Così l'Italicum spinge al bipolarismo

Secondo la simulazione Ipsos, con il nuovo sistema elettorale i partiti sono incentivati a coalizzarsi

"Vogliamo un limpido sistema bipolare", ha detto Silvio Berlusconi dopo l'incontro con Matteo Renzi in cui i due hanno trovato un accordo sulla bozza di legge elettorale. Obiettivo raggiunto con l'Italicum stando alla simulazione di Ipsos per il Corriere della Sera.

La proiezione si basa sugli ultimi sondaggi realizzati per Ballarò e mostra come con il nuovo sistema elettorale il centrosinistra otterrebbe il 35,9% con ben 340 seggi attribuiti al Partito Democratico. A destra la situazione cambia a seconda delle alleanze: una coalizione formata da Forza Italia e Nuovo centrodestra raggiungerebbe il 35,4% von 183 seggi totali (143 a Fi e 40 a Ncd), con il Centro che non supererebbe la soglia di sbarramento dell'8%. Nel caso in cui, invece, la formazione di Alfano volesse unirsi a Udc e Scelta civica, il partito del Cavaliere avrebbe comunque il 29% (136 seggi), mentre la coalizione di Centro otterrebbe il 12% con 56 seggi (attribuiti solo a Ncd). In entrambi gli scenari il M5S resterebbe il terzo partito con il 20,8%.

Commenti
Ritratto di renzusconi...

renzusconi...

Mer, 22/01/2014 - 10:47

il bipolarismo del partito unico, renzusconi presidente

vince50

Mer, 22/01/2014 - 10:50

Di conseguenza com'è facile immaginare e come già detto in precedenza,la sostanza non cambia,tranne per i creduloni incalliti.Sarà pure bipolarismo,ma nessuno lascerà la tanto ambita poltrona,pur di non essere sbattuti fuori faranno ogni immonda porcheria.Cambiano le sigle,cambiano i cetrioli,ma i culi sono sempre gli stessi(i nostri).

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 22/01/2014 - 11:00

Non parlo di quello che non conosco: aspetto di leggere i testo quando sarà presentato in parlamento. Però mi pare evidente che la Casta sia arroccata: i "padroni" non vogliono che il popolo bue possa indicare un nome diverso dal "designato", perché temono l’antipolitica crescente. E noi allora non andremo a votare il candidato non digeribile: meglio starsene a casa.

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 22/01/2014 - 11:10

Leggo: “Secondo la simulazione Ipsos, con il nuovo sistema elettorale i partiti sono incentivati a coalizzarsi”. Ci voleva l’Ipsos per fare questa scoperta? Vorrei avere notizie su tale fonte di “conoscenza” e magari sapere quanto costano questi illuminanti sondaggi, dato che in ultima analisi sono pagati da noi del popolo bue, schiavi per legge di mamma RAI.

Ritratto di abraxasso

abraxasso

Mer, 22/01/2014 - 11:14

E tu picchia! Cosa succede appena la coalizione, per esempio, ha vinto? Succede che il giorno dopo i coalizzati già si distinguono, più avanti si tollerano, poi si dividono, infine si contrastano. E il governo deve tirare avanti alla meno peggio, tra tirate di borsa e ricatti, con mediazioni infinite e logoranti, per arrivare alla fine della legislatura, solo ed esclusivamente per assegnare le pensioni ai parlamentari. Mattarellum, porcellum, italicum, tontarellum, proporzionariellum, doppioturnellum, nominatellum...vanno tutti male se non si obbligano i parlamentari a stare fermi nel loro schieramento per tutto il tempo della legislatura!!! Ci vuole tanto a capirla, a dirla e ad approfondirla questa cosa? O vogliamo sempre gettare fumo negli occhi agli elettori?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mer, 22/01/2014 - 12:04

ridicoli! questi idioti comunisti neanche si rendono conto che stiamo andando verso una deriva totalitaria grazie a letta e napolitano!

setfree

Mer, 22/01/2014 - 12:28

Non avrei mai creduto di dare ragione a Cuperlo e Alfano ma questa proposta di legge elettorale è davvero uno schifo! Si sta tentando di dare la solita fregatura agli italiani. Senza le preferenze non deve passare punto e basta!

pinux3

Mer, 22/01/2014 - 12:40

L'italicum spinge i partiti a coalizzarsi? E ci credo, se metti una soglia dell'8% (una roba...turca) per chi non si coalizza... Perchè non alziamo la soglia al 20%, così Silvio, che non vuole i "piccoli partiti" sarà contento (però in questo caso sarebbe il suo partito che rischierebbe di non entrare in Parlamento...)

