"Così l'Italia fa fare affari alle milizie islamiste"

I pericoli sulla rotta dalla Libia. Un funzionario rivela: "Traffico d'uomini in mano a un capo filo Al Qaida". GUARDA IL REPORTAGE

Ahmed Asnawi, uno dei leader della rivolta anti Gheddafi, vicino ad Al Qaida, è ora a capo delle milizie islamiche che gestiscono il traffico di profughi

da Tripoli

«Dall'inizio dell'anno gli sbarchi in Italia hanno raggiunto livelli senza precedenti (14mila ad oggi ndr). In Libia stanno arrivando frotte di clandestini e migranti provenienti da zone dell'Estremo Oriente che in precedenza non avevano alcun interesse per queste rotte. E dietro a quelli già sbarcati ci sono quelli in attesa. Oggi abbiamo più di diecimila persone pronte a partire ammassate nei centri di raccolta o nelle case alla periferia di Tripoli, Zwara e Misurata. Ormai si è sparsa la voce che la traversata è facile e le navi dell'operazione Mare Nostrum salvano tutti. A fine inverno verremo sommersi dai nuovi arrivi». GUARDA IL REPORTAGE

Il funzionario italiano che a fine febbraio passa al Giornale queste informazioni dai suoi uffici di Tripoli è un veterano della lotta all'immigrazione clandestina. Parla a titolo personale e non vuole veder pubblicato il proprio nome, ma fa chiaramente intendere come l'esodo senza precedenti sia diretta conseguenza dell'operazione «Mare Nostrum» messa in piedi dal governo Letta lo scorso autunno. «Quell'operazione – spiega il funzionario - ha generato aspettative in centinaia di migliaia di persone. La notizia delle navi italiane pronte a salvare chiunque si metta in mare ha fatto il giro del mondo. Per questo ormai arrivano dai quattro angoli del globo. E l'aumento della domanda moltiplica l'offerta. Ogni giorno compaiono nuove bande di trafficanti di uomini che non offrono più neppure le precarie garanzie del passato. Pur d'incassare li fanno salire su bagnarole di fortuna convinti che si salveranno grazie alle nostre navi. Ma quelle barche rischiano di colare a picco ad un miglio dalla coste libiche».

Oggi a tre settimane di distanza le previsioni del funzionario si stanno puntualmente avverando. E intanto l'operazione Mare Nostrum genera un'altra situazione tanto prevedibile quanto paradossale. «Quando i fondi di Mare Nostrum finiranno la Marina Militare sarà costretta a smettere di operare, ma le traversate non si fermeranno. I mercanti di uomini pur d'incassare continueranno a metter barche in mare e noi rischieremo nuove ecatombi. Per questo – avvisava già a fine febbraio l'anonima Cassandra - bisogna trovare una via d'uscita prima di venir nuovamente messi sotto accusa dalla comunità internazionale». Ora anche quella previsione si sta avverando . Proprio ieri il capo di Stato maggiore della Difesa Ammiraglio Luigi Binelli Mantelli, ha annunciato la fine dei fondi. L'anticamera dell'ennesima tragedia con l'inevitabile coda di accuse al nostro paese è dunque già aperta. Ma i rischi per l'Italia non si fermano qui. «Nel sud della Libia – spiegava la “gola profonda” - la situazione è fuori controllo. A Saba, la capitale del sud, gli scontri fra le milizie filogovernative e i cosiddetti “anti gheddafiani”, hanno creato una situazione apocalittica. I confini non esistono più, e nessuno sa quante centinaia di migliaia di persone stiano risalendo da Sudan, Mali e Niger. In quelle zone desertiche non esiste alcuna autorità, comandano i più forti e si muove di tutto dalla droga, alle armi, agli esseri umani».

