D'Alema-Renzi, il solito Pd che sa solo sparare sul Cav

Il lìder Maximo censura: "Meno dichiarazioni". E il sindaco: "In pensione"

Mentre Enrico Letta, che con il sostegno del Cavaliere è al governo, si dà un gran daffare per evitare tensioni dentro la maggioranza e spegnere i fuochi di polemica tra Pd e Pdl, i principali dirigenti del suo partito non gli danno una mano.
Anzi: prima Massimo D'Alema, poi Matteo Renzi ieri hanno messo nel mirino il Cavaliere, suscitando ondate di dichiarazioni di riprovazione dal fronte berlusconiano. D'Alema lo ha invitato a «fare meno dichiarazioni, che è meglio per tutti»; Renzi invece ha rivendicato: «Sono il primo che ha detto che andava mandato in pensione. Sono considerato il rottamatore del centrosinistra, ma posso garantire che voglio rottamare anche molti del centrodestra», a cominciare dal leader. Poi il sindaco di Firenze ha precisato che il suo pensiero non ha nulla a che fare con la vulgata dell'antiberlusconismo militante di sinistra: la sua critica al Cavaliere non nasce «da odio ideologico o personale», ma da una constatazione diversa: «Berlusconi ha avuto la sua chance di cambiare l'Italia, e non l'ha sfruttata negli ultimi venti anni», e in politica «se hai avuto dei risultati, bene; se no fai spazio agli altri: l'Italia ha bisogno di occuparsi del futuro». Frasi che hanno fatto saltare la mosca al naso a Renato Brunetta, che avverte Renzi: «A finire rottamato sarai tu».

Il capogruppo Pdl, senza saperlo, indica un rischio che il sindaco di Firenze corre sul serio: non da parte del centrodestra, però, ma come sempre del suo partito. Nel quale sta tornando a prevalere l'irreprimibile istinto suicida della guerra al potenziale leader. Chi per proteggere il proprio ruolo (Letta al governo, Epifani alla segreteria del Pd); chi i propri spazi di potere e di manovra (le correnti, dagli ex Ppi di Franceschini o Fioroni agli ex Pci nelle loro infinite variazioni, bersaniane o dalemiane o veltroniane); chi per difendere il proprio potere e chi per salvare la propria identità e quella che considera la propria «Ditta», ossia un partito che discende in linea diretta dal Pci e ne conserva il Dna: un grande coacervo di interessi che si stanno coalizzando per rendere più difficile possibile il cammino di Renzi.

È l'unico candidato premier potenzialmente vincente che il Pd possa mettere in campo, un domani, ma al quale nessuno oggi vuol dare spazio. Per questo sulle regole e sui tempi del congresso Pd è destinata a continuare un'ambigua melina che ha lo scopo di dissuadere il sindaco (che già non muore dalla voglia di fare il segretario di un partito cannibale come il Pd) dallo scendere in campo. O, se non si riuscisse a centrare questo obiettivo, per fargli trovare una stanza dei bottoni priva di bottoni: segretario sì, ma senza alcun potere reale.

Una rappresentazione plastica si è avuta nel seminario a porte chiuse organizzato l'altro giorno da D'Alema, che ha schierato tutti i maître à penser della sinistra Pd violentemente anti-renziana (da Tronti all'editorialista dell'Unità Prospero, da Reichlin a Ugo Sposetti). Gianni Pittella, auto-candidato alla segreteria ma dalemiano come Gianni Cuperlo, nota: «D'Alema sarà il primo a trattare o a stringere un patto di non belligeranza con Renzi». Ma lo vuol fare da posizioni di forza e alle proprie condizioni, dopo aver dimostrato a Renzi di potere coagulare contro di lui un vasto fronte di forze che potrebbero impedirgli la scalata. Il sindaco annusa l'aria, e - anche se i suoi restano molto ottimisti - sta seriamente riflettendo se gli convenga infilarsi nel buco nero del Pd.

Commenti
Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mer, 19/06/2013 - 08:46

Non mi piace Renzi.....ma questa volta ne ha detto una giusta.

topogigio100

Mer, 19/06/2013 - 09:51

Renzi mi eri simpatico e ancora lo sei , solo che mi stai scandendo giorno per giorno, stai diventando come gli altri vecchietti del PD l'unico argomento e fare fuori Berlusconi ! sembri un ragazzo inteligente , ogni tanto dovresti almeno apprezzare l'uomo Berlusconi che da lavoro a 60.000 persone in questo periodo IL PROBLEMA DELLA SINISTRA E' SEMPRE LO STESSO L'IDEOLOGIA DEL C.... POI CHE LA GENTE MUORE DI FAME NON GLIENE PO FREGA' DE MENO !

