Così nasce il nuovo Pci sotto la stella rossa di Grillo

Contro la rielezione di uno storico comunista e intorno al nome di Rodotà, Barca e Vendola costruiscono il partito marxista-grillista. Il nemico è il Cav

La sesta stella che s'è accesa sul petto di Beppe Grillo è rossa. Contro la rielezione al Quirinale di uno dei più autorevoli dirigenti storici del Pci è nato ieri dalle macerie del centrosinistra il nuovo partito comunista marxista-grillista. Ne fanno parte, spensierati fratelli, il ministro tecnico Fabrizio Barca e il rifondatore del comunismo Paolo Ferrero, il leader dei metalmeccanici rossi Maurizio Landini e il suo ex acerrimo nemico Sergio Cofferati, la benecomunista Laura Puppato e i Giovani democratici (ma esistono?) che annunciano di voler addirittura occupare il Pd, i rottami di Sel sopravvissuti alla tempesta elettorale (ma Vendola non aveva giurato che mai avrebbe rotto l'alleanza con Bersani?) e i profughi di Rivoluzione civile. Il loro guru è Beppe Grillo, il loro vangelo è Twitter, il sol dell'avvenire è la distruzione di Berlusconi.

Ieri pomeriggio il Pd ha dato una relativa prova di compattezza, per disperazione più che per convinzione, votando a stragrande maggioranza per Napolitano. Ma ormai è troppo tardi. Il cedimento strutturale del Pd con il massacro di Marini e di Prodi è destinato ad aggravarsi. Perché il problema non è di nomi né di programmi: il problema è Berlusconi. Qualsiasi accordo con lui, inclusa la riconferma di Napolitano, è considerato un reato capitale. E come tale va punito. Se riavvolgiamo il nastro della crisi, le responsabilità di Bersani sono evidenti: è la sua linea avventurista di apertura incondizionata a Grillo, e di ostilità verso ogni ipotesi di larghe intese, ad aver innescato una vera e propria regressione culturale, politica, antropologica. Bersani ha fatto credere che il governo con Grillo fosse necessario: e quando ha concordato con il centrodestra un nome per il Quirinale, la pentola è esplosa. Intorno al nome-feticcio di Rodotà si è raccolto uno schieramento battagliero, indisponibile a ogni compromesso e intenzionato a sposare fino in fondo l'avventura grillista.
Ma il vero problema - e la vera scissione - arriveranno con la formazione del governo. Sebbene Napolitano abbia precisato che nessun patto è stato sottoscritto dai suoi grandi elettori, anche i sassi sanno che la sua rielezione è strettamente legata alla nascita di un esecutivo, la cui base parlamentare comprenda il Pd, il Pdl e Scelta civica. Cioè proprio il contrario di quanto Bersani è andato ripetendo nei sessanta giorni che hanno seguito la «non vittoria» di febbraio. Altro che «governo di cambiamento» con il sostegno dei Cinque stelle: il rovesciamento di linea è drammatico. Dopo aver predicato la morte di Berlusconi, il Pd si ritrova a farci un governo insieme. I duecento voti del Pd che sono mancati a Marini costituiscono la base parlamentare della futura opposizione. Quei voti solo marginalmente sono andati contro la persona dell'ultimo segretario del Partito popolare: Marini è stato bocciato soltanto perché anche Berlusconi l'ha votato. Non tutti, naturalmente, seguiranno Barca e Landini e Vendola, e oggi è prematuro indicare un calcolo delle forze in campo. Ma lo sfaldamento del campo bersaniano è destinato ad esplodere anche in forme organizzate.