Ritratto di renzusconi...

renzusconi...

Mer, 22/01/2014 - 12:50

abraxasso - sono cose che succedono con i nominati mercenari della "politica"

FRAGO

Mer, 22/01/2014 - 13:12

Ma se un gruppo di eletti dopo si stacca e fa cadere il governo? Vedi Fini e c. Quale garanzie da' questo stupido sistema? Il popolo Italiano si è dichiarato esplicitamente per abolire il proporzionale, vedi referendum. Ma il popolo bue non conta. Il popolo vuole il maggioritario secco chi vince prende tutto nella circoscrizione , mettendoci la faccia , se fa male non viene rieletto.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 22/01/2014 - 13:13

L'impianto della legge non è malaccio,continuo a sostenere che se stabilissero una quota di preferenze potrebbero dar risposta anzitutto alla Corte che nella sua sentenza sul porcellum ha sollevato proprio questo problema,inoltre potrebbero avere una maggioranza palrlamentare più ampia e coesa in parlamento dove sarebbero evitati agguati.Sono in tanti a chiederle,parte del pd,ncd,sc,sel,se non erro anche il m5s,insomma da quel che appare l'unica forzaa politica contraria è FI e forse la Lega.Ad onor di verità va però ribadito che le preferenze o le liste bloccate non sono ne il male assoluto ne la soluzione dei nostri problemi.Entrambi possono contenere cattive sorprese e la storia italiana ne è chiara testimone.Ciò che potrebbe davvero cambiare la qualità politica è l'organizzazione ed il funzionamento dei partiti politici al loro interno,il loro modo di selezionare i dirigenti,i loro modo di far partecipare o controllare gli iscritti(dove per controllare ovviamente inteno che siano gli iscritti a controllare le decisioni dei dirigenti e nonviceversa).Ma quì toccherebbe ad ognuna delle parti ed ai loro sostenitori rimboccarsi le maniche e sopratutto rinunciare ad una quota di privilegiatissimo potere che oggi detengono gelosamente.Su questo punto la vedo veraente dura.

lakos29

Mer, 22/01/2014 - 13:18

Quindi con mezzo punto percentuale di differenza una coalizione avrebbe quasi il doppio dei seggi, ma il porcellum non è stato dichiarato incostituzionale anche perché dava un premio di maggioranza esagerato?

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 22/01/2014 - 13:58

@lacos29 - Lei ha pienamente ragione, solo che è una ben magra consolazione.

Ritratto di Agrippina

Agrippina

Mer, 22/01/2014 - 14:34

concordo con lakos,avrebbe piu' senso far scattare il premio al 40% e se nessuno raggiunge la soglia si va al ballottaggio.Anche perche' sarebbe curioso vedere se due coalizioni dovessero prendere rispettivamente 36% e 37%,il premio andtebbe ovviamente ad una sola,ma quanto proporzionato e quindi giusto sarebbe?meglio alzare la soglia ed inserire il doppio turno.

vaigfrido

Mer, 22/01/2014 - 15:11

ma comincio ad essere perplesso , comincio a leggere di emendamenti salva qua salva là . Le solite masturbazioni mentali . Non sarebbe più semplice pensare a collegi uninominali.Il partito che vince ha un seggio in parlamento. IL partito ( e non la coalizione) con più seggi ha un premio di maggioranza (non seggi ma ogni voto vale 1.xx in più (così non si moltlipicano seggi per non eletti) e aggiungerei l'obbligo di mandato . Se un deputato vuole cambiare casacca , a SPESE SUE , indice un referemdum nella sua circoscrizione e se i suoi elettori sono d'accordo cambia. Quindi la rappresentatività è salvata la governabilità e la stabilità anche. Se poi un partito non guadagna nessun seggio .......... che vuole ?