Decadenza Berlusconi, la Giunta approva la relazione Stefàno. Lo scontro ora è sul voto palese

La Giunta per le elezioni del Senato ha approvato, a maggioranza, la relazione del suo presidente Dario Stefàno sulla decadenza da parlamentare di Berlusconi. L’ultima parola spetta all’aula di palazzo Madama. Casellati (Pdl): "Aberrazioni giuridiche, c’è stato un non dibattito"

Tutto come previsto. La Giunta per le elezioni del Senato dopo tre ore di riunione ha approvato a maggioranza la relazione del suo presidente Dario Stefàno sulla decadenza da parlamentare di Silvio Berlusconi. Lo ha annunciato ai cronisti presenti Lucio Malan (Pdl), che ha precisato come il suo gruppo ha votato contro. Assenti Lega e Gal. A questo punto l’ultima parola spetta all’aula di palazzo Madama. La calendarizzazione della procedura verrà stabilità dalla conferenza dei capigruppo convocata per domani alle 13.15. Quello che era stato annunciato come un passaggio "assolutamente formale" del voto sulla relazione, diventa l'ennesima occasione di scontro tra Pd e Pdl. "È stato un non-dibattito", tuona Elisabetta Casellati (Pdl). Nella relazione "ci sono state delle aberrazioni giuridiche", sbotta Malan. "È andato oltre quelle che erano le previsioni del regolamento", commenta Andrea Augello.

Il risultato è che comunque le 41 pagine di relazione lette tutte d’un fiato da Stefàno vengono approvate e domani, il presidente le presenterà al numero uno di Palazzo Madama Piero Grasso che poi dovrà convocare una conferenza dei capigruppo per calendarizzare il voto in Aula. Ma prima si dovrà sciogliere un altro nodo: quello dello scrutinio più o meno palese in Aula. Questione che dovrà essere affrontata domani dalla Giunta per il Regolamento convocata per le 14. È vero che l’organismo parlamentare presieduto da Grasso ha all’ordine del giorno 19 punti, ma quello della richiesta del M5S di cambiare il regolamento del Senato per avere in Aula il voto palese è quasi certo che verrà affrontato. La commissione Affari
Costituzionali del Senato non affronterà il tema della legge elettorale proprio per consentire ad Anna Finocchiaro e altri senatori come Donato Bruno (Pdl), componenti di entrambi gli organismi, di essere presenti in Giunta.

"Noi abbiamo chiesto che venga cambiato il regolamento - osserva Michele Giarrusso - e faremo di tutto perché la Giunta decida in questo senso". In realtà, osservano Stefania Pezzopane e Giuseppe Cucca (Pd), non sarebbe necessario cambiare il Regolamento per avere il voto palese. Ci sono "importanti precedenti" che potrebbero essere fatti valere senza perdere troppo tempo a cambiare le norme che disciplinano la vita del Senato. Uno di questi è il caso Andreotti. La posizione del Pd su questa materia - ribadisce il senatore Felice Casson - è chiarissima: noi siamo a favore del voto palese. La legge Severino - ricorda - era stata approvata proprio per garantire trasparenza nelle Aule parlamentari. Quindi il voto dovrebbe avvenire alla luce del sole".

"Noi - avverte il presidente Grasso interrogato sul punto dai cronisti - ci atterremo ai tempi, ai modi e alle regole previste". Ma, avverte, "ci sono regolamenti che vanno adattati a tempi e esigenze di una politica più agile. Pensavamo di unificare il Regolamento con quello della Camera e trovare soluzioni univoche". E alla Camera il voto su questo tema è previsto che sia palese.

Commenti

m.nanni

Lun, 14/10/2013 - 22:20

Vi dicono e vi ripetono sino allo sfinimento che l'indulto o l'amnistia non possono interessare Silvio Berlusconi. E voi a non trovare il coraggio di rispondere che ai prigionieri politici ci vuole la revisione del processo, non le clemenze dello Stato. Silvio Berlusconi è prigioniero politico e attendiamo che Alfano pronunci questa convinzione.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 14/10/2013 - 22:29

ma questi sono scemi? ma che cazzo fanno in quella giunta? non vogliono neanche discutere su una cosa che ha dell'assurdo e dell'infamia in faccia alla democrazia e giustizia? BESTIE!

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Lun, 14/10/2013 - 22:44

Alcuni ridono, altri sorridono, altri ancora ghignano...... che caxxo ci sarà da ridere in riunioni come questa..... MOLTO MEGLIO PIANGERE !

marcellopedretti

Lun, 14/10/2013 - 22:58

Complimenti ai neo dittatori presieduti da Stefàno. Che vergogna siete la negazione dello stato di diritto.