La verità è che il Pd non ha più né la volontà né gli anticorpi per reagire: una parte significativa del gruppo parlamentare - i «giovani» imposti da Bersani - è completamente succuba delle isterie della Rete e permeabile alle lusinghe grilline: proprio a loro, non per caso, si è rivolto l'ex comico, invitandoli a conquistare il partito e ad aprire insieme una «fase nuova». Che è poi quella di sempre: morte al Caimano. L'Opa sul Pd lanciata da Grillo nel 2009, quando cercò invano di candidarsi alle primarie che incoronarono Bersani, è dunque ad un passo dal successo. Di certo, Grillo è riuscito in un'impresa che nessuno avrebbe immaginato: spaccare come una mela il più grande partito italiano, insediarsi nei suoi gangli come un virus, e infine obbligarlo a scegliere fra se stesso e Napolitano. La nuova «cosa di sinistra» che si affianca alla galassia grillina nella guerra all'«inciucione» non solo cancella quel che resta dell'unità della sinistra faticosamente costruita dalla segreteria di Bersani: di più, e peggio, fa ripiombare l'intero sistema politico nell'incubo della guerra civile fredda fra i «berlusconiani» (che sono ormai tutti: persino Napolitano) e gli «antiberlusconiani», depositari dell'unica verità consentita. Con una differenza fondamentale: a guidare le danze non c'è un gruppo dirigente eletto da un congresso, o un leader legittimato dalle primarie, o un aspirante premier. A guidare le danze sulle rovine della sinistra c'è un comico miliardario che marcia su Roma.

Commenti
Ritratto di roberto sarzi

roberto sarzi

Dom, 21/04/2013 - 09:02

Questi "grillini" alla fine assomigliano molto in realtà al partito di Vendola del Socialismo Ecologia e Libertà e quindi mi sembra logica la loro attrazione reciproca. Sono come le angurie" verdi fuori ma rosse dentro!" Almeno adesso con questa probabile fusione sapremo con chi abbiamo a che fare! Roberto Sarzi da Mantova

Romolo48

Dom, 21/04/2013 - 09:06

Dai Vendola, associati a Grillo che ci pensa lui a trovarti una sistemazione!!

COSIMODEBARI

Dom, 21/04/2013 - 09:18

Il nemico, devono sapere bene questi tre, non è il cavaliere, è il mondo globale delle imprese, delle famiglie, della finanza, che non appartiene al marxismo, nè mai è appartenuto, se non come forma non di limoni da spremere, bensì di arance, dove queste ultime hanno un più alto apporto di zuccheri, rispetto ai limoni. E di tutto questo il governatore della mia regione è a piena conoscenza, solo che, già vedendosi asfaltato anche qui, vuole apparentarsi con i grillini, per ricavarne solo ossigeno ad personam. Questo tizio, ha affermato ieri, in una pubblica intervista, che come il cav, strategicamente parlando, oggi non c'è nessuno in politica che sia come lui. Io aggiungo, men che meno lui. Insomma bene per lui se vuole allargare la sua misera compagnia di teatranti da sottoscale agli altri, capiterà come i sottoscala di memoria bellica, dove si riparava la gente al suono delle sirene, appena finita la guerra sono andati tutti vuoti. Lo sono ancora oggi, almeno qui da me.

Ritratto di barbara.2000

barbara.2000

Dom, 21/04/2013 - 09:18

che certi estremismi distruggano il cervello , non c'è che dire . dire a vendola , grillo , rifondazione comunista , che oggi ancora , sono perfino noiosi e di poca cultura , vogliono fomentare le piazze contro berlusconi . vendola perchè di notte non dorme ? sindacalisti di estrema sinistra perchè non ve ne andate in unione sovietica , vostra patria , che andate ancora in giro con la bandiera rossa sangue , falce e martello , con cui avete massacrato donne , bambini , soldati che hanno avuto l'ardire di non farsi ammazzare durante la seconda guerra mondiale ,dobbiamo ancora sopportare le vostre facce , piene di livore , di morale marcio , per favore seguite l'orma di bersani e sparite per sempre -

walter benedetti

Dom, 21/04/2013 - 09:24

nichy sta cercando il nuovo nido dove fare l'uovo.Ma è così sicuro che grillo lo accetti? Non credo proprio, come ha girato le spalle a bersani lo farebbe anche con lui appena la barca va a fondo.Poi mi sembra chiaro,(vedi ingroia e compagni)il comunismo estremo, agli italiani non piaceNon mi dispiace, ma nichy, sei spacciato.Ora arriveranno anche le inchieste su di te, il parapioggia pd non c'è più.