SB_forever

Mer, 19/06/2013 - 10:16

Ma D'Alema chi. Non era scomparso dalla scena politica ed anche dal PD ed ora si ripresenta (il solito intrallazzatore), e per avere un minimo di "visibilità" si appoggia a Renzi. Anche questo, Renzi, che sembra il "nuovo messia" solo perché é giovane mentre basta ascoltare i giudizio dei fiorentini (spesso trasmessi nei vari tg) su come amministra Firenze. Ora anche con l'affaire "luci rosse" nel SUO palazzo, (ma già sta passando nel dimenticatoio, essendo roba di sx). Quanti voti ha preso D'Alema (nessuno) per dire ad uno che ne ha presi quasi diecimilioni, esattamente come il suo PD, "stai zitto che é meglio?" Soliti buffoni, intrallazzatori, falsificatori komunisti. Finché avete l'appoggio di una magistratura infame, che si può (ancora) permettere di inventare teoremi, senza lo straccio di una prova perché tutti gli interrogati (anche pubblici ufficiali) negano ogni cosa, potete sperare, ma non durerà molto. D'Alema chi.

Ritratto di Nopci

Nopci

Mer, 19/06/2013 - 10:21

Esame di Stato Tema Le rappresentanze. Modello Fiat LADA o la Nuova 500? Modello Gianni e Pinotto? Modello i 40 ladroni e Aladino? La transiberiana e metropolitana terrestre?

Libertà75

Mer, 19/06/2013 - 10:22

D'Alema si è bruciato 3 volte a Prodi, pensate che non sia così abile da gestirsi anche il caso Renzi? Il punto è come dice Renzi, troppi dinosauri sia da una parte che dall'altra. E come giustamente ribatte Brunetta, deve stare attento perché saranno i suoi dinosauri compagni a mangiarselo.

Ritratto di No Luigipiscio

No Luigipiscio

Mer, 19/06/2013 - 10:22

Goldglimmer..è ovvio che ha detto una cosa giusta..ha detto quello che dice Repubblica che ti innaffia il cervello..

Ritratto di 02121940

02121940

Mer, 19/06/2013 - 10:25

Se non sbaglio, poco tempo fa, prima delle "primarie" del PD, un certo signore, più noto come "baffino", dichiarò che se le avesse vinto Renzi (il suo "rottamatore" personale), sarebbe uscito dal PD per rifondarlo. Ora, invece, cerca Renzi per vincere la sua lotta interna al partito, che intanto si sta "rottamando" da solo. Ma alla fine tutto si aggiusterà, solo questione di interessi ... e di grana.

@ollel63

Mer, 19/06/2013 - 10:25

i komunisti hanno il marchio indelebile. Inutili, anzi dannosi. Ma l'antidoto è uno solo: lasciarli cuocere a fuoco lento nel loro brodo e non se ne parli più.

cameo44

Mer, 19/06/2013 - 10:38

E' ora che Matteo Renzi ci dica cosa vuol fare da grande e con chi dato che ne ha per tutti da Berlusconi a Grillo e per il suo stesso PD dove l'anarchia impera Dalema dice a Berlusconi di star zitto ma farebbe be ne a tacere lui eterno despota e non basta dire che non è più in Parla mento è sempre lui a tirare le fila nonostante il Governo presideduto da Letta uomo del PD nel suo partito è ripartita la caccia a Berlusco ni con a capo quel Bersani che solo lui ha saputo perdere le elzioni che chiunque avrebbe vinto e lo stesso Renzi non è da meno dice di essere amico di Letta e di tutti ma non si risparmia a criticare un po uno un po l'altro creando qualche problema al Governo che con tan ta fatica cerca di fare qualcosa per questo paese visto che le forze che lo sostengono sono alternative a se stesse è ora che Renzi finisca di fare il ciarlatano e ci parli non più del congresso del PD che poco interessa ai cittadini ma di quale programma dispone e con chi attuarlo per risolvere i problemi dei cittadini e non quelli del PD

Ritratto di corvo rosso

corvo rosso

Mer, 19/06/2013 - 10:38

Renzi è un a persona dotata dell'incompetenza e dell'arroganza tipica dei giovani. D'Alema è una persona semplicemente vecchia ed arrogante.