Ritratto di a-tifoso

a-tifoso

Lun, 14/10/2013 - 23:26

Guardate le faccie di Pezzopane e Crimi, pare si stiano dando l'appuntamento per stappare la bottiglia di champagne. Per 20 anni hanno sognato questa gioia. La baba scola dal sentire l'odore del sangue del nemico. Qualcuno dice che ci distiguiamo dagli animali, vedendo questi sorrisi qualche dubbio sorge.

Ritratto di OraBasta

OraBasta

Lun, 14/10/2013 - 23:28

Fior di stilisti, piloti motociclisti, sciatori, tenori e direttori d'orchestra ......... TUTTI HANNO PATTEGGIATO con un considerevole risparmio sulle somme che avrebbero dovuto versare. Berlusconi no, lui in galera! Ridicolo, sembra che Berlusconi per 3 milioni di euro, ne ha pagati 530 di tasse, sia l'unico criminale in circolazione. Il più pericoloso. Pericoloso per chi? INDOVINATO !!!!

m.nanni

Lun, 14/10/2013 - 23:35

in rete. Vi dicono e vi ripetono sino allo sfinimento che l'indulto o l'amnistia non possono interessare Silvio Berlusconi. E voi deputati e senatori del Pdl, a non trovare il coraggio di rispondere che ai prigionieri politici ci vuole la revisione del processo, non le clemenze dello Stato. Silvio Berlusconi è prigioniero politico e attendiamo che Alfano pronunci questa convinzione. vogliamo che il Pdl -FI si ricompattino subito su questo tema che è anche dramma personale di Berlusconi ma anche strazio della democrazia italiana. Liberare Silvio Berlusconi dalla violenta morsa politico giudiziaria che si è abbattuta su di lui è imperativo del Pdl-FI. Liberiamo Silvio Berlusconi prima che il plotone di esecuzione commetta l'assassinio politico del leader del centrodestra e simbolo dell'anticomunismo e dello stato oppressore del nostro Paese. mn

m.nanni

Lun, 14/10/2013 - 23:37

in rete. Vi dicono e vi ripetono sino allo sfinimento che l'indulto o l'amnistia non possono interessare Silvio Berlusconi. E voi deputati e senatori del Pdl, a non trovare il coraggio di rispondere che ai prigionieri politici ci vuole la revisione del processo, non le clemenze dello Stato. Silvio Berlusconi è prigioniero politico e attendiamo che Alfano pronunci questa convinzione. vogliamo che il Pdl -FI si ricompattino subito su questo tema che è anche dramma personale di Berlusconi ma anche strazio della democrazia italiana. Liberare Silvio Berlusconi dalla violenta morsa politico giudiziaria che si è abbattuta su di lui è imperativo del Pdl-FI. Liberiamo Silvio Berlusconi prima che il plotone di esecuzione commetta l'assassinio politico del leader del centrodestra e simbolo dell'anticomunismo e dello stato oppressore del nostro Paese. mn

Ritratto di neuro truffolo..

neuro truffolo..

Lun, 14/10/2013 - 23:44

FUORI DAI

Ritratto di spectrum

spectrum

Lun, 14/10/2013 - 23:50

Tutte le procedure vengono snellite, tutti i regolamenti modificati, tutte le discussioni evitate, le carte in tavola spostate, i tempi abbreviati sotto i minimi. Guardateli come se al godono, questi cialtroni, incapaci di fare tutto, che nulla hanno mai portato all'italia, come si danno da fare sorridenti per eliminare un nemico comune, questo sanno fare, e neanche questo in maniera professionale. Ma l'europa ha comandato che berlusconi va eliminato, va bene cosi, letta obbedisce da buon leccapiedi, scendono gli spread, sale fitse mib, tutti gli indici mostrano che cosi si deve fare. Prima o poi pero si votera', e conoscendo i sinistri e i loro governi fatti di leggi-buffonate e di mille litigi, sara' piu prima che poi.

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 15/10/2013 - 00:01

La nostra Repubblica sta attraversando il periodo più nero della sua storia. NON SONO RIUSCITI A IMPORCI IL COMUNISMO CON LE ARMI ALLA FINE DELLA GUERRA MA CI RIESCONO OGGI I MAGISTRATI E UNA SINISTRA GOLPISTA.