abocca55

Dom, 21/04/2013 - 09:50

Bersani è un comunista bugiardo, perché mascherato dai tanti nomi presi nel tempo dal partito. Barca è un comunista sincero. Poi nel PD vi sono i cattosocialisti e i socialdemocratici, e quindi la scissione sarà inevitabile. Grillo è una anarco/comunista bugiardo, perché vuole apparire come al di sopra delle ideologie, ma anche lui è stato smascherato. Il 2013 sarà l'anno importante degli smascheramenti. Renzi sarà messo alla prova. Berlusconi, bene la politica social/liberale, ma Equitalia non si tocca, perché nessuno rilascia fatture, ed il nerissimo è al top. Anche il PDL sarà messo alla prova. Per la presidenza del consiglio gradirei il socialista Gianni Minoli, uomo molto intelligente, ed esperto di problemi politici.

Catone56

Dom, 21/04/2013 - 09:53

Grillo è troppo astuto per permettere che i residuati bellici maxisti infiltrino il suo movimento:Vendola,tapino, verrà messo alla porta esattamente come Ingroia!!

Ritratto di stenos

stenos

Dom, 21/04/2013 - 09:57

Piu' vedo e sento parlare niki, piu' mi fa schifo.

Ritratto di dalton.russel

dalton.russel

Dom, 21/04/2013 - 10:00

Cari Vendola, Ferrero, Landini, Barca e Puppato, ma da quanto tempo mancate da Berlino? Dalton Russell.

bingsdom

Dom, 21/04/2013 - 10:04

Il fondamentalismo islamico si basa sull'ignoranza della gente. Il fondamentalismo antiberlusconiano pure...

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Dom, 21/04/2013 - 10:27

presto sparirà anche SEL e il MOVIMENTO :-)))

Wolf

Dom, 21/04/2013 - 10:37

Perdenti e perderanno ancora. L'Italia non è di sinistra e dunque c'è poco spazio per ricostruire partiti rivoluzionari, a maggior ragione se fatti a champagne e ostriche.

Ritratto di IRON

IRON

Dom, 21/04/2013 - 10:43

Per loro il nemico e' il nostro paese : ieri, oggi e domani. E quando non ci sara' piu' il Cavaliere cosa faranno ? Quali programmi ? Idee ? Piani di sviluppo ? Bho ! Certo potrebbero gestire la parte economica della sanita', o qualche banca, qui mi sembrano bravini.

vince50

Dom, 21/04/2013 - 10:46

Le colpe non sono dell'incantatore,ma piuttosto di chi ha la predisposizione a farsi incantare.Se c'è ancora e nonostante tutto,gente che che vota Monti Vendola e peggio ancora grillo,significa ad essere buonisti che c'è ancora molta strada da fare.Nel frattempo questi signori(?)si arricchiscono parlando di aria fritta volutamente incomprensibile a quanti senza aver capito un c°°°o li votano.

Ritratto di ilmax

ilmax

Dom, 21/04/2013 - 10:57

@bingsdom... e lei è ignorante di suo

nino47

Dom, 21/04/2013 - 11:04

Il "nemico" è il cavaliere? Questa sì che è una novità! Se nascono con una filosofia tanto innovativa certamente il finale non sarà meno innovativo di quello del PD!!!

losqualo

Dom, 21/04/2013 - 11:04

che goduria a vedere la fine dei comunisti, ho goduto così solo quando feci la prima scopata, 60 anni fa

motofrera

Dom, 21/04/2013 - 11:12

ieri sera la senatrice sereni, ospite di bruno vespa, ha detto che negli anni cinquanta e sessanta i comunisti italiani sognavano il modello "unione sovietica" perchè non lo conoscevano dal vero, ma lo immaginavano. oggi questi komunisti moderni che cosa sognano? qualche volta se lo chiederanno? ai benpensanti la non ardua sentenza.

GABBIANO51

Dom, 21/04/2013 - 11:23

AVANTI UN'ALTRO Berlusconi non morire mai che hai ancora da fare, altro soggetto politico da eliminare! Sono proprio pveri Komunisti.