In questo caso l'allarme non riguarda solo l'esodo di centinaia di migliaia di disperati, ma anche il rischio terrorismo. Nell'immenso deserto a sud di Saba il lucroso affare dell'immigrazione clandestina è ormai sotto il controllo di una milizia alqaidista interessata non solo ai lucrosi proventi in denaro, ma anche alla possibilità d'infiltrare informatori e militanti sui barconi diretti in Italia. A spiegarlo al Giornale, a patto di non veder rivelato il proprio nome, è un inquirente della procura di Tripoli impegnato in una difficile indagine condotta dai settori dei servizi d'intelligence libici sfuggiti al controllo dei Fratelli Musulmani. «Al sud il gruppo di Al Qaida più attivo - spiega - è quello legato Ahmed Asnawi un comandante molto vicino ad Al Qaida. Lui e i suoi uomini sono stati i primi a cercar di mettere le mani sul commercio di esseri umani. Li prendono sotto il proprio controllo li trasferiscono verso la Cirenaica e la Sirte e da lì organizzano la partenza verso l'Italia su grosse imbarcazioni. A differenza dei trafficanti tradizionali garantiscono barche più sicure a prezzi inferiori, intorno ai mille dollari. Quei soldi oltre a finanziare il gruppo di Asnawi garantiranno l'arrivo nel vostro paese e nel resto d'Europa di molti terroristi».

Commenti
Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Gio, 20/03/2014 - 08:52

ormai Alqaida ha riempito la Italia dei suoi uomini più fidati che al momento opportuno si faranno sentire.Se li mandano in Italia sapendo che non c'è lavoro li vuole dire che hanno un altro scopo.

rosalba cioli

Gio, 20/03/2014 - 09:39

grazie Letta, grazie Sarkozy! quando l'Italia prenderà seri provvedimenti contro questo grandissimo malaffare sarà troppo tardi, un consiglio è di cercare di dirottare sulle coste francesi, magari accompagnati dalla nostra marina tutti questi poveri immigrati. Molta responsabilità per quanto sta accadendo è certamente da addebitare alla guerra contro Gheddafi, ecco i risultati!!!!!!!!!

@ollel63

Gio, 20/03/2014 - 09:53

italianii.ii.i... fessi.i.i.i.i. forzaa.a.a. tutti al lavoro.o.o. aiutate i clandestinii.ii... stupidi italianiii.. date loro accoglienza casa cibo denaro lavoro figlie figli... poi emigrerete voi.i.i.i... ih! ih! ih!... vi cacceranno da sa vostra.a.a.a idioti italiani.i.i sinistrii.i.i... lasciate la vostra terra ai veri padroni.. bande clandestine.e.e. che vi sommergeranno. oh.oh.oh!

Mechwarrior

Gio, 20/03/2014 - 10:35

diamo a tutti la cittadinanza e lasciamoli liberi di invadere anche l'europa ;-P

laura

Gio, 20/03/2014 - 10:48

Si era capito sin dall'inizio che la scellerata operazione MARE NOSTRUM sarebbe stata catastrofica per noi e le nostre tasche. Solo una massa di imbecilli al governo e in parlamento non vogliono capire l'ovvietà'. Renzi non dice niente, l;'unico partito che si esprime e' la LEGA. Si mandi un MESSAGGIO FORTE E CHIARO. NON Vogliamo ALTRI ARRIVI!!!! BASTAAAAAAAAA!!!

honhil

Gio, 20/03/2014 - 11:04

Altro che "palle d'acciaio", l’ex premier con molta probabilità verrà ricordato come il politico dal “culo di gomma” che ha piegato se stesso e lo Stivale ai voleri di una scriteriata Europa e alle voglie di una moltitudine di africani alla ricerca dell’Eldorado promesso. Creando, anche per le mutate condizioni economiche in corso, una miscela esplosiva che in qualsiasi momento potrebbe deflagrare e abbattere il precario equilibrio inevitabilmente instauratosi tra gli autoctoni, appunto, alle prese con un impoverimento irrefrenabile e i venienti che, a loro volta, con una pretesa che chiamare insana sarebbe poco, vorrebbero tutto e subito. Insomma, Letta andando dietro in modo scriteriato ad una emergenza che non era per niente dell’Italia ma dell’intera Ue e volendo, soprattutto, fare il bravo scolaretto agli occhi della burbera maestrina Merkel, ha creato un “cul de sac” dal quale è ora difficile uscire. E di ciò, e per la sua voglia di dare vita a governi che sono distanti anni luce dai dettami della costituzione, va anche ringraziato il presidente Napolitano.

torodamonta

Gio, 20/03/2014 - 11:14

I comunisti vogliono la guerra civile in Italia.Perché continuando così è inevitabile.Grazie alla sinistra buonista che aiuta solo chi è straniero.