Marco bruno

Mar, 15/10/2013 - 00:56

Si vuole il voto palese per ottenere che gli onorevoli votino non votino secondo coscienza ma obbediscano agli ordini di partito...il resto è presa per i fondelli

Ritratto di Gius1

Gius1

Mar, 15/10/2013 - 02:34

questo film l' ho gia visto

Ritratto di Gius1

Gius1

Mar, 15/10/2013 - 02:38

mortimermouse hai perfettamente ragione.Sono sciacalli scemi.pero' intelligenti.sono riusciti a condannare Berlusconi con una cosa inventata. Ese non trivavano questa ne cercavano altre.

Ritratto di stock47

stock47

Mar, 15/10/2013 - 02:59

Mi stupisco sempre dell'ingenuità continuata, sia dei politici che degli elettori del centro destra, nel credere che le regole comuni verranno rispettate da tutti quanti. La democrazia e il rispetto delle regole, che le sinistre dicono di essere i primi a rispettare, tanto da atteggiarsi continuamente a fare i primi della classe, a mettere continuamente i puntini sulle "i", a cercare il pelo nell'uovo, a spaccare il capello in quattro e a fare le pulci al centro destra per qualsiasi fesseria o irrigidendo le regole, quando occorre essere più elastici per far funzionare le cose, perchè la "coperta" è sempre giocoforza inadeguata perchè in questo mondo non esiste niente di perfetto, sono i primi a non rispettarle quando ciò gli conviene o hanno il coltello dalla parte del manico. Il caso di Berlusconi ne è la prova più sfacciata ma se si cerca, di cose simili se ne trovano a bizzeffe. Di conseguenza finisco sempre per sentirmi incazz. per la stupida ingenuità del centro destra del "prima" e dello stupore del "poi". Proprio non gli riesce di capire che con gente del genere non esistono regole che tengano, per loro sono solo uno strumento da usare per creare impicci agli avversari e da violare appena ne hanno la possibilità. Con ciò possiamo dire che la democrazia in Italia è bella che finita. L'apparente rispetto delle regole successive sarà solo una finzione ipocrita per fare i loro comodi e costringere il centro destra a "ballare" sulla loro "musica" anti democratica e illiberale.

ENRICO RESTELLI

Mar, 15/10/2013 - 06:13

Ma quanto tempo perdono quelli della Giunta ! A me pare che si siano riuniti tante volte e che se ne sia discusso fin troppo. Ed ora il voto in aula, altre discussioni e perdite di tempo. Ma per i comuni cittadini non è' previsto tutto questo trattamento. Qui parliamo di quarto grado di giudizio e oltre (corte europea e. Chissà che altro ). Spesso i comuni cittadini che non hanno grandi risorse si fermano al primo grado e pochi arrivano alla Cassazione . O almeno così' sembra.

ABU NAWAS

Mar, 15/10/2013 - 07:03

SONO PARLAMENTARI O AUTOMI MOVIMENTATI DA CHISSA' CHI!!!!!!!!!!!!!!! FINIRANNO ROTTAMATI!!!!!!!!!!!!!!!!!

giolio

Mar, 15/10/2013 - 07:31

guardate il ghigno di crimi É LA PERVERSIONE NEL SENSO DELLA PAROLA

roberto78

Mar, 15/10/2013 - 08:00

vabbè ... ok lamentarsi ma titolare che non c'è stato dibattito mi sembra molto scadere nel ridicolo.... eccchecavolo volevano dibattere? emerge la mentalità da burocrate del "perdere tempo a tutti i costi"... non hanno niente altro da fare? allora che vadano a casa...

roberto78

Mar, 15/10/2013 - 08:01

@mortimermouse: non metti più le faccine dopo gli insulti? :-)

handy13

Mar, 15/10/2013 - 08:09

..povero PDL....se si accontenta di una discussione,..potevate portare tutte le tesi del mondo,..tanto quando una maggioranza è maggioritaria di SX...voterà SEMPRE contro,..cosa volete DISCUTERE.??!!

Ritratto di Runasimi

Runasimi

Mar, 15/10/2013 - 23:32

# ENRICO RESTELLI Se lei fa il finto tonto è padrone di farlo con i suoi simili. Però eviti di farlo dalle pagine di questo giornale. Se fosse stato un comune cittadino a subire IL VIGLIACCO ATTACCO DELLE TOGHE ROSSE ORA SAREBBE GIA' IN GALERA SENZA ALCUNA POSSIBILITA' DI DIFENDERSI. Malgrado abbia speso una fortuna anche Berlusconi non è riuscito a difendersi. SE LO IMMAGINA UN QUALSIASI POVERO CRISTO NELLE MANI DI QUELLE IENE CON LA TOGA ROSSA?