GABBIANO51

Dom, 21/04/2013 - 11:26

@bigsdom conncordo pienamente! Ilmax si vergogni e si nascodi!

paolo82

Dom, 21/04/2013 - 11:27

e basta con sta storia dei comunisti. Adesso ci governate insieme e avete acclamato uno stalinista come presidente della repubblica, ma chi vi crede più?

bruna.amorosi

Dom, 21/04/2013 - 11:40

poveri kompagni dovranno fare altre farlocche primarie per decidere come e con chi dovranno allearsi per potersi chiamare Komunisti perchè almeno fino a ieri c'era mischiato acqua e olio ed è risaputo che non si amalgama ma (loro sono intelligenti) e lo pretendevano,speriamo la lezione la abbiano imparata e cominciassero a diventare persone oneste perchè l'odio che sprigionano per il nemico Berlusconi li ha soffocati .Volevano fregarlo e non si sono accorti che si stavano fregando tra loro .

bruna.amorosi

Dom, 21/04/2013 - 11:40

poveri kompagni dovranno fare altre farlocche primarie per decidere come e con chi dovranno allearsi per potersi chiamare Komunisti perchè almeno fino a ieri c'era mischiato acqua e olio ed è risaputo che non si amalgama ma (loro sono intelligenti) e lo pretendevano,speriamo la lezione la abbiano imparata e cominciassero a diventare persone oneste perchè l'odio che sprigionano per il nemico Berlusconi li ha soffocati .Volevano fregarlo e non si sono accorti che si stavano fregando tra loro .

ney37

Dom, 21/04/2013 - 12:04

anche questi avranno vita breve, alla prossima crolleranno nei sondaggi e spariranno come l'amico Ingroia, certi personaggi come Landini, Ferrero, Puppato lo stesso Vendola non si possono più sentire! Barca forse è l'unico che ha un briciolo di decenza.

altair1956

Dom, 21/04/2013 - 12:13

Finalmente ci si accorge che Grillo e M5S sono comunisti e sinistronzi. Meglio tardi che mai.

Ritratto di robertoguli

robertoguli

Dom, 21/04/2013 - 12:41

Eccellente Rondolino. Distinti saluti. Roby

Ritratto di woman

woman

Dom, 21/04/2013 - 12:51

Ancora questi non vogliono prendere atto che il comunismo è un fallimento sotto ogni aspetto e che la politica dell'odio contro una persona non paga.

Beauti

Dom, 21/04/2013 - 12:57

abocca55, giusto ciò che dice ma su Equitalia devo farle un appunto. Secondo il suo ragionamento (nessuno rilascia fatture) non dovrebbe essere toccata l'Agenzia delle Entrate, Equitalia è solo un "riscossore", un esecutore di ordini.

Ilgenerale

Dom, 21/04/2013 - 13:21

Hahahaha , ma quante soddisfazioni ci da la politica Italiana?! BERLUSCONI li sta rottamando tutti da 20 anni e questi continuano a dargli contro! Non hanno proprio neuroni in zucca, non capiscono che con Berlusconi ci si può solo alleare o tutt'al più cercare dei compromessi ! È anche vero xo che la sinistra non è defunta oggi , la sinistra non è mai esistita!!!

agosvac

Dom, 21/04/2013 - 13:27

Che il Pd sia in una grande e forse irreversibile crisi, ormai si è capito. Questa crisi potrebbe essere il principio della fine come pure l'inizio di un partito realmente socialdemocratico. Si vedrà! Il problema è questo nuovo "coso" che è apparso dalle macerie del Governo Monti, questo barca che tutto è tranne socialdemocratico, è un comunista tra i peggiori che ci siano. E' ovvio che ci sarà una lotta all'ultimo comunista tra barca e Renzi con Renzi che cercherà di mantenere una qualsivoglia unità al partito e barca che ne sancirà la fine come partito democratico e ne vorrà uno totalitario come tutti i partiti comunisti del passato.Probabilmente i resti dei comunisti andranno con barca e vendola ad unirsi all'altro piccolo e miserabile duce( almeno Mussolini era una persona intelligente!!!)che si è dimostrato lo psicocomico, alquanto psicolabile, grillo, e la parte più sana, che spero sia la maggioranza, andrà con Renzi. Dico " spero sia la maggioranza" perchè in Italia è necessario che oltre ad un partito di centro destra ci sia anche un forte partito di centro sinistra che serva da contrappunto. Quel che all'Italia non serve più, in quanto oltremodo dannoso, è invece il partito che vorrebbero barca, vendola e grillo.