Mechwarrior

Gio, 20/03/2014 - 11:48

Guerra civile? finchè ci sara il calcio, in italia non succederà mai una rivolta ;-P

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 20/03/2014 - 12:53

Ma allora la Fallaci aveva ragione ! Qui non si tratta più di disperazione che fa affrontare pericoli enormi pur di vedere, e vivere in, un mondo migliore. Qui si sta parlando di una vera e propria invasione, dove il numero fa da paravento alla qualità. Per parafrasare una battuta sugli omosessuali: quando (gli immigrati) saranno maggioranza i diversi saremo noi (autoctoni). E mi fa specie una notizia appresa da un TG per cui ora i prezzi sono saliti, il tragitto costerebbe dai 4mila agli 8mila dollari. Chi, come me, ha conosciuto quelle realtà terzomondiste sa che mettere insieme cifre del genere, non facile neppure da noi, la è impossibile. Almeno che qualcuno non "sponsorizzi" ! Di concerto, quando si lesinano risorse per la sanità e la sicurezza di noi residenti, si spendono cifre enormi per "salvare" chi, nel mucchio, sarà capace di pugnalarci alle spalle.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Gio, 20/03/2014 - 13:11

Qualcuno, a tempo debito, ha contrastato quel coyote traditore quando, trionfante, annunciava che la "Mare nostrum " sarebbe "costata cara" (286 ml./mese)? Qualcuno si sta forse ,da destra, mobilitando per revocarla? A chi ed a quale destra dovremmo attualmente credere? La verità è che in questo paese la destra proprio non esiste. Speriamo che dopo Tzipras si presenti anche Alba Dorata. L'unica in grado di salvarci dall'acquisto di un tappetino da preghiera.

killkoms

Gio, 20/03/2014 - 14:02

ditelo ai grembiuloni!ma loro pensano solo a silvio!

Ritratto di illuso

illuso

Gio, 20/03/2014 - 14:23

Gheddafi era il migliore dei peggiori, siamo stati complici del suo assassinio e questo per fare gli interessi dei francesi, a loro il petrolio e a noi gli invasori fuorilegge.Detto questo il business dell'immigrazione clandestina illegale è enorme, è un'attività che rende moltissimo a tutti, alle cosche mafiose italiane ed estere,alle brigate papaline, alla caritas e alle coop ecc. ecc. Meglio non pensarci perchè è impossibile con i rinnegati che abbiamo in parlamento fermare l'invasione musulmana in atto. Cinquecento anni fa, con un papa forse più responsabile, riuscimmo, merito dei veneziani a fermarli dopo la battaglia navale di Lepanto. Ora per farsi belli i politici e altri vanno a farsi fotografare a Lampedusa. Collionnacci.

NON RASSEGNATO

Gio, 20/03/2014 - 15:03

sarà anche vero, ma porta soldi a Caritas e coop rosse, e questo è quel che conta.......

aitanhouse

Gio, 20/03/2014 - 16:03

siamo arrivati alla cifra di circa mille al giorno ed ormai , prendiamone atto, non è più possibile fare qualcosa per frenare l'invasione, si getteranno anche a nuoto perchè sanno che arriverà qualcuno a salvarli: quelle navi che oggi rappresentano la salvezza dovrebbero cambiar registro? non sia mai detto :sinistri e chiesa pianterebbero le loro solite grane e poi l'europa? quell'europa che diligentemente ha chiuso le frontiere ed ha scaricato l'italia con quattro soldi ed un sonoro "sono ca... vostri e piangetevela voi", cosa volete che se ne freghi di un paese sull'orlo dello sfascio e senza futuro? aspettiamo le elezioni europee e vedremo se almeno questa sarà la strada per mandare al paese che meritano troika, merkel,bce, fondo monetario e chi ama tanto questo schifo di euro e comunità europea.Una cosa potremmo fare senza tanto rumore: favorire il passaggio nei paesi confinanti degli invasori ,fatto del resto obiettivo dei loro viaggi verso l'italia. La quantità di immigrati sta raggiungendo cifre incontrollabili e ciò dovrebbe almeno creare una qualche preoccupazione per l'ordine pubblico; stiamo riducendo gli addetti alle forze di polizia, non abbiamo assolutamente alcun lavoro da proporre,non abbiamo niente da offrire di tutto ciò che i migranti sperano di trovare e le conclusioni sembrano ovvie. Questi vengono dall'inferno, non hanno nulla da perdere, non temono la morte , hanno vissuto in lande governate da banditi e terroristi e quindi non sono disposti a fare sconti, come da qualche secolo la sinistra va strillando, a coloro che agli stessi sembrano ricchi o lo sono per aver sfruttato le loro terre, quindi ribellarsi anche con i tanti connazionali qui residenti e disoccupati per la crisi,diventerebbe un'azione normale , anzi comandata dal loro credo religioso e rafforzata dalla credenza che i martiri sono destinati al paradiso islamico.

moshe

Gio, 20/03/2014 - 18:38

I governi di re giorgio sono mammole con l'India, e molto generosi con i maiali islamici.

