberon,come allora spegnerà i morsi della fame del pargolo, e poi i genitori ubriachi per un po' non ci si accorge nemmeno di essere in un REGIME DI LADRI che li stanno portando alla SCHIAVITÙ', pargolo alcolizzato compreso, che sia questo "il sol dell'avvenire" vedere la realtà da un fiasco di vino ROSSO, solo cos'ì uno può considerare dei LADRI,VESSATORI, COMUNISTI CATTO degli Italiani!!!!

Rossana Rossi

Mer, 29/08/2012 - 10:25

Son tutte vergognose imposte solo per far cassa. Tutti gli aumenti che ci sono stati sulle sigarette ne hanno forse bloccato l'uso? No, la gente continua a fumare e questa è la dimostrazione lampante che non è con le imposte che si risolvono i problemi di salute.Mandiamoli a casa 'sti tecnici pasticcioni.

Ritratto di unLuca

unLuca

Mer, 29/08/2012 - 10:26

Questo governo diventa di giorno in giorno più talebano.

Marcello74

Mer, 29/08/2012 - 10:30

Concordo con quanto sostiene Porro. Aggiungo che l'effetto "educativo" (sic!)sarebbe maggiore sulla gente povera. I ricchi continueranno a bere bibite gassate, a fumare e a fare tutto il resto! Che "equità" c'è in questo decreto? Come al solito, saranno solo i più poveri ad avere una vita grama.. Ah, però più salutare...

bobsg

Mer, 29/08/2012 - 10:38

Anche se si chiamano CocaCola o PepsiCola, lo sa il bambolone Monti che queste aziende in Italia danno lavoro a migliaia di persone?

simone.bollarino

Mer, 29/08/2012 - 10:46

@woman @Nbia, se fumando mi ammalo le cure le ho già abbondantemente pagate pacchetto dopo pacchetto.

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Mer, 29/08/2012 - 10:47

Incredibile, ma stavolta sono d'accordo con Porro al 100%: mai successo! Evidentemente l'assurda tassa sugli stili di vita del ministro Balduzzi (un fascista - o comunista - che non sa di esserlo) riesce a mettere d'accordo quasi tutti, salvo i totalitaristi senza speranza.

Ritratto di deep purple

deep purple

Mer, 29/08/2012 - 11:19

Speriamo che il pdl mantenga veramente la promessa (che mi sono segnato) di non votare la tassa sulle bibite gasate e zuccherate. Comunque è giusto precisare che quando si dice di essere per le libertà individuali, bisogna esserlo su tutto e per tutti, non solo su cosa e chi fa comodo. Mi spiego: non si può essere contrari alla tassa sulle bibite gassate e zuccherate, ma favorevoli alla pornotax, al congedo di paternità obbligatorio, alla tassa per gli over 30 che vivono coi genitori e al ripristino della leva obbligatoria. A tutti i personaggi della classe politica e del governo dico questo: l'unico stato etico è quello dove i parlamentari prendono lo stesso stipendio di un comune operaio, che se vogliono la scorta se la devono pagare di tasca loro (e salata), che non abbiano privilegi (ad es. barbiere e biglietti dei mezzi di trasporto se li paghino come i comuni cittadini), niente auto blu, vincolo di mandato e divieto di elezione per chi ha già fatto due mandati. Come mai queste proposte legislative appena citate, non le proponete e le attuate?

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Gio, 30/08/2012 - 01:24

Ci sono delle teste di legno che grazie all'anonimato della rete web si divertono a sparare fesserie. Fingono di ignorare che questo governo lo hanno voluto i trinariciuti con il loro capo Napolitano ed il compagnuccio D'Alema. Il lavaggio del cervello di tipo sovietico funziona ancora. Ne è un esempio il sig. LOUITALY che non deve spremersi le meningi perché gliele spremono i sinistri.

LOUITALY

Ven, 31/08/2012 - 05:09

RUSANINI con il suo voto (ed il mio) il PDL appoggia una dittatura di Napolitano and Co. Dopo aver promesso l'eliminazione dell'ICI hanno votato con i nostri l'IMU medioevale. Credo che anche le sue di meningi sia capace di capire lo stato sovietico in cui siamo caduti. MAI PIÙ PDL! SOLO LIBERTÀ DEMOCRAZIA ed ANTI CASTA! (Il GIornale più censurate più vi coprite di ridicolo ad appoggiare questo golpe)