Rossana Rossi

Mer, 19/06/2013 - 10:39

Quando la finiranno sia d'alema e renzi di fare i professorini e atteggiarsi a saputelli sarà sempre troppo tardi ma è purtroppo un atteggiamento che qualifica i sinistrati, solo maleparole contro Berlusconi ma nella testa proposte serie niente........

Triatec

Mer, 19/06/2013 - 10:53

Renzi aveva dato l'impressione del nuovo. Alla lunga vediamo che il "rottamatore" e il "rottamando" sono le due facce della stessa moneta. Una moneta fasulla capace solo di imbrogliare chi la scambia per vera.

Howl

Mer, 19/06/2013 - 11:05

Il teatrino...............D'Alema e Renzi i due più grandi amici di Berlusconi, quello che lo salvò all'inizio e quello che lo salva ora. Dovete solo ringraziarli ( e sicuramente in privato B. li avrà già ringraziati ), senza di loro ora B. sarebbe in un luogo meno libero e più chiuso

benny.manocchia

Mer, 19/06/2013 - 11:15

"Eliminare il piu' forte".Lo dicono quasi sempre i piu' deboli... Un italianio in USA

a.zoin

Mer, 19/06/2013 - 11:24

Ma il BUNGA-BUNGA che ballano a Firenze con le conseguenti corruzzioni, anche questo è OPERA DI Berlusconi ? COME MAI CHE LA MAGISTRATURA TACE, STANNO FORSE TRAMANDO L`IMPOSSIBILE ? Oppure È STATO OFFERTO DAI PARLAMENTARI EUROPEI?

antonio11964

Mer, 19/06/2013 - 11:50

topogigio100 concordo in pieno.da elettore di centrodestra mi piaceva Renzi, avrei anche fatto un pensierino sul votarlo se avesse vinto le primarie (cosa impossibile nelpd/pci) ma adesso mi sta scadendo davvero, sta prendendo la piega del baffino, di gargamella & co. se rottama il vecchiume non sara' per cambiare strategie, sara' solo per sostituirli e proseguire, ed il Cav. seppellira' pure lui. t'e' rimasto poco bamboccio.

Azzurro Azzurro

Mer, 19/06/2013 - 11:52

prima prodi....adesso gli agguati a letta....da destra ma vai a lavorare

Libertà75

Mer, 19/06/2013 - 11:53

@howl lei ha ragione su questo, andrebbe però disquisito se costoro hanno agito in difesa del diritto o in spregio dello stesso... a vedere certi teatrini di tribunali, una qualsiasi persona sana di mente, si porrebbe la questione: "ma sono veramente politicizzati certi giudici? talvolta pare di sì, ma di certo non vorrei essere in Silvio anche perché i suoi soldi io non li ho"

Azzurro Azzurro

Mer, 19/06/2013 - 11:54

ma d'alema e' quello che ha perso 40.000 euro giocando in borsa?

Ritratto di marystip

marystip

Mer, 19/06/2013 - 12:40

La capacità e l'intelligenza non ha nulla a che fare con l'età. C'è il vecchio ringo così come c'è il giovane ultra ringo. Se uno è scemo lo è da giovane come da vecchio. Quindi, attenzione! Largo ai giovani lo dicevano i fascisti solo che la gioventù che loro rappresentavano ed avevano alle spalle non aveva paragone con quella attuale sciatta, incolta, drogata ed incapace (almeno all'80%).

scipione

Mer, 19/06/2013 - 12:48

Baffino spezzaferro,non hai ancora capito che qui non siamo nella russia di stalin e quindi c'e' liberta' di parola e di pensiero.E poi non puo' essere un nulla qualsiasi come te che dice al grande Berlusconi quello che deve fare.Quanto a te, Renzi,non straparlare e non ti illudere : non sarai tu a mandare in pensione Berlusconi,al limite saranno gli italiani,ma come sai ci sono oltre dieci milioni di italiani che lo votano e lo voteranno sempre.Cercate di pensare ai c...i vostri interni,che ne avete bisogno con il grande casino che avete,e non rompete i coglioni alle persone per bene.

Ritratto di TAINA

TAINA

Mer, 19/06/2013 - 13:00

RENZI ORMAI SA DI STONATO! E D'ALEMA CHI E'???????

Azzurro Azzurro

Mer, 19/06/2013 - 13:17

ma sono i komunisti falliti a decidere chi e' il capo del Centro Destra?