Raoul Pontalti

Gio, 20/03/2014 - 18:46

Ti do una dritta io e non anonima Gian: si è sparsa la voce che le infermiere dei centri di accoglienza fanno le pippe gratis agli anziani e a quelli privi delle mani già direttamente sulla nave, aspettiamoci il raddoppio degli arrivi. Non credi ad una notizia firmata da me eterno goliarda? E allora come fai a credere ad un funzionario che sta in prima linea (ossia al bar in quel di Trapani o di Augusta) e pensare poi che ci beviamo le notizie da fonte anonima? Ascoltami bene Gian, ché io sono goliarda e non dei bananas: i prelevati dalla nostra Marina, ma anche quelli che comunque giungono direttamente a sbarcare sulle nostre coste, finiscono diritti (o dovrebbero finire...) tutti negli appositi centri dove, previa identificazione, vengono smistati verso l'avvio delle pratiche d'asilo o il rimpatrio, mi spieghi un terrorista matricolato che vantaggio avrebbe nel farsi ingabbiare in questo modo, quando può entrare per altra via più comoda e sicura? Per i terroristi (non per i semplici clandestini) la via balcanica è più sicura e confortevole, non comportando il rischio di affogare. Le cause della migrazione verso l'Europa sono ben note, la scelta della rotta italiana deriva dal principio dei vasi comunicanti (sono al momento difficoltate le via delle Canarie, di Gibilterra, di Ceuta e Melillia a ovest, la via dell'Ebro a est e ora anche la Bulgaria sta infittendo le maglie) e non dalle fole su pippe e soccorsi della nostra Marina.

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Gio, 20/03/2014 - 18:49

Col benestare del nostro re george abbiamo assassinato una persona che forse non era un santo ma agli italiani non aveva fatto niente di male.TANTO PER NON DIMENTICARE.

Ritratto di bracco

bracco

Gio, 20/03/2014 - 19:04

.....e per giunta a spese degli italiani che massacrati dalle tasse devono pure accollarsi una missione demenziale come quella messa i atto da un governo pure demenziale. visto che al suo interno operava una ministra demente, hanno pensato ben di mandare, tanto non costa niente......le migliori navi ed equipaggi in giro per il mediterraneo a recuperare vagonate di disgraziati e portarli sul suolo italiano, tanto missioni di recupero, e mantenimento di questi disgraziati andranno a gravare come al solito nelle tasche del pantalone italiano preso per il culo dai soliti cialtroni politici della sinistra. ps: per la cronaca dalle mie parti che questi poveretti nulla facenti, ricevono un contributo di sussistenza superiore alla pensione minima di uno sfigato pensionato italiano, è stato riscontrato che mandano il loro contributo nelle terre d'origine, visto che contributi sia in denaro che in viveri ne ricevono in abbondanza andando a battere alle porte delle varie organizzazioni assistenziali. Spero che un domani qualcuno non se ne debba pentire di questo becero buonismo

Ritratto di ASPIDE 007

ASPIDE 007

Gio, 20/03/2014 - 20:23

...Quella dell'immigrazione clandestina è, senza dubbio una delle più gravi calamità che incombe, al momento, sul nostro Paese. Gli ultimi tre Governi che si sono succeduti, hanno completamente ignorato il problema, impegnati come erano a mantenere la loro poltrona così come la politica più in generale, non hanno osato affrontare il delicato problema dell'immigrazione selvaggia, che ha già creato e continuerà a creare sempre più gravi problemi riguardanti l'ordine e la sicurezza pubblica, l'economia ed il terrorismo. Vigliaccamente, non essendo capaci di risolvere il problema, le autorità politiche si ostinano a voler far credere ai cittadini, che gli immigrati clandestini, sono per noi una risorsa. Incapaci.

Altaj

Gio, 20/03/2014 - 22:03

Il governo va denunciato per Favoreggiamento dell´immigrazione clandestina. Banda di bastardi.

michaelsanthers

Ven, 21/03/2014 - 06:13

era meglio gheddafi e si sapeva