Ritratto di federaldo18

federaldo18

Dom, 21/04/2013 - 13:37

Se la faccia è lo specchio dell'anima, con tale individuo si radunerà la peggior specie di noi italiani: povera Italia !

Baloo

Dom, 21/04/2013 - 13:39

Satana è uno stacanovista e non si ferma mai,per odio a Dio.Estote parati!!! Boy scout. Atento Renzi che questi sono "il nemico" mica bau bau micio micio!!

Ritratto di romy

romy

Dom, 21/04/2013 - 14:00

Tutto regolare e come previsto,le maschere sono state gettate finalmente,ed aveva ragione Berlusconi,i comunisti esistevano anche se mimetizzati in mille maniere,l'operazione di Grillo diventa il paravento dei tanti comunisti radicali fuori dal parlamento più Vendola del SEL,finalmente hanno una bandiera per potersi riorganizzare,ma questa volta gli Italiani che dovessero votare Grillo,sanno cosa votano,a differenza di Febbraio 2013.Logico anche che il loro nemico sia sempre Berlusconi,che per la foga di abbattere,finiranno con il fare danni all'Italia,senza riuscire nel loro intendo,come sempre.Adesso ci si vede meglio alla luce del sole.

gpl_srl@yahoo.it

Dom, 21/04/2013 - 14:21

si il vero vincitore è grillo che oramai ha ristrutturato il vecchio ed il nuovo PC: a Renzi non rimane che trincerarsi in un nuovo suo movimento di centro sinistra destinato a riunire tutti quei democratici che non si identificavano certamente nè in Bersani , né nella finocchiaro o nella Bindi che da Roma si sapevano solo proporre con slogan anti berlusconi e non con programmi economici e politici: si faccia avanti quindi senza indugi fin da domani mattina

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Dom, 21/04/2013 - 14:51

Il, vero nemico di Vendola e Grillo non é Berlusconi ma la Globalizzazione Mondiale, é chi é contro le Banche, Imprenditori é Multinazionali fará una brutta fine!, il Mondo non vá all,indietro ma vuole progredire é questo l,ho hanno capito in Cina ed altri Paesi che erano governati dal fanatismo Komunista,é inutile ripetere che il Komunismo non esiste piú, questa Ideologia é ben presente nel nostro Paese, é finché non sparirá del tutto noi avremo sempre a che fare con gente che crede di fare gli acchiappatopi con il Popolo!, gente come Vendola é Grillo sono solo dei pagliacci Miliardari che vogliono mantenere lo Status Quo influenzando gli stupidi che gli vanno dietro, Grillo é Vendola faranno la fine di Dipietro un buffone che é diventato Milionario con la stupiditá di chi lo ha votato!.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Dom, 21/04/2013 - 14:54

L'anomalia era il PD... Un partito di sinistra più liberista del PDL. Hanno svenduto il patrimonio pubblico ai loro sodali, intrallazzano con le banche e le fanno fallire, fanno le guerre in Serbia e in Libia contro gli interessi nazionali solo per compiacere gli USA, ci hanno rifilato l'euro e adesso l'europa ci chiede tagli alla spesa pubblica che è una cosa di destra. Meglio GrilloMao al PD pieno di massoni.

Ritratto di romy

romy

Dom, 21/04/2013 - 15:03

Ed alla fine dopo vari tentativi per democratizzarsi,il Pd finì con il partorire il vero PCI,poi passato sotto le insegni grilline,siamo quasi gli unici al mondo a camminare a ritroso verso il baratro,che bravi questi Italiani,dovessero vincere????impossibile,solo in 4 gatti ci rimarrebbero in Italia,circondati da macerie.

GIANNA 52

Dom, 21/04/2013 - 15:46

Catone 56, i residuati bellici Marxisti si sono già infiltrati fra i grillini, con il beneplacido di Grillo, già dalle elezioni e lei con il suo voto li ha mandati al parlamento!!! Ma non ha visto che sventolio di bandiere rosse c'era ieri sera alla manifestazione davanti Montecitoro?