Cosean

Mer, 19/06/2013 - 13:22

E se il Pd sparasse su chi vuol fregare le leggi? HaHaHa! Sparerebbe sempre sul Cav!

agosvac

Mer, 19/06/2013 - 13:29

Ma guarda chi parla! il baffetto del Pd non è mai riuscito a vincere nessuna partita elettorale, l'unica volta che è diventato Presidente del Consiglio lo ha fatto riuscendo per giochetti politici a defenestrare il povero prodi! Renzi a sua volta è riuscito a farsi fregare le primarie nientemeno che da bersani, il non vincente!!! Almeno, direi loro, Berlusconi è diventato Presidente del Consiglio vincendo alla grande !!!Non è che in pensione ci dovrebbe andare Renzi e a parlare di meno dovrebbe essere d'alema???

steacanessa

Mer, 19/06/2013 - 14:46

Il vernacoliere fiorentino conferma ogni giorno di piu la sua inconsistenza. Come direbbe Fantozzi, VADI con la mummia coi mustacchietti che male gliene incoglierá.

Ritratto di marforio

marforio

Mer, 19/06/2013 - 14:51

Il vero unico burattinaio che tira i fili , quello che fa buon e cattivo tempo in questa tana di iene chiamata PD,e' ancora il miglior ex alunno delle frattocchie.Se abbiamo ancora certi personaggi che svolazzano in politica , e tempo di cambiare tutto.

Ritratto di Baliano

Baliano

Mer, 19/06/2013 - 14:55

Niente di nuovo "a Est". La "isquierda italica" è immutabile. Feroci lotte, ma sempre silenti, interne al Partito. Il PD è solo la facciata "perbenista" del vecchio Partito Comunista Italiano: Immutabile, strabordante di "falchi" e qualche ingenua "colomba". - Ma Renzi si sta rivelando sempre di più un bluff, un pallone gonfiato ad arte, entro cui soffiano a fasi alterne i burattinai, quelli veri, del Partito, nel vecchio gioco delle parti. Komunisti erano, Comunisti sono rimasti. Cambiate sono solo le tattiche, la strategia è la solita, vecchia e ritrita, messa in campo dopo la "svolta di salerno": Annientare il nemico con qualsiasi mezzo, lecito e illecito, ma ben nascosti dietro la facciata di "Legalità", quasi sempre comprata a buon mercato. Mentitori & Ciarlatani di mestiere, sempre pericolosi per i Lavoratori e l'intero Popolo Italiano. --------

lib-dem

Mer, 19/06/2013 - 15:38

Cosa c'è che non va nelle parole di Renzi? Non è forse vero che Berlusconi la sua chance di cambiare l'Italia l'ha avuta dal 2001 al 2006 (e poi parzialmente ancora dal 2008) e l'ha clamorosamente fallita? Se la spesa pubblica e le tasse sono cresciute continuamente di chi è la responsabilità se non di chi ha governato? Cosa credevate che Renzi volesse rottamare solo quelli del centrosinistra? Renzi fa un discorso ovvio: chi ha avuto incarichi dirigenziali negli ultimi 20 anni ha fallito. Spazio a persone nuove. Se anche costoro falliranno (poi, chiaro), avanti col ricambio. La cosa che contraddistingue Renzi da tutti gli altri nel centrosinistra è che Renzi dà colpe anche ai suoi, non ha l'ossessione di Berlusconi come unico responsabile dei mali italiani.

Ritratto di Baliano

Baliano

Mer, 19/06/2013 - 17:34

-- lib-dem 15.36 --- Miva vero che si cambia l'Italia esattamente da soli, a colpi continui di maggioranza e di fiducia. Affatto vero! - Se così fosse, sarebbe stato un bene per l'Italia: Ma per Berlusconi, quelle opposizioni da sempre forcaiole, avrebbero approntato un altro "piazzale loreto", ci puoi scommettere: E' "scientifico" come lo sono sempre i komunisti, tanto ieri quanto oggi. ---- Renzi è stato troppo sopravvalutato, più passa il tempo e più assomiglia ad un bamboccio che non punta più i piedi, dopo che s'è beccato qualche sonoro scappaccione dai fratelli "più grandi". - Insomma poco più che un mediocre che non merita la ribalta che s'è attentamente studiata e cercata, circonfuso com'è di quella falsa modestia che fa così trendy a sinistra: Forse solo un chiacchierone come ce ne sono tanti, fondamentalmente un pavido. - Rgrds